Creato da e_d_e_l_w_e_i_s_s il 16/06/2012

C'est la Vie

Il bello, il brutto ... e il così così

 

« vintage, che passione!* l'ordine fa la libert... »

l'Italia si è (s)fatta?

Post n°556 pubblicato il 21 Febbraio 2017 da e_d_e_l_w_e_i_s_s
 

 

Questi i dati:

3,4 miliardi da restituire in tempi strettissimi è l'ultimatum che l'Europa ci chiede.
Una manovrina normale per uno Stato che s'è atteggiato negli anni a potente nazione e intanto ha saputo svendere al miglior offerente le sue ricchezze e il suo prestigio. Una manovrina che peserà, eccome se peserà, eccome se la sentiremo, noi gente comune.

Un PD che monopolizza le testate di ogni tg : scissione o non scissione: questo è il problema!In fondo che ce ne frega di avere un partito in più: deteniamo il record mondiale in fatto di fazioni politiche che poi, fossero fazioni! Invece spesso diventano patetiche coalizioni per una spicciolata di voti in più che poi, puntualmente, vengono ignorati. Perché in questa democrazia (?) il volere dell'elettorato non fa testo, già da anni, ormai.

Roma non ha pace, anche lei da anni ormai:  la Raggi , giustamente o ingiustamente, è nel mirino: combina guai,  non fa niente e sbaglia tutto, anche a respirare e le polemiche vanno a nozze.

I tassisti? Quelli scioperano da 6 giorni. E come se non bastasse anche gli ambulanti sono sul piede di guerra.
Non sono civili le bombe di carta e neppure il tirapugni , men che meno le cariche fra forze dell'ordine e scioperanti che lasciano sul campo di battaglia qualche ferito.

E che dire delle mediazioni che il governo tenta con Alitalia, ex compagnia di bandiera, peraltro già in parte svenduta?

Ci mettiamo pure la buona scuola?

Aggiungiamo che di sanità si rischia di morire?

Rincariamo con gli atti di vandalismo? Ultimo l’aver appiccato il fuoco alle palme, decorazione  controversa, in Piazza Duomo a Milano
.

Ricordiamo il numero di aziende o esercizi commerciali  che chiudono?

O di banche che, fallendo,  hanno messo sul lastrico azionisti e piccoli azionisti?



















La nostra bella Italia è risultata peggiore della Malesia.

L’Italia si è (s)fatta  e gli italiani ?


In mezzo a questo ambaradan mi chiedo e vi chiedo , come l’araba fenice,  questa cara nostra vecchia Italia si risolleverà un giorno e se sì  da che ripartirà ?

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Edelweiss12/trackback.php?msg=13505084

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
carloreomeo0
carloreomeo0 il 21/02/17 alle 21:42 via WEB
Hai dipinto un quadro tragico, ma che purtroppo rispecchia fin troppo fedelmente quanto sta accadendo in questo Paese. Quanto vorrei poterti dire che sono fermamente convinto che questa nostra Italia risorgerà dalle sue stesse ceneri e che questa sorta di risorgimento partirà proprio dal popolo, ma sono troppo realista per potertelo anche solo scrivere. Buona serata.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 22/02/17 alle 18:04 via WEB
in effetti, sai, mentre lo scrivevo mi sono chiesta se per caso ero io disfattistica. perchè dici bene, sai: è tragico il quadro italiano e non si vede neppure all'orizzonte nessuna parvenza di risorgimento. buona serata a te, ciao
 
hrc.rossano
hrc.rossano il 21/02/17 alle 22:10 via WEB
Sinceramente non nutro troppe speranze,per il semplice motivo che gli italiani son troppo apatici o,al massimo, protestano fra di loro senza pero' poi reagire in qualche modo.Teniamo pero' presente che pero',per alcuni,questa situazione va anche bene (non sto qui ad elencare le categorie anche perche'mi sembrano evidenti)...Ciao P.S.: ti sei dimenticata di elencare l'invasione di migranti che subiamo ogni giorno (unica in tutta Europa) non solo tollerata,ma addirittura incoraggiata per favorire tutti quelli che ne ricavano un guadagno...
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 22/02/17 alle 18:14 via WEB
sì, Ross. , ho dimenticato un po' intenzionalmente un po' distrattamente il problema angoscioso migranti, aumentato, secondo le stime, del 44% in un anno. ecco, penso però che non sia quello il problema se l'Italia si è (s)fatta così.
sono invece allineata al tuo pensiero per cui in genere gli italiani si sono malati di apatia, hanno messo da parte la grinta, sono appiattiti e accettano ormai l'inaccetabile. protestare non serve, scioperare non ha più il senso che aveva un tempo... il nostro pane quotidiano sembra essere il niente da fare e così sia... ciao Ross. ^__*
 
chiedididario66
chiedididario66 il 21/02/17 alle 23:05 via WEB
Come puoi vedere,si interessano di stare incollati al cadreghin,che agli interessi del popolo.sono come i ladri di Podenzano,che di giorno litigano e di notte vanno rubare insieme.questa e' l'Europa.questa e' la globalizzazione.questo è il mercato libero.siamo diventati piu' poveri.ripeto siamo gli schiavi degli yankee.perché siamo arrivati a questo punto: perché l'economia gira sul petrolio.le riserve del petrolio finiranno nel 2030.prova immaginare la ricaduta o l'effetto che avrà.e' una risposta alle attuali problematiche delle ultime ore,come hai citato.immagina l'indotto del petrolio. Auto,aerei,camion,trattori agricoli,moto,caldaie.tutti questi mezzi sono prodotti da macchinari e i macchinari da altri macchinari.troppo consumismo dal dopo guerra.abbiamo consumato le risorse della terra.perché? Perché non doveva entrare la Russia,allora gli usa hanno messo soldi per costruire quello che ci hanno distrutto.grazie de Gasperi.alla forca la dc.questa e' solo una sintesi di quello che volevo dire.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 22/02/17 alle 18:22 via WEB
...già, questa è l'Europa, e noi dentro l'Europa chi siamo? che ci facciamo? chi serviamo? da chi siamo 'comandati' e a chi sta bene che siamo lì mentre ci illudono che valiamo... un 2emezzo di picche? in realtà siamo diventati poverissimi.
tu, Dario, trovi le motivazioni andando indietro fino alla vecchia DC, sicuramente abbiamo sempre vissuto sopra le nostre possibilità, ma io punterei l'indice verso chi ci ha fatto entrare in Europa, illudendoci che l'euro sarebbe stata la nostra salvezza ed entusiasmandoci sul libero mercato...infatti siamo sempre più poveri e sempre meno padroni in casa nostra. un sorriso grande, ciaooo
 
gabbiano642014
gabbiano642014 il 22/02/17 alle 10:23 via WEB
Analizzando fiscalmente la situazione,bisognerebbe ricreare un dibattito di coincidenza non solo nel Pil,ma anche nei tassi di disoccupazione.Questo permetterebbe la rivalutazione dell'Euro,il nostro saldo commerciale aumenterebbe con una maggiore produttività e rivalutazione nelle esportazioni. Migliorare la nostra Italia sicuramente è iniziare un nuovo modello politico con obiettivi validi da perseguire...Ci proviamo...
 
gabbiano642014
gabbiano642014 il 22/02/17 alle 10:24 via WEB
Buona giornata Elena..:)
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 22/02/17 alle 18:28 via WEB
ci proviamo, Patty? come vorrei dirti sì, proviamoci! perchè hai 1000euna ragione, ma non sta a noi singoli cittadini in balìa di 'sto gran casino a provare.
iniziare un nuovo modello politico sarebbe un miraggio! ma modello politico concreto, di fatti non di parole. tagliando di brutto molta zavorra di partitini improduttivi copiati uno all'altro, senza programmi , che portano solo bagarre e fanno sorridere oltre confine. forse sarebbe anche la soluzione dei mali perchè quando uno Stato è a questi livelli la faccenda si fa molto pericolosa e la Storia insegna.
bella serata a te, ciao :-)
 
   
gabbiano642014
gabbiano642014 il 23/02/17 alle 09:06 via WEB
Ci proviamo..Siamo nuovamente chiamati in causa per le prossime elezioni politiche..
 
     
gabbiano642014
gabbiano642014 il 23/02/17 alle 09:07 via WEB
Buona giornata Elena:)
 
     
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 23/02/17 alle 21:21 via WEB
nel 2018...di sicuro...sarò ben curiosa di vedere che succederà. ciaooo Patty, un sorriso :-)
 
monellaccio19
monellaccio19 il 22/02/17 alle 11:32 via WEB
Mi posso limitare a condividere con te la drammatica situazione di questo paese. Sulle responsabilità mi astengo e prendo...tempo. Ciao Elena, una serena giornata.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 22/02/17 alle 18:30 via WEB
condividiamo, Carlo, la drammaticità della faccenda italiana. non ci resta altro. buona serata, ciao :-)
 
satanona
satanona il 22/02/17 alle 11:51 via WEB
Sono profondamente arrabbiata e di malumore perchè mai avrei creduto che ci saremmo ridotti in questo stato e credo che la ripresa sia soltanto un'utopia..buona giornata
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 22/02/17 alle 18:32 via WEB
su una cosa siamo concordi, Asia: sull'utopia...e questo è grave! no, non perchè siamo d'accordo, eh! ma perchè siamo d'accordo sull'utopia ... un sorriso, ciaooo :-)
 
woodenship
woodenship il 22/02/17 alle 19:21 via WEB
Perdona,mia cara amica,il sorriso che m'è spuntato in volto,leggendo il tuo post:abbiamo passato momenti ben peggiori.Gli anni settanta non sono stati una passeggiata.E le tue stesse parole si potevano leggere su lettere ai giornali ogni giorno.Le uniche differenze che mi vien da segnalare,sono quelle che non c'è più la guerra fredda ed è venuta meno la speranza in un futuro che avrebbe dovuto emanciparci dal lavoro e dai vecchi retaggi culturali di una società fondamentalmente maschilista e paternalistica.All'oggi rimane che,se siamo senza direzione e sempre più disorientati,lo si deve al comune sentire degli italiani,del cosiddetto popolo italiano:più propenso ai populismi ed al chissenefrega,piuttosto che all'interesse per la cosa pubblica.Le manifestazioni dei tassisti di questi giorni sono proprio l'emblema di questa società che approfitta in tutti i modi del pubblico,senza per questo riconoscergli un ruolo di guida e di mediazione.I tassisti sono concessionari di licenze gratuite che,nelle loro mani,assumono il valore di capitale privato.I politici hanno lasciato per decenni che questa anomalia si radicasse.Ed ora la cosa risulta impossibile da sanare.Un servizio pubblico non può essere gestito da privati.Lo si è sempre saputo e la vicenda dei tassisti lo dimostra.Ma si è spacciata la verità che fosse lo stato la causa di simile sfascio.nASCONDENDO LE RUBERIE DEI PRIVATI. cOME dimostra anche il caso Alitalia.Come hai giustamente segnalato tu:il problema non sono i migranti. Io ci aggiungerei e nemmeno l'europa,ma noi italiani:per troppi anni si è lasciato fare e si è taciuto,adesso ci rendiamo conto di non valere nulla e si invoca l'uscita dall'Europa.Ma abbiamo idea di cosa valiamo senza l'ombrello dell'euro?Come andiamo a contrattare con Trump, con la Cina, con la Russia,con l'India(hai visto come ci hanno trattato per i marò?).Quello che ci sfugge ancora è che è passata la politica delle cannoniere.Ed ora tutto si svolge per macroaree economiche.Noi rischiamo di diventare ancor più irrilevanti di come una classe politica dirigenziale ed economica ci ha fatto diventare.Però,ricordiamoci sempre che ogni popolo ha i politici che si merita.Evidentemente noi meritiamo questa mucillagine.Ma anche negli altri paesi non stanno meglio.Quindi il problema di fondo credo che vada ricercato nell'incapacità e nell'impreparazione dei governi e delle classi dirigenziali nel gestire la globalizzazione...........Un bacio scintillante di stelle..........W..........
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 23/02/17 alle 21:28 via WEB
sorrido anche io perché leggendoti mi viene in mente un prof. , che spiegandoci i corsi e ricorsi storici, sosteneva che ogni popolo ha il governo che si merita. amara verità, probabilmente.
negli anni '70 stavo lettaralmente a pettinare le bambole: ero piccola e li ricordo come anni in cui qualcuno scioperava, c’erano scontri in piazza e qualcuno faceva la guerra fredda che nella mia testa di bambina la localizzavo fra i ghiacci e le nevi.
poi, crescendo ho scoperto che in quegli anni erano gli anni di piombo, che la guerra fredda non era in montagna e che però si investiva sul mattone, non c’era crisi edilizia - casomai si costruiva perchè era permesso anche dove non era da costruire- , non c’era disoccupazione, anzi le aziende nascevano e assumevano e cercavano manodopera. per me che ho vissuto quegli anni con la spensieratezza di bimba non viene da paragonarli a questi nostri anni drammatici economicamente, socialmente, politicamente, lavorativamente.
forse non ho idea di cosa varremmo senza l'ombrello euro, però ho idea di cosa non valiamo dacchè abbiamo l'euro. vedo un'Italia svenduta e impoverita, vedo un'Europa che come collante non ha neppure la lingua.sento parlare di globalizzazione ma io tutta 'sta globalizzazione mica la noto e, non perchè l'erba del vicino è sempre più verde, ma farei a cambio con altre realtà europee. buonissima serata...W...:-)
 
   
woodenship
woodenship il 24/02/17 alle 17:44 via WEB
Vedi mia cara amica,arriviamo da un periodo in cui ci hanno illuso ed abbiamo lasciato fare che ci illudessero:siamo sempre stati un paese sul filo dell'arretratezza.Subito dopo la seconda guerra mondiale eravamo sempre con il cappello in mano a chiedere l'alemosina.Poi ci ful il boom economico,dovuto essenzialmente alle condizioni di favore accordateci dagli americani,soprattutto per l'importanza strategica del nostro paese.Ora questa rendita di posizione è venuta meno.Dobbiamo confrontarci con le altre nazioni per quello che siamo e valiamo.Molti,troppi,dimostrano di non averlo ancora capito.Lo spettacolo che ci offre l'Europa non è certo dei migliori.E non ci sono certezze sul fatto che vada meglio dentro o fuori di essa.Ma una cosa è certa:dalla frantumazione non ne viene nulla di buono,soprattutto per i più deboli.E noi non siamo di certo una grande potenza da nessun punto di vista...Bacio più che mai..........
 
     
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 24/02/17 alle 18:04 via WEB
mi piace molto l'analisi che hai fatto,...W...e per certi versi la condivido.
anche la Germania era uscita dalla seconda guerra mondiale distrutta, annientata e con un bagaglio fortemente al negativo.
oggi, abbiamo valenza solo per la strategica posizione geografica. l'Europa ci ha dato l'ultimatum perchè abbiamo un debito pubblico esagerato e una ripresa a mo' di bradipo e ci ha chiesto ( leggi ordinato) un piano di riforme credibili. sicuramente la frammentazione non porta nulla di buono agli Stati poco rilevanti, ma neppure lo stare dentro ha portato finora grandi benefici.ma tant'è... grazie infinite per gli spunti di riflessione che lasci qui e su cui mi induci a pensare. buon pomeriggio,...W... :-))
 
diogene51
diogene51 il 22/02/17 alle 22:46 via WEB
Ciao, Elena! Stavo per risponderti congratulandomi col tuo blog che si apre sempre senza mostrarmi il dannato proxy error e invece, quando ho cercato di rispondere, tacchete. Anche Libero sta andando a rotoli, mi sembra. A parte gli scherzi, sono ben consapevole della situazione che ha aspetti anche più gravi di quelli che tu hai elencato e di cui pensavo di parlare in un nuovo post. Le cause? Mah! Forse l'individualismo estremo, il familismo, il nepotismo, la mancanza di serietà, di vera condivisione civile, tutte cose che sono sia nella gente che nei nostri rappresentanti. Io vorrei che ci interrogassimo in coscienza: ma se uno si trovasse improvvisamente a guadagnare con poco affanno oltre 12.000 euro, oltre a vari ammennicoli con cui arrivare quasi al doppio, libera circolazione su treni e autostrade, ristorante a 5 euro, ecc., ci rinuncerebbe facilmente? I pochi che rinunciano a una parte per il loro partito son detti populisti. Un volta erano i deputati del pc che ci rinunciavano e per questo erano stimati e rispettati. Poi c'è una generale miseria morale, gli sghei sono diventati l'unico metro di paragone, c'è chi non si vergogna a chiederti 30 centesimi per l'acqua del cane, come ho letto, e non è che un piccolo sintomo. La scuola è allo sfascio, per troppo tempo si è detto che la cultura e l'apprendimento non servivano, che andava avanti chi conosceva le persone giuste, chi aveva amici importanti e lo Stato non ha fatto niente per dimostrare il contrario. I capaci e i meritevoli. Ma c'era chi col presalario universitario si comprava la macchinetta. Gli impiegati pubblici sono da anni sbeffeggiati e derisi, non sono i furbetti del cartellino? Nessuno fa niente contro l'evasione fiscale, che ammonta secondo uno studio estero a 190 miliardi (miliardi) l'anno e secondo la Confindustria a 130, hanno anche ridotto i controlli. C'è gente che dichiara meno di 10.000 euro e possiede il jet privato (il jet, non il suv) e si potrebbe continuare. Mah, per uscire ci vorrebbe un grande scossone, altro che scissione del PD... Serata di serenità, carissima!
 
 
hrc.rossano
hrc.rossano il 23/02/17 alle 18:22 via WEB
Non tutti gli impiegati statali sono i furbetti del cartellino come dice lei.Incomincio a rompermi le scatole di questi luoghi comuni,dovrei forse allora pensare che tutti i muniti di partita iva evadono le tasse? Non credo proprio...Bisognerebbe informarsi meglio prima di sparare sentenze,si eviterebbe cosi' di scrivere cose senza alcun senso.Tra parentesi i furbetti del cartellino mi risulta che facciano parte del personale comunale che non e' statale...Personalmente non ho mai rubato un minuto allo stato e,come ripeto,son stufo di essere accomunato a parassiti vari...
 
   
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 23/02/17 alle 21:35 via WEB
ullalà! perbacco...^___*
su una cosa hai ragione, Ross: sulle generalizzazioni. sono post it che non dovrebbero mai essere appesi a nessuno e a nessuna categoria. perché così come ben sottolinei tu, non tutti i liberi professionisti sono evasori, anzi, la maggior parte non lo è proprio! così come non tutti i dipendenti pubblici ( comunali o statali) sono i furbetti del cartellino.
in questo caso, nel pensiero lasciato sopra non ci ho letto toni offensivi nei confronti del dipendente pubblico ma una semplice constatazione di fronte a una realtà che comunque rientra fra quelle caratteristiche negative di questa nostra società.
che poi possa dar fastidio, beh, ci può anche stare e ci sta anche che ognuno possa esprimere ciò che pensa. una strabella serata, un sorriso, ciaoooo
 
   
diogene51
diogene51 il 23/02/17 alle 22:18 via WEB
Io lo dicevo in senso ironico...
 
     
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 24/02/17 alle 16:07 via WEB
anche non fosse stato così, Renato, hai delineato un aspetto reale. certo non tutti i dipendenti pubblici rientrano tra i furbetti, ma è di oggi la notizia dei 55 arrestati all'ospedale di Napoli. un sorriso, buon pomeriggio :-)
 
     
diogene51
diogene51 il 24/02/17 alle 23:26 via WEB
Ti rispondo con un ricordo: una volta entrai per lavoro in uno stabilimento italiano della General Electric, società americana. Mi colpì, mentre passavo dal corridoio guardando nelle stanze, come la maggior parte fossero vuote, anche se "vissute". Arrivando alle macchinette del caffè scoprii una gran folla che chiacchierava amabilmente. Come vedi anche nel privato si lavora talvolta in modo rilassato. Questo non vuol dire che non abbiano fatto bene ad arrestarli, anzi, ne dovrebbero arrestare molti altri...
 
diogene51
diogene51 il 22/02/17 alle 22:48 via WEB
Perdono per la lunghezza...!
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 23/02/17 alle 21:32 via WEB
sì, Renato penso anche io che la situazione che stiamo vivendo non s'è creata in quattro e quattr'otto e che molte piaghe che hai toccato abbiano avuto un enorme peso.
certo, siamo collettivamente colpevoli di aver accettato per troppo tempo, oltre che di vivere al di sopra delle nostre possibilità, situazioni che non avrebbero dovute essere accettate o insabbiate o peggio fatte concludere a vin santo e tarallucci.
l’evasione fiscale, i favoritismi, la corruzione, l’osteggiare la meritocrazia, tacendo quanti furbetti del cartellino negli anni si sono susseguiti non è altro che mancanza di serietà . tutto ciò porta a creare una nazione non seria. perdonare di che? nooo, grazie invece perché i pareri e i punti di vista che lasciate qui sono stimoli. splendida serata, ciaooo :-)
p.s.: incrocio le dita: è da un po’ che non leggo Proxy. però una mano sul fuoco non ce la metterei, sai...:-)
 
DarkMylaVampire
DarkMylaVampire il 24/02/17 alle 12:03 via WEB
ci@o cara Ed! ho un sorriso @maro tra le labbra. Sto preparando un post con un quesito non è di questo filone ma siamo lì,lì. Le premesse non sono certamente delle migliori tuttavia si dice che bisogna essere positivi che in qualcosa o in qualcuno bisogna credere. Io sono nella fase che sto cercando quel benedetto qualcuno/a felice w.e. Myla :)*
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 24/02/17 alle 16:10 via WEB
ci@o Myl@ :-)
sicuramente essere positivi aiuta... e se fossimo positivi e realisti? che dici, io lo trovo un giusto connubio. 2 minuti e poi vengo a leggerti, un bel pomeriggio a te!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

volami_nel_cuore33ilariavitale_ialberto.gambinerishellydgl10sonilabcruelangelseric.trigancedolcesettembre.1woodenshipBugenhagenaliasnovemonellaccio19chiedididario66hrc.rossanoendchurch
 

BIANCOLUNGO