Creato da sweet.sensation il 15/12/2006

Healing Hand

She’s a cold, dark night in the dead of winter

 

 

« I Giganti di Baalbek(Gli...I Giganti di Baalbek(Le ... »

I Giganti di Baalbek(Varco verso il Cielo)

Post n°75 pubblicato il 11 Luglio 2007 da sweet.sensation
 





<< Dopo il Diluvio, quando Nimrod regnava sul Libano, egli inviò dei Giganti a ricostruire la fortezza di Baalbek, così chiamata in onore di Ba'al, il dio dei Moabiti, adoratori del dio-Sole >>


Così scriveva un certo D'Arvieux, viaggiatore del XVII secolo, nelle sue Memoires.

L'associazione tra Baalbek e il dio Ba'al in un periodo successivo al Diluvio è estremamente importante. Sul significato della parola Baalbek esistono almeno un paio di pareri discordanti: la maggiorparte degli studiosi di lingue antiche lo traduce come "la valle di Ba'al", mentre secondo alcuni, da un'attenta lettura di testi talmudici, si evincerebbe che il significato preciso sia "il pianto di Ba'al".

Secondo gli ultimi versi di un'antichissima epopea ugaritica proprio "il pianto di Ba'al" sarebbe riconducibile an un evento ben preciso. Si narra, infatti, dello scontro tra lo stesso Ba'al ed il dio Mot , con conseguente morte del primo e sua sepoltura, da parte degli dei Anat e Shepesh in una grotta sulla Cresta di Zaphon.

Questa ed altre leggende concordano nell'affermare l'estrema antichità di Baalbek, ed il fatto che essa fosse stata concepita dal dio Ba'al (con l'aiuto di una schiera di Giganti) come una sorta di Torre di Babele, ossia come un luogo tramite cui "ascendere al Cielo".

Torniamo a considerare, quindi, la struttura di Baalbek come una piattaforma in grado di sostenere elevatissime forze verticali e diamo un'occhiata alla "moneta di Biblo" (la biblica Gebal):



ove viene raffigurato un tempio, all'interno del quale una sorta di podio con tanto di gradini, sostiene una "camera volante" avente la struttura conica tipica dei razzi.


Altre coincidenze vengono descritte nel meraviglioso poema epico Accadico "L'Epopea di Gilgamesh", in cui si parla di un luogo nascosto, protetto da un "muro insormontabile", da una "porta che uccide chiunque la tocchi", valicata la quale si ha accesso tramite una galleria, ad un recinto ove "vengono pronunciate parole di comando", che corrisponde alla"dimora segreta degli Annunaki". C'è, quindi ben più di una prova che identifica Baalbek con la meta del primo dei due viaggi di Gilgamesh, re di Uruk (città-stato sumera corrispondente alla biblica Erech) intorno al 2.900 a.C. Ma di Gilgamesh e delle sue fantastiche avventure parlerò con cura in futuro....







 
 
 
Vai alla Home Page del blog
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Il_giustiziere01daclisdragon642gianfrancociabocchiclara.amandolipantaleoefrancamario.dandreacerasella57beby69fading_of_the_dayservitorematuroplastiramatemplare1953tedoforo3cristiana.bach
 
 

FACEBOOK

 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31