PIANO TRAFFICO UNIVERSIADI 2019: RESTANO LE PERPLESSITA’ DI CASA DEL CONSUMATORE (INTERVISTA AL RESPONSABILE CITTADINO DOTT. CARLA DE CIAMPIS)

L'immagine può contenere: Carla de Ciampis

Dopo il caos/traffico di venerdì 28 giugno conseguente al varo del piano viabilità predisposto dal Comune di Napoli per le Universiadi, da sabato 29 giugno è stato predisposto un nuovo percorso che lunedì 1 luglio, con la riapertura delle attività commerciali e lavorative, testerà la propria efficacia. Sulla scia delle polemiche dei giorni scorsi, abbiamo dato la parola al Dottor Carla De Ciampis, responsabile cittadino di Casa del Consumatore, che da diverse settimane sta lanciando allarmi inascoltati sulle probabili ripercussioni negative che il piano avrebbe avuto sulla viabilità, penalizzando i comuni cittadini.

 

Dottore alcune settimane fa lei espresse le proprie perplessità riguardo i problemi di viabilità che si sarebbero potuti presentare per i cittadini durante le Universiadi, se non fosse stato studiato dal Comune un corretto piano di viabilità. Purtroppo queste suoi dubbi hanno trovato conferma con il caos che si è verificato venerdì scorso con l’entrata in vigore del piano, costringendo i responsabili a rivederlo il giorno dopo. Alcuni giorni fa ha scritto una lettera a diversi giornali, rimarcando la sua sfiducia.  È il caso di dire “nemo profeta in patria”?

Partiamo dalla fine: la lettera a cui fa riferimento è stata l’atto conclusivo di una presa di posizione personale iniziata ai primi di giugno quando fu varato e reso pubblico sui siti istituzionali il piano traffico per le Universiadi. Non appena lo visionai notai subito che presentava diverse criticità a scapito del comune cittadino e provai a contattare anche via Facebook i responsabili delle istituzioni per confrontarci civilmente, senza purtroppo ricevere nessuna risposta. A questo punto, poiché il piano era già stato varato, era inutile fare una richiesta di convocazione. Per cui ho esternato le mie perplessità confidando che qualcuno mi avrebbe risposto.

Su quali basi si fondano le sue perplessità?

Sul fatto che da circa dieci anni Napoli è sprovvista di corsie preferenziali a causa dei lavori della Linea 1 della metropolitana. Com’era possibile pensare che strade ridotte al lumicino per via dei  cantieri per la metropolitana, strade che sono state lottizzate in buona parte dalle strisce blu con conseguente restringimento delle corsie e delle carreggiate, potessero magicamente non rivelarsi un problema per i cittadini all’atto in cui si sarebbe varato un piano viabilità per le Universiadi che giustamente prevedeva la creazione di corridoi preferenziali per il transito dei pullman che trasporteranno gli atleti dal Molosiglio a Fuorigrotta e viceversa? Con questi elementi di base non riuscivo a capire come si sarebbe fatto e quindi mi meravigliavo di come gli organizzatori e i responsabili amministrativi potessero aver trovato magicamente la soluzione. Quando c’è stata la prima attuazione del piano le mie perplessità si sono concretizzate: chiudendo le strade alla pubblica viabilità per creare i corridoi per gli atleti, relegando i cittadini in un’unica corsia tutto è subito andato in tilt!

Tra ieri e oggi sembrerebbe che la situazione sarebbe un tantino migliorata in quanto, proprio in virtù del caos di venerdì, i sensi di marcia che hanno creato tanti problemi ai cittadini, sarebbero stati nuovamente invertiti. Si aspetta domani, quando riprenderanno le attività lavorative e commerciali, per vedere se effettivamente i problemi sono stati, almeno in parte, risolti.

Ribadisco, le mie perplessità nascono dal fatto che da dieci anni a Napoli non esistono corsie preferenziali che in questo caso sarebbero servite anche per il trasporto degli atleti. In carenza di questo non capisco come abbiano potuto pensare di far circolare decine di pullman, macchine, taxi per il trasporto degli atleti senza penalizzare i cittadini!

Allo stato attuale quali sono le sue aspettative in merito?

Stamani sui quotidiani cittadini leggevo che il Comune ha preso atto che il piano così com’è non va bene, avallando dunque le mie ritrosie.

Quando all’epoca lei segnalò il problema al comune ricevette risposta?

No! In questi casi, come dico sempre, il comune cala dall’alto le ordinanze. Mi spiego: con l’ordinanza 269 del 26 giugno, dunque varata appena quattro giorni fa, il Comune per 21 giorni  vieta sia il transito che la sosta in aree specifiche perfino ai residenti muniti di regolare permesso i quali non lo hanno avuto gratuitamente ma lo hanno pagato, senza minimamente preoccuparsi di sopperire al disagio fornendo ai malcapitati la possibilità di parcheggiare gratuitamente in garage con cui preventivamente il Comune stesso si sarebbe dovuto accordare, stabilendo un prezzo di comodo per garantire a chi ne ha diritto la possibilità di parcheggiare e sostare laddove risiede.  Mi sarei aspettata quanto meno questo. Se non addirittura che, così come gli operatori delle Universiadi sono stati dotati di abbonamenti gratuiti per i mezzi pubblici, per i cittadini sottoposti ai disagi della viabilità e del parcheggio il Comune prevedesse degli abbonamenti a un costo speciale per tutta la durata del periodo dei giochi in modo da indurli a non doversi spostare con l’auto. Altra criticità che a mio avviso renderà difficile la viabilità ai napoletani durante le Universiadi è che da luglio scattano le ferie per molti operatori del settore dei trasporti su gomma e su ferro. Non a caso la funicolare che collega Mergellina a Via Manzoni resterà chiusa dal 30 giugno a settembre per lavori di manutenzione. Ora mi chiedo, possibile che in vista di un evento così importante come le Universiadi i lavori non potessero slittare alla fine dei giochi, dando la possibilità a chi viene dalla zona collinare della città di muoversi  senza grosse difficoltà?

Come responsabile dell’associazione consumatori lei cosa chiede?

Innanzitutto che per l’organizzazione di un evento così importante si fosse adoperata la filosofia del buon padre di famiglia, ponderando tutti i punti di vista, partendo dai commercianti ai cittadini agli atleti e a quanti si muoveranno attorno ai giochi, tenendo ben presente tutte le situazioni di sicurezza. Quando hanno rifatto il manto stradale del corridoio per il trasporto degli atleti lo hanno rifatto non solo riempiendo tutte le buche e cancellando i rattoppi, ma hanno cassato anche la segnaletica orizzontale. Attualmente il manto stradale è una lunga strisciata di nero priva di strisce pedonali anche in prossimità dei semafori. Poiché il piano originale prevedeva delle anomalie rispetto a quello attualmente in corso, in molte zone c’è una segnaletica che non corrisponde più al reale senso di marcia. Ad esempio Viale Gramsci: il percorso originale lo prevedeva a doppio senso e sull’asfalto c’è la segnaletica relativa. Con il piano attuale, sotto esame da domani, Viale Gramsci torna a essere a senso unico, malgrado la segnaletica orizzontale indichi il contrario. Ma pare che già starebbero provvedendo a modificarla proprio in questo momento…

In conclusione cosa si sente di dire?

Se si fosse adottato il buonsenso, personalmente non avrei varato un piano dall’alto, bensì lo avrei studiato e sperimentato molte settimane prima dei giochi. Domani, quando mancheranno solo  tre giorni all’inizio delle Universiadi, si testerà la validità del nuovo piano viabilità. Se dovesse fallire, dovrà funzionare per forza, con buona pace dei cittadini! Mi lasci aggiungere un’ultima cosa: pare che l’attuale piano preveda per un tratto di strada la commistione tra il corridoio per il trasporto degli atleti con il traffico privato. Se davvero fosse, mi chiedo se, così facendo, non si minerebbero le elementari regole per la sicurezza degli atleti e degli stessi cittadini?…

PIANO TRAFFICO UNIVERSIADI 2019: RESTANO LE PERPLESSITA’ DI CASA DEL CONSUMATORE (INTERVISTA AL RESPONSABILE CITTADINO DOTT. CARLA DE CIAMPIS)ultima modifica: 2019-06-30T21:23:14+02:00da kayfakayfa
  1. Sabato ho assistito ad un brutto incidente alla Metro di Mergellina forse x questo piano universiadi…segnaletiche assurde
    .
    Mi aguro che stia bene la ragazza soccorsa. X il resto devo dirvi la verità…arrangiatevi voi….Non avete capito nulla…..Napoli sta crollando……la state svuotando….Ma ci rendiamo conto che tra Vesuvio e Solfatara come stiamo messi….
    Siete dei pazzi e incoscienti…..vi auguro solo di cadere nelle vostre buche e si salvi chi può……siete incompetenti……tutti a casa……..manco la calzetta sapete fare…..Quindi girate i pollici una volta a destra e una volta a sinistra….

    Una cittadina pensionata che ha sempre pagato le tasse…senza poter usufruire di servizi…..dove sono? Vergognatevi di cosa avete fatto e di cosa state facendo……

Lascia un commento