Aggiornamento in Diabetologia by Xagena

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Dapagliflozin nei pazienti con fattori di rischio cardiometabolico ospedalizzati con COVID-19: studio DARE-19

Il COVID-19 può portare a insufficienza multiorgano. Dapagliflozin ( Forxiga ), un inibitore SGLT2, ha significativi benefici protettivi per il cuore e i reni.
Si è determinato se questo farmaco possa fornire protezione d’organo nei pazienti con COVID-19 influenzando i processi disregolati durante la malattia acuta.
DARE-19 era uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo su pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 e con almeno un fattore di rischio cardiometabolico ( cioè ipertensione, diabete di tipo 2, malattia cardiovascolare aterosclerotica, insufficienza cardiaca e malattia renale cronica ).
Sono stati esclusi i pazienti in condizioni critiche allo screening. I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Dapagliflozin ( 10 mg al giorno per via orale ) oppure a placebo abbinato per 30 giorni.
Nella popolazione intent-to-treat ( ITT ) sono stati valutati due esiti primari: l’esito della prevenzione ( tempo alla nuova o peggiorata disfunzione d’organo o morte ) e l’esito composito gerarchico della guarigione ( cambiamento dello stato clinico entro il giorno 30 ).
Gli esiti di sicurezza, nei pazienti che avevano ricevuto almeno una dose del farmaco in studio, includevano eventi avversi gravi, eventi avversi che hanno portato all’interruzione ed eventi avversi di interesse.
Tra il 22 aprile 2020 e il 1 gennaio 2021, 1.250 pazienti sono stati assegnati in modo casuale con 625 in ciascun gruppo.
L’esito composito primario della prevenzione ha mostrato disfunzione d’organo o morte in 70 pazienti ( 11.2% ) nel gruppo Dapagliflozin e 86 ( 13.8% ) nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR=0.80; P=0.17 ).
Per l’esito primario di guarigione, 547 pazienti ( 87.5% ) nel gruppo Dapagliflozin e 532 ( 85.1% ) nel gruppo placebo hanno mostrato un miglioramento dello stato clinico, sebbene questo non fosse statisticamente significativo ( win ratio 1.09; P=0.14 ).
Ci sono stati 41 decessi ( 6.6% ) nel gruppo Dapagliflozin e 54 ( 8.6% ) nel gruppo placebo ( HR 0.77 ).
Eventi avversi gravi sono stati riportati in 65 su 613 pazienti ( 10.6% ) trattati con Dapagliflozin e in 82 su 616 pazienti ( 13.3% ) trattati con placebo.
Nei pazienti con fattori di rischio cardiometabolico ricoverati in ospedale con COVID-19, il trattamento con Dapagliflozin non ha comportato una riduzione statisticamente significativa del rischio di disfunzione d’organo o morte, o un miglioramento del recupero clinico, ma è risultato ben tollerato. ( Xagena2021 )
Kosiborod MN et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2021; 9: 586-594

Aggiornamento in Diabetologia: Diabete mellito di tipo 1

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Diabete di tipo 1 di nuova diagnosi in pazienti pediatrici: terapia con pompa insulinica tardiva versus precoce

Sebbene la terapia di infusione continua di Insulina sottocutanea ( ossia, la terapia con pompa di Insulina o microinfusore ) sia associata a un migliore controllo metabolico rispetto alle iniezioni multiple giornaliere di Insulina nei bambini con diabete mellito di tipo 1, non è chiaro quando sia meglio iniziarla dopo la diagnosi.
In uno studio, sono stati confrontati i risultati tra l’inizio precoce e tardivo della terapia con microinfusore in giovani pazienti con diabete di tipo 1.
L’attuale studio si è basato sui dati del Registro di follow-up multicentrico e prospettico del diabete ( Diabetes-Patienten-Verlaufsdokumentation, DPV ).
Il Registro DPV raccoglie i dati di 501 centri ….

LINK A DIABETOLOGIA.NET – LINK: https://www.diabetologia.net/articolo/terapia-con-pompa-insulinica-precoce-versus-tardiva-nei-bambini-con-diabete-di-tipo-1-di-nuova-diagnosi

 

Diabetologia.net

Diabetologia News

https://www.diabetologia.net
Diabetologia, le Novità in DiabetologiaDiabetologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti sul Diabete e sulle complicanze associate alla Malattia …

2 – Diabetologia.net

Negli studi multicentrici, il controllo glicemico stretto che mirava a …

Albiglutide

Albiglutide ( Eperzan ) è un agonista del recettore del GLP …

Diabetologia Farmaci

L’iperkaliemia è una complicanza comune del diabete mellito di …

Aleglitazar

Newsletter Xagena · Risultati ricerca per “Aleglitazar” · Studio …

Actos

La maggior parte dei pazienti con diabete mellito di tipo 2 inizia …

Bydureon

È necessario che i trattamenti contro il diabete siano …

Ozempic

I pazienti con diabete mellito di tipo 2 hanno un alto rischio di …

Insulina

La durata del controllo glicemico potrebbe ridurre il carico della …

More links Diabetologia

Il Network Xagena utilizza i cookies per offrirti un …

 

Diabete mellito di tipo 2: esiti cardiovascolari e renali con Efpeglenatide

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Diabete mellito di tipo 2: esiti cardiovascolari e renali con Efpeglenatide 

È stato dimostrato che quattro agonisti del recettore di GLP-1 ( glucagon-like peptide 1 ) strutturalmente simili al GLP-1 umano riducono il rischio di eventi cardiovascolari avversi tra le persone con diabete di tipo 2.

L’effetto di un agonista del recettore GLP-1 a base di exendina, Efpeglenatide, sugli esiti cardiovascolari e renali nei pazienti con diabete di tipo 2 che sono anche ad alto rischio di eventi cardiovascolari avversi è incerto.

In uno studio randomizzato, controllato con placebo condotto in 344 centri in 28 Paesi, è stato valutato l’Efpeglenatide nei partecipanti con diabete mellito di tipo 2 e una storia di malattia cardiovascolare o malattia renale in corso ( definita come una velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] da 25.0 a 59.9 ml per minuto per 1.73 m2 di superficie corporea ) più almeno un altro fattore di rischio cardiovascolare.
I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere iniezioni sottocutanee settimanali di Efpeglenatide alla dose di 4 o 6 mg oppure placebo.

CONTINUA SU DIABETOLOGIA.NET LINK: https://diabetologia.net/articolo/esiti-cardiovascolari-e-renali-con-efpeglenatide-nel-diabete-di-tipo-2

 Diabetologia.net

Diabetologia.net

https://www.diabetologia.net
Diabetologia, le Novità in Diabetologia. Diabetologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti sul Diabete e sulle complicanze associate alla Malattia …

Diabetologia News

Esiti a lungo termine dei pazienti anziani con diabete dopo …

Ozempic

Semaglutide ( Ozempic ) è un nuovo analogo di GLP-1 …

Farmaci

Effetti di Dapagliflozin su sviluppo e progressione della malattia …

Diabete mellito

Empagliflozin ed esiti clinici nei pazienti con diabete mellito di …

Insulina

Dulaglutide versus Insulina glargine nei pazienti con …

Fruttosamina e albumina …

Fruttosamina e albumina glicata per la previsione del rischio di …

Links Diabetologia

Diabetologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti …

Canagliflozin ed eventi …

Canagliflozin ed eventi cardiovascolari e renali nel …

Infarto miocardico

Risultati ricerca per “Infarto miocardico”. Liraglutide e …

Effetti della terapia aggiuntiva …

Effetti della terapia aggiuntiva con Spironolattone sulla proteinuria …

Le concentrazioni più elevate di omentina sono associate a un aumentato rischio di eventi cardiovascolari nei pazienti con diabete

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Alti livelli circolanti di omentina associati a un aumentato rischio di eventi cardiovascolari primari nei soggetti con diabete

Concentrazioni più elevate della adipochina omentina sono associate a livelli più bassi di fattori di rischio cardiometabolico negli studi sperimentali e trasversali, ma con un rischio più elevato di diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari negli studi di coorte basati sulla popolazione.
Tuttavia, non è noto se elevate concentrazioni di omentina siano associate a un aumentato rischio di eventi cardiovascolari nelle persone con diabete mellito accertato.
Pertanto, uno studio ha valutato l’associazione tra le concentrazioni sieriche di omentina e il rischio di eventi cardiovascolari nei pazienti affetti da diabete.
Lo studio prospettico si è basato sui partecipanti alla coorte tedesca ESTHER affetti da diabete e senza precedenti eventi cardiovascolari.
La coorte ESTHER è composta da individui di età compresa tra 50 e 75 anni, al basale, che sono stati reclutati dai medici di medicina generale.
Dopo l’esclusione degli individui con proteina sierica C-reattiva maggiore o uguale a 10 mg/l ( maggiore o uguale a 95.24 nmol/l ), la popolazione dell’analisi finale era composta da 933 individui. ………..

CONTINUA SU DIABETOLOGIA.NET 

https://www.diabetologia.net/articolo/alti-livelli-circolanti-di-omentina-associati-a-un-aumentato-rischio-di-eventi-cardiovascolari-primari-nei-soggetti-con-diabete

 

Diabetologia.net

Diabetologia News

https://www.diabetologia.net
Diabetologia, le Novità in DiabetologiaDiabetologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti sul Diabete e sulle complicanze associate alla Malattia …

2 – Diabetologia.net

Negli studi multicentrici, il controllo glicemico stretto che mirava a …

Focus

Uno studio real-world ha mostrato che l’uso di Insulina basale o …

Farmaci

L’iperkaliemia è una complicanza comune del diabete mellito di …

Diabete mellito

I pazienti con diabete mellito di tipo 2 hanno un alto rischio di …

Actos

La maggior parte dei pazienti con diabete mellito di tipo 2 inizia …

Aggiornamento in Medicina

Diabetologia, le Novità in Diabetologia.

More links Diabetologia

Diabetologia, le Novità in Diabetologia. Diabetologia.net …

Diabetologia: Novità ed Aggiornamenti sul Diabete mellito da Xagena.it

Diabetologia News: Aggiornamenti e Novità in Medicina da Xagena

Diabetologia:aggiornamenti e novità terapeutiche da Xagena

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Canagliflozin riduce i principali eventi cardiovascolari e l’insufficienza renale nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattia renale cronica

I risultati di una nuova analisi di sottogruppi dello studio di fase 3, CREDENCE, hanno mostrato che Canagliflozin ( Invokana ) riduce significativamente il rischio di eventi cardiovascolari maggiori …


L’Insulina basale, le sulfoniluree aumentano il rischio cardiovascolare nel diabete di tipo 2

Uno studio real-world ha mostrato che l’uso di Insulina basale o delle sulfoniluree come trattamento di seconda linea negli adulti con diabete mellito di tipo 2 è associato a un aumento del rischio ca …

XagenaNewsletter


Semaglutide migliora il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete mellito di tipo 2

La Semaglutide, un agonista del recettore GLP-1 riduce in modo significativo il rischio di morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale o ictus non-fatale negli adulti con diabete mellito di t …


Empagliflozin riduce il rischio di nefropatia nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e accertata malattia cardiovascolare

Nuovi dati hanno mostrato che Empagliflozin ( Jardiance ) riduce il rischio di insorgenza o peggioramento della nefropatia del 39% rispetto a placebo, quando aggiunto allo standard di cura, nelle pers …


FDA: impiego della Metformina, un farmaco antidiabetico, nei pazienti con lieve riduzione della funzione renale e in alcuni casi di insufficienza renale moderata

L’FDA ( Food and Drug Administration ) ha richiesto cambiamenti nella scheda tecnica dei farmaci contenenti Metformina per il diabete mellito di tipo 2 per espandere l’uso della Metformina in alcuni p …

A Focus on CV


Diabete di tipo 2: la riduzione del rischio di ricovero per insufficienza cardiaca o mortalità cardiovascolare con Empagliflozin interessa pazienti sia con insufficienza cardiaca sia senza

Nuovi risultati di una sottoanalisi dello studio EMPA-REG OUTCOME, hanno mostrato come, in pazienti con diabete mellito di tipo 2 ad alto rischio di eventi cardiovascolari, la riduzione del rischio di …


Diabete mellito di tipo 2 – Inibitori SGLT2: i benefici sono superiori al rischio di chetoacidosi diabetica

Gli inibitori SGLT2 ( cotrasportatore di sodio-glucosio di tipo 2 ) dovrebbero continuare ad essere assunti dai pazienti con diabete mellito, in linea con le attuali raccomandazioni dell’American Asso …

Diabetologia:aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapeutiche by Xagena

Diabetologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Inibitori di SGLT2 per la prevenzione primaria e secondaria degli esiti cardiovascolari e renali nel diabete di tipo 2

Non è definita l’entità dell’effetto degli inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio ( SGLT2 ) su specifici esiti cardiovascolari e renali e non è chiaro se l’eterogeneità sia basata su caratterist …


Associazione tra chirurgia bariatrica ed esiti di malattia macrovascolare nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e grave obesità

La malattia macrovascolare è una delle principali cause di morbilità e mortalità per i pazienti con diabete di tipo 2; la gestione medica, compresi i cambiamenti dello stile di vita, può non avere suc …

Xagena Salute


Malattia polivascolare, diabete di tipo 2 e rischio vascolare a lungo termine: analisi secondaria dello studio IMPROVE-IT

La malattia polivascolare e il diabete mellito di tipo 2 sono associati a un aumento del rischio cardiovascolare, ma non è noto se questi rischi siano additivi. In una analisi esplorativa dello stud …


Impatto del diabete di tipo 1 sul rischio materno a lungo termine di ospedalizzazione e mortalità: studio EPICOM

Sono stati esaminati i tassi di mortalità e morbilità a lungo termine nelle madri con diabete mellito di tipo 1, sia nel complesso sia in base al livello di albuminuria prima della gravidanza, la pres …

Gastrobase.it


Diabete mellito di tipo 2: basso rischio di amputazione degli arti inferiori con gli inibitori di SGLT-2

I nuovi utilizzatori di inibitori SGLT-2 ( co-trasportatore di sodio-glucosio di tipo 2 ) possono essere più soggetti ad amputazione degli arti inferiori rispetto agli utilizzatori di altri trattamen …

Diabetologia:aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapeutiche by Xagena

Diabetologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Malattia polivascolare, diabete di tipo 2 e rischio vascolare a lungo termine: analisi secondaria dello studio IMPROVE-IT

La malattia polivascolare e il diabete mellito di tipo 2 sono associati a un aumento del rischio cardiovascolare, ma non è noto se questi rischi siano additivi. In una analisi esplorativa dello stud …


Impatto del diabete di tipo 1 sul rischio materno a lungo termine di ospedalizzazione e mortalità: studio EPICOM

Sono stati esaminati i tassi di mortalità e morbilità a lungo termine nelle madri con diabete mellito di tipo 1, sia nel complesso sia in base al livello di albuminuria prima della gravidanza, la pres …

XagenaNewsletter


Diabete mellito di tipo 2: basso rischio di amputazione degli arti inferiori con gli inibitori di SGLT-2

I nuovi utilizzatori di inibitori SGLT-2 ( co-trasportatore di sodio-glucosio di tipo 2 ) possono essere più soggetti ad amputazione degli arti inferiori rispetto agli utilizzatori di altri trattamen …


Relazione prognostica tra gravità del diabete mellito con o senza malattia renale cronica e rischio cardiovascolare dopo intervento coronarico percutaneo

La presenza di diabete mellito o malattia renale cronica è associata a una prognosi peggiore dopo intervento coronarico percutaneo ( PCI ). È anche noto che gli esiti nei pazienti trattati con Insuli …

A Focus on CV

Associazione tra controllo glicemico e ridotto rischio per malattia dei grandi vasi dopo più di 50 anni di diabete di tipo 1

Precedentemente è stato dimostrato, in individui con diabete di tipo 1 ( T1D ) da 50 o più anni, che il controllo glicemico non-è-correlato a complicanze diabetiche, ad eccezione delle malattie cardio …