Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

lusimia2005spagetiansa007archetyponFajrgratiasalavidacostanzatorrelli46Rosecestlaviempt2003merizeta21laboratorioatheneojeanlouis_delislestudiodentisticoestepsico_crazia
 

Ultimi commenti

comprendo che tu sia addolorata, ma in ogni caso il tuo...
Inviato da: Luxxil
il 06/02/2017 alle 18:32
 
MANCHI.
Inviato da: Roberta_dgl8
il 11/01/2017 alle 13:52
 
non commento leggo e comprendo
Inviato da: angiolhgt
il 14/12/2016 alle 23:28
 
le Favole al telefono, qualcuna era infilata nel libro di...
Inviato da: several1
il 06/10/2016 alle 17:29
 
Hai ragione , proprio così, ancora non mi capacito di cosa...
Inviato da: ossimora
il 30/09/2016 alle 20:02
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 313
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

kill your television

                     

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

Messaggi di Agosto 2011

per questo

Post n°1830 pubblicato il 22 Agosto 2011 da ossimora
 

 

 

 

Adrienne Rich 

Per questo

Se ho teso la mano ai tuoi versi(l'ho fatto)
come a lettere dei morti che ridestano l'animo
da rabdomante cercato la tua fonte
per abbeverare la mia sete
scavato nel mio concime scheletri e petali
che per te dovevano riflettere la luce:

- al lavoro nel mio sotterraneo mangiato dai vermi
roso dai tarli senza patria
ho una scusa?

Se ho sfiorato il tuo dito
con lingua affamata
leccato dal tuo palmo una crepa di sale
se ti ho sognato o pensato
sacca di sangue appena estratto
appeso rossoscuro a un gancio
piú in alto del mio cuore
( tu che comprendi la trasfusione)
a cos'altro dovrei rivolgermi?

Una luce-spia brilla fioca
mentre i fuochi del gas dormono
(un gatto esce in punta di zampa dai fornelli
al gelo notturno)
il linguaggio raro e agile come la verità
scioglie il silenzio piú radicale

L'etica del custode di un faro:
cura di tutti o di nessuno
per questo si può pure dare fuoco ai mobili
Un questo contro cui abbiamo sbattuto
come se la luce potesse essere spenta a estro
il salvataggio negato ad alcuni

e rimanere un faro


Traduzione di Maria LuisaVezzali



Adrienne Rich
La guida nel labirinto
a cura di Maria Luisa Vezzali
Crocetti Editore 2011
Novità 


 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

generale

Post n°1829 pubblicato il 13 Agosto 2011 da ossimora
 

 

 

Qualcuno mi ricorda che  la mia "vis polemica " , è un po' spentuccella nelle ferie agostane , lo tranquillizzo ; è lì ed anche se a volte è latente basta un niente a risvegliarla appieno.

Stamattina ascoltavo la radio ,more solito, quando il giornalista ha iniziato a parlare dell'ultima strage del mar Mediterraneo storia atroce, inascoltata tragedia nella quale  sono morti un numero imprecisato di uomini perché nessuno ha risposto all'SOS .

C'era una nave Nato nei dintorni , per cui hanno intervistato  un militarone col fucilone e le mostrinone ,immagino,di quelli che si portano tanto anche in tivvi quando c'è qualche operazione militare (adesso vanno di più i criminologi).

Questo "signore" ha detto che in realtà le navi militari non hanno nei loro obblighi quello di rispondere agli sos dei civili , e poi bisogna vedere che tipo di nave lanciava l'sos  e se la nave aveva i parametri e bla bla bla in un crescendo di abomini da far venire la pelle d'oca ,mi sembrava impossibile la logica illogica con la quale sproloquiava senza vergogna alcuna  .

Non c'entra il "buonismo" (parola insignificantemente odiosa) né le carità ,né la compassione , si tratta semplicemente ,ancora una volta della idiozia lampante del militarismo nel quale certe menti si annullano e dissolvono , dell'inutilità economica ed umana di certi apparati e della sua personale  mancanza di pudore ,costantemente anacronista in ogni epoca .


Le DESERTEUR di Boris Vian

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

pranzettinini

Post n°1828 pubblicato il 12 Agosto 2011 da ossimora
 

 

 

******************

Volevo prenotare un pranzetto per ferragosto ...

questo del  PARLAMENTO italiano va a meraviglia ,

menu curato ...prezzi EQUI.


 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

notte fonda ...quasi mattino ,vago

Post n°1827 pubblicato il 11 Agosto 2011 da ossimora
 

 

 

 

 

Matteo B. Bianchi, scrittore, autore televisivo e radiofonico (IL SUO BLOG SU L'UNITA'), da un paio di anni si occupa di un progetto a metà strada tra l'incoscienza semantica e la precisione linguistica. L'ha chiamato "Dizionario affettivo della lingua italiana" e vi ha raccolto centinaia di voci, compilate da altrettanti scrittori. «L'idea alla base è molto semplice», spiega, «ho chiesto a ogni scrittore di indicare la sua parola preferita del vocabolario italiano e di spiegarne il perché». Il risultato è stato un vocabolario dapprima virtuale, pubblicato su 'Tina, la rivista on line di B. Bianchi, e poi reale, portato in libreria da Fandango con la cura, oltre che dell'autore di "Apocalisse a domicilio", di Giorgio Vasta. Tanti gli scrittori coinvolti. 

Il premio strega Tiziano Scarpa ha scelto "Ghingheri" e ha dato la sua personale interpretazione del termine. «E' una parola prigioniera - scrive - si usa soltanto nell'espressione "in ghingheri". Mai nessuno che dica: "Come sei elegante con questo ghinghero!", oppure "Oggi ho comprato due splendidi ghingheri di Prada"». 

Flavio Soriga ha deciso di misurarsi con "Amore": «Terremoti e inondazioni e insonni e esaltazioni e tremori e svenimenti, amore mio mi manchi, amore mio ti voglio, l'amore è cieco è guerra e battaglia e tattica e trepidante abbandono e infinite banali follie. La mia parola preferita, anche con due M: ammore, che meraviglia. (E nemmeno esiste, l'amore)». Soriga 

A tre anni da quel primo esperimento, è in rete un nuovo "Dizionario affettivo della lingua italiana". E questa volta la scelta delle parole - e del significato da cucir loro addosso - è stata affidata, oltre che a scrittori già affermati, anche a numerosi esordienti. «Trentacinque voci di un dizionario d'autore come non ne troverete altrove». 

Noi ve ne proponiamo solo alcune, il resto lo trovate su 'Tina. Sono, in ordine: Vins Gallico (Portami rispetto, Rizzoli), Antonella Lattanzi (Devozione, Einaudi) e Barbara Di Gregorio (Le giostre sono per gli scemi, Rizzoli). E vi lanciamo la sfida: qual'è la vostra parola preferita del vocabolario italiano, e perché? Avete tutto lo spazio che volete tra i commenti per dircelo. Buona scrittura. 

MATERIALE
Aggettivo e sostantivo di tutto ciò che è tangibile, visibile agli occhi, palpabile. e vorrei che le parole fossero materia, che fossero il più vicino possibile alla materia, che diventassero pietre, sale, acqua, persino vento. Materiale come il dolore fisico, come un abbraccio, come l'assenza di te che non ci sei. Materiale come il ricordo, come la matematica, come l'energia che si trasforma, come il nostro corpo che invecchia. materiale con l'etimologia mater, madre. Di noi, figli perduti.
Vins Gallico 

MIASORELLA
Dall'italiano mia + sorella. Contrario di tuasorella [tuaso'rèlla], spesso usato per offese dialettali, miasorella indica innamoramento perpetuo e non ricambiato. | (fam.) Ho zero anni, sono a specie di baco ciccione. Miasorella mi tiene in braccio nella casa di via Michelangelo Signorile... 
Antonella Lattanzi 

ORMAI

Sembra un avverbio ma è uno stile di vita. Per la precisione, il mio. Ora, cioè qui e adesso, oppure mai, vale a dire né qui né adesso. Se non è ora, insomma, tanto vale mettersi l'anima in pace perchè probabilmente non sarà mai e poi mai. Il passato è noioso, il futuro incerto, il presente, dio lo benedica, concreto. Io non porto rancore: cancello. Non aspetto: muovo il culo. Non guardo: prendo. E quando non ci riesco, cioè la maggior parte del tempo, perchè l'anima è una trappola, e l'imperativo, non a caso, un verbo che non ha prima persona, è ancora la mia parola preferita a salvarmi dall'autoflagellazione. Ho sbagliato di nuovo, penso. Ormai però è fatta. 
Barbara Di Gregorio

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso