Creato da e_d_e_l_w_e_i_s_s il 16/06/2012

C'est la Vie

Il bello, il brutto ... e il così così

 

« l'Italia si è (s)fatta?colesterolo, triglicerid... »

* l'ordine fa la libertÓ. il disordine fa la schiavit¨.*

Post n°557 pubblicato il 24 Febbraio 2017 da e_d_e_l_w_e_i_s_s
 

Lo diceva un tale Charles Péguy .
Lo sosteneva la mamma entrando in camera mia.
E' certa la mia collega che sulla scrivania anche la foto nella cornice è sempre allo stesso posto, con la stessa inclinazione, alla stessa distanza tra il porta penne e il monitor.
Ne ha fatto la filosofia di vita la mia amica tant'è che entrando in casa sua ti prende un groppo in gola:  ti pare di avventurarti in un ambiente asettico in cui non c'è traccia di quel molle passaggio di vita umana.

Ci hanno disquisito psicologi e psicanalisti perché nel disordine si manifesta l'incapacità di prendere decisioni nè  di assumersi le proprie responsabilità: un modo per  evitare di guardarsi dentro o,  forse,  un meccanismo di difesa.

Eppure, a pensarci bene, tutto è nato dal caos. Un grande caos, fertile e naturale.

Una serie di ricerche scientifiche avrebbero rivalutato non poco il disordine.

Perché oltre a farci sentire  così:



































Parrebbe che l'ordine non sempre sia sintomo di libertà e di controllo delle cose, anzi spesso chi esagera nel riordinare si crea stress inutili.
Per esempio i post-it sul tavolo o appesi all’anta del frigo come promemoria, farebbero aumentare l’ansia perché saremmo invitati inconsciamente a buttarci l’occhio ogni pochi minuti.

Sembrerebbe che gli  ordinati senza sgarro ,  nella fretta del far ordine e con l'ansia che qualcosa "stagioni" sul tavolo, mettessero  via tutto, l’utile , l’ inutile e il necessario.

Addirittura, si dice che per l’ordinato cronico non ci sia nelle sue giornate,  scandite da abitudini precise,  spazio per gli impegni inaspettati e  gli imprevisti che resettano la routine.
Un piccolo grande  guaio perché lasciarsi aperta la possibilità di improvvisare è di vitale importanza oltre che di vitale gioia.

Insomma: disordinati e felici  potrebbe essere una frase  vera.

Chissà voi, se nelle vostre cose, fra le vostre carte,  vi sentite disordinati e felici o ordinati e felici…

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

woodenshipsurfinia60mariomancino.msonilabalberto.gambineribarbabianca6e_d_e_l_w_e_i_s_smonellaccio19volami_nel_cuore33ilariavitale_ishellydgl10cruelangelseric.trigancedolcesettembre.1Bugenhagen
 

BIANCOLUNGO