Creato da: lontano.lontano il 22/01/2008
la poesia, la musica ed il loro contrario.

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

nonsonounangelasalahalmathilda114terryturnerpitagora63rossella1900.rlontano.lontanoMeritiamoredonninaindifesaReDZ0nedada_08Mara.GossipGraphic_UserJakelynbelladigiorno_m
 

Contatta l'autore

Nickname: lontano.lontano
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 58
Prov: GE
 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 

C'era una volta il west




 

 
 

 

Eravamo nel 1968 ed io
dodicenne mi guardavo intorno
per capire cosa stessi cercando,
cosa volessi ma soprattutto,
chi fossi.
Un adolescente che vedeva
intorno a sè un mondo
cambiare, forse in maniera
troppo rapida per capire, forse
in maniera troppo lenta per i
sogni che si hanno in mente a
quell'età.
Un mondo nuovo arrivato
addosso, che portava
con sè nuove parole, nuove
mode, nuova musica.
Ascoltavo come tutti in quegli
anni la prima radio "libera",
quella Radio Montecarlo che
si faceva preferire ai canali
Rai a cui per forza di cose
eravamo legati.
Ricordo tutte le canzonette
dell'epoca e non mi vergogno
nel dire che molte non mi
dispiacciono neppure ora.
Arrivavano i primi complessi
stranieri di una certa
importanza e i compagni
di scuola si buttavano a
comprare i loro dischi.
Io continuavo ad ascoltare
tutto ciò ma li ascoltavo solo,
non li sentivo, non mi
riconoscevo, nulla era ciò
che stavo cercando, ero solo
sballottato da sonorità che
non mi prendevano e poco
mi appassionavano.
Un giorno mi capita di
ascoltare questo tema, per
caso arrivato fino a me, una
musica che mi ha attirato a sè
o per meglio dire mi ha
attirato a me, una musica che
è stata lo specchio della mia
anima, una musica che è
diventata mia proprio come
io diventavo suo.
Non sapevo da dove venisse,
non immaginavo neppure fosse
una colonna sonora, non
sapevo dove andarla a ritrovare.
L'ho cercata, l'ho scovata ed è
con me da quarant'anni, non
potrei fare a meno di lei perchè
perderei la parte migliore di me,
sarebbe come specchiarsi e non
vedersi, sarebbe come mangiare
e non nutrirsi, sarebbe come
vivere senza pensare.
Io per mia natura non sono
geloso, perchè penso che la
gelosia, in fondo, non sia che
la nostra insicurezza che ci
fà credere di non esser
all'altezza di sostenere una
comparazione con qualcuno
che, diamo già per scontato,
esser meglio di noi.
Lo sono però verso questa
musica che sento mia e solo
mia e non mi fà molto piacere
se altri mi dicono di
riconoscersi in lei, sarebbe come
vedere all'improvviso spuntare
un nostro replicante mentre fino
ad oggi credevamo di essere unici.
La capisco e lei mi capisce, mi
prende per mano e mi porta in
posti tranquilli, mi asciuga
gli occhi dalle lacrime
dopo averli bagnati,
così senza neppure un perchè,
mi stringe forte la gola
togliendomi quasi il respiro,
facendomi male ma
riportandomi in vita.
Chi mi vede quando sto con lei
mi dice che cambio espressione,
che mi perdo in un mondo
lontano, che trattengo,
senza riuscirci, un'emozione che
raramente mi capita di avere.
E' vero, e non chiedetemi perchè,
non saprei rispondere,
non si motivano le sensazioni,
non si riescono a spiegare
i tumulti del cuore,
non si sà nulla degli
sconvolgimenti dell'anima,
non si razionalizza l'amore.
Una dolcezza infinita che
mi prende la mente e
se la porta con sè e non sono
più io, proprio quando sono
più io che mai,
mentre io divento lei e
lei diventa me, uniti in un sogno
che finirà solo quando
non avrò più la forza per sognare.

 

I miei link preferiti

My world

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

 
« C'era una volta.Il monopoli e i nostri padroni. »

L'ultima speranza.

Post n°214 pubblicato il 07 Giugno 2012 da lontano.lontano
 
Foto di lontano.lontano

L’ultima speranza, quando non c’è più speranza, è l’irrazionale.

E’ irragionevole, è un controsenso sperare quando la speranza non esiste più, ma diventa logico se diamo per scontato che la speranza stessa sia irrazionale.

Sperare in quello che non c’è o, in quello che c’è ma non si vede, o in quello che si ipotizza ci sia ma senza la certezza del suo esistere, non importa la formula scelta, conta solo riuscire a sperare per continuare a vivere.

Essì perché la speranza è vita, chi la perde, e non spera più, è destinato a soccombere, solo chi è così pazzo da affidare la propria esistenza ad una visione virtuale della realtà, riesce a resistere alla crudeltà della realtà stessa.

E oggi, noi, il mondo intero, siamo costretti a sperare, a rifugiarci nell’irrazionale perché non esiste più altro da fare.

Così, nei nostri pensieri, tutto si capovolge, desideriamo che la realtà diventi irreale e l’irreale diventi realtà, magicamente perché, siamo consci ormai, che solo la magia può sostituire la nostra impotenza di fronte ad atteggiamenti umani criminali.

Sono così maledettamente pessimista proprio perché, sembra assurdo ma è così, vedo le soluzioni ai problemi del mondo a portata di mano, facili, attuabili, logiche e perfettamente razionali ma vengono accuratamente, intenzionalmente disattese.

Ed allora, come possiamo sperare ancora che le cose cambino se da secoli, a parte qualche parentesi illuminata, l’uomo distrugge l’uomo e con esso la natura e tutto il suo mondo?

Sperando solo nell’irrazionale o nel divino, nel soprannaturale o nel sovrumano, nel mistero, nel fantastico, nell’incredibile, nel fantasioso.

Ed allora io spero che arrivino gli alieni, lo spero per disperazione, per rabbia, perché mi sento impotente di fronte a tanta barbarie, un’impotenza che non riesco ad elaborare ed alla quale non mi arrendo.

Lo spero come un bambino che crede nel lieto fine delle fiabe, come un bambino che guarda con occhi puri ciò che gli sta intorno e non comprende perché la cosa logica diventi illogica, la cosa semplice venga ad arte complicata, la menzogna prevalere sulla verità e il sopruso sulla giustizia.

Spero che arrivino presto, per metter fine ad un potere tirannico che si prende la nostra vita, perché solo quella ormai è rimasta da prendere, dopo averci derubato dei frutti di anni di sacrifici, della libertà, della gioia e del sorriso.

Solo in loro si può sperare, quando ci stiamo abituando a tutto il peggio, quando non c’è più posto in noi per l’indignazione, solo in esseri non umani si può sperare quando una schiava rassegnazione ci pervade alla notizia dei suicidi per debito o a causa della perdita del lavoro, quando solo esseri non umani possono restituirci la nostra umanità.

Se non arrivano gli extraterrestri gli “Illuminati” porteranno a termine il progetto del “Nuovo Ordine Mondiale” e tutto il mondo sarà nelle loro mani definitivamente, senza nessun intermediario, senza copertura, senza maschera, alla luce del sole, un sole che per noi ormai è già quasi spento.

E’ tutto chiaro, come si può non vedere, non capire, che tutto è predisposto, attentamente progettato e messo in opera, tutto studiato da menti folli di delirante onnipotenza e di psicotica perfidia.

Provate a riflettere, su cos’è accaduto in passato e su cosa sta accadendo anche ora, non occorre essere informati su tutto, né conoscere nei minimi particolari ogni materia, non occorre essere laureati alla Bocconi (bella roba!) basta solo un po’ di intelligente buonsenso e chiedersi il “perché” di ciò che accade.
Qualche esempio: L’emilia è devastata dal terremoto, i terremoti son sempre avvenuti sulla terra e le loro cause sono del tutto naturali, ma non possiamo negare che in qualche modo l’uomo possa agevolare qualche scossone di troppo.

Lo ripeto, non sarà la causa principale ma, non si può non notare, che nella zona terremotata siano state effettuate potenti trivellazioni e messe a punto sofisticate tecniche estrattive per l’approvvigionamento di gas.

Bene, detto questo, è inutile porci domande superficiali, chiederci se il territorio sia più o meno adatto, se le condizioni di sicurezza siano state rispettate o meno, perché nelle fuorvianti risposte, non avremo nessuna risposta.

Chiediamoci semplicemente, invece, perché usare il gas o il petrolio e la benzina, se si potrebbe tranquillamente farne a meno?
Perché i signori della terra, ci obbligano ad usare combustibili dannosi, costosissimi e destinati ad esaurirsi nei secoli, quando sono disponibili metodologie migliori ad impatto ambientale zero, a costi bassissimi e inesauribili nel tempo?

Già perché?               La risposta è semplice e perfettamente razionale, perché ne traggono un profitto economico.

E questa risposta vale per ogni domanda che ci possiamo porre, il profitto, il guadagno, l’accumulo di denaro, quel denaro che crea potenza da una parte e disperazione dall’altra.

Si fanno guerre per il petrolio, non importano i morti e le devastazioni, il petrolio fa arricchire quindi, deve esser posseduto e soprattutto non deve essere soppiantato perché diventerebbe inutile.

Ci guadagnano le compagnie petrolifere ma ci guadagna anche lo Stato Italiano visto che le accise sulla benzina non sono altro che imposizioni fiscali che creano gettito a ciclo continuo.
Se non ci approvvigionassimo più dai distributori, lo Stato come potrebbe incamerare quei 35 e passa miliardi annui di Euri (volutamente plurale) derivati dalle accise e dall’I.V.A. relativa?

Ed allora? Ed allora va bene così, un inetto servo della Goldman Sachs e traditore del Paese che antidemocraticamente regge, continuerà ad aumentare la benzina, dando così addosso al popolo che continuerà a subire pressioni fiscali che risalgono al 1935.

Vedete come tutto è semplice se viene espresso in maniera semplice e comprensibile?

Il fatto è che “quello” di cui sopra e i suoi omologhi, non vogliono che la gente capisca, anzi, fanno in maniera che capisca sempre di meno creando una lucida confusione che abbia come finalità la disaffezione alla cosa pubblica ed al pensiero.

Se così non fosse, perché mai userebbero termini incomprensibile come spread, fiscal compact, default, rating spending review ecc?       
Lo fanno appositamente perché le persone scoraggiate dalla lontananza da quel linguaggio ostile, si limiteranno ad un più che comprensibile, giustificabile: “Monti, ma vattene affanculo te e lo spending review!”
E tutto finirà lì con un vaffa in più ed un oppositore in meno.
Per questo spero che arrivino presto, alieni, umanoidi, marziani o venusiani, non m’importa manco chi, che arrivino in fretta però per azzerare questa razza terrena dominante e a stabilire, questa volta sì, un nuovo ordine mondiale fatto di umana solidarietà e non di disumano capitalismo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog