Se errare è umano, che c’è di strano in un inciampo?

Paolo Mancinelli, "massima solidarietà" al giornalista di RaiNews24 'preso in giro' sui social. Salvo Sottile: "Meschini, vergognatevi" - Il Fatto Quotidiano

Fedeli alla loro natura di epigoni delle più banali villanìe, i cosiddetti leoni da tastiera hanno avuto di che ruggire in questi ultimi giorni per via del blackout comunicativo in cui è incappato Paolo Mancinelli, inviato di Rainews24, che in diretta, e senza apparente motivo, ha smesso di parlare. È bastato questo perché si beccasse gli insulti social che ormai non risparmiano più nessuno, neppure un uomo in evidente difficoltà. Ora, chi sublima se stesso ponendosi al di sopra di ogni inciampo con la patetica presunzione d’essere perfetto, come minimo è un poveraccio a cui la natura ha fatto uno scherzo terribile: privarlo del cervello. C’è di che restare sgomenti dinanzi al perpetuarsi di queste scempiaggini, ma noi che della correttezza siamo i portabandiera, sorridiamo della stupidità sapendola poco arginabile; tuttavia possiamo fare in modo che chi ne è portatore venga ammutolito con l’indifferenza.

Se errare è umano, che c’è di strano in un inciampo?ultima modifica: 2021-09-26T16:01:25+02:00da VIOLA_DIMARZO
  1. Ho già incontrato questo articolo in altro blog. Il mio commento in quell’occasione si è soffermato sul motivo che spinge gli haters ad attaccare un povero diavolo colto in fallo, come qualsiasi essere umano. Ma chi appare in tv, o sui media in generale, non può (giammai) mostrarsi in difetto. Persone mosse da profonda invidia, a mio avviso, frustrate assai, che gioiscono quando Il Vip di turno inciampa come un comune mortale.

  2. Quelli che ora definiamo haters non sono altro che gli invidiosi d’antan; l’unica differenza col passato è che ora trovano sfogo al loro livore grazie all’anonimato assicurato dalla rete.

Lascia un commento