Creato da e_d_e_l_w_e_i_s_s il 16/06/2012

C'est la Vie

Il bello, il brutto ... e il così così

 

« Pastrocchio all'italiana?Disinformati e felici: u... »

Loro si chiamano Nessuno

Post n°636 pubblicato il 14 Maggio 2018 da e_d_e_l_w_e_i_s_s
 

Eppure sono uomini, donne, giovani, sani, forti.
Ognuno di loro ha una storia alle spalle e  la voglia di vivere.
Sono la forza che traina il Paese.
Quotidianamente però  c’è qualcuno di loro  che muore svolgendo il proprio lavoro
 Il gravissimo incidente accaduto ieri alle Acciaierie Venete  dove 4 operai sono stati investiti da una colata  di acciaio incandescente  a 1600° è l’ultimo di una drammatica serie che dall’inizio dell’anno ha colpito il Veneto, ponendolo al primo posto  non solo per incidenti ma anche per morti sul lavoro:  29 incidenti mortali avvenuti dall’inizio di quest’anno.
Di loro, due lavoratori versano in condizioni gravissime  con ustioni  tutto il corpo;  il  terzo è rimasto ustionato sul 70%.

Non va tanto meglio in Emilia e neppure in Lombardia, mentre dal primo gennaio sono 255 i morti sui luoghi di lavoro in tutta l’Italia.

 Non è assolutamente accettabile che il lavoro da fonte di vita e – sarebbe auspicabile – anche  di realizzazione della persona si trasformi in causa di morte e/o  di invalidità.

Sono tragedie che spesso vengono commentate come una tragica fatalità, relegando loro trafiletti o prime pagine ma nulla di concreto  pur sapendo benissimo che sono il frutto di gravi lacune sul fronte della sicurezza aziendale, agricola, d’impresa perché loro, quelli che giacciono là sul campo di battaglia quotidiana si chiamano tutti Nessuno.























Leggendo di queste notizie mi sono imbattuta nel commento riportato da un lavoratore.
Dice così:

 

Ormai siamo carne da macello siamo tornati in dietro di 100 anni o più
dove si mandava a morire nelle miniere gli uomini e i loro figli,
ringraziamo chi stà sopra alla piramide in nome della globalizzazione
e visto che nei paesi asiatici la vita vale meno di quella di un cane
ci stanno costringendo ad adeguarci ad un sistema lavorativo di schiavitù senza diritti
e stipendi da fame basta vedere tutti i sacrifici e le lotte dei nostri genitori e nonni, bruciati nel nome del pil e della globalizzazione e dell'Europa,
non esistono più giorni di riposo nemmeno la festa dei lavoratori viene più rispettata ,
non esiste nemmeno più il nostro Dio si lavora di Domenica,
a Natale a Pascua di notte e di giorno
il tutto per un pugno di briciole senza scala mobile con stipendi fermi a 30 anni fà
con contratti da pagliacci del circo equestre
e tutto questo che ci viene fatto ingoiare con la forza contro la propria volontà.

 

Che rispondereste a questo lavoratore?

Ve la sentireste di dirgli: " Beato te che almeno uno straccio di lavoro ce l’hai e non sei un disoccupato?"


E ancora, i sindacati che parlano e declamano nelle piazze dove sono quando servono , cosa fanno, per chi tifano e chi tutelano?

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Edelweiss12/trackback.php?msg=13679304

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
monellaccio19
monellaccio19 il 14/05/18 alle 18:19 via WEB
Un aumento esponenziale notevole in questi ultimi tempi: se il lavioro deve uccidere siamo oltre....il lavoro!!!! Troppa leggerezza? Troppa improvvisazione? Spregio delle norme in uso per troppa confidenza? Non so come possa accadere, però so che non dovrebbe accadere!!!! Mi auguro che la catena finsica qua perché è già troppo lunga e tragica con i risultati che abbiamo dovuto riscontrare!!! Il lavoro è ricchezza, è punto irreversibile per l'uomo, se poi deve costare la vita, allora siamo proprio lontano anni luce dal concetto di....lavoro per vivere! Buona sera mia cara.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 14/05/18 alle 21:08 via WEB
Sì, a volte siamo lontani dal concetto di lavorare per vivere. E' una realtà angosciante oltre che tragica.
Leggerezza, improvvisazione, confidenza rientrano senz'altro nella sfera dei possibili errori umani, ma dubito fortemente che da gennaio 255 lavoratori siano stati improvvisamente colpiti da colpi di 'baucco' al punto di lasciarci la vita.
Inoltre usare leggerezza, improvvisazione non conviene neppure all'azienda: la morte di un lavoratore, qualora venisse riconosciuto il mancato rispetto delle norme, è penale.
Di fronte a questi fatti mi viene da pensare che tutto sommato il pensiero del lavoratore non sia poi così sbagliato. Buona serata, Carlo :)
 
cardiavincenzo
cardiavincenzo il 14/05/18 alle 19:27 via WEB
Buona serata a te carissima amica mia. Da tempo oramai fai parte della mia vita (anche se in forma virtuale) io ti penso e ti custodisco con affetto dentro il mio cuore, questo perché al di là di ogni singolo schermo tu sei reale...esiste per davvero. Un caloroso abbraccio/bacione..tuo amico per sempre...Vincenzo.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 14/05/18 alle 21:08 via WEB
Buona serata a te :)
 
nina.monamour
nina.monamour il 14/05/18 alle 19:35 via WEB
Il gravissimo incidente di Padova è purtroppo l'ultimo di una interminabile sequenza di incidenti, spesso mortali, che in questi mesi hanno funestato il Veneto e il Paese, un tributo di sangue inaccettabile che occorre fermare al più presto per garantire a tutti i lavoratori e in tutti i luoghi di lavoro il diritto alla salute e alla sicurezza. Auguri di buona e completa guarigione a queste persone che si impegnano lavorando quotidianamente, mettendo a rischio la propia vita, buona serata Elena.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 14/05/18 alle 21:12 via WEB
Mi unisco senz'altro agli auguri di guarigione per i lavoratori di Padova e per tutti quelli che si sono feriti svolgendo il loro dovere.
Sarebbe cosa buona e giusta garantire a tutti i lavoratori e in tutti i luoghi di lavoro sicurezza. Purtroppo la produzione potrebbe risentirne e con lei i guadagni e la competitività...Buona serata a te, Nina :)
 
hrc.rossano
hrc.rossano il 14/05/18 alle 19:54 via WEB
Al di la' della facile retorica in cui noi italiani siamo maestri,la dura realta'e' stata perfettamente descritta da quel lavoratore.Gli incidenti succedono semplicemente perche' troppi impresari non rispettano le norma di sicurezza (basta entrare in un cantiere edile per rendersene conto).Sindacati? Quelli confederali li definirei perfettamente inutili,gli unici che cercano di far qualcosa sono le altre organizzazioni sindacali autonome...Ciao Ele :)))
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 14/05/18 alle 21:19 via WEB
Sai, Ross., non ho mai creduto ai sindacati. Sono nati come forza pro-lavoratore e sono finiti come politicanti che parlano politichese. Tutti. Senza distinzione.
Anche a me ha colpito il pensiero di quel lavoratore: un pensiero semplice che rispecchia la realtà.
Peccato che nei cantieri lo Spisal entra solo se succede qualche dramma; entrasse a random, immagina quanti cantieri patirebbero per alcune inadempienze sia a livello di sicurezza sia a livello di personale idoneo... Buona serata, ciao :)
 
chiedididario66
chiedididario66 il 15/05/18 alle 06:57 via WEB
La legge 626 c'è,dovrebbe essere applicata,ma è gravosa sul fatturato.bisogna produrre e basta! Non c'è posto per le spese di manutenzione.si è vero siamo tornati indietro di cent'anni.colpa nostra e dei sindacati che hanno accettato le proposte di Confindustria,purché avere un posto al parlamento.hanno tolto la scala mobile,l'articolo 18,insomma hanno tolto tutto quello che i nostri padri hanno ottenuto nei anni 70 con scioperi e manifestazioni.non lamentiamoci viviamo troppo bene,l'importante che non capita a noi,e' il succo della mentalità odierna.se hai guardato reporter ieri sera,ci sono le risposte al tuo post.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 15/05/18 alle 19:21 via WEB
No, Dario, non ho seguito Reporter.
Sono del tutto d'accordo con il tuo pensiero: il fatturato innanzitutto!
Non so se viviamo troppo bene, so però che anche oggi si contano due morti in più.
So che la Camusso era a PD e che Zaia si sta attivando: sempre troppo tardi, sempre all'indomani di 'stragi' che chiamano bianche. Buona serata :)
 
donadam68
donadam68 il 15/05/18 alle 07:52 via WEB
la forza che traina il Paese, quegli operai a tratti sottopagati che incorrono in incidenti mortali tali da perderne la vita, cosa dire mia cara!?!?!? nessuna parola serve su tali notizie ; un abbraccio Elena :)D
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 15/05/18 alle 19:22 via WEB
Hai ragione, Dona: basta parole, vogliamo fatti. Una splendida serata e un sorriso grande :)
 
EMMEGRACE
EMMEGRACE il 15/05/18 alle 12:15 via WEB
Il lavoro,questo benedetto lavoro. Quel lavoratore ha ragione, è davvero così la realtà. I lavoratori poco tutelati e/o addirittura sottopagati e che rischiano anche la loro Vita. Sono indignata per quel che riguarda la sfera lavorativa nel nostro Belpaese. Bentornata Elena :)
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 15/05/18 alle 19:23 via WEB
Già...e oggi altri morti sul lavoro ancora. Indignazione, costernazione, rabbia...dolore...altro che Belpaese! Ciao Grace, un sorriso e una serena serata!
 
gabbiano642014
gabbiano642014 il 15/05/18 alle 13:18 via WEB
L'accaduto non è altro che la violazione delle misure di prevenzione,i mancati controlli delle Aziende Sanitarie in misura di sicurezza.Il prezzo caro che molti operai accettano per vivere...
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 15/05/18 alle 19:25 via WEB
Gli accaduti..perchè di incidenti sul lavoro se ne contano, oggi, altri 2.
Un prezzo troppo caro da pagare per sbarcare il lunario...
 
gabbiano642014
gabbiano642014 il 15/05/18 alle 13:20 via WEB
Accanto al dolore di queste famiglie..
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 15/05/18 alle 19:26 via WEB
Ovviamente ci stringiamo al dolore delle famiglie, inerti e inermi, aspettando e confidanado che vengano prese misure degne di rispetto verso chi lavora. Un sorriso, Patty :)
 
Nuvola_vola
Nuvola_vola il 15/05/18 alle 21:30 via WEB
Io non ci riuscirei.... mi dispiace davvero molto.... toccante ciò che dice ed è vero. ..un bacione cara
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 16/05/18 alle 18:23 via WEB
Difficile davvero dargli una risposta. Oltre che toccante, è anche vero quello che dice. Un abbraccio, Nuvola :)
 
diogene51
diogene51 il 16/05/18 alle 00:06 via WEB
Tutto vero...il sindacato ha perso la sua forza, paradossalmente anche col governo di sinistra. Le cautele previste si applicano al minimo in omaggio al profitto, lavoratori troppo vecchi fanno lavori troppo pesanti, forse c'è anche poca manutenzione, i controlli delle asl e del ministero del lavoro diminuiscono per mancanza di soldi e di persone (tutta la pubblica amministrazione è vecchia e carente di personale), forse c'è anche improvvisazione, sulle impalcature ci sono immigrati messi lì con una sommaria istruzione...non so se Dario si riferiva alla trasmissione dove hanno detto che alla Fincantieri di Genova gli addetti sono quasi tutti immigrati assunti col caporalato che lavorano a 5-600 euro al mese, te lo figuri tu? Qua bisogna cambiare regime, risparmiare su tante cose e investire sulla sicurezza del lavoro, ma non vedo molte speranze... Buona serata, cara Elena!
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 16/05/18 alle 18:26 via WEB
In buona sostanza c'è molto, troppo, eccessivo pressapochismo ovunque e dovunque.
Non ho visto la trasmissione quindi non so Dario a cosa si riferisse...però ha centrato il succo del problema. Seratissima, Renato :)
 
virgola_df
virgola_df il 16/05/18 alle 08:21 via WEB
Chissà se davvero si può parlare di tragica fatalità. Ad ascoltare quel lavoratore, come tanti altri, un dubbio m'assale e mi sconcerta!
Buona giornata ede. Un caro saluto ed un abbraccio.
virgola
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 16/05/18 alle 18:28 via WEB
E mi fa piacere se anche a te, Virgola, assale lo stesso dubbio che ha assalito me: non posso credere che duecentocinquantanove volte la tragica fatalità abbia colpito i lavoratori. Un caro saluto e una splendida serata :)
 
woodenship
woodenship il 17/05/18 alle 01:54 via WEB
Che rispondere?E' molto difficile dare una risposta,dal momento che le cose sembrano andare in una direzione che è ben lontana da quella che ci si augurava qualche decennio fa.Molti danno la colpa al sindacato, alla globalizzazione, agli spiriti animali del capitalismo e della finanza ormai liberi da lacci e lacciuoli.Ma il problema vero credo che risieda soprattutto nella società,nel tipo di società che è andato configurandosi a partire dagli anni settanta:una società sempre più disgregata,individualizzata,incarognita e determinata a difendere il proprio orticello,buttando alle ortiche quanto di buono si era creato in passato,grazie a lotte e movimenti di protesta.Oggi ci si sveglia.Però ricordo di quelle manifestazioni,come quelle dell'Enichem di Porto Marghera,in cui l'interesse dei lavoratori confliggeva con quello del diritto alla salute e ad un lavoro che non uccida chi lo fa per guadagnarsi da vivere... Contraddizioni sulle quali continuano a prosperare speculatori e imprenditori che hanno messo da parte la responsabilità sociale alla quale dovrebbero dare la parte che ad essa spetta..........Bacio scintillante di stelle.......W.........
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 17/05/18 alle 18:06 via WEB
Leggendo il tuo pensiero,...W..., penso alle manifestazioni di un tempo quando, ragazzina, mi entusiasmava Lama e la sua pipa. Cenere di tabacco e di buoni propositi perchè, allora come ora, il diritto alla salute è sempre stato messo in secondo o terzo o anche quarto posto. O forse in fondo alla lista delle priorità considerando il numero notevole di morti per l'amianto, per esempio, o per altre sostanze tossiche. Io credo che non potremmo mai vantare il privilegio di essere una Nazione attenta ai suoi lavoratori...Un sorriso e una splendida serata, ciao :)
 
eric.trigance
eric.trigance il 17/05/18 alle 10:09 via WEB
I padroni, lo stato, non possono fare qualcosa ? Ci sono forse regole di sicurezza a mettere in atto, no ? Che peccato...
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 17/05/18 alle 18:07 via WEB
Potrebbero, dovrebbero. Le leggi ci sarebbero. Sulla carta. Buona serata, Eric :)
 
satanona
satanona il 17/05/18 alle 15:36 via WEB
Non capisco come la sicurezza in certi impianti e aziende vada a farsi una passeggiata di tanto in tanto..ma la messa in opera di certi macchinari o strutture non dovrebbe essere collaudata ogni giorno ? Morti bianche che si susseguono a non finire e i sindacati stanno a guardare. Ciao Elena buona serata
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 17/05/18 alle 18:09 via WEB
Quel di tanto in tanto però, Asia, è diventato spesso. E il numero di morti/feriti cresce. Se ne parla tanto appena il fatto accade e poi diventano tutti Nessuno. Dimenticati. Morti e sepolti.
La sicurezza è fondamentale. Non basta che sia scritta sulla carta, va messa in pratica. Un sorriso e una splendida serata!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

monellaccio19e_d_e_l_w_e_i_s_sprefazione09woodenshipalberto.gambineriDomesticat1960surfinia60mariomancino.msonilabbarbabianca6volami_nel_cuore33ilariavitale_ishellydgl10cruelangels
 

BIANCOLUNGO