Creato da Cherrysl il 26/01/2014

Il Salotto

Conversazioni -Opinioni su temi vari

 

 

Canzoni a confronto sulla...Luna

Post n°357 pubblicato il 12 Giugno 2017 da Cherrysl

Un'idea carina  mi è stata suggerita dal  mio amico Gius: mettere a confronto delle canzoni che trattano il tema della Luna. Lui ne ha individuato almeno una quindicina, ma abbiamo ristretto il campo alle 4 più carine...ma a voi il giudizio. Comunque la Luna ha sempre un fascino particolare e trattandosi di un simbolo romantico viene citato spesso nella Poesia e naturalmente nei testi di canzoni.

 

 Gianni Togni - Luna

 

 

 

Vasco Rossi - L' una per te

 

Francesco Renga - Meravigliosa ( La Luna)

 

Loredana Bertè - E la Luna Bussò

 

Su suggerimento di Don Michelangelo un bel contributo al tema "Luna" amata anche da San Francesco d'Assisi. Il brano "Luna" tratto da Forza Venite Gente sulla storia di Francesco d'Assisi

 
 
 

Canzoni a confronto - I Put A Spell On You

Post n°356 pubblicato il 30 Maggio 2017 da Cherrysl

Nina Simone 1965

Alan Price

 

 Creedence Clearwater Revival 

Annie Lennox

 
 
 

Nessuno Tocchi L'Amore - Renato Zero

Post n°355 pubblicato il 13 Maggio 2017 da Cherrysl

 

 

 

C'è sempre il bisogno di colpirsi e di ferirsi per capire questo amore che cos'è

Sezionare un cuore farlo a pezzi per sapere se c'è stato un altro lui prima di te

Nascono sospetti che si insinuano e alimentano una già pericolosa gelosia

Pieni di indecisi questi letti e il miracolo che aspetti si riduce a una bugia

Gemendo

Fingendo

Oppure fuggendo

 

Io mi fermerei davanti agli occhi tuoi, non permetterei alla noia di trovarci mai,

solo emozioni, sensazioni di autentica poesia, l

'amore ci impegna e fa la la parte sua

Noi concepiti per essere riamati altrimenti perché ho tanta voglia di te

Seguirti adorarti capirti e rispettarti il vero segreto non perdere un minuto

E poi nessuno tocchi l'amore

 

Non è normale che qualcuno abusi di te

Sia un piacere e non un dovere amarsi, preoccuparsi che questo tormento finisca mai

Sempre fiori freschi a ricordarti che tu esisti per placare questa presunzione mia

Userò argomenti convincenti io so come trattenerti ho sempre pronta una magia

Con te supererei qualunque ostilità impedendo al mondo di arrivare fino qua

Il posto migliore per godersi la vita in libertà e navigare al di sopra delle meschinità

 

E' meglio se ci credi se offri ma non chiedi molto meglio se puoi dare tutto di te

Apprezza il piacere di farti accarezzare e di perdonare chi non saprà raggiungerti più

Nessuno offenda l'amore non è normale mai imprigionare quel cuore lasciarlo morire

Impegnati tu a dare un senso alle cose stabilisci finalmente una verità

Nessuno tocchi l'amore

Nessuno tocchi l'amore

Nessuno tocchi l'amore ...

 

 
 
 

Sulla morte...

Post n°354 pubblicato il 09 Maggio 2017 da Cherrysl

 

Risultati immagini per poesie sulla morte foto

Emily Dickinson

 

Proprio sul tema della morte la poetessa è sempre tornata ricorrentemente, ostinatamente.  Alla dolorosa certezza della morte contrappone la speranza dell’immortalità che consentirà a ognuno di noi di ricongiungersi con le persone amate. 

 


Non ho mai visto il mare -
Ma dell'erica so bene l'aspetto
E un'onda so cos'è -

Non son mai stata con Dio a parlare 
Né a far visita in cielo -
Ma del posto son certa
Come avessi il biglietto -


Diverso è il punto di vista di Giosuè Carducci

Pianto Antico

L'albero a cui tendevi
La pargoletta mano,
Il verde melograno
Da' bei vermigli fior

Nel muto orto solingo
Rinverdì tutto or ora,
E giugno lo ristora
Di luce e di calor.

Tu fior de la mia pianta
Percossa e inaridita,
Tu de l'inutil vita
Estremo unico fior,

Sei ne la terra fredda,
Sei ne la terra negra;
Né il sol piú ti rallegra
Né ti risveglia amor.

La morte è perciò totale desolazione per chi, come il Carducci, non crede alla sopravvivenza dell'anima , ma ha una concezione materialistica del mondo.

Molto vicina al sentire della Dickinson è Emily Bronte. La vita, la Natura, la Morte: non teme che  sia la fine di tutto. Tratto  da Cime Tempestose:

"Indugiai tra quelle tombe, sotto quel cielo benigno,osservai le falene volare tra l'erica e le campanule, ascoltai il vento dolce soffiare tra l'erba; e mi chiesi come si potesse immaginare un sonno inquieto per chi dormiva in quella terra serena"

 
 
 

Indovinello

Post n°353 pubblicato il 06 Maggio 2017 da Cherrysl

Risultati immagini per portaritratti sul comò foto

Un uomo dice:"Sono figlio unico. Non ho fratelli. Il padre dell'uomo in quella foto e' figlio di mio padre " Chi e' l'uomo nella foto?.

 
 
 

Ispirazione

Post n°352 pubblicato il 06 Maggio 2017 da Cherrysl

Ispirazione

Risultati immagini per ispirazione foto

Ispirazione. La potremmo chiamare anche illuminazione, intuizione, lampo di genio, idea creativa. Eppure la parola ispirazione rivela un significato più profondo: "Con lo spirito" Ha dunque un'origine  più soprannaturale che razionale...

 
 
 

Pensavo Fosse Amore invece Era un Calesse...

Post n°351 pubblicato il 26 Aprile 2017 da Cherrysl

Risultati immagini per liberarsi dall'amore foto

 

 

Ci si può sbagliare così tanto su un amore? Si può credere che sia per sempre e poi scoprire all'improvviso che quest'amore non c'è...non esiste più. La frase molto simpatica "Pensavo fosse amore invece era un calesse", come molti sapranno è di Massimo Troisi.  Al posto del "calesse" potrebbe esserci qualsiasi altra parola che indichi qualcosa dal significato molto distante dalla parola amore. E' certo una provocazione... ma rende l'idea di un amore forse idealizzato, ma che in realtà non c'è. Può bastare un motivo stupido ( si vede che anche i motivi stupidi hanno la loro importanza, a volte)  che accenda una discussione e da questa un allontanamento. Ma che succede? No, nessuna tragedia, nè sofferenza...ma un senso di liberazione. Da entrambe le parti.  

 
 
 

L'Esperanto

Post n°350 pubblicato il 05 Aprile 2017 da Cherrysl

Non sarebbe bello vivere in un mondo senza barriere linguistiche in cui tutti possano comunicare con tutti usando la stessa lingua? Questo è quello che sognava Ludwik Lejzer Zamenhof, un medico e linguista polacco che tra il 1882 e il 1887 creò a tavolino una lingua artificiale: l’esperanto. Zamenhof partì dalle regole grammaticali di altre lingue e decise di proporne una versione più semplice, con il sogno che diventasse un giorno una lingua internazionale e neutrale.

Le sue conoscenze plurilinguistiche (il polacco, il russo, il francese, il tedesco, il greco, l’yiddish, il latino e l’inglese) lo facilitarono nella creazione di questa lingua neutrale e nel 1887 pubblicò a Varsavia un libro che si intitolava “Lingua internazionale -Introduzione e manuale completo”. Lo firmò con lo pseudonimo di "Docktoro Esperanto" Tra i primi esperantisti possiamo ricordare anche personaggi illustri come Jules Verne, Lev Tolstoj e Bertrand Russell.

Dichiarazione esperantista: “L’ Esperantismo è l’impegno a divulgare in tutto il mondo l’uso della lingua neutralmente umana che, non ingerendosi nella vita interna dei popoli e non avendo affatto l’obiettivo di estromettere le lingue nazionali esistenti, darebbe alle persone di nazioni diverse la possibilità di comprendersi reciprocamente, potrebbe servire come lingua conciliatrice delle pubbliche istituzioni in quelle terre in cui diverse nazioni combattono tra loro per la lingua, e in cui potrebbero essere pubblicate quelle opere che hanno uguale interesse per tutti i popoli". L’Esperanto è riconosciuto e protetto dall’ Unesco, alla pari di tutte le lingue minoritarie.

Pochi sanno che è insegnata in molte Università di diversi Paesi come  Cina, Brasile, Ungheria, Lettonia, Lituania, Slovacchia e in Francia e che è propedeutica all'apprendimento di altre lingue.

Sebbene le caratteristiche grammaticali e lessicali dell’esperanto abbiano radici principalmente nelle lingue europee, ci sono anche parole che attingono alle lingue orientali, come l’arabo e il giapponese, e da lingue “morte” come il latino e il greco. Altri vocaboli, invece, sono stati  inventati a tavolino da Zamenhof.  La grammatica dell’esperanto è davvero essenziale e si basa su 16 regole principali e non sono previste eccezioni.  Anche la pronuncia è molto più semplice: ogni parola si legge così come viene scritta e ogni lettera corrisponde a un solo suono. L’alfabeto dell’esperanto è formato da 23 consonanti e cinque vocali.  il suo apprendimento è considerato dieci volte più facile di quello per una qualsiasi altra lingua.Essendo nata infatti con lo scopo di poter essere imparata da tutti, è la lingua più facile al mondo.

In esperanto ormai sono stati tradotti tutti i classici che fanno parte della cultura internazionale (per esempio l’Iliade, l’Odissea, la Divina Commedia, le opere di Shakespeare, ma anche la Bibbia e il Corano) e via via vengono tradotte opere famose più recenti. Esiste inoltre una fiorente letteratura fatta di opere scritte direttamente in esperanto: romanzi, saggi, opere teatrali, come accade in tutte le altre lingue.

Su youtube si possono trovare brani di diversi cantanti con traduzioni in esperanto o versioni proprio in  questa lingua come quella di Adele Hello ( Ha lo)

Su internet si trovano numerosi corsi gratuiti di esperanto. Spero di avervi trasmesso un po' di curiosità su questo argomento


http://www.ueci.it/eldonoj/verkoj/Antares.pdf

 

 
 
 

Canzoni a Confronto. Love is Blue. Cover

Post n°349 pubblicato il 28 Febbraio 2017 da Cherrysl
 

 

 

L'amour est bleu  

Douce est ma vie
Ma vie dans tes bras
Doux, doux l'amour est doux
Douce est ma vie
Ma vie près de toi
Bleu, bleu l'amour est bleu
Berce mon coeur
Mon coeur amoureux
Bleu, bleu l'amour est bleu
Bleu comme le ciel
Qui joue dans tes yeux
Comme l'eau
Comme l'eau qui court
Moi mon coeur
Court après ton amour
Gris, gris l'amour est gris
Pleure mon coeur
Lorsque tu t'en vas
Gris, gris le ciel est gris
Tombe la pluie
Quand tu n'es plus là
Le vent, le vent gémit
Pleure le vent
Lorsque tu t'en vas
Le vent, le vent maudit
Pleure mon coeur
Quand tu n'es plus là
Comme l'eau 
Comme l'eau qui court
Moi mon coeur
Court après ton amour
Bleu, bleu l'amour est bleu
Le ciel est bleu
Lorsque tu reviens
Bleu, bleu l'amour est bleu
L'amour est bleu
Quand tu prends ma main
Fou, fou l'amour est fou
Fou comme toi
Et fou comme moi
Bleu, bleu l'amour est bleu
L'amour est bleu
Quand je suis à toi
L'amour est bleu

Quand je suis à toi.                                              

 Love Is Blue è una nota canzone francese portata al successo dalla cantante greca Vicki nel 1967. . Da notare che il testo in lingua inglese stravolge il significato della canzone che nell’originale racconta una storia d’amore che tra gli alti e i bassi si conclude bene, da qui il titolo L’amore è azzurro, ma in inglese Blue oltre che azzurro significa triste, e spesso nelle canzoni si fa uso di questo gioco di parole sul doppio significato del termine: infatti nella versione inglese si racconta di una storia d’amore finita male, irrecuperabile. Notevole è il senso metaforico dell’alternanza dei colori presenti nel testo sia inglese che francese. per significare i momenti belli e quelli brutti. Il sole che splende, l’arcobaleno, sono metafore che ricorrono spesso nei testi delle canzoni anglosassoni per significare che le cose vanno bene, o al contrario male, quando questi elementi vengono meno o si parla di pioggia, e di temporali.

 


Testo della canzone (lingua originale) Love Is Blue (*)

 Blue, blue, my world is blue

Blue is my world now I'm without you
Gray, gray, my life is gray
Cold is my heart since you went away

Red, red, my eyes are red
Crying for you alone in my bed
Green, green, my jealous heart
I doubted you and now we're apart

When we met how the bright sun shone
Then love died, now the rainbow is gone (1)

Black, black, the nights I've known
Longing for you so lost and alone

Gone, gone, the love we knew
Blue is my world, now I’m without you

Black, black, the nights I’ve known
Longing for you, so lost and alone
Blue, blue, my world is blue
Blue is my world, now I’m without you

When we met, how the bright sun shone
Then love died, now the rainbow is gone

Blue, blue, my world is blue
Blue is my world, now I’m without you

Grey, grey, my life is grey
Cold is my heart since you went away

Red, red, my eyes are red
Crying for you alone in my bed
Green, green, my jealous heart
I doubted you and now we’re apart

Blue, blue, my world is blue
Blue is my world, now I’m without you

 

Testo della canzone (Traduzione in italiano)
Traduzione a cura di Ermanno Tassi 
L’amore E’ Triste
 

Triste, triste, il mio mondo è triste
Triste è il mio mondo ora che sono senza te
Grigia, grigia, la mia vita è grigia
Freddo è il mio cuore da quando te ne sei andata

Rossi, rossi sono i miei occhi
Che piangono per te tutto solo nel mio letto
Verde, verde, il mio cuore geloso
Ho dubitato di te ed ora siamo divisi

Quando c’incontrammo come splendeva il sole
Poi l’amore è morto, ora non c’è più l’arcobaleno

Nere, nere, le notti che ho vissuto
Desiderandoti così perso e solo 

 

 

 
 
 

Ossimoro e Sinestesia

Post n°348 pubblicato il 21 Febbraio 2017 da Cherrysl
 

Risultati immagini per ossimoro e sinestesia foto

Due ostiche parole della nostra grammatica che racchiudono invece immagini e metafore affascinanti e poetiche . Ossimoro dal greco,  ( oxýs, “acuto” e morós, “stolto, folle”) e che consiste nell’unire due concetti di significato opposto, con un effetto di paradosso. L’ossimoro  unisce idee, immagini o pensieri che non potrebbero stare insieme,  con  due  termini che, accostati, riescono a  rappresentare qualcosa di molto significativo. Lo si può notare anche in espressioni di uso comune: “ghiaccio bollente” ,  “dotta ignoranza” , un “silenzio eloquente” , un "disordine ordinato". Molte espressioni usate nel nostro parlare quotidiano..

Tutti sappiamo cosa significa Anestesia: perdita o assenza di sensi. Al contrario Sinestesia  significa sovrapposizione di più sensi nella percezione  di un oggetto che invece ne richiederebbe uno solo.  Attribuisce cioè a un oggetto,percettibile con un senso, una qualità percettibile con un l'altro... Esempi : Profumo fresco,  Luce fredda, Colore caldo, Voce oscura, Voce vellutata,  Amara notizia, Toccare con gli occhi.

Sia gli ossimori che le sinestesie sono molto usate  nella Poesia e nei testi di canzoni...Mi viene in mente il testo di un brano cantato da Anna Oxa e Fausto Leali: "Ti lascerò". Nel testo si dice." Quando avrai davanti agli occhi altri due occhi da guardare il mio silenzio lo sentirai gridare"... 

 
 
 

Dialogo tra due Gemelli

Post n°347 pubblicato il 07 Febbraio 2017 da Cherrysl
 

Risultati immagini per due gemelli nel ventre materno foto

 

Un sorprendente dialogo tra due gemelli dentro il ventre materno. Una metafora sul credere o no nell'aldilà

 

 Gemello 1 : Credi ci sia vita dopo il parto?
 Gemello2 : Qualcosa deve esserci. Forse siamo qui di passaggio per un qualcosa che vi sarà più tardi.
 Gemello 1 : Sciocchezze! Non ci sarà nulla dopo il parto. Come sarebbe quella vita? Non è logicamente possibile!
 Gemello 2 : Non lo so, ma immagino che vi sarà più luce che qua. Magari ci muoveremo liberamente e mangeremo dalla bocca.
 Gemello 1 : Ma è assurdo! Muoversi è impossibile. E mangiare dalla bocca? Ridicolo e impensabile! Il cordone ombelicale è l’unico modo d’alimentazione, ne sono sicuro. Senti, gemello, la vita dopo il parto è da escludere. Il cordone ombelicale è troppo corto.
Gemello 2 : Gemello, io invece credo che debba esserci un qualcosa. E forse sarà talmente diverso da quello cui siamo abituati che risulta inconcepibile per te.
Gemello 1 : Nessuno è mai tornato dall’aldilà dopo il parto, il parto è la fine della vita. In fin dei conti, la vita non è altro che un’angosciante esistenza statica ed immobile nel buio che in pochi mesi se ne và, e ci conduce al nulla. Gemello 2 : Io non so esattamente come sarà la vita dopo il parto, ma sicuramente vedremmo la mamma e lei si prenderà cura di noi.
Gemello 1 : Ahah Mamma?! Tu davvero credi nella mamma? E dove credi che sia lei ora? Come sei credulone.
Gemello 2 : Dove?! Tutta in torno a noi! A volte, se si sa ascoltare, la si percepisce in ogni suo movimento. E’ Lei che ci ha donato la vita! Senza di lei tutto questo mondo non esisterebbe.
Gemello 1 : Mah io non ci credo! Non ho mai visto la mamma, per cui, è logico che non esista.
Gemello 2 : Quando siamo in silenzio, la riesco a sentire e a percepisco come accarezza il nostro mondo. Sai? Io credo fermamente che ci sia una vita più reale ed autentica dopo questa esistenza buia e transitoria, ora soltanto stiamo preparandoci per essa. Quando saremo in una culla insieme immersi nella luce dovrai sradicare le tue credenze, fratello.


 
 
 

Giacomo Celentano. La Luce oltre il buio

Post n°346 pubblicato il 30 Gennaio 2017 da Cherrysl
 

Risultati immagini per Giacomo celentano la luce oltre il buio foto

 

Un libro che mi ha molto colpito ultimamente soprattutto per il nome dell'autore e per la storia che racconta. Una profondità e una spiritualità lì dove non te li aspetti."La luce oltre il buio. Il mio cammino nella Fede per vincere la depressione",  scritto da Giacomo Celentano nel 2012. Giacomo Celentano, figlio di Adriano e Claudia Mori.

"E' difficile far capire che stai male quando tutti ti credono nato con la camicia: bello, ricco e famoso" Scrive Giacomo

Il suo amore per la Musica e il fortissimo desiderio di cantare, affascinato dal mondo dello spettacolo e dal successo. Autore di testi e cantante con una carriera promettente. Nel 1989 ha gia' inciso il suo primo album Dentro il bosco e collabora con artisti famosi. Una notte arrivano come fulmini a ciel sereno, attacchi di panico, ansia e difficoltà respiratorie, con conseguente perdita di potenza e qualità della voce. Un dramma per una carriera da cantante. Una malattia psicosomatica che lo getta in una profonda depressione. Un lungo periodo buio e di smarrimento che lo porta ad intraprendere un tortuoso percorso di ricerca del senso della vita e del perche' accadono le cose e di ricerca di Dio. "Feci ordine nella mia esistenza e mi si chiarirono molte cose, tra le quali questa: Dio nel suo imperscrutabile disegno d`amore universale, ha un progetto di  salvezza individuale per ciascuno di noi, al di la'  dei nostri limiti, degli errori compiuti e dei nostri peccati". E ancora: "Mi trovai a vivere un nuovo percorso di vita che mi fece aprire gli occhi su un insegnamento di Gesu`:Mai disperarsi, perche' la disperazione e' la negazione della speranza e quindi non appartiene a Dio".La Luce oltre il buio non e' altro che la Divina Provvidenza. "La Divina Provvidenza opera secondo i piani misteriosi di di Dio attraverso fatti apparentemente casuali.Solo con la fede possiamo riconoscere il "farsi" del bene attraverso la trama inestricabile delle nostre esistenze".La preghiera, la Fede e un importantissimo  incontro :  quello con Katia che poi diverra' sua moglie  nel 2002. Un grande amore che lo salva e lo aiuta a rinascere. Anche lei cantante, anche lei fervida credente. In seguito Giacomo oltre a lavorare nell organizzazione di importanti programmi in Tv , ha continuato a scrivere testi ed e' tornato  a cantare anche con sua moglie.  Ho ascoltato suoi brani e ho cercato sue notizie e gli ho voluto mandare un messaggio su Facebook.  :" Ciao Giacomo. In questi giorni sto leggendo il tuo libro" La Luce oltre il buio".Un bellissimo libro e una bellissima testimonza di fede. Hai una vita molto ricca spiritualmente al di la`dei tuoi preziosi talenti artistici. Ho ascoltato alcuni tuoi brani e video anche quelli insieme a tua moglie.Siete bellissimi e mi avete ricordato molto Adriano e Claudia bellissimi e affiatati anche loro. Mi ha colpito ogni tua esperienza e vorrei parlare  di te e del tuo libro sul mio blog". Giacomo mi ha gentilmente risposto e ringraziato.Segnalo che Giacomo  Celentano ha scritto altri due libri. Nel 2014 Nel nome del padre e a Febbraio prossimo uscira' I " Tempi di Maria "con un nuovo singolo e video.

 
 
 

Frasi celebri

Post n°345 pubblicato il 07 Gennaio 2017 da Cherrysl

Risultati immagini per miracoli foto

 

 

" Chi non crede nei miracoli non è un realista"  Ecco una celebre frase dell'attrice Audrey Hepburn. E' una frase paradossale? Può darsi. Ma se leggendo questa frase essa  ti fa star bene, significa che la tua mente è aperta e il tuo animo vuole nutrirsi di positività e di fede...

 
 
 

Joy To The World

Post n°342 pubblicato il 19 Dicembre 2016 da Cherrysl

 
 
 

Il Natale

Post n°341 pubblicato il 17 Dicembre 2016 da Cherrysl
 

 

Risultati immagini per la natività natale foto

 

In questo distratto e disastrato mondo, Il Natale porta con sè anche il rischio di un impoverimento spirituale, presi come siamo da problemi, paure e priorità  materiali. Per recuperare la spiritualità del Natale rifletto su  bel concetto di S. Agostino a proposito della nascita di Gesù. S. Agostino ci  ricorda che Colui che è eterno e vive nell'Eterno ha scelto di nascere nel Tempo facendosi uomo. Dio si è fatto umile nascendo uomo e avrebbe  potuto farlo manifestandosi in diversi modi più eclatanti  e gloriosi, ma è nato  in povertà.E per arrivare a noi e nel Tempo, ha scelto di nascere da una donna. Una donna prescelta per portare in grembo il figlio di Dio. Dio  ci ha fatto dono di sè e  ha elevato sia il genere maschile,   incarnandosi in un uomo, sia  il genere femminile nascendo da esso...

 
 
 

Gerusalemme

Post n°340 pubblicato il 12 Dicembre 2016 da Cherrysl
 

 

 

Unesco approva risoluzione Gerusalemme est: ira di Israele, Messico cambia idea

 

 

Gerusalemme, la città santa per le tre grandi religioni monoteiste: Ebraismo, Cristianesimo, Islam.

Il suo nome è nei libri sacri, nell'Antico Testamento, nel Vangelo, nel Corano. Centro di enorme importanza spirituale, ha subito nel corso della storia occupazioni, devastazioni, ricostruzioni.

Oggi Gerusalemme è la capitale dello Stato d'Israele ma persistono, nei suoi territori, tensioni a volte violente, tra popoli diversi per cultura e fede religiosa. Una città che unisce ma che, allo stesso tempo, non cessa di dividere.

ll cuore di Gerusalemme è la Città Vecchia, circondata da un muro e divisa in 4 quartieri: Ebraico, Armeno, Cristiano e Musulmano.  La Città Vecchia e le sue mura, considerate patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, racchiudono in meno di un chilometro quadrato molti luoghi di grande significato religioso come il Monte del Tempio, il Muro del Pianto, la Basilica del Santo Sepolcro, la Cupola della Roccia  e la Moschea al-Aqsa. Nel corso della sua storia Gerusalemme è stata distrutta e ricostruita due volte ed è stata assediata, conquistata e riconquistata in decine di occasioni.
.
Risultati immagini per gerusalemme foto città

La Spianata delle moschee, o Monte del Tempio come lo chiamano gli ebrei, è il luogo più sacro per la religione ebraica e il terzo più sacro dopo la Mecca e Medina per i musulmani

Per le tensioni tra Israele e Palestina i visitatori palestinesi ai luoghi sacri musulmani provenienti da oltre le linea di separazione, sono sottoposti a controlli e misure ristrettive.  È un luogo dove si verificano spesso incidenti tra i visitatori ebrei, che possono entrate nella Spianata ma non possono pregare né compiere alcuna manifestazione religiosa, e i palestinesi. E le tensioni tra i due popoli non hanno fine.

  Il 18 ottobre l'Unesco ha adottato una risoluzione per tutelare il partrimonio culturale palestinese. La mozione afferma che Gerusalemme è città santa per le tre religioni monoteistiche (Ebraismo, Islam e Cristianesimo). Ma in una sezione speciale in cui viene affrontato il tema delle Spianate delle Moschee  afferma esplicitamente che il sito, chiamato soltanto col suo nome in arabo Haram ash-Sharif, è sacro solo ai musulmani. Che cos'è la “Spianata delle Moschee”? E' una collinetta artificiale nel centro di Gerusalemme. Oggi ci sorgono due moschee: la Moschea di Al-Qsa  (più piccola con una cupola color argento, che è anche il simbolo di Gerusalemme per i musulmani) e  Moschea di Omar (famosa per la sua “Cupola d'Oro”, ormai simbolo della città). Anticamente, ai tempi del re Erode, lì sorgeva ilTempio  degli ebrei – che per questo continuano a chiamarlo “il Monte del Tempio”.

Perché è un luogo sacro per i musulmani? Secondo la tradizione islamica fu proprio dal luogo dover ora sorge oggi la Moschea Di Al Aqsache Maometto ascese in cielo nel suo viaggio miracoloso. Perchè è un luogo sacro anche per gli Ebrei? Sotto le moscheee appunto sorge l'antico Tempio ebraico. Secondo la Bibbia all'interno del Tempio si trovava il Sancta sanctorum dimora di Dio in terra che nessun uomo poteva calpestare. Il Tempio fu comuque distrutto dai Romani nel 70 d.c: di esso rimane solo il Muro del Pianto che però non è propriamente parte del tempio, ma solo muro di contenimento fatto costruire da Erode.

Questa risoluzione è fonte di soddisfazione per gli arabi musulmani, ma provoca scontento presso gli ebrei.

.

 
 
 

Riflessione sul Tempo

Post n°339 pubblicato il 22 Novembre 2016 da Cherrysl
 

Risultati immagini per riflessioni sul tempo foto

 

 

 Il Tempo come non l'abbiamo mai pensato nella affascinante riflessione di S. Agostino: Il mistero del tempo. "Un fatto è ora limpido e chiaro: nè futuro nè passato  esistono. E' inesatto dire che i tempi sono tre: passato presente futuro. Forse sarebbe esatto dire che i tempi sono tre: presente del passato, presente del presente e presente del futuro. Queste tre specie di tempo esistono in qualche modo nell'animo e non vedo altrove: il presente del passato è la memoria, il presente del presente è la visione e il presente del futuro è l'attesa. Mi si permettano queste espressioni e allora vedo ed ammetto tre tempi, e tre tempi ci sono"

 
 
 

Blog In Pausa

Post n°338 pubblicato il 15 Giugno 2016 da Cherrysl

 

 

   B  L O G      I N    P A U S A

 
 
 

Frasi dai Libri

Post n°337 pubblicato il 08 Giugno 2016 da Cherrysl
 

 

Risultati immagini per camminare insieme foto

 

"Camminare insieme, per esempio, è un dialogo. Come ogni dialogo muto, come ogni dialogo puramente fisico, ti mette di fronte a una verità anche quando non vuoi. Se ci fai caso, il tuo modo di camminare insieme a qualcuno dice tutto sulla relazione che hai con l'altro. C'è chi è troppo nevrotico e tende a stare sempre qualche metro davanti a te, anche se tu gli corri dietro. Chi si stanca e si ferma e si trascina e, tenendoti sottobraccio, ti frena. Chi si appoggia, magari senza accorgersene. Chi ti strattona sempre in qua e in là perché non sa andare dritto. E c'è chi ha il tuo stesso passo".

Tutte le donne di  - Caterina Bonvicini

Ecco un'altra frase tratta da un libro che mi colpisce per la sua semplice ma, efficace riflessione...

 

 

 

 

 

 
 
 

Mantello Protettivo

Post n°336 pubblicato il 30 Maggio 2016 da Cherrysl
 

Salve, Regina, Mater misericordiae, / vita, dulcedo et spes nostra, salve”.

E’ da poco passato l’Anno Mille quando nelle abbazie benedettine, risuonano le parole di questo antico inno, una delle più antiche preghiere dedicate alla Vergine, cantato secondo i modi del gregoriano.

L’Europa sta faticosamente uscendo da un periodo di ferro e di fuoco: guerre, saccheggi, invasioni, carestie hanno spopolato le città, devastato le campagne. E' come se dopo tanta rude violenza si diffondesse il desiderio di ingentilimento, di compassione, di protezione. Il sistema feudale, ideato da Carlo Magno, sta ora portando più difesa nei confini e assicurando maggiore sicurezza alla popolazione. 

E da questo stato d'animo nasce l'esigenza di costruire nuove chiese. Nasce lo stile romanico: possente, robusto, protettivo. E molte di queste  chiese sono dedicate a Maria, la Nostra Signora. Nella Salve Regina i nuovi tratti sono tutti presenti: la misericordia, la vita, la dolcezza, la speranza.

 L’uomo medievale cerca allora di dare un volto a Maria, per poter rivolgersi a Lei con maggiore intimità, con familiarità, con la certezza di sentirsi guardato e compreso dai suoi occhi misericordiosi. E’ così che si diffonde ovunque l’iconografia della Mater Misericordiae.

Gli artisti si ispirano ad una consuetudine presente nell’Europa feudale: era tradizione nei castelli applicare il cosiddetto privilegio della "protezione del manto”. La feudataria, con il solo gesto di allargare il suo mantello, considerato inviolabile, poteva concedere aiuto a bisognosi adottare orfanelli, proteggere i perseguitati, persino, in alcuni casi, concedere la grazia a un condannato a morte.

In Italia prima che in altri paesi europei, nascono le prime Confraternite, associazioni volontarie di cittadini di differente estrazione sociale, animate da spirito di carità, che ispirandosi alle opere di misericordia, istituiscono i primi ospedali, orfanatrofi, assistono le vedove, portano conforto ai prigionieri e curano le sepolture dei più poveri. 

 Fra tutte le raffigurazioni della Madonna della Misericordia spicca il capolavoro di Piero della Francesca, tavola lignea dipinta intorno al 1450 e inserita nel grande Polittico della Misericordia. 

 

 


La Vergine è raffigurata in piedi, in grandi dimensioni, mentre allarga il proprio mantello per accogliervi, al di sotto, i fedeli inginocchiati

Con il diffondersi di questa tipologia iconografica, sotto il mantello della Vergine finì per trovare riparo l'intera umanità: uomini e donne, bambini, membri di confraternite religiose o di congregazioni di mestieri, vescovi e papi, re e imperatori. La Madonna, rappresentata in questo modo nelle vesti di protettrice del genere umano dai mali del mondo, era detta anche Madonna dell'"Aiuto", della "Consolazione", Madonna della Mercede in Spagna, "Notre-Dame de Consolation" in Francia, "Schutzmantelmadonna" ("Madonna del mantello protettivo") in Germania. 

 

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 45
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

CherryslTerzo_Blog.Giussurfinia60un_uomo_della_follaarchetyponrafe70ellyslsStolen_wordsgianvitto10amistad.siempredonmichelangelotondodolcesettembre.1mariateresa.savinomassimocoppacardiavincenzo