Community
 
lontano.lon...
   
 
Creato da: lontano.lontano il 22/01/2008
la poesia, la musica ed il loro contrario.

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

annaimpossibilelontano.lontanomaandraxyama_sanvirgola_dfcile54tedoforo3belladinotte16dolcesettembre.1deteriora_sequorstella.contessa64annare38giovanni80_7lacky.procinoArs_Punitiva
 

Contatta l'autore

Nickname: lontano.lontano
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 58
Prov: GE
 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 

C'era una volta il west




 

 
 

 

Eravamo nel 1968 ed io
dodicenne mi guardavo intorno
per capire cosa stessi cercando,
cosa volessi ma soprattutto,
chi fossi.
Un adolescente che vedeva
intorno a sè un mondo
cambiare, forse in maniera
troppo rapida per capire, forse
in maniera troppo lenta per i
sogni che si hanno in mente a
quell'età.
Un mondo nuovo arrivato
addosso, che portava
con sè nuove parole, nuove
mode, nuova musica.
Ascoltavo come tutti in quegli
anni la prima radio "libera",
quella Radio Montecarlo che
si faceva preferire ai canali
Rai a cui per forza di cose
eravamo legati.
Ricordo tutte le canzonette
dell'epoca e non mi vergogno
nel dire che molte non mi
dispiacciono neppure ora.
Arrivavano i primi complessi
stranieri di una certa
importanza e i compagni
di scuola si buttavano a
comprare i loro dischi.
Io continuavo ad ascoltare
tutto ciò ma li ascoltavo solo,
non li sentivo, non mi
riconoscevo, nulla era ciò
che stavo cercando, ero solo
sballottato da sonorità che
non mi prendevano e poco
mi appassionavano.
Un giorno mi capita di
ascoltare questo tema, per
caso arrivato fino a me, una
musica che mi ha attirato a sè
o per meglio dire mi ha
attirato a me, una musica che
è stata lo specchio della mia
anima, una musica che è
diventata mia proprio come
io diventavo suo.
Non sapevo da dove venisse,
non immaginavo neppure fosse
una colonna sonora, non
sapevo dove andarla a ritrovare.
L'ho cercata, l'ho scovata ed è
con me da quarant'anni, non
potrei fare a meno di lei perchè
perderei la parte migliore di me,
sarebbe come specchiarsi e non
vedersi, sarebbe come mangiare
e non nutrirsi, sarebbe come
vivere senza pensare.
Io per mia natura non sono
geloso, perchè penso che la
gelosia, in fondo, non sia che
la nostra insicurezza che ci
fà credere di non esser
all'altezza di sostenere una
comparazione con qualcuno
che, diamo già per scontato,
esser meglio di noi.
Lo sono però verso questa
musica che sento mia e solo
mia e non mi fà molto piacere
se altri mi dicono di
riconoscersi in lei, sarebbe come
vedere all'improvviso spuntare
un nostro replicante mentre fino
ad oggi credevamo di essere unici.
La capisco e lei mi capisce, mi
prende per mano e mi porta in
posti tranquilli, mi asciuga
gli occhi dalle lacrime
dopo averli bagnati,
così senza neppure un perchè,
mi stringe forte la gola
togliendomi quasi il respiro,
facendomi male ma
riportandomi in vita.
Chi mi vede quando sto con lei
mi dice che cambio espressione,
che mi perdo in un mondo
lontano, che trattengo,
senza riuscirci, un'emozione che
raramente mi capita di avere.
E' vero, e non chiedetemi perchè,
non saprei rispondere,
non si motivano le sensazioni,
non si riescono a spiegare
i tumulti del cuore,
non si sà nulla degli
sconvolgimenti dell'anima,
non si razionalizza l'amore.
Una dolcezza infinita che
mi prende la mente e
se la porta con sè e non sono
più io, proprio quando sono
più io che mai,
mentre io divento lei e
lei diventa me, uniti in un sogno
che finirà solo quando
non avrò più la forza per sognare.

 

I miei link preferiti

My world

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

 
« La macchina del tempo.A proprio modo, senza alibi. »

Da anonima

Post n°201 pubblicato il 21 Aprile 2011 da lontano.lontano
Foto di lontano.lontano

Ricevo e publico da Anonima questo articolo.

Sto qua, ascolto, penso, e sogno tempi lontani e presenti, guardando un dvd; “Samarcanda” di Antonello Venditti.
Ecco, lui e la sua musica mi riportano ai miei pensieri.
Quando tutti dormono, io osservo gli oggetti che mi sono più cari, e ascolto.
Questa musica che mi fa sognare, immaginare, diventar triste magari, di quella tristezza che ti spezza il cuore.
Nessuno, sospetta la mia vera indole, fra la gente sono allegra, solare, una donna forte, all’apparenza, mentre, in realtà, sono un essere molto triste e solo.
Quante volte mi sono paragonata ad una marionetta!
La marionetta, in pubblico è animata e diventa un personaggio allegro, quando si accascia è perchè le hanno allentato i fili, così diventa infelice, come una donna a cui hanno spezzato il cuore.
La marionetta sola, accasciata in un angolo, con i fili allentati.  
Nessuna donna al mondo,
avrebbe contato più di un sasso lanciato nel mare, ma, il caso, è alquanto indisciplinato, col destino non si prendono accordi preventivi, il domani non ci obbedisce, troppo saggio o troppo crudele che sia.
Però ci sono state cose e persone
che mi hanno fatto credere nei presagi.
Certo, come tutti gli esseri umani, ho
avuto presagi e disgrazie, ma le due cose, si sono sempre tenute distanti l’una dall’altra.
I presagi sono rimasti sempre senza seguito e le disgrazie, mi hanno colpito senza essere presagite.
Vivevo senza trionfi e mi accontentavo, i ricordi del
passato mi appaiono, oggi, più amari di una sconfitta.
Da bambina ho visto e vissuto
cose terribili.
La mamma soffrire le cinghiate di papà ed io, già da piccola
, mi vedevo sottomessa a quel destino che, intravedevo, già cosi troppo spaventoso.
Sono stata una bambina povera, con il giusto desiderio, di quei piccoli agi che tutti avevano e che a me erano negati.
Non so come e perché ma, quella bimba triste, è rimasta sempre dentro di
me.
Ed io la porto per mano, come una piccola amica invisibile, e le faccio dei regali meravigliosi ma, tutti quei doni, non sono adatti
alla sua età ma alla mia.
Ora, ascolto una canzone che mi riporta alla mia realtà di donna, “Ogni volta” coi suoi ricordi, coi miei ricordi, solo ricordi.

                                             ----   ...   ---                

A volte, mi chiedo perché la vita debba essere un fardello tanto pesante da dover portare.
Non avrebbe, in teoria, un senso nascere per patire, come d’altronde, non ha un senso, nascere per poi morire.
E non mi riferisco alla morte del centenario che, bene o male, la sua vita l’ha vissuta, ma alla morte di un nascituro o di un bimbo di pochi anni.
Ma che senso ha, venire al mondo e non aver neppure il tempo per vederlo, che senso ha portare la gioia e subito dopo il dolore più atroce, che senso ha, che progetto è, cosa c’è dietro tutto questo?
Nessun fine, nessuno scopo, se nessuno ha voluto tutto ciò, se nessuno c’è, ma se qualcuno c’è, perché tutto ciò succede senza una supervisione logica e la “cura del buon padre di famiglia?”
Questa è la domanda che ho posta, ogni volta che ho parlato con un uomo di chiesa o a chi
di chiesa, a sua volta mi parlava, domanda, senza una risposta chiara, sintetica, definitiva.
Comprendo bene il loro imbarazzo, il loro aggrapparsi a concetti che andavano a cozzare contro la logica, forse troppo razionale, forse troppe terrena per chi di cose terrene non tiene conto nella stessa misura.
Non sono un materialista, credo più a ciò che non vedo che a ciò che vedo, ma un senso lo devo trovare, non una spiegazione, ma un senso dev’esserci sempre.
La vita anche se “insensata” un senso lo ha, ma solo se, in qualche maniera la possiamo gestire.
Il neonato che muore, il feto malformato, la malattia genetica in senso lato, la malattia insorta pochi mesi dopo la nascita, non hanno un senso, e senza un senso non le accetto.
Accetto l’altra, e cerco di farla accettare a chi ne parla con me, proprio perché non vuole accettarla e, senza accettarla ne perde il controllo, non cerca di gestirla o di lottare per cambiarla.
La vita, non è un’eterna primavera, coi fiori di pesco e gli uccellini che cinguettano in un cielo dai colori pastello, la vita, come testimonia la persona che mi ha scritto, è pesante, è cattiva è, certe volte da odiare ma, è sempre la vita, la nostra vita, e dobbiamo darle un senso, anche se, spesso, ci porta a pensare che un senso non abbia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog