Medicina – Xagena ALERT !

XagenaNewsletter

Tumore all’ovaio, importanza dell’esame per verificare la mutazione BRCA

… di incidenza di tumore ovarico nella popolazione generale, in particolare nelle donne portatrici di mutazione dei geni BRCA. ( Xagena Medicina )

Sicurezza ed efficacia della terapia genica nei pazienti adulti e pediatrici affetti da beta-talassemia

La terapia genica, in particolare se applicata in giovane età, potrebbe costituire una strategia di cura efficace per la beta-talassemia, una malattia …

Xarelto al dosaggio di 10 mg/die per il trattamento della trombosi venosa profonda e dell’embolia …

L’incidenza di sanguinamenti maggiori osservati con Rivaroxaban è risultata confrontabile con Acido Acetilsalicilico. ( Xagena Medicina )

Carcinoma a cellule renali metastatico: la combinazione di Pembrolizumab e Axitinib in prima linea …

Nel trattamento di prima linea del carcinoma a cellule renali metastatico ( mRCC ), il regime di combinazione con Pembrolizumab ( Keytruda ), un …

Ipercolesterolemia non-responder o intolleranza alle statine: associazione di Acido Bempedoico …

… pazienti con ipercolesterolemia ad elevato rischio di malattia cardiovascolare, in oltre 1.000 centri distribuiti in circa 30 Paesi. ( Xagena Medicina )

Notizie Mediche by Xagena

MedicinaNews.it

 

Alterazioni degli endocannabinoidi nei muscoli scheletrici affetti da distrofia muscolare di Duchenne

La distrofia muscolare di Duchenne è la più frequente patologia muscolare su base ereditaria. Ad esserne colpiti sono principalmente i bambini maschi. L’esordio è precoce e, oltre ai muscoli schelet …


 

Trattamento del diabete di tipo 2: le nuove lineeguida EASD/ADA

Nel corso del Congresso EASD ( European Association for the Study of Diabetes ) di Berlino è stata presentata la versione definitiva degli statement di consenso EASD/ADA. Le novità più importanti d …

Pembrolizumab in prima linea, in monoterapia o associato alla chemioterapia, migliora la sopravvivenza globale nel tumore testa-collo con espressione di PD-L1

Sono stati presentati i primi dati dello studio di fase III randomizzato KEYNOTE-048 che sta valutando l’efficacia di Pembrolizumab ( Keytruda ), un inibitore di PD-1, sia in monoterapia che in combi …


 

Carcinoma a cellule di Merkel: l’AIFA ha approvato Bavencio, un inibitore di PD-L1

L’AIFA ha approvato la rimborsabilità di Bavencio ( Avelumab ) nel trattamento del carcinoma a cellule di Merkel allo stato metastatico, un tumore della pelle, raro e aggressivo. Avelumab è un anti …


 

Carcinoma dell’ovaio recidivato: l’AIFA ha approvato Zejula, un inibitore PARP-1 e PARP-2

L’AIFA ha approvato Zejula ( Niraparib ), il primo inibitore PARP-1 e PARP-2 orale ad essere rimborsato sia per le pazienti portatrici che per quelle prive di mutazione BRCA in monosomministrazione gi …


 

Leucemia linfoblastica acuta: Besponsa, un anticorpo monoclonale coniugato con un chemioterapico, approvato da AIFA

L’AIFA ha approvato la rimborsabilità di Besponsa ( Inotuzumab ozogamicin ), un anticorpo monoclonale coniugato a un chemioterapico, in grado di riconoscere e legarsi, attraverso la sua funzione antic …


 

Congresso ASCO – Melanoma metastatico con mutazione BRAF, il trattamento con Encorafenib, un anti-BRAF, e Binimetinib, un anti-MEK, aumenta la sopravvivenza globale rispetto a Vemurafenib in monoterapia

Dallo studio di fase III COLUMBUS, che ha coinvolto pazienti con melanoma metastatico BRAF-mutato, è stato osservato un miglioramento della sopravvivenza globale ( OS ) mediana di 33.6 mesi nei pazien …


 

Congresso ASCO – L’efficacia di Avelumab, un anticorpo anti-PD-L1, si mantiene per più di due anni nel carcinoma a cellule di Merkel

Sono stati presentati i risultati di follow-up a 2 anni dello studio JAVELIN Merkel 200, che ha riguardato pazienti con carcinoma a cellule di Merkel ( MCC ) metastatico in terapia con Avelumab ( Bave …


 

Congresso ASCO – Carcinoma a cellule renali: la combinazione Nivolumab e Ipilimumab a basso dosaggio offre una qualità di vita migliore rispetto a Sunitinib

Sono stati riportati i risultati degli esiti riferiti dal paziente di CheckMate -214, uno studio di fase III che ha riguardato pazienti a rischio intermedio o alto con carcinoma a cellule renali avanz …


 

Congresso ASCO – Carcinoma uroteliale metastatico con alterazioni FGFR: promettenti risultati con Erdafitinib

Uno studio di fase 2 ha mostrato che il trattamento con Erdafitinib ha prodotto risposte durature in pazienti con carcinoma uroteliale metastatico ( mUC ) o non-resecabile, e alterazioni del recettore …


 

Congresso ASCO – Tumore al polmone non-a-piccole cellule: Pembrolizumab come trattamento di prima linea nei pazienti con espressione di PD-L1, in monoterapia o associato alla chemioterapia

Un numero crescente di pazienti colpiti da tumore del polmone in stadio avanzato potranno beneficiare dell’immunoterapia in prima linea, grazie ai risultati ottenuti con Pembrolizumab ( Keytruda ) sia …


 

Congresso ASCO – Tumore del polmone non-a-piccole cellule in stadio avanzato: efficacia della combinazione Nivolumab e chemioterapia in prima linea nei pazienti con espressione di PD-L1 inferiore all’1%

Sono stati presentati i risultati parziali dello studio di fase III CheckMate -227, che ha valutato la combinazione di Nivolumab ( Opdivo ) e Ipilimumab ( Yervoy ) a basso dosaggio e di Nivolumab con …


 

Congresso ASCO – Mieloma multiplo, la triplice terapia con Daratumumab raddoppia la sopravvivenza

Nel mieloma multiplo, tumore del midollo osseo difficile da controllare caratterizzato da multiple ricadute, la triplice terapia presenta dei vantaggi. L’aggiunta di Daratumumab ( Darzalex ), il capo …


 

Congresso ASCO – Il 41% dei pazienti con melanoma metastatico trattati con Pembrolizumab come prima linea è vivo a 5 anni

L’86% dei pazienti con melanoma metastatico trattati con Pembrolizumab ( Keytruda ), un immunoterapico anti-PD-1, mantiene la risposta dopo la sospensione del trattamento. E a 5 anni è vivo il 41% de …


 

Congresso ASCO – Carcinoma renale a cellule chiare: il tasso di risposta globale è stato pari al 38.2% con Pembrolizumab in monoterapia in prima linea

I risultati di una analisi ad interim dalla Coorte A dello studio di fase II KEYNOTE-427 su 110 pazienti, che ha valutato Pembrolizumab ( Keytruda ), un inibitore del checkpoint immunitario PD-1, nel …


 

Congresso ASCO – Tumore epatico in fase avanzata, Cabozantinib migliora la sopravvivenza globale

Solo il 10% dei casi di tumore epatici è diagnosticato nella fase iniziale quando l’intervento chirurgico può essere risolutivo. In Italia vivono circa 27.745 persone dopo la diagnosi di questa neopl …


 

Congresso ASCO – Trattamento personalizzato per il tumore del rene in fase avanzata

Lo studio di fase II, RESORT, ha coinvolto 76 pazienti, arruolati da 12 Centri italiani, con carcinoma renale in fase avanzata precedentemente sottoposti a nefrectomia. Questi pazienti presentavano no …


 

Congresso ASCO – Tumore alla prostata metastatico ad alto rischio: Abiraterone associato a terapia di deprivazione androgenica come trattamento di prima linea

Nei pazienti con una forma aggressiva di tumore alla prostata, ovvero ad alto rischio metastatico già al momento della diagnosi, l’aggiunta di Abiraterone ( Zytiga ) al trattamento ormonale standard …


 

Congresso ASCO – Carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in stadio avanzato e metastatico: terapia target e immunoterapia

Tra i vari temi del Congresso annuale dell’American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) particolare attenzione è posta ai nuovi trattamenti che aprono incoraggianti prospettive per i pazienti affett …


 

Cancro del pene: ricostruzione totale del pene con un lembo di avanbraccio

Utilizzando un lembo dell’avambraccio sinistro è stato ricostruito totalmente il pene a un paziente di 40 anni, a cui era stato amputato per l’insorgenza di un tumore. L’intervento è stato eseguito p …

Come individuare le notizie mediche validate sul Web

Xagena.Storico

La notizia riportata dalle TV e dai giornali in cui Donald Trump accusa il motore di ricerca Google di “truccare” le informazioni, ha riproposto un tema assai dibattuto nel corso degli anni,

Riporto un articolo del Corriere della Sera del 2005 a firma di Paola Sammartano sull’argomento

Sul web “girano” informazioni oncologiche prive di fondamento
Internet, come individuare le notizie serie

L’attenzione va puntata sui siti che hanno una “certificazione” di qualità e su quelli segnalati da istituti di ricerca di assoluto prestigio.
MILANO – “Caro dottore, ho letto in Internet che…”. Quante lettere agli specialisti di Sportello Cancro iniziano così? Sono tante, scritte da pazienti o da familiari che vogliono capire meglio cosa sta succedendo, persone che hanno domande importanti da porre ma non sempre, nella rete, trovano risposte adeguate. Al grande oracolo dei nostri giorni, il World Wide Web, si chiede l’ultimo farmaco disponibile, i recapiti di un’associazione di volontariato, la spiegazione di una terapia o la traduzione di un referto, a volte si domanda perfino di leggere il futuro, con la complicità della statistica, o una speranza che la medicina “ufficiale” non riesce a confermare. Distinguere tra un’informazione attendibile e una “bufala” online non è sempre facile, ma diventare utenti accorti è possibile, cercando di conoscere la “navigazione”, la sua storia, le sue rotte e le sue (poche) regole.

La salute in rete

Internet è una realtà, virtuale fin che si vuole, ma ben presente nella vita quotidiana. Si calcola che in rete ci siano quasi un miliardo di pagine web, cui se ne aggiungono ogni giorno di nuove. Il 30 per cento riguarda l’ambito sanitario e sono circa quattro milioni gli italiani che cercano informazioni mediche sul web.
“La gente sente il bisogno di saperne di più – dice Marcello Tamburini, direttore dell’Unità operativa di psicologia presso l’Istituto nazionale tumori di Milano – soprattutto quando si è di fronte a una malattia importante come il cancro. Negli Stati Uniti e nel mondo anglosassone, già da decenni gli ospedali mettono a disposizione informazioni per gli utenti. In Italia questo avviene in tempi molto recenti. Oggi la tendenza si è invertita”.
“Il cambiamento si avverte negli anni novanta con un’impennata della produzione su carta”, spiega Ivana Truccolo, del Centro di riferimento oncologico di Aviano, coordinatore, con Gaetana Cognetti dell’Istituto Regina Elena di Roma, di Azalea, biblioteca digitale dedicata ai tumori. “Poi è arrivato il tempo della rete, con pagine web che si affiancano al materiale delle biblioteche per i pazienti e a ciò che le associazioni di pazienti producono”.
Internet e il nuovo paziente

Quali sono le conseguenze dell’accesso a Internet per quanto riguarda i temi della salute? “Sempre più spesso i malati o i loro familiari giungono per una visita con plichi di fogli stampati dal web, ad esempio su nuove terapie”, dice Marcello Tamburini. “E il medico si trova a comunicare con un paziente diverso da quello di trent’anni fa. Ma la rete può essere utile, se viene usata come mezzo di approfondimento e serve a far riversare nuove domande sul medico per affrontare meglio la malattia”.
Rodolfo Passalacqua, direttore dell’Unità operativa di Medicina e oncologia dell’Azienda istituti ospitalieri di Cremona e responsabile scientifico del Gruppo per lo studio dell’informazione e della comunicazione in oncologia (Gico), cita uno studio secondo il quale la gente riceve molta parte dell’informazione sulla salute da fonti non mediche. “Meno del 10% dei reparti oncologici era strutturato per dare informazioni ai pazienti, il cui principale bisogno era sapere di più su diagnosi e prognosi. Così, una parte delle oncologie italiane coinvolte nel progetto è stata dotata di biblioteca specializzata, punti di informazione e supporto ed è stato rilevato sia l’apprezzamento dei pazienti sia una minor incidenza di ansia e depressione”.
La qualità dell’informazione
Il problema di Internet riguarda la qualità dell’informazione. Ci sono tentativi in corso per assegnare caratteristiche di qualità ai siti, come il “bollino” di Hon Code. Si tratta di principi non obbligatori, che riguardano gli aspetti formali del sito e non entrano nel merito dei contenuti. Ma i criteri dei codici di regolamentazione sono utili per definire l’affidabilità del sito, a partire da due semplice dritte: un sito anonimo è tendenzialmente meno affidabile di uno “firmato” e un sito “vecchio” è meno affidabile di uno aggiornato (i siti collegati con il mondo della ricerca si rinnovano costantemente).
Si può anche entrare nel merito dei contenuti, pensando ad un processo di “revisione da parte dei pari” (peer-review), come accade normalmente per le riviste scientifiche: è auspicabile, ma non semplice nella pratica.
Un esempio interessante di “cataloghi virtuali” arriva dal Dipartimento di oncologia all’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano che, in collaborazione con l’Istituto Tumori, ha elaborato non solo un prodotto informativo, ma anche un metodo, partendo dai principi della evidence based medecine (Ebm) o medicina basata sulle evidenze: “Si tratta di un movimento diffuso a livello internazionale – spiega Giovanni Apolone, del Mario Negri – in cui le decisioni cliniche risultano dall’integrazione tra l’esperienza del medico e l’utilizzo delle migliori evidenze scientifiche disponibili”. La si usa per applicare i risultati della ricerca clinica al singolo paziente, ma anche per le strategie di politica sanitaria. “Stiamo tentando una sistematizzazione del materiale esistente in rete – racconta Apolone – ispirandoci a questo sistema, con un lavoro in tre fasi. La prima consiste nella ricerca delle informazioni e nel loro inserimento nel database. La seconda riguarda la ricerca dei dati di interesse con motori di ricerca (attualmente evoluti, ma non specifici) ai quali si applicano poi griglie di lettura per isolare ciò che effettivamente serve. Infine, serve infine un giudizio per tipologia e qualità del contenuto. I primi due punti in qualche modo sono stati raggiunti. Per il terzo, il nostro gruppo di lavoro, del quale fanno parte Paola Mosconi ed Eugenio Santoro (Dipartimento di oncologia e Laboratorio di informatica medica dell’Istituto Mario Negri), Marcello Tamburini (Unità operativa di psicologia dell’Istituto nazionale tumori) ed Elena Zucchetti (Biblioteca Fondazione Floriani), sta individuando metodiche opportune perché l’uso di Internet possa aumentare il livello di cultura sanitaria del cittadino. Questo lavoro ha dato origine a un metasito, www.paincare.it, catalogo di risorse essenziali sul dolore in oncologia e sulla palliazione”. L’Istituto Mario Negri ha realizzato altre “guide” alla rete, dedicate a vari settori della medicina e ispirati a Healthfinder, portale sviluppato dal governo americano come ausilio per “filtrare” i siti di argomento medico.
Dalla parte del cittadino
“L’esigenza di informazione in una prima fase si è sentita soprattutto da parte dei medici, che sono i primi candidati all’aggiornamento”, spiega Eugenio Santoro, responsabile del Laboratorio di informatica medica all’Istituto Mario Negri e autore, tra l’altro, de “La medicina in rete”, guida su carta ai siti di medicina online (Il Pensiero scientifico editore). “Poi ci si è accorti che anche diversi pazienti avevano le stesse esigenze. Di qui l’origine di portali sulla salute dedicati al cittadino, che debbono riportare informazioni scientifiche validate e facilmente interpretabili, che illustrano le patologie e le novità della ricerca e danno la possibilità di dialogare con gli specialisti”. Naturalmente le cautele sono d’obbligo: un numero di informazioni eccessivo può aumentare lo stato di allarme e, a prescindere dal modo in cui si viene in possesso delle informazioni, è essenziale rivolgersi al proprio medico. “No all’autodiagnosi, dunque, mentre è auspicabile la ricerca di informazioni su siti affidabili, che si fondano su fonti validate, come quelli istituzionali”, sottolinea Santoro, citando, in ambito italiano, i siti dell’Istituto Superiore della Sanità, del Ministero della salute (che, con Alleanza contro il Cancro, ha dato vita anche a www.e-oncology.it ), oltre a siti di associazioni di medici o di pazienti.
Anche per rispondere a queste esigenze è stato promosso dall’Istituto Mario Negri in collaborazione con il Centro Cochrane italiano il portale www.partecipasalute.it , con una sezione “Informati bene” pensata per aiutare il paziente “a interpretare notizie, numeri, dati, implicazioni cliniche e conflitti d’interesse”.
Un cambiamento in atto
“Prima tutto veniva delegato al medico – dice Giulia Candiani, responsabile dell’Ufficio tecnico salute di Altroconsumo – , con una sorta di scarico di responsabilità da parte del cittadino, che evitava così di essere coinvolto nelle decisioni sulla salute. Oggi si assiste, invece, a una moltiplicazione delle figure mediche di riferimento, con la possibilità di accesso diretto agli specialisti. E il cittadino è costretto a diventare più protagonista nei processi decisionali, per cui avverte anche la necessità di maggiore informazione. Tuttavia il medico resta la fonte di informazione primaria per il 66 per cento dei pazienti, seguito dalla cerchia familiare e dai media. Mediante Internet, sarebbe auspicabile promuovere percorsi di educazione alla salute che rendano il cittadino un po’ meno consumatore e lo spingano a porre domande, non a sostituirsi al medico”.
Paola Sammartano

https://www.corriere.it/salute/sportello_cancro/articoli/2005/03_Marzo/30/informazione_internet.html

In 18 anni di attività Xagena ha incentrato il proprio sforzo nel presentare al lettore italiano Informazioni Mediche tratte da Riviste scientifiche PEER-REVIEWED ( con valutazione fatta da Esperti )

MediExplorer: Motore di Ricerca in Medicina con News PEER-REVIEWED:  MediExplorer.it >>

 

 

MediExplorer.it

Newsletter di Medicina by Xagena

XagenaNewsletter

Newsletter di Aggiornamento in Medicina: Iscrizione GRATUITA

LINK:  https://xagenaweb.it/

 

Medicina Notizie

Le News di Medicina di Xagena sono tratte dalla letteratura Internazionale.

Sui Motori di Ricerca all’ARGOMENTO scelto aggiungere la parola XAGENA

XagenaNewsletter

ISCRIZIONE GRATUITA ALLA NEWSLETTER DI MEDICINA BY XAGENA: https://xagenaweb.it/

Oncologia – Farmaci – Xagena

https://xagena.it/news/e-oncologia_it_farmaci/

Opdivo è un medicinale utilizzato per il trattamento di: melanoma avanzato negli adulti, carcinoma polmonare non-a-piccole cellule avanzato negli adulti; .

Xapedia, un database sulle novità in Medicina – Xagena

xagenamedicina.xagena.it/2e945b99f24f789d68d85ee332131c93.html

Xapedia è l’Enciclopedia delle Novità in Medicina realizzata da Xagena. L’Enciclopedia fornisce informazioni aggiornate sulle più recenti novità in campo …

Epatite – Farmaci – Xagena – Xagena.it

https://xagena.it/news/e-epatite_it_farmaci/

L’epatite C recidivante dopo trapianto di fegato è il problema principale della maggior parte dei programmi di trapianto. È stata … Leggi articolo …

Neurologia – Farmaci – Xagena

https://xagena.it/news/e-neurologia_it_farmaci/

L’emorragia intracerebrale è una malattia ad alto tasso di mortalità degli anziani. L’uso delle statine è sempre più diffuso tra … Leggi articolo …

Neurofibromatosi di tipo 2: miglioramento dell’udito dopo … – Xagena.it

https://xagena.it/news/e-malattierare_it…/fc76dcfc15b6be30b1e6d3c296f19e58.html

La profonda perdita dell’udito è una grave complicanza della neurofibromatosi di tipo 2, una condizione genetica associata a schwannomi bilaterali …

Malattia di Alzheimer: il trattamento con Aricept … – Xagena Medicina

https://xagenamedicina.xagena.it/ea33b4fd0fc1ea0a40344be8a8641123.html

Public Citizen nella sua newsletter Worst Pills, Best Pills ha riportato le conclusioni dello studio AD2000 che ha valutato l’efficacia …

Nuovi canali di comunicazione per il Business: Internet – Xagena

https://xagenamedicina.xagena.it/3af3d94fb6259a153cde3f009b02a81a.html

Internet Internet rappresenta un importante mezzo di comunicazione che raccoglie un numero elevato di informazioni, rese fruibili in tempi immediati e …

Obesiologia – Farmaci – Xagena

https://obesiologia.xagena.it/

Xagena Medicina. … Xagena Search. search. Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete · Mediexplorer.it · Biomedicina.it · OncoBase.it · FarmaExplorer …

Scompenso cardiaco cronico nelle donne: terapia con testosterone …

scompensocardiaco.xagena.it/farmaci/e836b5ebd3143577c69cda6109cc209e.html

Newsletter Xagena. Aggiornamento in Medicina. Iscrizione Free · Prevenzione e Terapia dello Scompenso Cardiaco. 52 convegno cardiologia milano.

Aritmie: trattamento farmacologico della fibrillazione atriale – Xagena

https://farmacia.xagena.it/0727459d2e79f13a818513aee75a1f90.html

Nei pazienti con fibrillazione atriale, la terapia con farmaci antiaritmici ha un importante ruolo nel mantenimento del ritmo sinusale dopo …

Xagena Salute: Informazione medica

XagenaSearch

https://xagenasearch.it/

Xagena Salute

https://xagenasalute.it/

XagenaSalute.it fornisce informazioni e aggiornamenti sulla Salute. Notizie su alimentazione, salute, medicina e benessere. FarmaciXagenaSalute.it: Novità …

Hai visitato questa pagina molte volte. Ultima visita: 11/08/18

Leucemia e tumori del sangue …

Leucemia e tumori del sangue: una nuova tecnica permette il …

Leucemia linfoblastica acuta di …

Leucemia linfoblastica acuta di tipo B: alcune cellule predicono …

Artrite psoriasica

Artrite psoriasica: novità terapeutiche. Nel corso del …

Il trattamento con la …

Il trattamento con la combinazione Sofosbuvir più Velpatasvir è …

Carcinoma ovarico

Carcinoma ovarico: CD73 come bersaglio terapeutico per …

Prevenzione dei tumori: le …

Prevenzione dei tumori: le nove regole. L’Associazione di …

Tumore alla mammella …

Tumore alla mammella: personalizzazione della cura …

Tubercolosi, malattia infettiva …

… multiresistente ai farmaci ( ossia resistente perlomeno a …

Tumore del cervelletto: nuova …

Tumore del cervelletto: nuova speranza per la cura del …

Malattia di Parkinson

Malattia di Parkinson: scoperto un processo che regola la …

Medical News by Xagena

XagenaNewsletter

https://xagenaweb.it/

MedicineNews.net: Drugs –   Medicine News

Newsletter :: Medicine, Aggiornamenti in Medicina, Newsletter :: Medicina, Newsletter :: Medical News, Medicine News, Medicine Newsletter, MedicineNews.net, AZ Guide Medicine, Newsletter Allergology, Newsletter Andrology, Newsletter Cardiology, Newsletter Dermatology, Newsletter Diabetology, Xagena Medical News, Newsletter Hematology, Newsletter Oncology,  
– 

Cimzia

The Food and Drug Administration ( FDA ) has approved Cimzia …

Rivaroxaban

The oral anticoagulant Xarelto ( Rivaroxaban ) has been …

Dapagliflozin

Forxiga ( Dapagliflozin ) is the first SGLT2 ( sodium/glucose …

Sirturo

Treatment for drug-resistant tuberculosis: Sirturo shows …

Teriflunomide

Teriflunomide ( Aubagio ) is an immunomodulatory drug …

Potiga

The FDA ( Food and Drug Administration ) has approved …

Macitentan

The Food and Drug Administration ( FDA ) has approved Opsumit …

Opsumit

The Food and Drug Administration ( FDA ) has approved Opsumit …

Forxiga

Forxiga, a SGLT2 inhibitor, approved in Europe for …

Pertuzumab

Pertuzumab for the treatment of patients with HER2-positive …