Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

alf.cosmosmerizeta21ossimoraCherryslsurfinia60QuartoProvvisorioamici.futuroierifrutto.dibosco.iosiamoliberidigirarenatars6AngeloSenzaVelijigendaisukeelima58ParStranoscreamssj84
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 317
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

 

« Appunti di lettura 2021Appunti di lettura 2021 »

Appunti di lettura 2021

Post n°2222 pubblicato il 07 Luglio 2021 da ossimora

I beati anni del castigo - Fleur Jaeggy - Libro - Adelphi - Gli Adelphi |  IBS

N:30
Fleur Jaeggy
I beati anni del castigo
Gli Adelphi

 Un'immersione in un collegio svizzero; la storia dell'adolescenza di Fleur Jaggey. Lunghi anni di collegio , dagli otto agli undici .Certamente un collegio dell'alta borghesia con rampolle provenienti da tutto il mondo , compresa la figlia di un governante dell''Africa definita in maniera piuttosto disturbante  e più volte "negretta". .Traspaiono famiglie certamente lontane e non soltanto fisicamente , pur con autisti in "limousine " che intervengono a prendere le ragazze.

La scrittura è decisa ed intensa ; credo sia il collegio stesso che in certi animi , perlopiù femminili acuisca la capacità di osservare e di penetrare le cose e le predisponga ad una particolare capacità di introspezione . C'è il racconto di un'amicizia fra adolescenti una sorta di "amicizia amorosa" , più serena e spontanea da parte di Fleur che è estaticamente affascinata , più ermetica e forse prodromo di follia nell'atteggiamento della seconda. L'attesa è oltre la vita stessa ; quello che avverrà fuori è un eldorado che sembra irragiungibile e che a tratti cristallizza il quotidiano.

"la nostra casa è il collegio "

L'ispezione era al mattino , si aprivano tutti gli armadi ; i nostri mucchietti di biancheria e pullover piegati dovevano avere l'aspetto di una muraglia. Come gli orientali dovevamo conoscere l'arte di piegare la nostra roba.

Era un nessuno per me , eppure la sua fisionomia e il suo corpo sono presenti per me. Forse coloro che non abbiamo considerato per uno strano gioco maligno riemergono. 

Gli occhi della Mere Perfete erano azzurri come i laghi alpini all'alba, infantili e velenosi. Era talmente una "fin de race" che le sue palpebre erano diventate di biacca , generazione di mendicanti devono aver baciato le mani dei suoi avi , prima della ghigliottina . Avevano un taglio orientale , la fronte era coperta dal velo e il velo dona alle donne .Dà maestà e mistero. E menzogna .

Bisogna sempre ringraziare anche quando c'è un diniego Nell'educazione si impara a ringraziare con il sorriso .Un sorriso maledetto .Vi è in qualche modo una fisiognomica da morgue nei visi delle educande.

L'ordine era come le idee.Un possesso.Una possessione.



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ossimora/trackback.php?msg=15567622

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
jigendaisuke
jigendaisuke il 07/07/21 alle 12:01 via WEB
Non mi sconfinfera
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.