Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

amici.futuroierisurfinia60ossimoraCherryslnurse01QuivisunusdepopuloSignorina_Golightlyjigendaisukememole123451je_est_un_autreQuartoProvvisoriogianor1FajrlascrivanaPerturbabile
 

Ultimi commenti

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 317
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

 

« Appunti di lettura 2021Appunti di lettura 2021 »

Appunti di lettura 2021

Post n°2208 pubblicato il 13 Aprile 2021 da ossimora

Il giudice e il suo boia - Friedrich Dürrenmatt - copertina
N .16 
Friedrich Durrenmatt
Il giudice e il suo boia 
Gli Adelphi

Quando la giustizia umana non arriva o fallace o corrotta , può capitare che un uomo si erga a giudice di un altro ed in nome della stessa giustizia ,lo perseguiti più o meno tangibilmente ,  per una vita intera , prima mantenendosi informato poi agendo.
Il mio primo Durrenmatt , un racconto lungo più che un romanzo , un poliziesco /noir filosofico che non risente dell'età (anni 50) e questo già è ampiamente un punto a suo favore.
Durante una sbornia a Costantinopoli due giovani fanno una singolare scommessa, uno dei due sfida un giovane commissario a realizzare il delitto perfetto , quello per cui non sarà mai ritenuto colpevole , anche conoscendo l'autore del delitto,quella che sembrava una burla fra ubriachi diventa realtà ed il commissario invecchia nell'idea di punire comunque quell'omicidio.
Un giallo che vira al noir che vira al filosofico .
In poco più di cento pagine ( più un racconto lungo che un vero romanzo ) Durrenmatt tratteggia il male e il bene ; del male la sua faccia più orribile , quelle del "male gratuito " , senza motivo alcuno , il suo assoluto non senso e del bene  la difficoltà ad essere comunque realizzato pienamente .
Una riflessione sulla giustizia , sulla vecchiaia , sul senso della vita e sulla casualità .
Certamente da leggere . 
Grazie a chi me lo ha consigliato. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ossimora/trackback.php?msg=15495676

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
jigendaisuke
jigendaisuke il 13/04/21 alle 17:58 via WEB
Qualche mese fa, rai5 ha replicato lo sceneggiato con un magistrale Paolo Stoppa
(Rispondi)
 
ossimora
ossimora il 14/04/21 alle 11:01 via WEB
quindi lo trovero su rai play....grazie
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.