Aritmologia: Aggiornamenti e Novità terapeutiche da Xagena

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Studio CASTLE-AF: l’ablazione riduce il carico di fibrillazione atriale nello scompenso cardiaco

I nuovi dati dello studio CASTLE-AF hanno mostrato che l’ablazione transcatetere ha migliorato il carico di fibrillazione atriale e il tempo necessario alla prima recidiva di fibrillazione atriale nei …


 

Fibrillazione atriale, i pazienti con diabete mellito che richiedono trattamento con Insulina presentano un aumentato rischio di ictus e di embolia sistemica

I pazienti con fibrillazione atriale affetti da diabete mellito che richiedono trattamento insulinico corrono un rischio maggiore di essere colpiti da ictus o embolia sistemica rispetto ai pazienti di …

Cardiobase


 

Fibrillazione atriale non-valvolare: l’impiego dell’anticoagulante Dabigatran associato a una minore incidenza di emorragie maggiori rispetto a Rivaroxaban

Un studio osservazionale di ampie dimensioni condotto da ricercatori dell’Agenzia regolatoria statunitense, FDA ( Food and Drug Adnministration ) ha trovato che Dabigatran ( Pradaxa ) ( 150 mg due vol …


 

Fibrillazione atriale, efficacia e sicurezza di Edoxaban nei pazienti affetti da fibrillazione atriale sottoposti a cardioversione elettrica

Nel corso del congresso ESC ( European Society of Cardiology ), tenutosi a Roma ( Italia ), sono stati presentati i risultati dello studio ENSURE-AF, che ha valutato l’efficacia e la sicurezza di Edox …


 

La fibrillazione atriale accelera l’atrofia cerebrale

La fibrillazione atriale nella popolazione generale anziana è risultata indipendentemente associata a perdite accelerate di volume del cervello e della funzione cognitiva in un importante studio longi …

Aggiornamenti in aritmologia


 

Aumentato rischio di morte per i pazienti con fibrillazione atriale che assumono la Digossina

I pazienti che assumono Digossina ( Eudigox, Lanoxin ) per controllare la fibrillazione atriale presentano un rischio di morire del 27% maggiore rispetto ai pazienti con fibrillazione atriale che non …


 

Fibrillazione atriale: il pre-trattamento con Rivaroxaban può accelerare la cardioversione elettrica o farmacologica

La terapia anticoagulante orale con Rivaroxaban ( Xarelto ) è un’alternativa sicura alla terapia con antagonista della vitamina K ( VKA ) nei pazienti con fibrillazione atriale che si sottopongono a c …

Ictus:aggiornamenti e novità terapeutiche da Xagena

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Associazione tra sostituzione transcatetere della valvola aortica e ictus postprocedurale precoce

La riduzione dell’ictus postprocedurale è importante per migliorare la sicurezza della sostituzione transcatetere della valvola aortica ( TAVR ). Sono state valutate le tendenze di ictus entro 30 gi …


I pazienti con ictus e comorbilità psichiatriche presentano più bassi tassi di rivascolarizzazione carotidea

Si è determinato se la malattia mentale sia associata a tassi più bassi di endoarteriectomia carotidea ( CEA ) / stenting dell’arteria carotidea ( CAS ) dopo ictus a causa della stenosi carotidea. …

Xagena Salute


Anticoagulazione orale nei pazienti con malattia renale cronica

I dati oggettivi sull’efficacia e la sicurezza di Warfarin e degli anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K ( NOAC ) tra i pazienti con malattia renale cronica ( CKD ) rimangono scarsi. …


Microemorragie cerebrali e rischio di ictus dopo ictus ischemico o attacco ischemico transitorio

Le microemorragie cerebrali sono un biomarcatore di neuroimaging del rischio di ictus. Una domanda clinica cruciale è se le microemorragie cerebrali indichino i pazienti con ictus ischemico recente o …


Citochine infiammatorie e rischio di ictus ischemico

Sono state studiate le concentrazioni circolanti di interleuchina IL-6, IL-8 e IL-10 e il rischio di ictus ischemico incidente nella coorte REGARDS ( Reasons for Geographic and Racial Differences in S …

Neurobase.it


Livelli lipidici e rischio di ictus emorragico nelle donne

È stata esaminata l’associazione tra livelli lipidici e rischio di ictus emorragico tra le donne in uno studio prospettico di coorte su 27.937 donne arruolate nel Women’s Health Study con misurazioni …


Cardiopatia atriale nei pazienti con ictus embolico di origine inderminata e altre eziologie di ictus

Sono stati studiati la prevalenza e i determinanti clinici della cardiopatia atriale nei pazienti con ictus embolico di origine indeterminata ( ESUS; ictus criptogenetico ) e sono stati confrontati co …

Fibrillazione atriale:aggiornamenti e novità terapeutiche da Xagena

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Pazienti con fibrillazione atriale e malattia renale cronica: anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K versus antagonisti della vitamina K

Lo scopo dello studio è stato quello di confrontare l’efficacia e la sicurezza degli anticoagulanti orali ( NOAC ) non-antagonisti della vitamina K rispetto agli antagonisti della vitamina K ( VKA ) n …


Anticoagulazione orale: l’aumento del rischio di mortalità è più probabile nei pazienti anziani con fibrillazione atriale

Una analisi longitudinale osservazionale ha mostrato che i pazienti più anziani con fibrillazione atriale presentano una maggiore probabilità di avere controindicazioni per l’anticoagulazione orale a …

Mediexplorer.it


Effetto dell’ablazione transcatetere versus terapia medica sulla qualità di vita tra i pazienti con fibrillazione atriale: studio CABANA

L’ablazione mediante catetere è più efficace della terapia farmacologica nel ripristino del ritmo sinusale nei pazienti con fibrillazione atriale ( AF ), ma il suo effetto incrementale sulla qualità d …


Tassi di sanguinamento maggiore nei pazienti con fibrillazione atriale in terapia antitrombotica singola, doppia o tripla

I pazienti con fibrillazione atriale generalmente richiedono terapia anticoagulante e, a volte, terapia con inibitori addizionali di aggregazione piastrinica. Ci sono pochi dati sui tassi di sanguin …


Anticoagulazione orale con e senza singola terapia antipiastrinica nei pazienti con fibrillazione atriale e malattia coronarica stabile oltre un anno dopo impianto di stent coronarico: studio OAC-ALONE

Nonostante le raccomandazioni contenute nelle linee guida e nei documenti di consenso, non è stato condotto uno studio controllato randomizzato che valutasse l’anticoagulazione orale da sola senza ter …

Xagena Salute


Trasformazione emorragica nei pazienti con ictus ischemico acuto e fibrillazione atriale: inizio della terapia con anticoagulanti orali ed esiti

Nei pazienti con ictus ischemico acuto e fibrillazione atriale, la terapia anticoagulante precoce impedisce la recidiva ischemica ma con il rischio di trasformazione emorragica. Gli obiettivi dell …


La fibrillazione atriale è associata a una maggiore mortalità complessiva nei pazienti con defibrillatore cardioverter impiantabile

Il defibrillatore cardioverter impiantabile ( ICD ) migliora la sopravvivenza se impiegato per la prevenzione primaria o secondaria della morte cardiaca improvvisa. Non è chiaro se i benefici di ICD …

Ictus:aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapautiche by Xagena

Ictus

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

L’Acido Folico associato a un Ace inibitore può ridurre il rischio di primo ictus nelle persone affette da ipertensione

Una supplementazione a base di Acido Folico associata a un farmaco antipertensivo ( Ace inibitore ) può rappresentare un modo efficace per ridurre il rischio di primo ictus tra gli adulti con alta pre …

Cardiopatia atriale nei pazienti con ictus embolico di origine inderminata e altre eziologie di ictus

Sono stati studiati la prevalenza e i determinanti clinici della cardiopatia atriale nei pazienti con ictus embolico di origine indeterminata ( ESUS; ictus criptogenetico ) e sono stati confrontati co …

Xagena Salute


Prevalenza del disturbo della respirazione nel sonno dopo ictus e attacco ischemico transitorio

È stata effettuata una revisione sistematica e una meta-analisi sulla prevalenza del disturbo respiratorio nel sonno ( SDB ) dopo ictus. Sono stati selezionati studi clinici che riportavano la preva …


Il test MoCA eseguito precocemente prevede gli esiti cognitivi e funzionali a lungo termine e la mortalità dopo ictus

Si è determinato se il test MoCA ( Montreal Cognitive Assessment ) somministrato entro 7 giorni dopo l’ictus predice la compromissione cognitiva a lungo termine, la compromissione funzionale e la mort …

MedFocusMediexplorer.it


Durata del sonno e rischio di ictus incidente per età, sesso ed etnia

È stata studiata l’associazione tra durata del sonno riportata e ictus incidente in una coorte statunitense di adulti bianchi e neri e sono state valutate etnia, età e sesso come potenziali modificato …

Aritmologia:aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapeutiche by Xagena

Aritmologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Terapia anticoagulante orale in pazienti con fibrillazione atriale nello spettro del rischio di ictus

I pazienti con fibrillazione atriale sono a rischio proporzionalmente superiore di ictus in base all’accumulo di fattori di rischio ben definiti. L’obiettivo di uno studio è stato quello di determin …


Controllo della frequenza rispetto a controllo del ritmo per la fibrillazione atriale dopo chirurgia cardiaca

La fibrillazione atriale dopo chirurgia cardiaca è associata a un aumento dei tassi di mortalità, complicanze e ricoveri. Nei pazienti con fibrillazione atriale post-operatoria che si trovano in con …

XagenaNewsletter


Rischio nel lungo periodo di complicanze correlate al dispositivo dopo defibrillatore cardioverter impiantabile

Uno studio ha cercato di definire qual è il rischio a lungo termine di complicanze associate al defibrillatore cardioverter impiantabile ( ICD ) che richiedono un nuovo intervento oppure ricovero e re …


Sistema di pacing intracardiaco transcatetere leadless

Un sistema di pacing intracardiaco transcatetere leadless è stato progettato per evitare la necessità di una tasca per il pacemaker e della sonda transvenosa. In uno studio multicentrico prospettic …

Aggiornamenti in aritmologia


Più alto indice di massa corporea correlato a più bassa mortalità nei pazienti con fibrillazione atriale

Una analisi dei pazienti del Registro ORBIT-AF ha evidenziato un effetto paradosso dell’obesità nei pazienti con fibrillazione atriale prevalente. E’ stato trovato che i pazienti con un maggior indic …

Ictus:aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapeutiche by Xagena

Ictus

Xagena Mappa0

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Il test MoCA eseguito precocemente prevede gli esiti cognitivi e funzionali a lungo termine e la mortalità dopo ictus

Si è determinato se il test MoCA ( Montreal Cognitive Assessment ) somministrato entro 7 giorni dopo l’ictus predice la compromissione cognitiva a lungo termine, la compromissione funzionale e la mort …


 

Durata del sonno e rischio di ictus incidente per età, sesso ed etnia

È stata studiata l’associazione tra durata del sonno riportata e ictus incidente in una coorte statunitense di adulti bianchi e neri e sono state valutate etnia, età e sesso come potenziali modificato …

Mediexplorer.itBiomedicina.it


 

L’attività fisica pre-ictus può influenzare la gravità dell’ictus acuto

È stata esaminata l’influenza dell’attività fisica pre-ictus sulla gravità dell’ictus acuto. I dati dei pazienti con primo ictus sono stati recuperati da registri con un disegno trasversale. Le va …


 

Microemorragie cerebrali ed effetto della riduzione intensiva della pressione sanguigna sull’espansione dell’ematoma e sugli esiti funzionali: analisi secondaria dello studio ATACH-2

La risposta all’abbassamento intensivo della pressione arteriosa nell’emorragia intracerebrale ( ICH ) acuta può variare a seconda del grado di malattia dei piccoli vasi cerebrali di fondo. Sono stat …

MedFocusImmunoterapia Oncologica


 

Fattori di rischio per ictus ischemico a insorgenza precoce

Studi recenti hanno mostrato una crescente prevalenza dei fattori di rischio vascolare nei giovani adulti con ictus ischemico. Tuttavia, la forza dell’associazione tra tutti i fattori di rischio vas …

ARitmologia:aggiornamenti e novità in terapia by Xagena

Aritmologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Aumento della prevalenza della fibrillazione atriale e delle aritmie atriali permanenti nella cardiopatia congenita

Le aritmie atriali sono la complicanza più comune riscontrata nella popolazione in crescita e in età avanzata con cardiopatia congenita. Sono stati valutati i tipi e le caratteristiche delle aritmi …


Follow-up a lungo termine dei pazienti con sindrome di Brugada e impianto di defibrillatore cardioverter

Le indicazioni per defibrillatore cardioverter impiantabile ( ICD ) per la prevenzione primaria nella sindrome di Brugada ( BrS ) sono ancora oggetto di discussione. È stato studiato l’esito a …

ForumCardiologico.itAssociazione Silvia Procopio


Mortalità precoce dopo ablazione con catetere della tachicardia ventricolare nei pazienti con cardiopatia strutturale

Nei pazienti destinati all’ablazione con catetere a radiofrequenza ( RFCA ) della tachicardia ventricolare nel contesto della cardiopatia strutturale, la mortalità post-procedurale precoce non è stata …


Radiazione cardiaca non-invasiva per l’ablazione della tachicardia ventricolare

I recenti progressi hanno consentito la mappatura non-invasiva delle aritmie cardiache con imaging elettrocardiografico e il rilascio non-invasivo di radiazioni ablative precise con radioterapia stere …

Aggiornamenti in aritmologia


L’ablazione transcatetere migliora gli esiti nei pazienti con insufficienza cardiaca e fibrillazione atriale

Lo scompenso cardiaco è una malattia cronica ad andamento progressivo. In questi pazienti è comune un disturbo del ritmo, che prende nome di fibrillazione atriale, che aumenta il rischio di mortalità …

Aritmologia:aggiornamenti e novità in terapia by Xagena

Aritmologia Farmaci

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Fibrillazione atriale: cardioversione farmacologica con Vernakalant

Il controllo del ritmo mediante approccio farmacologico ( spesso anche con cardioversione elettrica o farmacologica ) è parte integrante della terapia per la fibrillazione atriale in tutto il mondo. …


Fibrillazione atriale: la sicurezza del Dronedarone, un farmaco antiaritmico, nella cura clinica di routine

E’ stata esaminata la mortalità e la malattia epatica tra i pazienti esposti a Dronedarone ( Multaq ). Alla base i timori riguardo alla sicurezza di questo antiaritmico, soprattutto per i pazienti co …

Aggiornamenti in aritmologia


Terapia combinata anticoagulante ed antiaggregante dopo intervento coronarico percutaneo nella fibrillazione atriale

La doppia terapia antiaggregante è diventata la base del trattamento dei pazienti sottoposti a stenting coronarico e di quelli con sindrome coronarica acuta con o senza impianto di stent. Sebbene vi …


L’impiego di corticosteroidi durante l’isolamento della vena polmonare è associato a una più alta prevalenza di conduzione dormiente della vena polmonare

La recidiva di fibrillazione atriale dopo isolamento della vena polmonare ( PVI ) è associata a riconduzione della vena polmonare all’atrio sinistro.Lo scopo di uno studio è stato quello di determinar …

Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco


Efficacia e sicurezza di Apixaban rispetto a Warfarin per la prevenzione di ictus nella fibrillazione atriale

Nello studio ARISTOTLE ( Apixaban for Reduction in Stroke and Other Thromboembolic Events in Atrial Fibrillation ), Apixaban ( Eliquis ) rispetto a Warfarin ( Coumadin ) ha ridotto ictus ed embolia si …

Ictus:aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapeutiche by Xagena

Ictus

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Eventi vascolari ricorrenti in pazienti con ictus lacunare con sindrome metabolica e/o diabete mellito

È stato utilizzato uno studio clinico prospettico per esaminare i rischi conferiti dalla sindrome metabolica e dal diabete mellito per l’ictus ricorrente nella coorte dello studio SPS3 ( Secondary Pre …


Previsione precoce di spasticità degli arti superiori a lungo termine dopo ictus

Sono stati identificati i predittori e il momento temporale ottimale per la previsione precoce della presenza e della gravità della spasticità degli arti superiori a 12 mesi dall’ictus. In totale, …

Xagena Salute


Associazione tra controllo della pressione arteriosa e rischio di recidiva di emorragia intracerebrale

L’emorragia intracerebrale è la forma più grave di ictus. I sopravvissuti sono ad alto rischio di recidiva, morte, e peggioramento della disabilità funzionale. È stata studiata l’associazione tra pr …


Emicrania e rischio di ictus negli anziani

È stata esaminata l’associazione tra emicrania e ictus / esiti vascolari in una coorte di anziani etnicamente diversificata. I partecipanti al Northern Manhattan Study, uno studio di coorte basato s …

Mediexplorer.it


Microsanguinamenti cerebrali associati ad aumentato rischio di ictus

I microsanguinamenti cerebrali sono molto diffusi nelle persone con malattia cerebrovascolare clinicamente manifesta e hanno dimostrato di aumentare il rischio di recidiva di ictus. I microsanguinam …


Riavvio del trattamento anticoagulante dopo emorragia intracranica nei pazienti con fibrillazione atriale e impatto su ictus ricorrente, mortalità e sanguinamento

L’emorragia intracranica è la complicanza più temuta della terapia anticoagulante orale. L’opzione di trattamento ottimale per i pazienti con fibrillazione atriale che sopravvivono a una emorragia i …

Neurobase.it


Emorragia intracranica sintomatica nei pazienti in terapia con l’anticoagulante orale non-antagonista della vitamina K

Il primo anticoagulante orale non-antagonista della vitamina K ( NOAC ) introdotto sul mercato in Giappone è stato Dabigatran ( Pradaxa ) nel marzo 2011, e altri tre NOAC [ Rivaroxaban ( Xarelto ), A ..

Medical Meeting

Aritmologia:Aggiornamenti ed informazioni sulle novità terapeutiche by Xagena

Aritmologia

Xagena Mappa

https://network.xagena.it/mappa/

Newsletter Xagena

Aggiornamento in Medicina

Antiaritmici: l’Amiodarone associato a un piccolo rischio di neuropatia ottica nei pazienti di sesso maschile

I pazienti che assumono Amiodarone ( Cordarone ) presentano un piccolo rischio relativo di sviluppare neuropatia ottica rispetto ai pazienti non-trattati, in particolare i maschi e anche coloro che ri …


Ablazione chirurgica della fibrillazione atriale durante intervento sulla valvola mitrale

Tra i pazienti sottoposti a chirurgia della valvola mitralica, il 30-50% si presenta con fibrillazione atriale, associata a una ridotta sopravvivenza e aumento del rischio di ictus. L’ablazione chir …

Medical Meeting


La terapia ICD è efficace nei pazienti con sindrome di Brugada

Uno studio a singolo Centro ha mostrato che nei pazienti con sindrome di Brugada, la terapia con defibrillatore cardioverter impiantabile ( ICD ) è efficace, e ha esercitato il suo effetto sulle aritm …


Impatto della ipertrofia ventricolare sinistra sul prolungamento dell’intervallo QT e sulla mortalità associata

Il prolungamento dell’intervallo QT all’elettrocardiogramma ( ECG ) è un marker di rischio di aritmie ventricolari e di mortalità per qualsiasi causa. L’ipertrofia ventricolare sinistra all’ECG è an …

Aggiornamenti in aritmologia


Il rischio di fibrillazione atriale di nuova insorgenza e ictus dopo ablazione con radiofrequenza di flutter atriale tipico isolato

L’ablazione con radiofrequenza ( RFA ) è considerata una procedura curativa per il flutter atriale tipico; tuttavia, i pazienti rimangono a rischio per lo sviluppo di nuova fibrillazione atriale. L …


Fibrillazione atriale in pazienti con ictus criptogenetico

La fibrillazione atriale è una causa prevalente ed evitabile di recidiva di ictus, per la quale l’individuazione e il trattamento precoce sono fondamentali. Tuttavia, la fibrillazione atriale paross …

Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco


PREVENT-AF: l’isolamento della vena polmonare riduce la fibrillazione atriale di nuova insorgenza nei pazienti con flutter atriale

Uno studio ha trovato che l’aggiunta dell’isolamento della vena polmonare alla ablazione dell’istmo cavo-tricuspidale nei pazienti con flutter atriale istmo-dipendente riduce l’insorgenza di nuova fib ..

1 2