Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

lusimia2005spagetiansa007archetyponFajrgratiasalavidacostanzatorrelli46Rosecestlaviempt2003merizeta21laboratorioatheneojeanlouis_delislestudiodentisticoestepsico_crazia
 

Ultimi commenti

comprendo che tu sia addolorata, ma in ogni caso il tuo...
Inviato da: Luxxil
il 06/02/2017 alle 18:32
 
MANCHI.
Inviato da: Roberta_dgl8
il 11/01/2017 alle 13:52
 
non commento leggo e comprendo
Inviato da: angiolhgt
il 14/12/2016 alle 23:28
 
le Favole al telefono, qualcuna era infilata nel libro di...
Inviato da: several1
il 06/10/2016 alle 17:29
 
Hai ragione , proprio così, ancora non mi capacito di cosa...
Inviato da: ossimora
il 30/09/2016 alle 20:02
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 313
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

kill your television

                     

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

Messaggi di Settembre 2016

lentiggini

Post n°2062 pubblicato il 16 Settembre 2016 da ossimora
 
Tag: ecole

 

Sono tanti gli anni di scuola , ho cominciato giovanissima , poco più di una ragazzetta con una quinta ,loro undici  anni io poco più di diciotto . Quei ragazzi li, sono grandi , li ricordo anche poco perché ero ondivaga , per qualche anno non ebbi una classe tutta mia dalla prima alla quinta , intendo. Poi invece , diversi sono i gruppi che ho visto entrare stretti alle mani dei genitori , qualche piantino , emozione e bellezza e poi...via...fino ai saluti della quinta . Molti di loro continui a seguirli da lontano , in questo i social ovviamente aiutano , con alcuni mantieni un rapporto di condivisione, di dialogo .Ho visto un po' di tutto ,studi, fatiche , ricerca, belle carriere, miss , calciatori , pallavolisti , rugbysti ,li ho visti crescere, tornare da noi ormai madri e padri , non è vero che si ricordano tutti allo stesso identico modo , con qualche alunno c'è un rapporto "forte" , che non ha nulla a che vedere con le parzialità .ci mancherebbe .Un rapporto che nasce dalla simpatia umana , dalla condivisione , dal disegno o dalla creatività che affascinano , quel senso di "appartenenza " che ti tieni in testa ben attenta a non far uscire nulla.Poi ci sono altri che fatichi a ricordare , devi tornare indietro e focalizzare bene  ed allora ricompare un viso , un atteggiamento ,un sorriso. Stamattina uno di loro ho dovuto "ripercorrerlo mentalmente" perché mi sono venuti a dire che è stato arrestato , per un delitto orrendo ,l'omicidio di una povera donna , più grande di lui ;una cosa orrida che mi perseguita e mi angoscia da stamattina. L'ho subito rivisto piccolo , in prima,  con le lentiggini , sorridente , affettuoso, timidissimo , buono , un tenerone come la sua famiglia di persone gentili. Rimugino e rimugino sulla violenza cieca che l'ha portato a tanto orrore e non so darmi risposte .

Sono soltanto addolorata.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso