Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

lusimia2005spagetiansa007archetyponFajrgratiasalavidacostanzatorrelli46Rosecestlaviempt2003merizeta21laboratorioatheneojeanlouis_delislestudiodentisticoestepsico_crazia
 

Ultimi commenti

comprendo che tu sia addolorata, ma in ogni caso il tuo...
Inviato da: Luxxil
il 06/02/2017 alle 18:32
 
MANCHI.
Inviato da: Roberta_dgl8
il 11/01/2017 alle 13:52
 
non commento leggo e comprendo
Inviato da: angiolhgt
il 14/12/2016 alle 23:28
 
le Favole al telefono, qualcuna era infilata nel libro di...
Inviato da: several1
il 06/10/2016 alle 17:29
 
Hai ragione , proprio così, ancora non mi capacito di cosa...
Inviato da: ossimora
il 30/09/2016 alle 20:02
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 313
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

kill your television

                     

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

Messaggi di Luglio 2012

12 Luglio

Post n°1922 pubblicato il 12 Luglio 2012 da ossimora
 
Tag: Di me

Stamattina il silenzio va oltre .

Oltre la reale tranquillità fisica / geografica che c' e' attorno , il silenzio , questo silenzio e' diventata condizione dell'anima , non ci sono spazi per i pensieri rutilanti  per programmare,immaginare, lasciarsi  andare in vario modo .

Anche qualche prosecchino ghiacciato ha un effetto deleterio ,nonostante la calura estiva.

Tutto deve andare avanti e procedere attimo per attimo ; un momento via l' altro , anche la speranza non serve , e ' traditrice, illusoria , per qualche ora apre spazi al sorriso per poi riprecipitarti nel buio .

Tacitare i pensieri , si ,tacitare i pensieri e' imperativo categorico .

Ho trovato in tv un vecchio film , una biografia di Balzac con il mio amato Gerard Depardieu ...provo ad immergermi.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Primo Luglio

Post n°1921 pubblicato il 01 Luglio 2012 da ossimora
 

Il primo di Luglio , per lungo tempo era il giorno stabilito in casa per andare cioè spostarsi proprio verso il mare , tutto il mese pieno pieno  fino al trentuno . Un bel bagaglio perche' tanta era la roba da portare. Affittavamo una casa e quindi occorrevano tutte quelle cose basiche per farla funzionare al meglio

.Mia mamma  super organizzata tirava fuori sempre tutto quello che via via poteva servirci ...l ' ho sempre  pensata un po' maga...e sempre ho fatto riferimento al suo altissimo senso pratico per risolvere piccole e grandi questioni.

Nonostante la citta' di queste vacanze familiari fosse la stessa da sempre arrivare era divertentissimo , le piccole novità nella spiaggia , nelle passeggiate del lungomare, nei moli , i nuovi negozi , la mia fontana nel verde dove ho trascorso afosi primi pomeriggi ingozzando di briciole di pane le povere carpe ed intessendo amicizie tanto fugaci quanto divertenti.

Ripensandoci adesso mi riempio di emozione e mi rendo conto di quanto fossi felice .

Mio padre era un entusiasta ,amava tanto il mare , pur semplicemente , ogni mattino mi portava un' ora sul moscone a remi ...quelli di legno, bellissimi e quando eravamo un po' in la' cominciava a cantare ...opere liriche , pezzi nei  quali si atteggiava a grande interprete, poi a passeggio sul molo , rigorosamente scalzi anche se i piedi facevano un po' male, diceva che dovevamo indurirli..."via a fare le solette ". A volte  si fermava ad osservare il brulichio della spiaggia poi , assai tranquillamente mi diceva :" vedi ,tutta questa gente che si agita...fra cent'anni non ci sarà traccia di nessun di loro ..." e si faceva una bella risata .

In cima  al molo all' altezza degli sconnessi trabucchi   ci  fermavamo un sacco di tempo a vedere le reti che riemergevano cariche di pescato o miseramente vuote .Le giornate scorrevano serene in rituali pur sempre nuovi...gli spiedini di pesce in quel posto li...la gita in barca ,la giornata di pioggia al centro per negozi ( mi torna in mente l'odore di pizza al rosmarino e di certi gelati) , i fuochi d'artificio, la musica Arabita .

Ogni sera andavo alla pista di pattinaggio a rotelle ,almeno un paio di orette ,ad inizio mese ero traballante ed insicura ,poi man mano che passavano i giorni diventavo sempre piu ' veloce e tentavo anche di accostarmi ai superfiighi velocissimi che sfrecciavano assai stilosi ...con uno di loro nacque anche un'amicizia "speciale",tipica dell' eta' in questione.

In genere non mi piace molto indulgere nei  ricordi ma oggi ,immersa in una estate anomala il clangore di certe immagini mentali che si producono mentre scrivo mi fa stare bene e mi rinfresca pure.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso