Aggiornamento in Diabetologia by Xagena

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Terapia con pompa insulinica precoce versus tardiva nei bambini con diabete di tipo 1 di nuova diagnosi

Sebbene la terapia di infusione continua di Insulina sottocutanea ( ossia, la terapia con pompa di Insulina o microinfusore ) sia associata a un migliore controllo metabolico rispetto alle iniezioni multiple giornaliere di Insulina nei bambini con diabete mellito di tipo 1, non è chiaro quando sia meglio iniziarla dopo la diagnosi.
In uno studio, sono stati confrontati i risultati tra l’inizio precoce e tardivo della terapia con microinfusore in giovani pazienti con diabete di tipo 1.
L’attuale studio si è basato sui dati del Registro di follow-up multicentrico e prospettico del diabete ( Diabetes-Patienten-Verlaufsdokumentation, DPV ).
Il Registro DPV raccoglie i dati di 501 centri per il diabete in Germania, Austria, Svizzera e Lussemburgo.
Sono stati inclusi pazienti con diagnosi di diabete di tipo 1 tra il 2004 e il 2014, di età compresa tra 6 mesi e 15 anni al momento della diagnosi, che avevano iniziato la terapia con microinfusore entro i primi 6 mesi ( gruppo di trattamento precoce ) o dal secondo al terzo anno ( gruppo di trattamento tardivo ) dopo la diagnosi di diabete e che sono stati trattati con terapia con microinfusore per almeno 1 anno.
I parametri di esito includevano l’emoglobina glicata ( HbA1c ), il profilo di rischio cardiovascolare e i tassi di complicanze acute e di ricoveri ospedalieri associati al diabete ( ospedalizzazione ) durante l’anno di trattamento documentato più recente con la terapia con microinfusore.
I modelli statistici sono stati aggiustati per l’età alla diagnosi del diabete, l’anno della diagnosi, il sesso, il background di immigrazione, l’uso del monitoraggio continuo della glicemia, la dimensione del centro e i terzili del German Index of Socioeconomic Deprivation 2012.
Il campione di studio ha compreso 8.332 pazienti provenienti da 311 centri per il diabete in Germania, Austria, Svizzera e Lussemburgo.
Il gruppo di trattamento precoce consisteva di 4.004 su 8.332 pazienti ( 48.1% ) e il gruppo di trattamento tardivo era costituito da 4.328 pazienti ( 51.9% ).
La durata mediana del diabete durante il follow-up è stata di 6.7 anni ( IQR 5.1-8.7 nel gruppo precoce; 5.0-8.7 nel gruppo tardivo ) in entrambi i gruppi.
I pazienti con inizio precoce della terapia con microinfusore rispetto a quelli con inizio tardivo della terapia con microinfusore hanno avuto valori medi stimati di HbA1c significativamente più bassi ( 7.9% e 62.6 mmol/mol vs 8.0% e 64.1 mmol/mol; P=0.0006 ) e tassi più bassi di coma ipoglicemico ( risk ratio di incidenza 0.44; P=0.0064 ) e ospedalizzazione ( 0.86; P=0.0016 ).
È stato osservato un profilo di rischio cardiovascolare migliore nei pazienti con inizio precoce della terapia con microinfusore rispetto a quelli con inizio tardivo: una pressione arteriosa sistolica media stimata di 117.6 mm Hg rispetto a 118.5 mm Hg, P=0.0007; e colesterolo HDL di 62.8 mg/dl rispetto a 60.6 mg/dl, P minore di 0.0001.
Tuttavia, pressione sanguigna diastolica, concentrazioni di colesterolo LDL, colesterolo non-HDL e trigliceridi, e i punteggi stimati della deviazione standard dell’indice di massa corporea ( BMI ) durante il follow-up non sono variati significativamente tra i due gruppi.
I risultati hanno fornito prove di migliori esiti clinici associati all’inizio precoce della terapia con microinfusore di Insulina nei bambini con diabete mellito di tipo 1. ( Xagena2021 )
Kamrath C et al, Lancet Child & Adolescent Health 2021; 5: 17-25

Diabetologia – Diabete & Nefropatia: effetti di Canagliflozin sulla potassiemia

CONTINUA: https://www.diabetologia.net/articolo/effetti-di-canagliflozin-sul-potassio-sierico-nelle-persone-con-diabete-di-tipo-2-e-malattia-renale-cronica-lo-studio-credence

 

Diabetologia.net

Diabetologia News

https://www.diabetologia.net
Diabetologia, le Novità in DiabetologiaDiabetologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti sul Diabete e sulle complicanze associate alla Malattia …

Farmaci

Diabetologia, le Novità in Diabetologia. Diabetologia.net …

Diabete mellito

Diabetologia, le Novità in Diabetologia. Diabetologia.net …

Ozempic

Diabetologia, le Novità in Diabetologia. Diabetologia.net …

Acarbosio

Effetti dell’Acarbosio sugli esiti cardiovascolari e del diabete in …

2 – Diabetologia.net

Diabetologia, le Novità in Diabetologia. Diabetologia.net …

More links Diabetologia

Diabetologia, le Novità in Diabetologia. Diabetologia.net …

Bydureon

Effetti di Exenatide una volta a settimana sugli esiti …

 

COVID: gli alti livelli di glicemia rappresentano un fattore di rischio indipendente di mortalità

Anche negli individui che non hanno il diabete, l’iperglicemia è un fattore di rischio indipendente per la mortalità da malattia di coronavirus 2019 ( COVID-19 ) dopo 28 giorni di ricovero

Dall’inizio della pandemia, il diabete mellito è stato uno dei fattori di rischio più importanti potenzialmente risultanti in gravi esiti per coloro che contraggono COVID-19.
Tuttavia, l’iperglicemia da sola è associata a un elevato rischio di mortalità nella polmonite acquisita in comunità, ictus, infarto miocardico acuto, trauma e intervento chirurgico.

Precedenti studi avevano dimostrato che l’iperglicemia era un fattore di rischio per l’alta morbilità e mortalità in coloro che avevano contratto la sindrome respiratoria acuta grave ( SARS ) e la sindrome respiratoria del Medio Oriente ( MERS ), mentre la maggior parte dei pazienti COVID-19 sono inclini a disturbi metabolici del glucosio.

In uno studio retrospettivo, i ricercatori hanno valutato la relazione tra glicemia a digiuno ( FBG ) e la mortalità a 28 giorni nei pazienti COVID-19.
In totale, i dati di 605 pazienti ricoverati in 2 ospedali a Wuhan, in Cina, tra il 24 gennaio e il 10 febbraio 2020, sono stati inclusi nello studio.

Oltre ai risultati per il periodo di 28 giorni, sono stati analizzati i dati demografici e clinici, le complicanze in ospedale e i punteggi CRB-65.
 CONTINUA: https://www.infettivologia.net/articolo/liperglicemia-un-fattore-di-rischio-indipendente-di-mortalit-da-covid-19

 

Diabetologia.net


Diabetologia News

https://www.diabetologia.net
Diabetologia, le Novità in Diabetologia. Diabetologia.net fornisce informazioni e aggiornamenti sul Diabete e sulle complicanze associate alla Malattia …

Farmaci

Diabetologia, le Novità in Diabetologia. Diabetologia.net …

Semaglutide

Diabetologia, le Novità in Diabetologia. Diabetologia.net …

More links Diabetologia

Diabetologia, le Novità in Diabetologia. Diabetologia.net …

Risultati ricerca per “Ozempic”

Diabetologia, le Novità in Diabetologia.

Acarbosio

Effetti dell’Acarbosio sugli esiti cardiovascolari e del diabete in …

Risultati ricerca per “Albiglutide”

Sicurezza cardiovascolare di Albiglutide, un agonista del …

 

Xagena Newsletter

Diabetologia:aggiornamenti e novità terapeutiche da Xagena

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Canagliflozin riduce i principali eventi cardiovascolari e l’insufficienza renale nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattia renale cronica

I risultati di una nuova analisi di sottogruppi dello studio di fase 3, CREDENCE, hanno mostrato che Canagliflozin ( Invokana ) riduce significativamente il rischio di eventi cardiovascolari maggiori …


L’Insulina basale, le sulfoniluree aumentano il rischio cardiovascolare nel diabete di tipo 2

Uno studio real-world ha mostrato che l’uso di Insulina basale o delle sulfoniluree come trattamento di seconda linea negli adulti con diabete mellito di tipo 2 è associato a un aumento del rischio ca …

XagenaNewsletter


Semaglutide migliora il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete mellito di tipo 2

La Semaglutide, un agonista del recettore GLP-1 riduce in modo significativo il rischio di morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale o ictus non-fatale negli adulti con diabete mellito di t …


Empagliflozin riduce il rischio di nefropatia nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e accertata malattia cardiovascolare

Nuovi dati hanno mostrato che Empagliflozin ( Jardiance ) riduce il rischio di insorgenza o peggioramento della nefropatia del 39% rispetto a placebo, quando aggiunto allo standard di cura, nelle pers …


FDA: impiego della Metformina, un farmaco antidiabetico, nei pazienti con lieve riduzione della funzione renale e in alcuni casi di insufficienza renale moderata

L’FDA ( Food and Drug Administration ) ha richiesto cambiamenti nella scheda tecnica dei farmaci contenenti Metformina per il diabete mellito di tipo 2 per espandere l’uso della Metformina in alcuni p …

A Focus on CV


Diabete di tipo 2: la riduzione del rischio di ricovero per insufficienza cardiaca o mortalità cardiovascolare con Empagliflozin interessa pazienti sia con insufficienza cardiaca sia senza

Nuovi risultati di una sottoanalisi dello studio EMPA-REG OUTCOME, hanno mostrato come, in pazienti con diabete mellito di tipo 2 ad alto rischio di eventi cardiovascolari, la riduzione del rischio di …


Diabete mellito di tipo 2 – Inibitori SGLT2: i benefici sono superiori al rischio di chetoacidosi diabetica

Gli inibitori SGLT2 ( cotrasportatore di sodio-glucosio di tipo 2 ) dovrebbero continuare ad essere assunti dai pazienti con diabete mellito, in linea con le attuali raccomandazioni dell’American Asso …

Diabetologia Farmaci:aggiornamenti e novità in terapia by Xagena

Diabetologia Farmaci

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Trapianto di isole pancreatiche versus terapia insulinica nei pazienti con diabete di tipo 1 con grave ipoglicemia o glicemia scarsamente controllata dopo trapianto di rene

Il trapianto di isole pancreatiche è indicato per i pazienti con diabete mellito di tipo 1 con grave ipoglicemia o dopo trapianto di rene. È stato condotto uno studio randomizzato per valutare l’eff …


Efficacia dei tocotrienoli misti orali nella neuropatia diabetica periferica

La gestione della neuropatia diabetica periferica dolorosa rimane difficile. La maggior parte delle terapie fornisce sollievo sintomatico con vari gradi di efficacia. I tocotrienoli hanno effetti mo …

Farmaexplorer.it


Dulaglutide versus Insulina glargine nei pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica da moderata a grave: studio AWARD-7

Molti farmaci anti-iperglicemici, inclusa l’Insulina, vengono eliminati principalmente dai reni, limitando le opzioni di trattamento per i pazienti con malattia renale. Dulaglutide ( Trulicity ) è u …


Efficacia e sicurezza del trattamento a lungo termine con sulfoniluree nei pazienti con diabete neonatale a causa di mutazioni KCNJ11

Le mutazioni di KCNJ11 causano il diabete neonatale permanente attraverso l’attivazione del canale del potassio ATP-sensibile pancreatico. Il 90% dei pazienti passa con successo da Insulina a sulfon …

Xapedia.itMedFocus


Canagliflozin ed esiti renali nel diabete di tipo 2: risultati degli studi clinici del CANVAS Program

Nel Canagliflozin Cardiovascular Assessment Study ( CANVAS ) Program, Canagliflozin ( Invokana ) ha ridotto i tassi di eventi avversi cardiovascolari maggiori e i risultati hanno suggerito un benefici …

Diabetologia:aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapeutiche by Xagena

Diabetologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Inibitori di SGLT2 per la prevenzione primaria e secondaria degli esiti cardiovascolari e renali nel diabete di tipo 2

Non è definita l’entità dell’effetto degli inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio ( SGLT2 ) su specifici esiti cardiovascolari e renali e non è chiaro se l’eterogeneità sia basata su caratterist …


Associazione tra chirurgia bariatrica ed esiti di malattia macrovascolare nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e grave obesità

La malattia macrovascolare è una delle principali cause di morbilità e mortalità per i pazienti con diabete di tipo 2; la gestione medica, compresi i cambiamenti dello stile di vita, può non avere suc …

Xagena Salute


Malattia polivascolare, diabete di tipo 2 e rischio vascolare a lungo termine: analisi secondaria dello studio IMPROVE-IT

La malattia polivascolare e il diabete mellito di tipo 2 sono associati a un aumento del rischio cardiovascolare, ma non è noto se questi rischi siano additivi. In una analisi esplorativa dello stud …


Impatto del diabete di tipo 1 sul rischio materno a lungo termine di ospedalizzazione e mortalità: studio EPICOM

Sono stati esaminati i tassi di mortalità e morbilità a lungo termine nelle madri con diabete mellito di tipo 1, sia nel complesso sia in base al livello di albuminuria prima della gravidanza, la pres …

Gastrobase.it


Diabete mellito di tipo 2: basso rischio di amputazione degli arti inferiori con gli inibitori di SGLT-2

I nuovi utilizzatori di inibitori SGLT-2 ( co-trasportatore di sodio-glucosio di tipo 2 ) possono essere più soggetti ad amputazione degli arti inferiori rispetto agli utilizzatori di altri trattamen …

Diabetologia:aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapeutiche by Xagena

Diabetologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Malattia polivascolare, diabete di tipo 2 e rischio vascolare a lungo termine: analisi secondaria dello studio IMPROVE-IT

La malattia polivascolare e il diabete mellito di tipo 2 sono associati a un aumento del rischio cardiovascolare, ma non è noto se questi rischi siano additivi. In una analisi esplorativa dello stud …


Impatto del diabete di tipo 1 sul rischio materno a lungo termine di ospedalizzazione e mortalità: studio EPICOM

Sono stati esaminati i tassi di mortalità e morbilità a lungo termine nelle madri con diabete mellito di tipo 1, sia nel complesso sia in base al livello di albuminuria prima della gravidanza, la pres …

XagenaNewsletter


Diabete mellito di tipo 2: basso rischio di amputazione degli arti inferiori con gli inibitori di SGLT-2

I nuovi utilizzatori di inibitori SGLT-2 ( co-trasportatore di sodio-glucosio di tipo 2 ) possono essere più soggetti ad amputazione degli arti inferiori rispetto agli utilizzatori di altri trattamen …


Relazione prognostica tra gravità del diabete mellito con o senza malattia renale cronica e rischio cardiovascolare dopo intervento coronarico percutaneo

La presenza di diabete mellito o malattia renale cronica è associata a una prognosi peggiore dopo intervento coronarico percutaneo ( PCI ). È anche noto che gli esiti nei pazienti trattati con Insuli …

A Focus on CV

Associazione tra controllo glicemico e ridotto rischio per malattia dei grandi vasi dopo più di 50 anni di diabete di tipo 1

Precedentemente è stato dimostrato, in individui con diabete di tipo 1 ( T1D ) da 50 o più anni, che il controllo glicemico non-è-correlato a complicanze diabetiche, ad eccezione delle malattie cardio …

Diabetologia: Aggiornamenti ed informazioni sulle Novità terapeutiche by Xagena

Diabetologia.net

Diabetologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

DiabeteMellito.net | Diabetologia.net |

Impatto del diabete di tipo 1 sul rischio materno a lungo termine di ospedalizzazione e mortalità: studio EPICOM

Sono stati esaminati i tassi di mortalità e morbilità a lungo termine nelle madri con diabete mellito di tipo 1, sia nel complesso sia in base al livello di albuminuria prima della gravidanza, la pres …


 

Diabete mellito di tipo 2: basso rischio di amputazione degli arti inferiori con gli inibitori di SGLT-2

I nuovi utilizzatori di inibitori SGLT-2 ( co-trasportatore di sodio-glucosio di tipo 2 ) possono essere più soggetti ad amputazione degli arti inferiori rispetto agli utilizzatori di altri trattamen …

A Focus on CV


 

Relazione prognostica tra gravità del diabete mellito con o senza malattia renale cronica e rischio cardiovascolare dopo intervento coronarico percutaneo

La presenza di diabete mellito o malattia renale cronica è associata a una prognosi peggiore dopo intervento coronarico percutaneo ( PCI ). È anche noto che gli esiti nei pazienti trattati con Insuli …


 

Inibitori SGLT2 e chetoacidosi diabetica: segnalazione degli eventi avversi dal database FAERS dell’FDA

Gli inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2i ) sono indicati per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 e possono anche migliorare il controllo glicemico nel diabete di t …

Biomedicina.itImmunoterapia Oncologica


 

Stretto controllo glicemico nei bambini malati critici

Negli studi multicentrici, il controllo glicemico stretto che mirava a un livello normale di glucosio nel sangue non ha dimostrato di migliorare i risultati in adulti o bambini malati in modo critico …


 

Chirurgia bariatrica verso terapia medica intensiva per il diabete mellito risultati a 5 anni

I risultati a lungo termine da studi randomizzati e controllati che hanno confrontato la terapia medica con la terapia chirurgica nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 sono limitati. Sono stat …

Mediexplorer.it


 

Utilizzo domiciliare di pancreas bionico biormonale rispetto alla terapia con microinfusore negli adulti con diabete di tipo 1

La sicurezza e l’efficacia di un sistema di controllo glicemico continuo, giorno e notte, automatico, che utilizza Insulina e Glucagone non sono state mostrate in ambito di uso domestico. Si è valu …

Diabetologia:Aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapeutiche by Xagena

Diabetologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Controllo glicemico giorno e notte con pancreas bionico rispetto a terapia convenzionale con microinfusore nei preadolescenti con diabete mellito di tipo 1

La sicurezza e l’efficacia della gestione glicemica automatizzata, continua, per più giorni, non sono state testate in studi su preadolescenti con diabete mellito di tipo 1. E’ stata confrontata la …


I biomarcatori cardiaci sono prognostici nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 ad alto rischio cardiovascolare

I biomarcatori cardiaci forniscono informazioni sui processi fisiopatologici e offrono una strategia interessante per la valutazione del rischio cardiovascolare. È stato valutato il valore prognosti …

MedFocusMediexplorer.it


Intervento coronarico percutaneo nei pazienti con diabete mellito trattato o meno con Insulina

Studi precedenti hanno dimostrato che i pazienti con diabete mellito trattato con Insulina hanno un rischio più elevato di eventi cardiovascolari. Tuttavia, questo risultato è controverso, dato che al …


Pazienti con diabete mellito di tipo 2: Sitagliptin e ricovero ospedaliero per insufficienza cardiaca

Precedenti studi hanno suggerito che l’uso di inibitori della dipeptidil peptidasi 4 ( DPP4 ) potrebbe aumentare il rischio di insufficienza cardiaca nel diabete mellito di tipo 2. L’inibitore DPP4 …

Medical Meeting


Farmaci a base di incretine e scompenso cardiaco

Si teme che i farmaci antidiabetici a base di incretine, tra cui gli inibitori della dipeptidil-peptidasi 4 ( DPP-4 ) e gli analoghi del peptide 1 glucagone-simile ( GLP-1 ), possono aumentare il risc …


L’aumento delle concentrazioni plasmatiche del frammento medio-regionale del peptide natriuretico proatriale è associato al rischio di disfunzione cardiorenale nel diabete di tipo 1

Sono state esaminate le possibili associazioni tra frammento medio-regionale del peptide natriuretico proatriale ( MR-proANP ) e le complicanze del diabete mellito al basale e rischio di mortalità e m …

Biomedicina.itFarmaExplorer


Avvertenza dell’FDA: rischio di infezioni con gli inibitori SGLT2, farmaci antidiabetici

L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) ha inserito un’ulteriore avvertenza nella scheda tecnica dei farmaci per il diabete di tipo 2 a base di inibitori del co-t …

Diabetologia: Aggiornamenti ed Informazioni sulle Novità terapeutiche by Xagena

Diabetologia.net

Diabetologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

DiabeteMellito.net | Diabetologia.net

Fattori clinici che predicono la remissione del diabete dopo diverse procedure di chirurgia bariatrica

Gli obiettivi dello studio sono stati quelli di indagare la perdita di peso e i parametri di controllo glicemico dopo diverse procedure di chirurgia bariatrica nei pazienti obesi con diabete mellito d …


 

Pazienti con diabete mellito di tipo 2 di nuova diagnosi: prevalenza di neuropatia autonomica cardiovascolare

La neuropatia autonomica diabetica cardiovascolare è una grave complicanza del diabete. Non ci sono dati attendibili sulla prevalenza di neuropatia autonomica cardiovascolare ( CAN ) tra i pazienti …

A Focus on CV


 

Associazione tra 7 anni di trattamento intensivo per diabete mellito di tipo 1 e mortalità a lungo termine

Non è stato stabilito se la mortalità nel diabete mellito di tipo 1 sia influenzata dalla terapia intensiva per la glicemia. Si è determinato se la mortalità differisse tra i gruppi di trattamento i …


 

Terapia intensiva del diabete e chirurgia oculare nel diabete mellito di tipo 1

Lo studio DCCT ( Diabetes Control and Complications Trial ) ha mostrato un effetto benefico del controllo glicemico intensivo di 6.5 anni sulla retinopatia nei pazienti con diabete mellito di tipo 1. …

Medical Meeting


 

Sopravvivenza tra i pazienti con cancro del pancreas e insorgenza del diabete mellito da lunga data o recente

Il diabete mellito da lunga data è un fattore di rischio per il cancro al pancreas, e il diabete di recente insorgenza diversi anni prima della diagnosi è una conseguenza della malignità pancreatica s …


 

Terapia con incretine e rischio di ricovero in ospedale per pancreatite acuta in pazienti con diabete mellito di tipo 2

Precedenti studi hanno dato risultati contrastanti circa l’associazione tra le terapie con incretine e la pancreatite acuta. È stata confrontata la presenza di pancreatite acuta in una popolazione d …

Xapedia.itFarmaExplorer


 

Fruttosamina e albumina glicata per la previsione del rischio di diabete e di complicanze microvascolari

L’emoglobina glicosilata ( HbA1c ) è la misura standard con cui monitorare ( 2-3 mesi ) il controllo del glucosio a lungo termine nelle persone con diabete mellito ed è ora utilizzato per la diagnosi …

1 2