Creato da e_d_e_l_w_e_i_s_s il 16/06/2012

Random

Cose a Caso

Messaggi del 10/05/2017

fette di torta tutte uguali o di serie A e di serie B?

Post n°578 pubblicato il 10 Maggio 2017 da e_d_e_l_w_e_i_s_s
 

 

I figli riempiono una vita, diventano il centro di tutto:
delle emozioni, dell'amore, della dedizione.
Quando sono piccoli sono una continua scoperta,
via via che i loro occhi e la loro mente si aprono alla vita.
Dipendono completamente da noi,
e ci rendiamo conto che solo le nostre cure permettono loro di vivere, di esprimersi
e di svilupparsi.
Man mano che crescono rappresentano un susseguirsi di gioie, di ansie, di soddisfazioni, di preoccupazioni, di momenti felici.
I sacrifici fatti per loro non hanno peso.

P. Angela e L. Pinna

 

 

E così è per chi di noi è genitore. Così è stato per i nostri genitori quando noi eravamo figli . Così fu per i genitori dei nostri genitori quando loro, ormai canuti, erano bambini.
Così è la vita.




























E spiace quando stamattina lei  diceva: * Mah, io sono sempre stata la figlia di serie B: quando eravamo bimbi veniva sempre prima mia sorella, la loro principessa, poi mio fratello , l’ometto di casa e poi pensavano a me. Ma alla fine mi hanno fatto un regalo enorme: sono cresciuta in fretta.*

Quella diceva: * Sai, a volte anche a me pare di fare preferenze fra i miei: vuoi perché uno è autonomo e sveglissimo, vuoi perché l’altro è fragile o probabilmente sono io a considerarlo così. Non lo faccio con cattiveria. Ne ho parlato  con uno psicologo che mi ha tranquillizzata dicendo che è normale. *

Rispondeva lui : * Sei brava a riconoscere questo, sai...perchè nessun genitore ammette di avere un figlio preferito. Molti si raccontano b@lle da soli.*

Io? Ascoltavo tra l'interdetta e l'esterrefatta.

Non mi ci ritrovavo affatto, né come figlia, allora e ora,  né  come mamma, adesso.

Comunque la curiosità di fronte a queste chicche di vita è rimasta.
Mi sono rivolta a San Google perché se lo dice Internet e pure la scienza...

Ebbene, l'ennesima conferma arriverebbe da uno studio trasversale iniziato nel 1989 da sociologi  dell'Università della California e condotto su un campione piuttosto vasto di figli e di rispettivi genitori seguiti per tre anni.
Risultati alla mano: più del 70% dei genitori avrebbe confessato di avere un trattamento preferenziale nei confronti di uno dei figli.

Per cui,  parrebbe che sì, nell'inconscio di un genitore ci sia il figlio di serie A e il figlio o i figli di serie B.
Per una corrente di psicologi il podio andrebbe al primogenito su cui si concentrerebbero tutte le aspettative e i sogni e sarebbe considerato il più intelligente ; per un'altra fetta di psicoterapeuti,  invece,  il secondogenito o l’ultimo nato sarebbe il figlio prediletto, il più piccolo, il più coccolo, talvolta voluto e altre non cercato e se la caverebbe meglio nella vita perché meno protetto.


Voi, come genitori, se lo siete,  e come figli , allora e oggi , pensate che l’amore di una mamma e di un papà verso i figli  si divida come le fette di una torta, cioè tutte uguali?

O invece pensate che la serie A e la serie B non esista solo nel calcio?

 
 
 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

diogene51donadam68e_d_e_l_w_e_i_s_saprilia4circolocardiavincenzoste.cottonemonellaccio19raffaele.nicolazziTerzo_Blog.GiusorrauaDarkMylaVampireEMMEGRACEgabbiano642014NoirNapoletano
 

 




 

 

 

 

 

BIANCOLUNGO