Sabato 12 marzo all’Art Garage di Pozzuoli (Parco Bognar, 21 –Pozzuoli/Na, nei pressi della stazione della metropolitana di Pozzuoli Solfatara), per la rassegna fotografica Foto ArtinGarage curata da Gianni Biccari, si è inaugurata la mostra fotografica di Alma Carrano “… e questa è un’altra storia”. La mostra, che si protrarrà fino al 24 marzo, sarà visitabile dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 21; il sabato dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20. Domenica chiusa. Per l’occasione abbiamo intervistato Alma Carrano

… e questa è un’altra storia: all’ArtGrag

Sabato 12 marzo all’Art Garage di Pozzuoli (Parco Bognar, 21 –Pozzuoli/Na, nei pressi della stazione della metropolitana di Pozzuoli Solfatara), per la rassegna fotografica Foto ArtinGarage curata da Gianni Biccari, si è inaugurata la mostra fotografica di Alma Carrano “… e questa è un’altra storia”. La mostra, che si protrarrà fino al 24 marzo, sarà visitabile dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 21; il sabato dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20. Domenica chiusa. Per l’occasione abbiamo intervistato Alma Carrano  

Come nasce Alma Carrano fotografo?

Tardi. Da ragazza iniziai a fare riprese cinematografiche grazie a una cinepresa corredata di tutta l’attrezzatura che papà acquistò da un amico ottico per aiutarlo in un momento di difficoltà. Alla fotografia mi sono avvicinata quando mi sono sposata grazie a una macchinetta analogica che mi fu regalata per l’occasione. Da lì iniziai a fotografare durante i viaggi che facevo. Ma il punto di svolta è stato il corso fotografico che ho fatto con Augusto De Luca al quale devo tutto il mio entusiasmo fotografico.

Alma tu vivi di fotografia?

No, ero un insegnante di materie scientifiche, la fotografia è un hobby.

Quando hai iniziato ufficialmente la tua attività fotografica?

Abbastanza recentemente seguendo un’amica fotografa, Francesca Sciarra, partecipando ai laboratori FIAF e frequentando la Flegrea Foto grazie alla quale, attraverso Tiziana Mastropasqua, ebbi modo di partecipare a un workshop dove dovevamo ritrarre una ballerina che danzava.

PER LEGGERE LA VERSIONE INTEGRALE DELL’INTERVISTA CLICCARE SU www.vincenzogiarritiello.it

Questo post inaugura una serie di racconti in cui ho intenzione di narrare, servendomi del supporto fotografico, dei tanti episodi simpatici che mi sono capitati durante la mia attività di runner. Spero che i protagonisti non se l’abbiano a male se li cito esplicitamente. Ovviamente se a qualcuno tutto ciò dovesse dare fastidio, basta che me lo facesse sapere e sarà mia premura attuare una modifica, limitandomi a raccontare i fatti utilizzando nomi di fantasia.

“Mi scusi signor Punziano, non l’avevo riconosciuto.”

Questo post inaugura una serie di racconti in cui ho intenzione di narrare, servendomi del supporto fotografico, dei tanti episodi simpatici che mi sono capitati durante la mia attività di runner. Spero che i protagonisti non se l’abbiano a male se li cito esplicitamente. Ovviamente se a qualcuno tutto ciò dovesse dare fastidio, basta che me lo faccia sapere e sarà mia premura attuare una modifica, limitandomi a raccontare i fatti utilizzando nomi di fantasia.

Sabato 15 giugno 2014 a Telese si correva l’ottava edizione del Trofeo Città di Telesia. Con un gruppo di amici – Antonio, Mauro, Nunzio e Silvio –”Mi scusi signor Punziano, non l’avevo riconosciuto.” alle tre del pomeriggio partimmo da Pozzuoli per partecipare alla gara il cui inizio era previsto per le sette di sera.

Il cielo plumbeo e neri nuvoloni all’orizzonte confermavano le pessime condizioni del tempo segnalate dal servizio meteorologico: quel pomeriggio sulla Campania si sarebbe scatenato un nubifragio.

Giunti a Maddaloni, all’altezza del Ponte della Valle, i monti all’orizzonte striati dalla pioggia non alimentavano vane speranze: il brutto tempo avrebbe condizionato la gara.

Ciononostante, le rincuoranti parole di Antonio – “Ho casa a Bocca della Selva: da questa parti fa sempre così ma poi subito passa!” – e di Mauro – “Prima di scendere ho visto le previsioni, spioverà poco prima della partenza!” – ci facevano ben sperare. […]

PER LEGGERE LA VERSIONE INTEGRALE DEL  POST CLICCARE SU www.vincenzogiarritiello.it

Venerdì 23 luglio la poetessa flegrea Annamaria Varriale ha vinto il campionato di poesia Ischia Poetry Slam svoltosi nello splendido scenario di Forio d’Ischia, sulla terrazza del museo civico del torrione Giovanni Maltese, meritandosi l’accesso alla finale nazionale che si svolgerà prossimamente a Milano nella Casa Alda Merini.

Annamaria Varriale vince l’Ischia Poetry Slam

Venerdì 23 luglio la poetessa flegrea Annamaria Varriale ha vinto il campionato di poesia Ischia Poetry Slam svoltosi nello splendido scenario di Forio d’Ischia, sulla terrazza del museo civico del torrione Giovanni Maltese, meritandosi l’accesso alla finale nazionale che si svolgerà prossimamente a Milano nella Casa Alda Merini.

L’evento, organizzato dall’Associazione Culturale Radici di Forio, presieduta da Luigi Castaldi, è stato condotto dalla scrittrice Carla Abenante.

La Varriale, non nuova a simili exploit – lo scorso ottobre ha vinto il concorso di poesia “L’amore: arte e sentimento” bandito e organizzato dal Circolo Letterario Anastasiano di Giuseppe Vetromile -, si è affermata dopo un acceso confronto con una nutrita griglia di poeti di alto livello tanto che la giuria ha avuto non poche difficoltà a esprimere le proprie preferenze. [… +

PER LEGGERE LA VERSIONE INTEGRALE CLICCARE SU Vincenzo Giarritiello

download

RAGGIOLO, LA CASTAGNATURA AL TEMPO DEL COVID

Malgrado l’emergenza covid abbia sconvolto la vita di tutti noi, in tanti grazie a internet, in particolare ai social, abbiamo scoperto e stiamo scoprendo la possibilità di continuare la nostra vita sociale in virtuale.

Sicuramente ritrovarsi al di là di uno schermo di un PC, di un telefonino o di un tablet non è la stessa cosa dell’incontrarsi a tu per tu in un bar, per strada o a casa per scambiare quattro chiacchiere tra amici.

Tuttavia nell’attesa che l’emergenza sanitaria passi, possiamo affermare che grazie alle chat molti di noi durante il lockdown non solo hanno avuto la possibilità di continuare a lavorare e studiare tranquillamente, si fa per dire, da casa, ma anche di proseguire la propria vita sociale formando gruppi di chat con gli amici di sempre, facendo nuove amicizie perché in quei gruppi spesso c’erano sconosciuti con cui si è simpatizzato.

Idem è accaduto e sta tuttora accadendo per molti enti, sia pubblici che privati, e associazioni culturali che hanno dovuto sospendere le proprie attività al pubblico, reinventandole in rete.

Seppure organizzare la presentazione di un libro, un convegno, un dibattito, una mostra e quant’altro non è la stessa cosa che farlo dal vivo, questo tipo di soluzione, paradossalmente, garantisce l’accesso e l’interazione all’evento di un pubblico molto più vasto rispetto a quello che realmente presenzierebbe dal vivo.  […]

PER LEGGERE L’INTERO POST CLICCARE SU www.vincenzogiarritiello.it

f1_0_manifestazione-dei-negazionisti-del-covid

“DI COVIDDI NON CE N’È”… FINO A CHE NON TOCCA A ME.

Tra amici e conoscenti ne ho alcuni che hanno contratto il covid o hanno un parente che si è infettato. Fortunatamente molti di loro ne sono usciti indenni, sottoponendosi semplicemente all’isolamento casalingo. Altri, purtroppo, sono stati costretti a dover ricorrere alle cure ospedaliere.

Il perché di questa disparità di trattamento me lo hanno spiegato alcuni medici di mia conoscenza: “se il virus non ti attacca ai polmoni, i sintomi equivalgono poco più a quelli di una normale influenza e nel giro di un paio di settimane ritorni alla normalità. Se invece hai la sventura che si estenda ai polmoni, devi solo ricoverarti, non hai alternative!”.

Malgrado di queste testimonianze ve ne siano un’infinità – perfino di convinti negazionisti ricredutesi dopo essersi ammalati di covid e essere stati per settimane in terapia intensiva –  tanta gente continua a negare l’esistenza del virus, affermando allegramente “di coviddi non ce n’è!”.

Mi è stato raccontato di un negazionista che candidamente ha confidato di aver avuto in estate la febbre alta per più giorni, senza mai preoccuparsi di fare un tampone per appurare se avesse il covid: “dopo alcuni giorni, sono stato bene! Se anche si fosse trattato del virus, è passato da sé. Che vuoi che sia?”.

Il soggetto in questione non è stato minimamente roso dal dubbio di poter aver funto da untore all’epoca, né d’essere tuttora portatore del virus, tanto “di coviddi non ce n’è!”. […]

PER LEGGERE LA VERSIONE INTEGRALE DEL POST CLICCARE SU www.vincenzogiarritiello.it

sibilla-cumana-michelangelo

LA SIGNORA COL CAPPELLO

Da quando il lockdown imposto dal governo per arginare l’epidemia di covid era terminato e si poteva nuovamente uscire di casa, per smaltire i chili di troppo presi durante la reclusione casalinga, aveva coltivato l’abitudine di recarsi a piedi al lago d’Averno, fare un paio di giri dell’intero perimetro dello specchio d’acqua e poi ritornare a casa.

Durante quelle lunghe passeggiate aveva imparato ad apprezzare non solo la frescura del luogo ma anche l’importanza storica e archeologica che lo caratterizzavano. Documentandosi su internet aveva appreso che il bacino era di origine vulcanica; che l’etimo del nome “averno” era greco e significava “senza uccelli” per indicare la mancanza di volatili nel luogo conseguente alle esalazioni venefiche che anticamente si levavano dall’acqua, uccidendo ogni creatura che avesse la sventura di sorvolarne la superficie.

Questo fu il motivo per cui sia Omero nell’Odissea che Virgilio nell’Eneide vi avevano localizzato l’ingresso all’Ade. Sempre lì nel 37 a.C. il generale romano Marco Vespasiano Agrippa, richiamato a Roma da Ottaviano in lotta contro Sesto Pompeo, decise di costruire un canale tra il mare e il laghi di Lucrino e d’Averno perché vi stazionasse la flotta romana, dando origine al Porto Julius così chiamato in onore di Ottaviano.

Tra le tante grotte scavate dai romani sulla collina che cingeva il bacino  – la più famosa era la grotta di Cocceio, opera dell’architetto Lucio Cocceio Aucto, lunga quasi un chilometro che congiungeva il lago con Cuma – quella che lo affascinava era la pseudo grotta della Sibilla, da anni abbandonata nel degrado più assoluto: per decenni fu considerata la residenza della Sibilla cumana, fino a quando Amedeo Maiuri non scoprì l’antro dell’acropoli di Cuma, affermando dall’alto della propria autorità che quella era la vera grotta della Sibilla mentre l’altra era una delle tante cisterne costruite per rifornire d’acqua la flotta romana. […]

PER LEGGERE LA VERSIONE INTEGRALE DEL RACCONTO CLICCARE SU www.vincenzogiarritiello.it

ILSEME

IL SEME

Elio abitava al secondo piano di un prefabbricato dalla forma cubica. La palazzina apparteneva a un complesso di case istituzionali, dall’uniforme geometria, edificato sulla collina alla periferia della città per accogliere gli sfollati del terremoto. Da lontano l’agglomerato urbano trasmetteva un’intensa sensazione d’aridità. Sede di rancori, odi, rabbie, disperazioni, delusioni. Un ghetto che, all’approssimarsi delle elezioni, si trasformava in ambita riserva di caccia per i politici locali che vi si recavano in pompa magna col loro seguito di ruffiani analfabeti e camorristi per farsi carico dei malumori della gente. Sfoggiando dentature ingiallite e mal curate, pance prominenti, sigari puzzolenti tra le labbra. Ma soprattutto, falsi sorrisi. Seguiti da un’intensa scia di costosissimo profumo. Reprimendo a stento il disgusto per il degrado alla cui creazione avevano contribuito con i loro maneggi per arricchire i propri conti in banca e quelli dei loro amici, sfacciatamente si recavano casa per casa, barattando impossibili promesse in cambio di un “semplice ” voto, pagando un’utenza, regalando una spesa o lasciando un obolo di 50€ al padrone di casa.

Sebbene gli abitanti del quartiere fossero consapevoli vittime di quell’eterna commedia, ogniqualvolta la farsa si ripeteva, accoglievano calorosamente il teatrante di turno. Esternando le proprie preoccupazioni e speranze, gli offrivano una fumante tazza di caffè o dell’ottimo vino, quello per le occasioni speciali. […]

PER LEGGERE LA VERSIONE INTEGRALE DEL RACCONTO CLICCARE QUI

Free picture () from https://torange.biz/fx/strawberry-christmas-wallpaper-new-2020-tree-44723

L’ANNO CHE VERRÀ

Dunque, ci siamo quasi! Dopo un cammino circolare di 365 gradi, o giorni, fate voi, anche il 2019 si avvia mestamente a compimento tra botti, schiamazzi, canti, balli e, perché no?, orgasmi – anche questi servono per rendere meno amara la vita, o no? -, lasciando spazio al nuovo anno.

Chi più chi meno, tutti ci apprestiamo a salutare l’arrivo del 2020, proponendoci di essere migliori e di fare meglio rispetto al 2019. A tale scopo ognuno, in cuor suo, tira le somme per valutare qualitativamente com’è stato l’anno che volge al tramonto; se nel corso dei giorni che ne scandivano il cammino fosse riuscito, del tutto o solo in parte, a realizzare gli obiettivi che si era prefissato poco prima che iniziasse, proprio come sta facendo ora, con il 2020 ormai alle porte. […]

PER LEGGERE LA VERSIONE INTEGRALE DELL’ARTICOLO CLICCARE QUI

 

Giancarlo De Luca in mostra all’ARTGARAGE

de luca copertina

Dal 9 al 15 novembre è in esposizione presso l’ARTGARAGE di Pozzuoli la mostra fotografica di Giancarlo De Luca, PER GRAZIA RICEVUTA- IL CULTO DELLE ANIME PEZZENTELLE. Un viaggio attraverso i luoghi del culto dei morti a Napoli. La mostra è arricchita da un delizioso catalogo curato da Francesca Paola Cilento. Durante l’inaugurazione, che si è pregiata dell’intervenuto introduttivo dell’antropologo Aldo Colucciello, abbiamo intervistato l’artista.

Giancarlo De Luca fotografo per passione o per professione?

Per passione, anche se mi verrebbe da dire per malattia perché è molto più di una passione

Nella vita di cosa ti occupi?

Lavoro in banca […]

PER LEGGERE L’INTERVISTA IN VERSIONE INTEGRALE CLICCARE QUI