Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

lusimia2005spagetiansa007archetyponFajrgratiasalavidacostanzatorrelli46Rosecestlaviempt2003merizeta21laboratorioatheneojeanlouis_delislestudiodentisticoestepsico_crazia
 

Ultimi commenti

comprendo che tu sia addolorata, ma in ogni caso il tuo...
Inviato da: Luxxil
il 06/02/2017 alle 18:32
 
MANCHI.
Inviato da: Roberta_dgl8
il 11/01/2017 alle 13:52
 
non commento leggo e comprendo
Inviato da: angiolhgt
il 14/12/2016 alle 23:28
 
le Favole al telefono, qualcuna era infilata nel libro di...
Inviato da: several1
il 06/10/2016 alle 17:29
 
Hai ragione , proprio così, ancora non mi capacito di cosa...
Inviato da: ossimora
il 30/09/2016 alle 20:02
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 313
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

kill your television

                     

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

Messaggi di Ottobre 2008

Esorcizzazioni

Post n°1325 pubblicato il 31 Ottobre 2008 da ossimora
 

***********************************************************

***********************************************************

C’è in giro  una forte propensione al luogo comune ed alla diceria più o meno fondata che diventa spesso “verità rivelata”;il problema che questa cosa è agevolata anche da chi ,stampa ,informazione  in genere ,politica, dovrebbe utilizzare gli strumenti opposti ,ricerca sul campo,oggettivazione ed infine precisi distinguo critici .

Questo non avviene quasi mai in realtà ed in molti casi ormai è difficile nominare determinate parole / luoghi /concetti/ idee, senza avere la certezza di sentire giaculatorie e litanie sempre uguali che si avvolgono su se stesse.

Non ne posso più dell’ esorcizzazione della parola “politica”;non ne posso più,ormai prima di iniziare un discorso anche alcuni che hanno  nel portafoglio e si gonfiano il portafoglio con tessere di partito esordiscono o attaccano dicendo :

”Questo è un discorso politico!”,oppure variando: “questa è una protesta politica “;o bella  ma brutti coglionazzi ,contrastando delle leggi ,delle scelte incondivise o proponendo un modello diverso di società e di valori che si dovrebbe fare se non un discorso politico?

La cosa penosa è che in molti  inseguono questa tendenza ed invece di (ri)dare alla politica o almeno riprovare a farlo ,il valore di “amministrazione della polis “per il bene di tutti si lasciano plagiare a monte da questa operazione subdola ,per nulla stupida ,si intende, di  chi  dichiarandosi “non politico”si è piazzato ,bene bene ed ha piazzato servitorelli di vario genere  in tutti i settori  della società  mostrando peraltro ormai più che chiaramente l’aspirazione al potere totale ,al monopolio ,al pensiero unico e persino all’uso della forza.

 E’ ora di svegliarsi ma sul serio.

.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

De- cretini

Post n°1324 pubblicato il 29 Ottobre 2008 da ossimora
 

Approvato il decretino 137

Dopo Cota che dall’alto del suo sorriso preconfezionato e asservito alla causa della molto presunta purezza padana  ha affermato che sulla scuola ci sia stato anche troppo dialogo (e dove l’ha visto …io ricordo consultazioni ,discussioni ,ma in tempi ormai ben lontani!!!) qui, Tremonti ha ordinato e l’anzianotta Gelmini ha offerto  la sua faccia granitica  ,altro che dialogo !!!

Oggi irrompe Bricolo esultante dell’atto di  tracotante arroganza (che sembra piacere tanto tanto agli Italiani che la scambiano per SERIETA’) di non voler andare ad un tavolo per ridiscutere i decreti sulla scuola magari provando a farli diventare una “riforma”,invece di tagli e solo tagli.

Non sono esterrefatta ,non mi aspettavo che ritirassero il decreto  quello poteva succedere in democrazia dove la voce del dissenso ha un peso e non è soltanto offesa ,denigrata ed inascoltata. Non sono esterrefatta ma dispiaciuta ,credo che abbiamo tutti perso un occasione per sederci ad un tavolo e provare a costruire qualcosa di migliore di questi due de/cretini.

Non voglio fare previsioni di alcun tipo anche se me ne ronzano parecchie in testa sulla fine che faranno i soldi dei “Risparmi” .

In ogni caso ci troviamo  domani a ROMA.

MATERIALI  D'INFORMAZIONE SUI DE -CRETINI

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Crani

Post n°1323 pubblicato il 27 Ottobre 2008 da ossimora
 

Mi piacerebbe poter capire come si può parlare con questa gente qui.

Chi sa come fare...faccia un fischio

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Corbezzoli

Post n°1322 pubblicato il 25 Ottobre 2008 da ossimora
 

Insieme al grembiulino ,al voto in condotta ed a i voti come unico parametro valutativo tornano alla ribalta anche espressioni diciamo “desuete”;non che non mi piacciano in assoluto ,anzi ,spesso trovo divertente cercarmi gli arcaismi ed anche utilizzarli .

Facinorosi però mi mancava o meglio mi mancava detto dal Presidente del Consilvio ,in particolare riferendosi a chi più che pacificamente esprime un opinione e lo fa con l’unico mezzo che possiede ;la piazza .

"facinoroso"   dallo schematico  dizionario etimologico  online troviamo: = latino facinorosus da FA'CINUS azione specialm. cattiva che trae dalla stessa base di facinus, FACERE fare (v.q.v.). Scellerato, di Malaffare .

Dal  dizionario della lingua italiana De Mauro  leggeremo: agg., s.m.
1 agg., s.m., che, chi è turbolento, violento, incline a fomentare disordini: giovani facinorosi organizzarono una sommossa, un gruppo di facinorosi
2 agg., che denota violenza, che mira a fomentare disordini: prepotenza facinorosa, condotta facinorosa

Appare evidente che chi non possiede televisioni e giornali e stormi di asserviti non ha che la piazza per esprimersi,fare lezione ,dire cosa ne pensa di ciò che avviene nel palazzo dell’Imperatore ,provare magari anche a fare un’informazione diversa senza sentirsi continuamente tacciare di mentire .

Chiamarlo per questo “facinoroso”e da “quel “ pulpito renderebbe del tutto  plausibile chiamare lui, Al Tappone come fa qualcuno o in altre centinaia di modi che gli si attanagliano a pennello e che ci fanno anche un pò ridere di un figuro che non fa più  ridere ma non ne vale  più la pena e non serve di certo ,l’unica cosa da fare è  ad esempio LEGGERE I DECRETI  (ES :decreto  137 )e confutare nero su bianco  le falsità che spacciano dalle loro pinguissime ,patinate ,miserrime tribune.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Cariche

Post n°1321 pubblicato il 22 Ottobre 2008 da ossimora
 

 Berlusconi dice che manderà  la polizia a caricare gli studenti ,gli insegnanti ,le famiglie,nelle università e nelle strade , ( forse Emilio Fede non gli ha detto che ci sono anche loro ,professori e famiglie a protestare ) probabile che domani dica che è non è stato capito bene,che c’è un equivoco o forse no ,forse davvero siamo arrivati, grazie al suo presunto consenso epocale sul quale non ci si pone nemmeno qualche dubbio alla prepotenza ed all’arroganza più assoluta .

Si fanno leggi malposte ,malscritte e malcondivise che denunciano un ‘ignoranza feroce su tutto ciò che non è” grattare il fondo del barile “ e non si accetta il contraddittorio e la critica, anzi non si ascolta proprio ,si cerca di mettere in cattiva luce chi non aderisce al pensiero unico neo - italiota ,addestrando un gruppetto di servi a ripetere a pappagallo delle giaculatorie ed a montare servizi e foto ad hoc per rimbambire e stordire l’opinione pubblica.

 Cicchittgasparrcapezzonbonaiuti  ci ricordano che loro sono loro e noi non siamo un cazzo (parlamento compreso ,ci proverebbero anche con l’Europa ma lì la musica cambia)

Gasparri si è scagliato contro F. Fazio ,a quando la nuova purga di stampo bulgaro contro quei quattro giornalisti non leccaculo?

Come vogliamo chiamarlo tutto questo?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

COTA

Post n°1320 pubblicato il 21 Ottobre 2008 da ossimora
 

Ieri sera ho visto la tv e dopo molto tempo che fuggivo come la peste, le chiacchiere ed i teatrini politici (telegiornali compresi ), mi sono fatta prendere dal tema ,trattato sulla 7 ,delle cosiddette “classe ponte” ribattezzate poi  “classi/corsi d’inserimento “.

La famigerata mozione a quanto pare ampiamente benvista dagli italiani o da una buona parte di loro (molto molto meno da dirigenti scolastici,pedagogisti ,glottolinguisti) che ha prodotto un nuovo ossimoro che davvero rivaleggia con “bombe intelligenti “ per la sua stridente assurdità la “discriminazione positiva” dell’esclusione che diventa inserimento .

Cota ,il capogruppo leghista (al quale un po’ di ore d’italiano intensivo non farebbero male così tanto per imparare congiuntivi e condizionale,per usare altre parola oltrea a "strumentalizzazione" e scrivere 100 volte alla lavagna  …”i bambini non sono marmellata né burro e non si spalmano (brrrr,orrore ) nelle classi secondo i bisogni.”),primo firmatario ,relatore della mozione, era in evidente difficoltà rispetto alla gente di scuola presente al programma e questo ci sta ,considerando che in genere le presenze governative nei programmi  televisivi ed il modo con il quale viene spalmata (qui va già un po’ meglio pensandoci…)l’informazione sono a dir poco "accomodati" ...

scalpitava e si lamentava di essere stato accerchiato dal pericoloso Lerner ...il  Cota , ma la cosa che in assoluto mi ha fatto più ridere è stato quando il conduttore gli ha chiesto conto della  norma che impedirebbe ai ragazzi stranieri di andare a scuola dopo il 31 Gennaio .

A questo punto il verdecravattato con gli occhi spirtati è saltato su dicendo:

 “Uè.scherziamo ,a quel punto il programma è avanti e cosa ci fa uno straniero in una classe già avanti col programma ??? “

.Questa cosa mi è parsa esilarante e mi vedevo il mio Rudy ,arrivato da Santo Domingo ,forse  a Marzo che in tre o quattro mesi ha cominciato a capire dove si trovava ,ha incontrato e conosciuto i suoi compagni ,gli odori della cucina ,i colori e gli spazi della scuola ,la lingua italian stessa pian piano gli si svelava e in matematica e nel pallone ,subito potè primeggiare e dimostrare la sua bravura invece di starsene per strada .

Il programma già ,questo Cota non deve mai essere entrato in una  scuola primaria e  di certo con le sue risposte/vulgata ha reso ben chiaro che è di ben altro che di “discriminazione positiva”che  si sta parlando,le sperticate adesioni di oggi a questo fantastico programma di inserimento da parte  niente meno  che di quel democraticone di Fini lo confermano in pieno.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Appunti

Post n°1319 pubblicato il 19 Ottobre 2008 da ossimora
 

Ritaglio qualche minuto per rilassarmi (e scrivere mi rilassa) e tirare un po’ il fiato dalle tante questioni che  ho in ballo  in questo periodo .

Mi voglio segnare un po’ di cose che mi sono venute in mente Venerdì partecipando ad un convegno sugli alunni stranieri in occasione  della presentazione di un libro dell’Ufficio regionale dell’Umbria .

Tanti numeri in primis ,dati ;siamo la regione che ha la percentuale di presenze più alta assieme all’Emilia Romagna ,poi i paesi di provenienza ,con un po’ di  sorpresa ho scoperto che i più numerosi sono i cittadini Albanesi a cui fa seguito una gamma che tocca quasi le 190  nazionalità riconosciute dall’ONU.

 Interessante la presenza a macchia di leopardo ,a seconda delle opportunità lavorative ovviamente ;la zona più toccata dall’ultimo terremoto e la ricostruzione massiccia hanno attirato ad esempio nel folignate un bel numero di cittadini Macedoni;interessante questo studio dei flussi e dei perché certi vogliano o sappiano fare certi lavori.

Un prete della “caritas”è intervenuto dicendo :” Molti sono i motivi per ritenere quello che stiamo vivendo un periodo oscuro della storia ,ma ci sono anche motivi per ritenerlo “fertile “e cercare ancora la collettività ed il suo “elan vital” ,ecco uno di questi è questo arrivo di gente dal mondo ,questo incontrare e cercare di relazionarsi pur a volte fra lo sconcerto con persone così distanti.”

 (Se penso ai calci in culo di Borghezio gridati nei comizi capisco perchè sono uscita rasserenata ...)

Tanti interventi di insegnanti ,operatori che si sono trovati in mezzo all’oceano ed hanno cominciato  nuotare come meglio hanno potuto .

Ho notato che mentre tutti gli operatori della scuola ,dirigenti e non hanno messo l’accento sulla pesantezza delle norme che dovrebbero andare a regime dall’anno prossimo (Basti pensare alle due ore,per completare l’orario  che dovrebbero essere pagate ,secondo Aprea dai fondi di istituto !!!) e che certamente peggiorerebbero l’entità degli interventi anche per l’Italiano lingua 2 ;gli operatori che lavorano già nelle cooperative private (terzo settore!.?..*!...) hanno sorvolato…

Nella scuola dell’infanzia e nella primaria è ovvia e concorde che la questione linguistica è importante ovviamente ma non determinante e che il lavoro delle scuole è stato quasi sempre buono a volte eccellente.

E poi la signora che è stata assistente e curatrice degli scritti di Aldo Capitini che ha  delineato in pochi punti la sua idea di scuola e di Intercultura ;partendo dal presupposto che la Multiculturalità è un dato di fatto ; mentre la Interculturalità è solo uno degli aspetti culturali della scuola che esiste sempre  a prescindere dalla presenza o no di stranieri ,perché ogni singolo allievo è un mondo a parte . La storia è frequentata da individui ben diversi fra loro non da culture.

Nel caso della presenza straniera si arricchisce di progetti che vanno ad arricchire  meccaniche operative ;la scuola per rispondere alle urgenze del momento non può che mirare alle competenze da raggiungere in un clima di Incontro,scambio /conflitto mediazione /confronto,discussione ;i cambiamenti velocissimi della società rendono primario il bisogno di “Meticciato consapevole”.

Non “adeguarsi” né noi a loro né loro a noi ;tutti assieme dobbiamo cambiare ,perché sempre ,da sempre ,nella storia delle civiltà nulla resta immutato .Un sano Venerdì ,proficuo ,di collettiva minoranzietà.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ponti calderoli

Post n°1318 pubblicato il 15 Ottobre 2008 da ossimora
 

E’ un  imbarbarimento che ci avvolge come una melassa ,imbarbarimento nel quale si procede per postulati che lasciano il buon senso a ramengo e che certamente daranno frutti avvelenati nel tempo se non saremo  capaci di fare nulla,in qualsiasi modo.

E’ di oggi la storiella leghista ,che chiamar storiella non dovrei perché  trattasi di una mozione approvata dalla Camera ; già questa Lega sempre più razzista ed aggressiva che fa il buono ed il cattivo tempo in un parlamento esautorato e piegato ai soli interessi del presidente del consilvio .

Una Lega cialtrona che accetta silenziosa la pioggia di denaro sulla fallimentare Catania e si lascia ridurre le scuole alla faccia  del federalismo .

Una lega che adesso partorisce questo mostro ,“le classi ponte”,chiamiamole differenziate che è meglio e si rende meglio l’idea ,pian piano ci metteranno anche i portatori d’handicap è naturale ,si deve risparmiare e qui si può farlo non con l’evasione ,li si tace intanto che aumenta.

Gli alunni stranieri non hanno bisogno di classi ponte né autostrada ;hanno bisogno di accoglienza e comprensione ,di affetto e accettazione (che bello ,mi piace  riusare queste parole che non usa più nessuno… altro che egemonia culturale,una minoranza sempre più minoranza !)che certamente passa attraverso la conoscenza della lingua e quindi di facilitatori ,mediatori,sostegno organizzato in piccoli gruppi in una logica legata all'autonomia si potrebbe programmare in casi ben specifici anche una classe/periodo   di transizione  perchè no ed anche di momenti singoli di individualizzazione ma poi hanno ...una classe variata con la quale confrontare i progressi ,giocare ,relazionarsi e cominciare a comprendere dove vivono  e come vivono i coetanei altri da loro.

In questo ennesimo decreto c'è tutta l'ignoranza del "legislatore" sui processi di apprendimento che sono sempre individuali e sociali.

Nelle classi ponte chi ci va  poi? E per quanto tempo ? E con chi? Un russo con un cinese con un magrebino ,un argentino due rumeni  tutti di sei anni o setto o di diverse  età e poi quando hanno imparato un po’ l’italiano e  superano il test? Dove li si rimettono ?E che valore legale ha una classe ponte?Come li impacchettiamo secondo un percorso articolato o basta dargli un voto?

Oggi a scuola con qualche collega ripercorrevamo i periodi dei primi arrivi di alunni stranieri ,quando non avevamo nemmeno  lo Scaffale multiculturale con le fiabe e il materiale plurilingue  ,i programmi al computer ed i facilitatori ma avevamo fatto dei lavori sui paesi di provenienza coinvolgendo le intere classi prima nella conoscenza dell’ospite e poi grazie alle positività del rapporto costruito percorsi individualizzati (se necessario )Chiunque lavori con dei bambini sa bene che il problema della lingua sopratutto a livello di Primaria oltre ad essere fortemente legato all'emotività ed al benessere è un non problema e un bambino in un anno può fare percorsi straordinari tanto più se in una situazione "accogliente".

Eravamo allibiti di quello che ci sta accadendo e pensare che niente di meno che i grandi politici della Lega (per fortuna è di stasera che Maroni ,il pedemontano è stato bocciato dall'Europa sull'arresto dei clandestini ),abbiano proposto questa grande genialata ci perplime non poco.

Unica cosa buona ;prima che questa cosa passi in Umbria io non la subirò ,nemmeno visivamente .

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

riscritture

Post n°1317 pubblicato il 15 Ottobre 2008 da ossimora
 

Ester scrive e scrive .

Nel  suo procedere ondivago le parole frugano la mente ,in quegli sprazzi chimici di serenità  dove è costretta a dividere le sue giornate con chi non riesce a penetrare ed infondo  crede di meritare indulgenza ,in barba all’epoca feroce toccatale in destino .

Ha colto nell’incontro con la sua luna riarsa e splendente, la possibilità di interrompere per sempre il malinconico ciclo dell’incomprensione ,degli implacabili,ripetitivi struggenti accomodamenti di circostanza .

Ha  con fiducia e cuore fresco eluso di soppiatto la censura razionale ed immaginato tutte le meraviglie del creato attraverso il loro creatore stesso;il suo amore .

Era inequivocabilmente dalla parte di ogni singolo accadimento vissuto ,dimentica della natura  spesso accidentale di ogni cosa,convinta nel profondo (credeva ,va beh)che nessuna banale contingenza avrebbe potuto addolorarla.

Aveva sentito ,anche attraverso le parole del suo uomo che quell’amore era stato pre-scritto,che la predestinazione e l’ineluttabilità ne facevano strettamente parte o voleva crederlo o lo credeva davvero ,seppur per poco .

Un abbraccio da ragazzi celandosi ai pettegoli fanali delle macchine davanti alla cappella col Rosso Fiorentino ,la condivisone dei parere sulla  prosaica inutilità di certe raccolte etnografiche ,la voracità bambina di bere ad una fontanella d’acqua .

Un modo di accarezzarla ,un’attenzione sottile,parole sapienti  .

Molto di studiato  ,chissà quante volte ripetuto in un banale copione ma lei era disposta a lasciarsi andare e viveva tutto come una magia .

Ester lo percepiva ma il suo abbandono senza riserve  le aveva fatto respirare e vivere  il luogo del fluido oblio ,la disintegrazione di ogni legge e/o sintassi ; emozioni non solo di pelle ma di materia caleidoscopica ,oltre il piacere ;tanto intensa da non poter essere ricordata nei singoli dettagli, forse perchè alla lunga mutata in un tempo abitato solo di malinconia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

- 2 (palle)

Post n°1316 pubblicato il 13 Ottobre 2008 da ossimora
 

Il famigerato - 1 con il quale ho titoleggiato in occasione della morte di Haider ;morte accidentale avvenuta peraltro per  eccesso di velocità e di potenza della sua vettura cosa che capita a molti insubordinati ipercavallodotati, mi ha scatenato addosso montagne di ipocrisia ,vestita da politicamente corretto e da "sulla morte si stende un velo pietoso" e bla bla bla ...e che palle! 

Mi è capitato spesso in questo periodo di pensare alla morte ,alla sua essenza ,al come la viviamo , ed a quanti valori sappiamo dargli a seconda dei casi .

La morte di un occidentale tre B (benestante - belloccio- bianco)(questa definizione mi mancava ,io di solito usavo BBS (bello,buono e significativo ),vale molto ,ha diritto al silenzio ,al rispetto (rispettare la morte ?...io caso mai le faccio fior di boccacce!!!Poi anche  dopo morto un somaro resta un somaro ,non capisco davvero il fatto che la morte debba ripulire anche la vita di chicchessia )a riti di sobria eleganza.

La morte di un occidentale che lavora in situazione pericolosa vale a volte meno di una scatola di bulloni nuovi ,poi dopo c'è la lisa teoria di rammarico di tutti coloro che piangono il morto e fregano il vivo.

Poi c'è la morte che non conta niente di niente ;è quella dei migranti,quella dei bambini che ogni giorno schiattano per la fame  ed anzi sono certa ( e mi è anche capitato di leggerlo  sia in qualche blog che altrove )che molti si rallegrano vivamente di quesi "allegerimenti",anche solo avendo subdorato che in senso globale ,non essendocene per tutti ,certe morti che molto somigliano a genocidi ,fanno comodo.

Il mio - 1  significa che in mezzo a questa massa di morti quotidiane quella di uno xenofobo la ritengo ,per me ,è ovvio solo per me , poco significante  Vi pregherei di essere meno ipocriti ,se avete da difendere Haider perchè vi riconoscete nelle sue azioni e nelle sue parole fate  solo quello  ( che poi è uscito fra le righe e neanche tanto)non cercate di spostare i termini del discorso sul mio "politicamente incorretto" che poi  in un periodo nel quale guai chi solo vagamente è in odor  di " buonismo" (termine iscritto a forza nel registro dell'indicibile)mi fa proprio ridere,per fortuna .

***

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

-1

Post n°1315 pubblicato il 11 Ottobre 2008 da ossimora
 

Cordoglio anche in Italia. Per il governatore del Veneto Giancarlo Galan "se n'è andato un amico e del veneto". Per il leghista Borghezio "è morto un grande europeo".

A dire il vero

non mi dispiace

per niente ,ma proprio per niente,

anzi  penso il mondo sia un pò più lieve...

cosi' come ogni volta che annega un emigrato nello stretto di Messina mi sembra più insopportabile.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

sos

Post n°1314 pubblicato il 09 Ottobre 2008 da ossimora
 

INOLTRO UNA PROPOSTA GIUNTA DALL' Assemblea Scuole di Bologna:

FERMIAMO IL  DL 137!

Diffondo una iniziativa partita oggi stesso dopo il voto di fiducia sul DL 137, finalizzata a fermare il decreto, in dirittura d'arrivo.
E' molto semplice ma significativa.



SCRIVERE AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI NON FIRMARE IL dl 137.
Maggiori dettagli: andate sul sito www.quirinale.it - cliccate su "la posta" - compilate il format e scrivete il vostro messaggio a Napolitano.

DIFFONDETE: ne stanno arrivando migliaia!

***LA REGIONE  LOMBARDIA  PRECETTA 150 DIPENDENTI PER APPLAUDIRE LA GELMINI. FORMIGONI REVOCHI SUBITO QUESTA ILLEGALITA'

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Assisi e dintorni

Post n°1313 pubblicato il 07 Ottobre 2008 da ossimora
 

Ci pensavo il 4 Ottobre ,quando ho visto al tg regionale il sindaco Cacciari  che portava  l’olio per la lampada votiva della lampada di S. Francesco a nome della regione veneto .

Assisi è bellissima ,lo è sempre stata anzi ,qualche anno fa ,quando il turismo religioso di massa era meno diffuso e gli agriturismi non nascevano come funghi lo era molto di più;ancora c’era un atmosfera ed una luce nei vicoli tutta particolare ,si poteva mangiare qualche succulenta leccornia accompagnata da buon vino in qualche economica osteria e non era difficile vedere comitive che sgranocchiavano un panino sull’erba davanti alla basilica.

 Adesso è tutto leccato ,le viuzze e gli stabili sono completamente ristrutturati ,dopo il terremoto poi anche l’ultima casetta ,l’ultimo convento(ci sono in realtà più congregazioni ,conventi,convitti religiosi che altro) sono rinati a nuovo splendore e la pietra rosa di Assisi vecchia si mescola a quella nuova di zecca.

Non si può più “bivaccare”,né chiedere l’elemosina ,per un panino ed una birretta consumati  in uno degli ormai omologati bar farciti di specialità umbre più o meno inventate si può arrivare a spendere venti euro. I negozi di souvenir mescolano allegramente statuette di tutte le misure del santo  poverello ,coroncine benedette ,crocefissi,tau in legno ,immaginette di Chiara coi posacenere con la foglia di marijuana ,le magliette con le scritte tarocche ,le chincaglierie tardo etniche con le icone dipinte  a mano ,la concorrenza dei padre pii  di ogni misura e il punto Assisi ,le ceramiche e le basiliche mignon con il santo in rilievo.

Tutto piuttosto caro  ed orribile. 

 I parcheggi sono tanti e cari ,così le trattorie ed i bar.

 Una perfetta macchina da soldi .

Come S.Giovanni Rotondo,come Lourdes ,come Medjugorje ,come via della Conciliazione e tanti altri posti simili .

Ha ragione il Papa a dire che i soldi non sono importanti...Solo la parola di Dio è solida...quasi come quella dei lingotti d'oro stipati nelle banche Vaticane ,però prima di dirlo a noi,dovrebbe incazzarsi parecchio con tutto il suo baraccone e  dare ad emigranti e poveri di tutto il mondo l’immenso patrimonio di SRC....minimo.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Durer

Post n°1312 pubblicato il 05 Ottobre 2008 da ossimora
 

Loro sono i veri amanti dei boschi,della flora spontanea ,dell’avifauna e degli animali in genere (compresi i cani che tengono ben segregati e gli uccelli da richiamo che vedi viaggiare in gabbiette mignon).

Loro conoscono bene le impronte degli animali ne distinguono persino le “fatte”e gli eventuali altri segnali che lasciano in giro. Etologi di razza a sentir loro .

“E il fucile?”

”Ah…quello ,è solo un pretesto ,in realtà non si spara quasi più per niente ,lo si fa per stare in compagnia …visto che feste e che strombazzamenti quando si riportano i cinghiali sui cofani delle macchine?...e poi la caccia è un retaggio antico ,l’uomo ce l’ha dentro ,è sempre  stato cacciatore(anche prima della sovrappopolazione e della cementificazione selvaggia debbono intendere) ed inoltre è anche uno sport che fa bene ,si cammina ,(vestiti come marines sul fiume Mekong)si fa il fuoco,si mangia insieme! !“

A parlar coi cacciatori ti si apre un mondo ,capisci chi è che ama davvero la natura e sa goderne ,peccato che a te che forse la ami meno perché priva di fucile,e vestita anche coi colori , quando sei in mezzo ad un sentiero fra i boschi sentire i colpi di fucile inquieta un po’ ,inquietano ancora di più i pallini che ti arrivano vicini o addirittura sui vetri.

Sparano eccome e sparano tanto ed a tutto ,compresi i cartelli stradali e a tutto ciò possa essere un obiettivo ,piante incluse ,sparano e  entrano ovunque ,nei recinti degli animali ,nelle case di campagna più isolate,colgono frutta ,ortaggi ,noci e qualsiasi cosa trovano.

Ma sono potenti ,una vera lobby quella dei cacciatori,armieri e giocattolai per adulti ,sostenuti adesso più che mai dai liberisti/europeisti a fasi alterne ,

pessimi in questo ,come in tutto ciò che fanno.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Noia

Post n°1311 pubblicato il 03 Ottobre 2008 da ossimora
 

 

E’ forse giusto ribadire ,seppur con una certa noia che i Razzisti sono degli idioti ,dei minus habens che in preda ai  loro due neuroni residui amano sentirsi superiori .

E' inutile fare inchieste nelle quali si chiede se c'è o non c'è un emergenza "Xenofobia"in Italia, come sta facendo Repubblica in questi giorni coi suoi sondaggini on line.

Mi sembra chiarissimo che c’è, eccome  se c’è ;gli” italiani brava gente”,sono attaccati come cozze ai quattro luridi soldini che hanno in tasca ed alle loro sicurezze sempre più sfilacciate e non vedono più in là del loro naso,asserviti ad una classe politica di stampo mafioso - medioevale che è ben contenta di spostare l’attenzione da se stessa a scapito dei più disgraziati.

Questo  non soltanto perchè si uccide un ragazzo per un pacco di biscotti (certo era un pericoloso delinquente dice qualche benpensante dei miei zebedei) ,perchè la Municipale sceriffizzata della civilissima Parma  ne picchia un altro come un somaro e neanche per le centinaia di episodi e microepisodi che si perdono per le cronache dei giornali sparsi per le mille città italiane.

Si sente proprio ,nel linguaggio ,nella volgarità del bar ,dell’autobus,della strada,in un imbarbarimento che spinge a chiudersi sempre più.I bambini che fino a qualche anno fa si avvicinavano con curiosità ,un po’ di stupore a chi appariva esteticamente “altro” da loro ,subiscono la violenza del luogo comune ,della banalizzazione adulta ed acefala.

Una bambina si avvicina alla compagna marocchina,dalle treccine curate , perfetta e linda  ,la guarda e le dice “Ti puzzano i piedi “.6 anni …così’ rovinata poverina, ma chissà in famiglia cosa sente … nella stragrande maggioranza dei casi con “marocchino “ si intende una gamma che parte dall’India ,per coinvolgere il sud ed il centro America + l’Africa e navigando in questo marasma geografico in una ignoranza sempre più diffusa ci si sente in diritto di esternare tronfia ,superiore ,imbelle ,miseria.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso