Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

amici.futuroieriQuartoProvvisorioCherryslgianor1jigendaisukeossimoraFajrje_est_un_autresurfinia60lascrivanaPerturbabileStratocoversmariomancino.mdeborahconlahdiamante961
 

Ultimi commenti

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 317
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

 

« Appunti di lettura 2021Appunti di lettura 2021 »

Appunti di lettura 2021

Post n°2198 pubblicato il 02 Febbraio 2021 da ossimora

Il popolo degli alberi - Francesco Pacifico,Hanya Yanagihara - ebook
N.6 
Hanya Yanagihara
Il popolo degli alberi 
Feltrinelli

Ci ho messo quasi un mese a leggere questo poderoso libro e debbo ammettere che la lunga parte dedicata alla vita sull'isola tropicale l'ho trovata , faticosa, eccessiva ;così come a tratti avevo trovato ipertrofico l'altro , celebratissimo libro della Yanagihara  "Una vita come tante" .
Come già successo al precedente anche il "popolo degli alberi"mi ha lasciata piena di sentimenti contrastanti ; da una parte ammirata dalla straordinaria capacità narrativa ed immaginifica, vulcanica , rutilante della scrittrice ; dall'altra colpita dall'orrore che sembra essere una cifra , una sua  scelta ; raccontare il non raccontabile .
"Il popolo degli alberi si ispira ad una storia vera , quella di un virologo (Daniel Carleton Gaydisck, che nel 1976 vinse un premio Nobel per aver identificato una malattia mortale in una tribù della Papua Nuova Guinea  e che venne  in seguito arrestato per pedofilia per aver abusato sessualmente dei bambini che aveva adottato).
Nel romanzo la figura speculare è Norton Perina che scopre "La sindrome di Selene", una malattia che ritarda l'invecchiamento ma conduce inevitabilmente alla degenerazione delle facoltà mentali . 
Scoperta sull'isola micronesiana di I' Vu , durante una spedizione di antropologi e dello stesso medico /ricercatore . 
La sindrome si contrae nutrendosi delle carni di una speciale tartaruga dell'isola e le persone che se ne nutrono possono vivere molto di più della norma. 
La scoperta naturalmente  nonostante il non da poco effetto collaterale ( la demenza ) ha un risalto enorme nella comunità scientifica, vale il nobel per la medicina a Norton ma anche la devastazione dell'isola pian piano in preda agli appetiti di case farmaceutiche , ricercatori più o meno preparati e di importatori selvaggi di usanze diverse da quelle dei nativi.
 Norton durante i suoi viaggi adotta 43 figli nell'isola , sottraendoli alla povertà assoluta e facendoli crescere e studiare negli Usa .
Solo a distanza di anni alcuni di loro e sopratutto Victor , forse il più "salvato " di tutti riveleranno di essere stai molestati negli anni.
Il libro è corposo , si ripercorre l'infanzia di Norton , gli studi , il college , il lavoro in laboratorio , le amicizie , le idoisincrasie , i periodi  nell' isola .
Solo nella parte finale si prende contatto con tutti i bambini di cui Norton si era preso cura e ci si trova inspiegabilmente , inaspettatamente di fronte alla storia di un pedofilo.
La Yanagihara lo racconta senza dare giudizi quasi semplicemente  a ricordare che nel coacervo dell'umanità ci sono anche loro ed il loro modo di amare .
Devo dire che in certe sfumature e commenti sui bambini dell'isola,oltre alla descrizione di  certe cerimonie rituali iniziatiche pian piano c'è stata un'alea di attenzione verso i bambini che è aleggiata in diversi momenti della storia 

Norton aveva sempre trattato il tempo come un mare , una distesa di moto senz a fine , uno specchio e questo sogno "tempo di mare "lo chiamava , era diventato un tormentone e un modo per parlare di argomenti che sperava un giorno di approfondire perchè al momento presente non poteva . Nel "tempo di mare" avrebbe coltivato felci tropicali .Nel tempo di mare avrebbe letto biografie , Avrebbe scritto la sua ."

"Il disinteresse è un modo delicato per eliminare ogni ansia potenziale "

"...Una aveva una sabbia fine che anche dopo averla tolta da camicie e pantaloni il giorno dopo mi ritrovavo a spolverarmi i vestiti e a scrollarmi i capelli , un altra era disseminata di pigne invisibili cadute dalla frangia di goffi ispide alberi dal legno duro che orlava il lungomare e ogni passo era un piccolo inevitabile dolore ,un altra aveva una sabbia del colore e la consistenza dello zucchero bagnato , a toccarla era grezza melmosa, appiccicosa...

C'erano talmente tante sfumature e toni di verde - serpente, afide , pera , smeraldo mare, erba , giada , spinacio, bile, pino , millepiedi , cetriolo , tè in infusione , tè crudo . quanto è inadeguato il nostro vocabolario quando si tratta  di colori .

E siccome non fosse vestito ,come d'altronde tutti gli altri ; il capo avanzava nella foresta e dal portamento sembrava coperto di gioielli e di mantelli, la schiena dritta come se dovesse sostenere metri e metri di velluto cremisi , il lungo spesso collo sembrava sostenere corde d'oro e metalli tempestati di diamanti 

"Eravamo in una prigione di alberi , ci avevano fatto da guardie e riconobbi tutto ciò da cui ci avevano tenuti lontani ; luce , aria , vento , aria , suono , spazio: le cose che ogni essere vivente desidera con tutto se stesso. "

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: