LUCIA3

IL REIKI MASTER LUCIA FATTORE CI SPIEGA COSA È IL REIKI

In una società come la nostra sempre più allo sbaraglio in quanto priva di punti di riferimento stabili o, laddove ci fossero, talmente fragili che basta un nulla perché si dissolvano come neve al sole, è in costante aumento il numero di persone alla ricerca di stabilità interiore e fisica che non esita a rivolgersi alle discipline alternative come lo yoga, lo shiatsu, il reiki e altro per ritrovare se stesse. Purtroppo anche in questo settore abbondano disonesti e cialtroni che, approfittando delle fragilità e insicurezze della gente, mirano ad arricchirsi o ad appagare le proprie smanie recondite a danno di chi vi si rivolge speranzoso. Per cercare di fare luce su questo mondo affascinante ma tuttora ignoto, ci siamo rivolti al reiki master Lucia Fattore.

Lucia da quanti anni sei reiki master?

Da venti anni, ma mi occupo di tecniche naturali da quarant’anni.

Cosa è esattamente il reiki?

Il reiki è una tecnica naturale di riequilibrio energetico. Fra noi addetti diciamo che si tratta di una tecnica di guarigione perché riequilibrando il nostro sistema energetico si aiuta quanti vi si rivolgono a stare meglio e quindi a guarire prima o a non ammalarsi. […]

PER LEGGERE L’INTERVISTA IN VERSIONE INTEGRALE CLICCARE QUI

copertina

SAN PAOLO SPORT DAY, È QUI LA FESTA

Arrivati a una certa età nella vita bisogna incominciare a fare i conti con gli acciacchi del tempo. Fu così che il 2 febbraio del 2019 il medico sportivo, dopo avermi misurato per ben due volte la pressione, non mi diede l’idoneità agonistica, sospendendo la visita perché i valori arteriosi erano superiori alla norma. Aggiunse che dovevo rivolgermi al mio medico curante perché mi prescrivesse la pillola per la pressione che avrei dovuto prendere tutti i santi giorni e di ripassare da lui tra due settimane per ripetere la visita. Alla mia domanda se potessi nel frattempo continuare a correre, rispose di sì raccomandandomi di non forzare.

Per quasi un anno ho sempre rinviato la visita, malgrado le insistenze dei miei amici perché la facessi in modo da fare qualche gara insieme. Questo tira e molla è durato quasi un anno. Finalmente il 3 dicembre l’ho rifatta e superata senza problemi, ottenendo l’idoneità. A quel punto il primo pensiero fu di iscrivermi alla decima edizione della SAN PAOLO SPORT DAY che si sarebbe svolta il 29 dicembre. La caratteristica di questa gara è che corri per dieci chilometri senza mai imbatterti in un’auto o qualsiasi altro veicolo a motore. Per due volte devi completare un circuito di cinque chilometri composto da un giro intero della pista di atletica del San Paolo, quindi esci all’esterno dello stadio per entrare nella Mostra d’Oltremare correndo nel verde per quasi tre chilometri. Rientri nello stadio, fai un nuovo giro della pista, rientri nella mostra per poi completare la gara all’arrivo allestito sulla pista dello stadio. Per queste sue caratteristiche la San Paolo Sport Day è una gara che mi piace molto. Quest’anno poi l’idea di correre nello stadio completamente rinnovato per le universiadi tenutesi a luglio e solcare la pista di atletica finalmente degna di questo nome – quella che c’era prima definirla vergognosa è un eufemismo – mi stimolava particolarmente. Per cui, non appena ricevetti l’ok dal medico, feci la runcard e mi iscrissi. […]

PER LEGGERE LA VERSIONE INTEGRALE CLICCARE QUI

ANNAMARIA LIBRO

LA SCRITTRICE/POETESSA ANNAMARIA VARRIALE SI RACCONTA

Mercoledì 22 gennaio alle ore 17,30 presso la Biblioteca Comunale di Bacoli, a Villa Cerillo, si presenterà il volume di poesie L’INCERTO VOLO DELL’ANIMA di Annamaria Varriale, edito da HOMO SCRIVENS. Relatori: Nicola Magliulo e Costanzo Ioni. Modererà Aldo Putignano.  Musiche di Elda Salemme.

Interverrà il Sindaco di Bacoli Josi Gerardo Della Ragione.

Per l’occasione abbiamo intervistato l’autrice.

Annamaria Varriale si sente più una poetessa prestata alla narrativa o viceversa?

In verità non saprei rispondere, per me hanno importanza e valenza uguale. Scrivo e, a seconda del momento e del bisogno che ho di comunicare i miei stati d’animo e sentimenti, alterno l’una e l’altra.

Il primo amore è la narrativa o la poesia?

Probabilmente la poesia visto che fin da che ero bambina mi divertivo a scrivere poesiole.

Da dove nasce la voglia di pubblicare una raccolta di poesie dopo un romanzo che ha riscosso e sta riscuotendo tanti consensi sia di pubblico che di critica? (ERAVAMO TANTO RICCHI ha avuto una bella recensione dal regista Pupi Avati) […]

PER LEGGERE L’INTERVISTA COMPLETA CLICCARE QUI

310x0_1411494656906_Carlo_Santillo

OMAGGIO A CARLO SANTILLO IL CARONTE DEL LAGO D’AVERNO.

Con piacere e nostalgia ripropongo l’intervista che nel 2004 feci a Carlo Santillo, il Caronte della Grotta della Sibilla sul Lago d’Averno, per conto del BOLLETTINO FLEGREO allora diretto dal professor Antonio Alosco. Purtroppo da diversi anni don Carlo ha sospeso l’attività causa gravi problemi di salute dovuti non solo all’umidità della grotta. Oggi la Grotta è in assoluto stato di abbandono e degrado. Che io sappia non si prevede di riaprirla!

Ancora oggi, a distanza di oltre cent’anni, sul lago d’Averno esiste una figura per tanti aspetti mitica che, nonostante la veneranda età, si prodiga con tutte le sue forze per proseguire una tradizione familiare ufficialmente iniziata verso la fine del XIX secolo. Stiamo parlando di Carlo Santillo, ACCOMPAGNATORE DELLA GROTTA DELLA SIBILLA IN LOCALITA’ AVERNOcome è segnato sul biglietto da visita dietro cui don Carlo ha fatto stampare il tracciato da percorrere in auto per raggiungere la grotta da Napoli via tangenziale.

Conobbi don Carlo un pomeriggio di giugno 2004 mentre passeggiavo intorno al lago godendomi la quiete del posto. Giunto all’altezza del viale che conduce alla grotta, la mia attenzione fu attratta da una comitiva di ragazzi che dal sentiero si riversava sulla via. Incuriosito mi incamminai sul viottolo ombrato da una fitta vegetazione. Percorso pochi metri, giunsi davanti alla spelonca. All’interno scorsi un uomo anziano spazzare con cura l’atrio illuminato dai riverberi di luce. Continuando a ramazzare, l’uomo volse su di me il viso magro adorno di occhialini attraverso cui scintillavano gli occhi sottilmente indagatori. Un berretto da caccia gli copriva il capo. Nonostante il caldo indossava un giubbetto di stoffa per proteggersi dall’umidità che ristagnava nella grotta.

“Buongiorno”, mi salutò accatastando al suolo un mucchio di sporcizia. “Volete visitare la grotta?”

“Sono solo e non voglio disturbarvi”.

“Nessun disturbo. Lasciatemi finire e vi accompagno.”

Zoppicando si avvicinò a una nicchia scavata nella roccia per prendere da una cassa di legno la paletta.

“Da poco è andata via una scolaresca, forse l’avete incrociata venendo” disse raccogliendo con fare certosino la spazzatura. “I turisti non hanno alcun rispetto, disseminano mozziconi e cartacce dappertutto. E a me tocca ogni volta ripulire perché la grotta sia presentabile”.

“La grotta è vostra?”.

“No. Io faccio solo l’accompagnatore. Venite!”

Lo seguii verso la parete interna del cunicolo dove era infissa una mensola con su poggiate delle lampade da campeggio. Ne accese una e me la porse. “Tenete, senza queste non si va da nessuna parte. State attento a non bruciarvi.” Ne accese un’altra per sé, prendendo anche quella spenta, aggiungendo: “Per emergenza, non si può mai sapere!”

Accompagnati da quell’incoraggiante viatico ci avviammo incontro al mistero. Man mano che avanzavamo nel buio alla luce delle torce, don Carlo mi parlò della grotta.

“Scoperta durante gli scavi archeologici promossi dai Borbone nel 1750 e successivamente nel 1792, la grotta è lunga duecentocinquanta metri ed è famosa per la sua discesa agli inferi, un budello scavato a gomito nella roccia che conduce a un corso d’acqua. In passato il fiumiciattolo si guadava trasportati sulle spalle di un moderno Caronte per visitare le stanze della Sibilla sull’altro versante oggi raggiungibile a piedi.”

“Chi era questo moderno Caronte?” chiedo incuriosito.

“Lo stesso accompagnatore! Fino al 1930, epoca in cui mio padre completò l’intero scavo del cunicolo, consentendo l’ingresso alle stanze direttamente a piedi, la grotta era lunga circa la metà, e per giungere lì dove si presume fosse la Sibilla bisognava attraversare il corso d’acqua sul fondo della cavità” dice fermandosi davanti a un cunicolo che si incunea nelle parete.“Vi faccio strada!” […]

PER LEGGERE LA VERSIONE INTEGRALE DELL’INTERVISTA CLICCARE QUI

gily lux

Da Lux In Fabula Clementina Gily parla di Bruno e ipotizza la vera identità di Shakespeare

Pozzuoli

Con la presentazione del volume IL RINASCIMENTO DI GIORDANO BRUNO – IL MIELE E LE ARAGOSTE di Clementina Gily Reda, edito da STAMPERIA DEL VALENTINO, sabato 11 gennaio è ripreso il ciclo di incontri QUATTRO CHIACCHIERE CON L’AUTORE organizzato da Lux In Fabula.

Per l’occasione la sede storica dell’associazione dislocata sulle Rampe Cappuccini è stata affollata da un pubblico attento e interessato che ha ascoltato senza mai interrompere, se non per porre qualche domanda o avere chiarimenti in meriti, l’autrice che per oltre un’ora e mezza ha parlato del suo libro, il primo di una serie dedicati a Giordano Bruno. […]

PER LEGGERE LA VERSIONE INTEGRALE DELL’ARTICOLO CLICCARE QUI

 

{{title|{{Adam and Eve}}}}1526{{Technique|oil|panel}}{{Size|cm|117|80}}

E SE CI RISCOPRISSIMO VEGETARIANI?

Nonostante la medicina moderna, per bocca di illustri luminari di fama internazionale incluso il compianto Umberto Veronesi, affermi che se abolissimo dalla nostra dieta la carne, praticando un regime vegetariano, ridurremmo notevolmente il rischio di ammalarci di cancro, accrescendo sensibilmente la qualità della vita, la stragrande maggioranza di noi continua a nutrirsi prevalentemente di cibi animali, per lo più carne, dimostrandosi sordo a questi appelli.

C’è da chiedersi se tale sordità non sia indotta da chi ha tutto l’interesse che l’uomo continui a sbagliare ad alimentarsi, e quindi ad ammalarsi, per trarne profitto dalle cure alle quali dovrà poi sottoporsi per guarire;  martellandoci quotidianamente con programmi televisivi e articoli di giornali dove grandi chef o personaggi dello spettacolo, della cultura, dello sport, della politica improvvisandosi per un giorno cuochi, esaltano la bontà della carne, del latte e dei suoi derivati, facendo venire l’acquolina in bocca agli spettatori e ai lettori proponendo piatti dalle infinite e succulente variabili; vanificando gli ammonimenti di chi, dati scientifici alla mano, dimostra quanto venefico sia per l’uomo nutrirsi di carne.    […]

PER LEGGERE L’ARTICOLO IN VERSIONE INTEGRALE CLICCARE QUI

anima-suprema-dio-padre-shiv-800869

QUEL MISTERO CHIAMATO ANIMA

Al di là dei distinti aspetti dogmatici e ritualistici che le caratterizzano, che io sappia, non esiste al mondo nessuna religione che non contempli la credenza dell’immortalità dell’anima. Quella particella individualizzata di Dio che, per un’ignota ragione, avrebbe necessità di incarnarsi in un corpo umano o animale per vivere l’esistenza materiale  allo scopo di acquisire consapevolezza della propria divinità e adoperarsi, attraverso un processo catartico indicato nei vari testi sacri, di ritornare alla Fonte da cui deriva per condividerne in coscienza la beatitudine e la grandezza che da essa sprigionano.

Questa visione universale distingue tra un principio immortale (l’anima) e uno mortale, strumento dell’anima, (corpo), di cui l’anima si disfarebbe con il sopraggiungere della morte, per ritornare da dove deriva. […]

PER LEGGERE LA VERSIONE INTEGRALE CLICCARE QUI

NATALE

RISCOPRIAMO LE ORIGINI PAGANE DEL NATALE

Tra poche ore sarà Natale, giorno dell’anno in cui i cristiani festeggiano la nascita di Gesù figlio di Dio. Che le origini del Natale siano di matrice pagana, lo deduciamo dalla data in cui lo si festeggia: il 25 dicembre è a cavallo col solstizio d’inverno, momento dell’anno in cui il sole nell’emisfero nord della terra, nei giorni che vanno dal 22 al 24 dicembre, sembra fermarsi in cielo, fenomeno tanto più evidente quanto più ci si avvicina all’equatore. In termini astronomici, in quel periodo il sole inverte il proprio moto nel senso della “declinazione”, cioè raggiunge il punto di massima distanza dal piano equatoriale. Il buio della notte raggiunge la massima estensione e la luce del giorno la minima. Si verificano cioè la notte più lunga e il giorno più corto dell’anno.
Subito dopo il solstizio, la luce del giorno torna gradatamente ad aumentare e il buio della notte a ridursi fino al solstizio d’estate, in giugno, quando avremo il giorno più lungo dell’anno e la notte più corta. Il giorno del solstizio cade generalmente il 21, ma per l’inversione apparente del moto solare diventa visibile il terzo/quarto giorno successivo. Il sole, quindi, nel solstizio d’inverno giunge nella sua fase più debole quanto a luce e calore, pare precipitare nell’oscurità, ma poi ritorna vitale e “invincibile” sulle stesse tenebre. E proprio il 25 dicembre sembra rinascere, ha cioè un nuovo “Natale”. […]

PER LEGGERE L’INTERO ARTICOLO CLICCARE QUI

fountain-pens-1393967_960_720

PENNE STILOGRAFICHE, QUANDO LA SCRITTURA DIVENTA UN GESTO EROTICO

Per quanto concerne la scrittura, personalmente ritengo che non vi sia nulla di più piacevole che scrivere con la penna stilografica. Nell’attimo in cui le ditta della mano impugnano quell’oggetto elegante dalla struttura affusolata, culminante nella stringente doratura del pennino, avviene una vera e propria simbiosi tra chi scrive e la penna che si trasforma in protesi attraverso cui trasfondere su carta i propri pensieri per renderli noti al mondo; un amplificatore dell’anima.

Osservare l’eleganza delle parole svolazzanti, tratteggiate sulla carta mentre l’inchiostro fluisce dal pennino come acqua dalla sorgente, ha un vago sapore erotico comparabile a un orgasmo maschile che riversa il seme nel grembo della donna amata ingravidandola. […]

PER LEGGERE L’INTERO POST CLICCARE QUI

fotogruppo

CORSO DI INGLESE, GUAI A PARLAR MALE DEI GIOVANI

La decisione di seguire un corso di inglese base, dopo aver completato quello di operatore data entry con certificazione EIPASS, presso il CONSORZIO NUOVE FRONTIERE derivò dal bisogno di darmi un obiettivo giornaliero che desse un senso alle mie giornate da disoccupato: da quando ero stato licenziato, in seguito alla cessazione dell’attività dell’azienda con cui avevo lavorato per ben trentadue anni, necessitavo di nuovi stimoli per affrontare una situazione non certo facile.

Poiché della possibilità di lavorare non c’era traccia, parlando con chi già s’era trovato ad affrontare una realtà come la mia, mi fu suggerito che, nell’attesa trovassi un nuovo impiego, fare un corso di formazione professionale avrebbe arricchito le mie conoscenze, rendendo più cospicuo il mio cv al fine di essere un tantino più competitivo nel mondo del lavoro in barba all’età.

Dopo circa due mesi di corso come operatore data entry, quando venni a sapere che a novembre sarebbe iniziato quello di inglese base che rilasciava solo l’attestato di frequenza, poiché in tante offerte di lavoro che vagliavo si richiedeva una buona conoscenza della lingua, ritenni che valeva la pena provarci. Parlai della mia intenzione con Claudia, una delle colleghe del corso data entry, la quale non solo ritenne che fosse una buona idea, ma decise di provarci anche lei.

PER LEGGERE L’INTERO ARTICOLO CLICCARE QUI