Creato da e_d_e_l_w_e_i_s_s il 16/06/2012

C'est la Vie

Il bello, il brutto ... e il così così

 

« ... e vedi come torniamo...Aspettando il Natale »

Da ittico a umano

Post n°804 pubblicato il 10 Dicembre 2019 da e_d_e_l_w_e_i_s_s
 

 

Di loro  sapevo quanto venissero usate in cucina dalla Sicilia, al Veneto, alla Liguria per le loro carni salutari.
Sapevo che vengono  pescate e tante volte ributtate in mare, che hanno la bocca grande e che perdono le scaglie facilmente.
Che vivono in branchi fitti e disciplinati, composti da centinaia o migliaia di individui.
Che si riproducono  tutto l’anno con un massimo  risultato in inverno.
Parlo delle sardine.

Quelle da mangiare che qualche analogia con le sardine di piazza ce l'hanno anche.

Loro, quelle di piazza, nascono meno di un mese fa, per un flash mob a Bologna dall'iniziativa di quattro ragazzi Giulia, Andrea, Roberto e Mattia Santori.
































Quel giorno Piazza Maggiore conteneva più di seimila persone, strette come sardine, appunto.
Quel giorno a Piazza Maggiore Salvini apriva la campagna elettorale per le elezioni regionali.

Diventa subito un movimento spontaneo e senza bandiere e si moltiplica velocemente  sui social media.
Si nega ogni legame con la politica.
“Siamo più un anticorpo che un movimento politico” sostengono.


Oggi si apprende che il leader romano di Sardine Roma aprirebbe la piazza anche a Casa Pound .
Sui social monta la protesta.
I quattro ideatori fanno sapere: “Le piazze delle sardine si sono fin da subito dichiarate antifasciste e intendono rimanerlo. Nessuna apertura a Casapound, né a Forza Nuova. Né ora né mai”.


Dagli ultimi sondaggi il Movimento delle sardine sarebbe al 39% tra simpatizzanti e sostenitori.
Abbraccia ogni età, dai giovani, ai meno giovani; la più senior è napoletana e ha 85 anni.































Il professore di liceo campione del quiz *L'Eredità* ha abbandonato la gara per tornare tra i suoi ragazzi perché, dice,  "le Sardine hanno gli stessi valori che trasmetto ai miei studenti."

Fabio Volo: "In piazza con loro? Sarei ingombrante."

Alessandro Cecchi Paone: "Io sostengo pubblicamente le sardine e sarò sicuramente in piazza San Giovanni sabato."

Francesca Pascale: "Ritrovo elementi e quella libertà che furono propri della rivoluzione liberale di Berlusconi."

Massimo Cacciari: "Le sardine non devono strutturarsi, sono rappresentazioni."



No, no,    non vi chiedo se c'andreste in piazza con 'sto freddo, poi …


Ma che ne pensate del nuovo fenomeno?

Durerà, servirà, si dissolverà?

Verrà politicizzato?

 O…?

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

QuartoProvvisoriocassetta2Andrea.Contino1955Yuliviimonellaccio19woodenshipvolami_nel_cuore33aliasnovee_d_e_l_w_e_i_s_seric.trigancediogene51barbabianca6surfinia60raggiocobaltoo
 

BIANCOLUNGO