Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

gratiasalavidaspageticostanzatorrelli46Rosecestlaviearchetyponmpt2003merizeta21laboratorioatheneoFajrjeanlouis_delislestudiodentisticoestepsico_craziabvbtendeRiccardoPennaEwideS
 

Ultimi commenti

comprendo che tu sia addolorata, ma in ogni caso il tuo...
Inviato da: Luxxil
il 06/02/2017 alle 18:32
 
MANCHI.
Inviato da: Roberta_dgl8
il 11/01/2017 alle 13:52
 
non commento leggo e comprendo
Inviato da: angiolhgt
il 14/12/2016 alle 23:28
 
le Favole al telefono, qualcuna era infilata nel libro di...
Inviato da: several1
il 06/10/2016 alle 17:29
 
Hai ragione , proprio così, ancora non mi capacito di cosa...
Inviato da: ossimora
il 30/09/2016 alle 20:02
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 313
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

kill your television

                     

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

 

« Messaggio #355Messaggio #357 »

Post N° 356

Post n°356 pubblicato il 16 Febbraio 2006 da ossimora
 

DONNE

Anais Nin

La vita si rimpicciolisce e si ingrandisce in proporzione al proprio coraggio

 

La biografia: http://www.zam.it/home.php?id_autore=66

Anais è punto di partenza per un viaggio attraverso le diverse sfaccettature dell’immaginario femminile, in cui il corpo diviene al contempo protagonista e simbolo di un percorso interiore straordinario e vivissimo.

La bibliografia : http://www.internetbookshop.it/ser/serpge.asp?Type=ExactAuthor&Search=Nin+Ana%26iuml%3Bs&shop=2436

Anaïs conobbee Henry Miller, un americano di quaranta anni che scriveva romanzi, ma che non aveva ancora raggiunto il successo. Così scrive la Nin di lui nel Diario: "Ho conosciuto Henry Miller. E' venuto a colazione con Richard Osborn, un avvocato che avevo dovuto consultare a proposito del contratto per il mio libro su D. H. Lawrence. Mi è piaciuto subito, non appena l'ho visto scendere dalla macchina e mi è venuto incontro sulla porta dove lo stavo aspettando. La sua scrittura è ardita, virile, animale, magnifica. E' un uomo la cui vita inebria, pensai. E' come me. Era caldo, allegro, disteso, naturale.

Questa cosa dell’incontro con Henry Miller ...ha sempre colpito la mia fantasia e soprattutto…questo…un collezionista di libri aveva offerto ad Henry Miller cento dollari al mese per scrivere racconti erotici. Miller  aveva accettato per bisogno di denaro e, allegramente, inventava storie piccanti sulle quali rideva insieme ad Anaïs. Dopo un po' però ne ebbe abbastanza, per cui propose all’amica di scrivere anche lei qualcosa. Anaïs cominciò, ma il collezionista le fece sapere: "Va bene. Ma lasci perdere la poesia e le descrizioni di tutto quello che non è sesso. Si concentri sul sesso."Così - racconta la scrittrice - incominciai a scrivere ironicamente, divenendo così improbabile, bizzarra ed esagerata, che pensai che il vecchio si sarebbe accorto che stavo facendo una caricatura della sessualità. Ma non ci fu nessuna protesta. Passavo i giorni in biblioteca a studiare il Kama Sutra, ascoltavo le avventure più spinte degli amici."Meno poesia," diceva la voce al telefono. "Sia specifica”. Anaïs si rivolgeva agli amici per trovare spunti, ma più erano condannati ad insistere solo sulla sensualità, più creavano poesia. Racconta la Nin a questo proposito che scrivere pornografia era diventata una strada verso la santità invece che verso la dissolutezza.

Un giorno Anaïs scrisse al collezionista:  "Caro collezionista, noi la odiamo. II sesso perde ogni potere quando diventa esplicito, meccanico, ripetuto, quando diventa un'ossessione meccanicistica. Diventa una noia. Lei ci ha insegnato più di chiunque altro quanto sia sbagliato non mescolarlo all'emozione, all'appetito, al desiderio, alla lussuria, al caso, ai capricci, ai legami personali, a relazioni più profonde che ne cambiano il colore, il sapore, i ritmi, l'intensità."Lei non sa cosa si perde con il suo esame al microscopio dell'attività sessuale, con l'esclusione degli aspetti che sono il carburante che la infiamma. Componenti intellettuali, fantasiose, romantiche, emotive. Questo è quel che conferisce al sesso la sua struttura sorprendente, le sue trasformazioni sottili, i suoi elementi afrodisiaci. Lei sta rimpicciolendo il mondo delle sue sensazioni. Lo sta facendo appassire, morir di fame, ne sta prosciugando il sangue."Se lei nutrisse la sua vita sessuale con tutte le emozioni e le avventure che l'amore inietta nella sessualità, sarebbe l'uomo più potente del mondo. La fonte del potere sessuale è la curiosità, la passione. Lei sta lì a guardare questa fiammella morire d'asfissia. Il sesso non prospera nella monotonia. Senza sentimento, invenzioni, stati d'animo, non ci sono sorprese a letto. Il sesso deve essere innaffiato di lacrime, di risate, di parole, di promesse, di scenate, gelosia, di tutte le spezie della paura, di viaggi all'estero, di facce nuove, di romanzi, di racconti, di sogni, di fantasia, di musica, di danza, di oppio, di vino."


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
anna_sulle_nuvole
anna_sulle_nuvole il 16/02/06 alle 08:33 via WEB
...i suoi diari sono una droga, un delirio di emozioni, le sue parole si insinuano nella mente e non c'è alcun modo di mandarle via. alle volte penso che nella copertina dei suoi libri dovrebbero scrivere "lievemente tossico". la adoro.
(Rispondi)
 
ossimora
ossimora il 16/02/06 alle 23:01 via WEB
ciao!SI é un leggere ...induttivo,come direbbe Scalza...
(Rispondi)
 
 
scalzasempre
scalzasempre il 16/02/06 alle 23:13 via WEB
giusto! cippa!
(Rispondi)
scalzasempre
scalzasempre il 16/02/06 alle 12:33 via WEB
c.i.p.p.a. *********** C.A.M.B.I.A.R.E. *********Scalza.
(Rispondi)
champaosel
champaosel il 16/02/06 alle 12:35 via WEB
cara anais e cara ossimora, ci voleva. stanno rimpicciolendo il mondo, si lo stanno portando a morte per lenta graduale asfissia e fingendo di dare tolgono tutto.chaml forever.
(Rispondi)
 
ossimora
ossimora il 16/02/06 alle 23:02 via WEB
Parole sante e sacrosante,mi prendono gli attacchhi di claustrofobia ..più che spesso
(Rispondi)
magdalene57
magdalene57 il 16/02/06 alle 14:21 via WEB
non riesco a leggere il lato destro del post...quello in cui le parole terminano.... tornerò..mi piace anais... (talmente tanto che da ragazza per un po' ho usato anais anais...); certo che la biblioteca stà aumentando a vista d'occhio..... ciao, e buona giornata...margi
(Rispondi)
 
ossimora
ossimora il 16/02/06 alle 23:03 via WEB
ciao margi!
(Rispondi)
caterina_a_modo_suo
caterina_a_modo_suo il 16/02/06 alle 23:12 via WEB
quanto mi piace passare per di qua...era un pò che mancavo..mi faccio un giro tra le tue pagine;curioso,imparo e mi nutro...intanto ti lascio un abbraccio ^___^
(Rispondi)
 
ossimora
ossimora il 16/02/06 alle 23:13 via WEB
ciao!!!Un abbraccio anche a te
(Rispondi)
violette51
violette51 il 17/02/06 alle 00:14 via WEB
ovviamente mi associo ad anais...ma qualke piantina da innaffiare la sostituirei!
(Rispondi)
strangeskin
strangeskin il 17/02/06 alle 00:19 via WEB
passo e sdrammatizzo: menomale non esiste il sesso come ossessione meccanicistica! Esplicito si, troppo sentenzierebbero i più puri, ma puro meccanicismo, no. Vero? un abbraccio, strange
(Rispondi)
ossimora
ossimora il 17/02/06 alle 00:21 via WEB
beh..il meccanicismo necessita di macchine
(Rispondi)
bippy
bippy il 12/08/06 alle 21:53 via WEB
Anais Nin una donna poetica e profonda, una donna che sapeva essere fino in fondo dentro i suoi desideri e che voleva integrare i sogni con la realtà regalando un mare di emozioni e di sensazioni..:-) fantastica, Bello il tuo blog lo seguirò e anche i links a tutte grandi donne e artiste!
(Rispondi)
animedeserte
animedeserte il 04/12/07 alle 07:50 via WEB
ciao mi piace leggerti un saluto anna
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.