Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

spageticostanzatorrelli46Rosecestlaviearchetyponmpt2003merizeta21laboratorioatheneoFajrjeanlouis_delislestudiodentisticoestepsico_craziagratiasalavidabvbtendeRiccardoPennaEwideS
 

Ultimi commenti

comprendo che tu sia addolorata, ma in ogni caso il tuo...
Inviato da: Luxxil
il 06/02/2017 alle 18:32
 
MANCHI.
Inviato da: Roberta_dgl8
il 11/01/2017 alle 13:52
 
non commento leggo e comprendo
Inviato da: angiolhgt
il 14/12/2016 alle 23:28
 
le Favole al telefono, qualcuna era infilata nel libro di...
Inviato da: several1
il 06/10/2016 alle 17:29
 
Hai ragione , proprio così, ancora non mi capacito di cosa...
Inviato da: ossimora
il 30/09/2016 alle 20:02
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 313
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

kill your television

                     

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

 

« Messaggio #305Messaggio #307 »

Post N° 306

Post n°306 pubblicato il 14 Gennaio 2006 da ossimora
 

Donne

Marguerite Duras

 

Marguerite Duras, al secolo Marguerite Donnadieu, nasce a Gia-Dinh, vicino a Saigon in Indocina, nel 1914 da genitori emigrati in quelle colonie francesi.
Orfana di padre all'età di quattro anni viene allevata dalla madre, dalla quale eredita la determinazione e l'ostinazione, che risulteranno fondamentali per la sua carriera di scrittrice.Pubblica il suo primo libro nel 1942 "Les impudents" ed arriva a ricevere il Prix Goncourt nel 1984 con "L'amant", è lei stessa a dire di sè:"Je suis quelqu'un qui écrit avant tout".

http://duras.ifrance.com/

Marguerite Duras è la scrittrice delle percezioni intuitive, della stilizzazione dei luoghi, della sparizione degli eventi a favore del primato dei dialoghi. Dialoghi dove, comunque, i silenzi sono essenziali.....
E' solo così che si riesce a rendere quell'ossessione dell'impossibilità di rendere conto delle situazioni, soprattutto quando si tratta di situazioni amorose o caratterizzate da desideri intensi
.
Questo aspetto profondo dello stile della Duras trova il suo sfogo ottimale nel momento in cui la scrittrice si apre all'esperienza cinematografica.Un esempio tra i più famosi e i più riusciti è la sceneggiatura che scrive per il film realizzato da Alain Resnais nel 1959 "Hiroshima mon amour", che sarà un successo eclatante al festival di Cannes del 1960.

"J'ai tout vu à Hiroshima.
Non, tu n'as rien vu à Hiroshima"

       Su Marguerite  regista 

:http://www.url.it/donnestoria/film/regiaf/duras70_a.htm

Scrivevo tutte le mattine, ma senza un orario, mai, se non per cucinare. Sapevo quando dovevo intervenire perché il cibo bollisse o perché non si bruciasse. E anche per i libri lo sapevo. Lo giuro. Tutto, lo giuro, non ho mai mentito in un libro. E neppure nella vita. Eccetto agli uomini. Mai.”

La foce del Magra tagliò in due la spiaggia.
I monti di marmo dominavano tutto il paesaggio con la loro mole splendente.
Marguerite Duras

 Margherite Duras è una di quelle scrittrici che in un certo periodo ho letto a tappeto;prima mi capitava ,mi piaceva un libro e piano piano leggevo la bibliografia completa dell’autore in questione ,adesso mi capita di meno .Non so perché e non voglio nemmeno pensarci.Oltre all’”Amante”,reso famosissimo soprattutto  dal film con la storia d’amore /passione  fra lei (è romanzo autobiografico) ed un ricco cinese più grande ed esperto di lei ),di Margherite ,ho letto tutto;Il dolore,Giornate intere fra gli alberi,Occhi blu –capelli neri,Il marinaio di Gibilterra...

 E …La vita materiale…."La vita materiale": 49 brevi capitoli, che hanno il sapore di altrettante istantanee. Vita materiale è tutto ciò che accade nella sua crudezza, sono i ricordi del passato, notazioni sul presente, messe a fuoco delle cause materiali dei romanzi precedenti. In questo libro autobiografico la scrittrice ormai settantaduenne accumula particolari scabrosi, i suoi amori multirazziali, le allucinazioni di alcolizzata, le prostituzioni adolescenziali, gli orrori della guerra, trite elucubrazioni sulla differenza fra i sessi. Da ogni pagina trabocca erotismo, un leggero gusto pornografico di mettere a nudo con impudenza la propria vita: emerge ancora una volta quel grande talento narrativo che riesce spesso a dar forma compiuta al nulla, alla ripugnanza, all'inutile….

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
snoopy68
snoopy68 il 15/01/06 alle 00:02 via WEB
Mi piace molto la Duras, soprattutto per il suo stile descrittivo molto attento alle sensazioni, ma anche all'ambiente in cui si muovono i suoi personaggi. Bello l'Amante ma anche Il marinaio di Gibilterra si legge benissimo e lascia qualcosa dentro
(Rispondi)
trillina.it
trillina.it il 15/01/06 alle 00:02 via WEB
Ecco, ho da poco finito di guardare... purtroppo da una TV (fatti contingenti), come siano andate bene le Manifestazioni di Roma e Milano... e sono qui a farmi un giro tra i "sempre troppo pochi" Blog davvero SENSIBILI a certi Argomenti...SOCIALIIIII... E ancora una volta il DESIDERIO come allora di VIVERE a ROMA o a MILANO... Sì... solo per poter incidere maggiormente e non solo sempre... come voce isolata ... o dover fare un viaggio (come allora) per sentire la FORZA che accomuna tante di Noi e che... (se ti raccontassi le assurdità registrate nella mente e nel cuore quando raccoglievo firme per aprire un consultario a Capri... davvero rabbrividiresti!... però poi si aprì... e regge ancora... ) ... SPERO DAVVERO CHE SIA SOLO L'INIZIO DI UN RITORNO... Ciao! Ros
(Rispondi)
magdalene57
magdalene57 il 15/01/06 alle 00:09 via WEB
lAmante ...uno dei libri che ho letto sentendolo come una carezza sul viso...
(Rispondi)
caterina_a_modo_suo
caterina_a_modo_suo il 15/01/06 alle 00:28 via WEB
è LA SECONDA VOLTA CHE TI DEDICHI A LEI..DEVE PIACERTI MOLTO....ANCHE A ME PIACE MOLTO...SUO è UNO DEI PRIMI ROMANZI REGALATIMI DA MIO PAPà...NOTTE NOTTE NOTTAMBULOSA
(Rispondi)
ossimora
ossimora il 15/01/06 alle 11:04 via WEB
...non è la seconda volta mia caRA,L'ALTRA MARGHERITA ERA yORCENAUR...CIAO
(Rispondi)
scalzasempre
scalzasempre il 15/01/06 alle 11:45 via WEB
attendevo il nuovo capitolo della dispensa Donne. E come al solito, sorrido. " Eccetto agli uomini. Mai." In una vita precedente devo averla frequentata. Buonagiornata e un bacio, scalza
(Rispondi)
donulissefrascali
donulissefrascali il 15/01/06 alle 12:32 via WEB
Grazie per la visita. Che il dialogo continui. Con la certezza che la volontà di dialogo e partecipazione siano anche per Lei il motivo della sua presenza nei blog. Don Ulisse Frascali (Sacerdote non prete).
(Rispondi)
 
ossimora
ossimora il 15/01/06 alle 18:14 via WEB
wow
(Rispondi)
alexisdg10
alexisdg10 il 15/01/06 alle 16:45 via WEB
Sono un cultore della Duras! Posseggo tutti i soi scritti pubblicati. Uno meglio dell'altro. Non si puà amare la Duras senza essere persone particolari. Che ne dici di Yann Andreas? Hai letto il suo romanzo a lei dedicato? M.D.? Abbraccio per te
(Rispondi)
ossimora
ossimora il 15/01/06 alle 16:56 via WEB
Come ho scritto anche io ho amato molto la Duras,non ho letto quello di Yann Andreas ma lo farò,invogliata da questo mio "ripassino"e dalle tue parole.Un giovane uomo che condivide la senilità di una donna (seppur straordinaria )deve essere per forza interessanrte )Ciao Anto
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 30/11/06 alle 22:07 via WEB
ciao..la duras mi ha rapito.ho letto alcuni testi,comreso " L'amour" in lingua originale.sono sinceramente rimasta un pò spiazzata..forse la chiave di lettura è nella filosofia di lacan e nella psicanalisi..tu l hai letto????????baci e complimenti
(Rispondi)
LIZA78G
LIZA78G il 30/01/06 alle 23:05 via WEB
Spero leggerai il post, anche se un pò datato, splendidi i libri della Duras, li amo tutti. Quando leggi le sue storie hai come la sensazione che le emozioni, che lei descrive, si materializzino, vengano letteralmente fuori dalla pagina e ti avvolgano con il loro sapore, duro, reale, erotico e sensuale...
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 30/11/06 alle 22:15 via WEB
curiosando nel blog ho letto il tuo commento e mi ci ritrovo appieno.....l amante,ed il suo seguto l amante della cina del nord mi hanno dato una sensazione indefinibile..l amour,capelli neri occhi blu sono inquietanti. é vero,proprio come se li vivessi....
(Rispondi)
meltea
meltea il 21/02/06 alle 16:36 via WEB
Il genio di Alain Resnais più le parole e lo stile inconfondibile della Duras. Gran bel film, Hiroshima mon Amour.
(Rispondi)
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 29/04/07 alle 07:09 via WEB
Arrivo in ritardo. So che é piuttosto stravagante a quest'ora (h.7.00 di una domenica mattina). Ho fatto una ricerca in Google che mi facesse arrivare ai blog in cui si parlasse di M. Duras, che é una scrittrice che amo da tanto. Neanche io ho letto il libro di Yann Andrea e avrei voglia di farlo. Faccio un giro tra i tuoi nuovi post adesso. Giulia.
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.