Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

lusimia2005spagetiansa007archetyponFajrgratiasalavidacostanzatorrelli46Rosecestlaviempt2003merizeta21laboratorioatheneojeanlouis_delislestudiodentisticoestepsico_crazia
 

Ultimi commenti

comprendo che tu sia addolorata, ma in ogni caso il tuo...
Inviato da: Luxxil
il 06/02/2017 alle 18:32
 
MANCHI.
Inviato da: Roberta_dgl8
il 11/01/2017 alle 13:52
 
non commento leggo e comprendo
Inviato da: angiolhgt
il 14/12/2016 alle 23:28
 
le Favole al telefono, qualcuna era infilata nel libro di...
Inviato da: several1
il 06/10/2016 alle 17:29
 
Hai ragione , proprio così, ancora non mi capacito di cosa...
Inviato da: ossimora
il 30/09/2016 alle 20:02
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 313
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

kill your television

                     

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

Messaggi di Gennaio 2015

Hungry heart

Post n°2013 pubblicato il 29 Gennaio 2015 da ossimora
 

 



Ho metabolizzato un po’ pensieri e sensazioni del film  Hungry Heart  visto qualche giorno fa al cinema . 

Dopo i giudizi stroncatorii o esaltati da biennale  ( quello dei vegani , quello delle femministe etc etc etc) ovvio  che vederlo da me è sempre l’unica cosa  possibile per farsene un'idea . 

Una New York non luogo , summa di tutte le bruttezze o non bellezze delle megalopoli , delle metropoli , grigia e dura , faticosa . Tutto ha inizio con una coppia che si incontra nel bagno angusto e malaulente  di un ristorante cinese , in una gag  a dir il vero piacevole . L’amore, il matrimonio , un figlio ; il tutto consumato in maniera leggera ma con un velato sottofondo di malinconia , la scelta di vita vegetariana/biologica  e “purista” della madre che degenera in pericoloso eccesso  . Entrambi premiati a Venezia per l’interpretazione , i due protagonisti  mi son piaciuti , così come mi è piaciuta la naturalezza con la quale Saverio Costanzo ha condotto e fatto transitare  la storia da una normalità seppur  scarna e priva di sovrastrutture conformiste ad una sorta di trhiller/horror non privo di premonizioni ed esoterismi , di immagini inconsuete e di finale inaspettato. 

Leggerci grandi teorizzazioni e prese di posizione come molti hanno fatto mi sembra inutile ed inesistente , non a caso si tratta di una storia ,  tratta da un romanzo ( Il bambino indaco di Marco Franzoso ) e come storia va vista  con buona pace di chi aspetta e sopratutto  ricerca la polemica ovunque . Io l'ho visto volentieri , non mi sono annoiata e non ho affatto visto le figure femminili come  terribilmente negative come qualcuno ha detto. 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

23 Gennaio / IERI

Post n°2012 pubblicato il 24 Gennaio 2015 da ossimora
 

Del compleanno

 

In era di facebook , quando giorno poi giorno ti vengono comunicati i compleanni dei tuoi contatti , anche quelli evanescenti  , aggregatesi per far dei giochini scemi , il Paradosso del compleanno trova  serie risposte alla teoria della  probabilità enunciata nel paradosso stesso...

In effetti fra i miei contatti eravamo  ben in tre a  celebrare il compleanno il  23 gennaio !

Nella mia famiglia , dove le feste religiose comandate hanno avuto sempre poco spazio  , i compleanni hanno sempre avuto invece  una certa importanza a partire dai regali , fiori , torte e piccoli rinfreschi .

Io non faccio eccezione e ben difficilmente dimentico il mio e quelli degli altri .Oggi però è stato anomalo , non solo perchè si fa ancora sentire e tanto , il vuoto di chi  per primo mi  cantava gli auguri al telefono…il lavoro ha assorbito buona parte della giornata e non c’erano cenette in ballo visto che gli impegni incombevano così come la voglia di rilassarsi, sono diventata meno "casciarona ".

Però tutti si sono ricordati . In vari modi . Sono contenta . Ho ricevuto piccoli present che mi sono piaciuti (un paio li riceverò domani…) , ho sentito al telefono persone che mi hanno salutato …aggiunto primule colorate per la casa  e qualche candela profumata .Mi è piaciuto tanto un piccolo, prezioso  disegno ed una bella grande foto espressamente stampata , entrambi per me!

 Chi l’anno scorso mi aveva regalato l’e book reader è tornato ad un bel libro cartaceissimo  ...che io abbia mandato dei segnali di disgustino?

 Mi sento coccolata e non ho sonno .Dormirò domattina .

Tira un vento forte, mi sono affacciata e messa per un po’ ad osservare il laser della discoteca qui vicina che fende il cielo .

 E’ iniziato  anche il Carnevale ,pare.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Un inedito Piumini, fantasie.

Post n°2011 pubblicato il 23 Gennaio 2015 da ossimora
 






Prima che tu mi fossi conosciuta
erano fioche ere: dal profondo
di un'infinita assenza sei venuta,
ammutinando di gioia il mio mondo.

Hai occhi celebrabili e tranquilli,
un passo molto attento, una misura,
un'eloquenza lieve, senza squilli,
un corpo mite nella sua avventura.

Io ti ho trovata degna di ogni canto,
come un'alba in tempo di salute
e come foglia germogliata accanto.

Per chi è come te, molte perdute:
estremità opposta del mio pianto,
tappeto per mutanti estasi mute.



Piumini
Poesia n. 300 gennaio 2015
Fondazione Poesia Onlus 2015

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

chiacchiere

Post n°2010 pubblicato il 18 Gennaio 2015 da ossimora
 



Tutto il parlare di questi giorni dopo gli attentati di Parigi , è piuttosto interessante e scremando la  richiesta di pena di morte  evocata dalla Le Pen , le boutade di Salvini e la Meloni  ( sigh ),si trovano anche diversi interventi stimolanti .

Io leggo e mi guardo intorno.

Una ragazza alla quale ho fatto scuola e che ho cercato di difendere per cinque anni da un bulletto che l’apostrofava con epiteti offensivi e/ fortemente discriminanti (marrrocchina con tante erre , scimmia , puzzolente e gentilezze del genere ) non si era mai occupata di Islam e di religione , anzi , tendeva a prenderne le distanze.In questi giorni l’ho vista inneggiare al profeta ed a ribellarsi al grido “je suis charlie” dicendo che lei non può stare con chi offende il profeta. Di più ,mi ha risposto che non è possibile che tutto sia permesso e che la libertà di cui parlo è priva di identità. Tombola.

Bergoglio ha risposto col suo schiaffo ; già mi è stato obiettato , lui , così bonario, non farebbe male ad una mosca ma a parte le gerarchie che non lo amano ( ma chi l’ha eletto???)  e che hanno rabbrividito all’uso della parola “pugno” , insopportabile  ( sembra ) da dirsi per un pontefice , si rende conto ( si si rende conto) del peso che questa uscita avrà fra gli  oltranzisti cattolici ed anche fra i non oltranzisti…?

E’  domenica ,ho sempre pensato a che cosa succederebbe se mi mettessi a debita distanza dal sagrato , certo , a distribuire volantini critici nei confronti di SRC…porgerebbero l’altra guancia o chiamerebbero i carabinieri?

Ormai ho compreso bene che di fedi più o meno cieche , più o meno ispirate è bene non parlare , l’Espresso se n’è accorto questa settimana che c’è intolleranza e mancanza di rispetto dei non - praticanti , io lo so da tanto ed ho imparato a tacere .

La mia impressione è che nel mirino dei terroristi, degli oltranzisti , dei fideisti di ogni razza e colore non ci sia chi offende la/le religioni ma il principio stesso di liberta’ laica e di autodeterminazione dell’essere umano con buona pace di Voltaire.


Lavoro culturale

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Jattura e varie

Post n°2009 pubblicato il 11 Gennaio 2015 da ossimora
 


Raffaellino del Colle pinacoteca Citta' di Castello "Annunciazione"

Le tre monoteiste sono una jattura, non mi stancherò mai di ripeterlo: la prima tende il filo, la seconda lo avvolge, la terza lo recide.

Forma mentis

 

La frase rubata al blog di forma mentis mi piace .

 Ho sempre trovato incredibile che si sia costruito un castello enorme di cose , anche belle , anche di cultura ovvio e ci mancherebbe, partendo dalle tre religioni monoteiste .

Ma come si fa a credere a dei libri“rivelati”… rivelati , scritti e stampati,interpretati ed usati  ma quando ? ma dove ? ma perché?Ho sempre trovato impressionante che esista una laurea   in niente in teologia .Dogmi assurdi dati per sacrosante verità e con una ispirata sfrontatezza  , spocchiosetta se lo si fa notare .

Molti hanno trovato “disgustosa “una vignetta  (bruttarella  esteticamente ) sulle coppie omosessuali del giornale francese colpito al cuore …padre , figlio e spirito santo che si inchiappettano ma …è tutto normale credere all’uno e trino o la trinità stessa è un assurdo ? 

O è già questo molto , molto di più di una vignetta di satira ?

Divertente accorgersi poi che chi ha dichiarato solidarietà al giornale francese per le vignette sul profeta abbia trovato “troppo” quelle su papi e chiesa/religione romana , dove andiamo quindi?

Io sono una che pur circondata da sempre da credenti ho provato spesso a lanciare sassi , anche provocatori ,anche pesanti a volte ; non riconosco l’idea stessa di blasfemia ma sempre di più ho notato che è terreno minato .

La razionalità , lo spirito laico ,l’ agnosticismo si possono calpestare liberamente ma guai toccare le religioni.

 E’ del  tutto normale che l’impiegata della mia banca mi riceva con le immagini di Papa Francesco , PadrePio , un paio di madonne e santini vari dietro la scrivania ed io non possa dire nulla ? Questo  è solo un esempio , ce ne sono a centinaia e più. Zitti ed andare .

Quando sento esprimere qualcuno riguardo ad un opera d’arte o qualsiasi prodotto della mente umana nei termini di “ha anima” mi si rivolta lo stomaco…la passione , la bellezza , risiedono altrove ma  mai e poi si sente dire questa opera “ha , storia , spessore , cervello”!

Che barba santa!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Wolinski e gli altri

Post n°2008 pubblicato il 07 Gennaio 2015 da ossimora
 






Non c'è niente di intelligente da dire a proposito di un massacro
(Kurt Vonnegut)

Sconvolta .



 
Wolinski è colui che conosco di più , ottanta anni di satira e di libertà.
Adesso , a freddo ho voglia di riprendere i miei Linus , tirarli giù , depolverarli , rileggerlo lui ed i suoi personaggi un pò eterei .
Mi auguro davvero che la Francia sappia nutrirsi dei suoi  atavici valori di libertà e non consegni la palla alla repressione ed alla Le Pen .
Quanto all' Italia ci siamo , già i titoli di Libero sono agghiaccianti ;   la Meloni e Salvini  pronti con la bava alla bocca , esternano ed incitano alla " caccia al clandestino" , già anche il clandestino nato in Europa ...mmm


 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Prima domenica 2015

Post n°2007 pubblicato il 05 Gennaio 2015 da ossimora
 



Mi ha fatto uno strano/buon/curioso  effetto,  la teoria di file di persone in attesa alle porte dei musei  statali  , nella prima domenica gratuita  del 2015 , Roma e Firenze come Parigi !
Premesso che non lo farei mai , non potrei ( solo una volta mi sono sottoposta ad una lunga fila , per Durer alle Scuderie del Quirinale …ma non potevo fare diversamente , non avevo alternative se non la rinuncia  e non me ne sono pentita  ) , l’idea stessa di “fila “ , di imbottigliamento evoca in me immediatamente eventi catastrofici,  carestie , le tessere annonarie  di memoria fascista , quelle alle quali mio nonno disse  di no  , rischiando pure  e facendo bene ...poi una certa claustrofobia...
Mi sembra anche una buona cosa , un anelito popolare verso la bellezza racchiusa nelle nostre gallerie , una  comprensione più o meno forte dell’eccezionalità del nostro patrimonio artistico . 
Non mi sembra però che il prezzo degli ingressi ai nostri musei sia così proibitivo da costringersi  in massa a vedere le opere , le pitture , i gruppi scultorei  in una calca bisbigliante e ciondolante. 
Per me condizione necessaria per godere di una bella mostra , di un museo è avere attorno il silenzio e la pace  , semplicemente raggiungibili con una oculata scelta del giorno giusto per la visita ed una modica cifretta.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso