Creato da e_d_e_l_w_e_i_s_s il 16/06/2012

C'est la Vie

Il bello, il brutto ... e il così così

 

« Stereotipi anni 2020Il doodle di Google mi dice che »

Chatta che ti passa!

Post n°898 pubblicato il 30 Settembre 2020 da e_d_e_l_w_e_i_s_s
 

 

La malinconia.
La solitudine.
La frustrazione.

E' questo il senso di Replika
, un'applicazione scaricata già da 7 milioni di utenti nel mondo.
Oltre il monitor però non c'è un cuore che batte, ma un'intelligenza artificiale con cui ci si illude di scambiare quattro chiacchiere proprio come all'oratorio o al bar ma  che in realtà nasconde risvolti potenzialmente pericolosi.
Basta chiedere consigli su come risolvere una controversia con chicchessia, ad esempio, per ritrovarsi di fronte ad una risposta di dubbia moralità: '' Eliminala! ''[clicca]  :

Ma se da un esperimento per quanto rischioso possa essere si passa alla realtà, allora il gioco diventa tragico.

E tragico è leggere del bambino di 11 anni  che si è lanciato dall'undicesimo piano di un palazzo a Napoli.

Avrebbe lasciato un biglietto di saluti a mamma e papà chiedendo scusa,  ma l'uomo nero gliel'aveva intimato.

Jonatan Galindo, è il nuovo gioco -successore della blue whale challenge-  che si svolge totalmente online.
Un personaggio con un cappuccio nero e l'aria sorniona alla Pippo richiede l'amicizia ai giovanissimi su ogni canale social possibile (Facebook, Instagram, Tik Tok, Twitter) e propone sfide con paure e angosce crescenti fino ad arrivare al gesto estremo.































Non sono giochi, come quelli che comunemente intendiamo ed è allucinante che vengano considerati tali.

Perché di ludico non c'è nulla.

C’è piuttosto la sfida con la violenza e con la morte.

C'è piuttosto l'identikit di una società malata.

 

Inutile colpevolizzare i ragazzini.

Ridicolo solo pensare a gioventù bruciata.

O dire *ai miei tempi…*



La rete offre, ma offre anche insidie.

Perciò per quale motivo nel web possono  trovare spazio  app  e nessun organo di controllo si attiva non solo a oscurare tali orrori , ma a denunciare e punire coloro che li pubblicano?


E ancora, le famiglie dove stanno quando non s'accorgono del disagio che sia di una settimana o di un mese  dei propri figli?

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Edelweiss12/trackback.php?msg=15156680

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
monellaccio19
monellaccio19 il 30/09/20 alle 17:58 via WEB
Eccolo l'uomo nero o il lupo che inconsciamente e con inquieta supponenza, moltissimi anni fa, metteva paura ai bambini. Batava accennare ai bambini per un qualsiasi contraddittorio, questi personaggi favolistici e il gioco era fatto! Mai errore più grave commisero i genitori e chi per loro inquietava i piccoli, e i risultati sul piano psicologico, erano funesti! Ora siamo esonerati, siamo più saggi e non ne parliamo più perché ci hanno insegnato che causa cattivi effetti sula psiche dei ragazzini. Va bene, ci pensiamo noi, ha replicato la tecnologia, facciamo noi il lavoro sporco e vi solleviamo dalle responsabilità!!! E no, la responsabilità resta a carico di chi deve provvedere, vigilare e non volgere lo sguardo altrove!!!! Una vita spezzata ha il suo costo e nessuno può pagarne il conto! Buona sera Elena.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 30/09/20 alle 18:04 via WEB
C'è un filino di differenza fra il lupo di Cappuccetto Rosso e Jonatan Galindo. Una differenza talmente grande che non può e non deve farci sentire esonerati. Perchè tanto più saggi mica lo siamo, eh! E non lo siamo anche quando permettiamo ai nostri figli l'uso sconsiderato del pc senza prenderci la briga di controllare. E non lo siamo neppure quando sottovalutiamo il disagio che intavvediamo nei ragazzini. E non lo siamo neppure come società che volge lo sguardo altrove.
Buona serata Carlo.
 
   
monellaccio19
monellaccio19 il 01/10/20 alle 17:27 via WEB
Perfettamente d'accordo!!!!! Ciao Elena.
 
     
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 02/10/20 alle 16:15 via WEB
Non so se ho ragione, ma questo sento e questo scrivo, ciao Carlo
 
chiedididario66
chiedididario66 il 30/09/20 alle 18:31 via WEB
Società malata. Non c'è da fare retorica o demagogia, internet ha rovinato la gioventù. La colpa è dei genitori permissivi e menefreghisti e anche narcisisti. Ecco i frutti che si raccolgono. Intanto incombe la nuova profezia, che dice:fra 7 anni finirà il mondo:-)).
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 30/09/20 alle 21:09 via WEB
Concordo che troppe volte i genitori delegano alla rete troppo spazio che invece andrebbe usato per stare con i figli. Ma da qui a dire che internet abbia rovinato la gioventù avrei qualche dubbio specie se consideriamo che Replika, app scaricata da 7 milioni di utenti, si rivolge a un pubbllico non adolescianziale, ma adulto. Se non hai di meglio da fare, cliccaci su . Scoprirai, senza far demagogia, che è molto più inquietante della nuova profezia ;)
 
divinacreatura59
divinacreatura59 il 30/09/20 alle 19:53 via WEB
E io continuo a tenere la testa sotto la sabbia come lo struzzo,pubblicherò in bacheca una poesia in merito.Questo mondo mi ha scocciato e cerco di limitare al minimo i danni.Buona serata Mitica....baci.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 30/09/20 alle 21:13 via WEB
E io leggerò la poesia che pubblicherai. Magari metterò il visino rosso o la lacrimuccia non perchè la poesia in sè non sia bella, ma per il messaggio intrinseco: fare lo struzzo è molto lontano dal mio sentire. Buona serata, Divina :)
 
gianor1
gianor1 il 30/09/20 alle 21:03 via WEB
Mi preoccupa assai l'intensità che tende a suscitare scalpore utilizzato dai max media e l’attenzione esorbitante sulla nuova ossessione del web che genera il riscio di un effetto assurdo: sostentare la stravaganza dei ragazzi, che solitamente vedono i fenomeni del web con occhi molto meno sbigottiti, ma più ironici e distaccati di quanto facciamo noi genitori. E come racconta oggi la cronaca si rischia di scatenare fenomeni di emulazione, con persone che si divertono a impersonare il nuovo spauracchio di cui tutti parlano. Come padre sono molto ma molto preoccupato e non temo di essere pedante con mia figlia evidenziando i pericoli della rete. Gian
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 30/09/20 alle 21:21 via WEB
Tutto vero, Gian. Però 'sto ragazzino s'è buttato. E' morto. Aveva 11 anni. Aveva paura. E prima di lui ricorderai senz'altro altri fatti di cronaca legati a blue whale challenge.
Se poi ci aggiungi l'altra app, cioè Replika, di cui Il Corriere.it ha provato un esperimento, beh allora non è solo la pericolosità per i ragazzini a preoccupare, ma anche l'instabilità di certi adulti che sfogano nel web dietro un freddo monitor il loro disagio e/o le mancanze che avvertono.
Ciao :)
 
alberto.gambineri
alberto.gambineri il 01/10/20 alle 08:45 via WEB
Mi verrebbe da scrivere un fiume di parole, ma debbo reprimermi, perché anche la sintesi è una virtù e Dio solo sa quanto bisogno ci sia, ora come ora, di comportamenti virtuosi; due esempi emblematici: una mia amica (non è neppure una cretina…), nell’esternare la propria fatica di affrontare il ruolo di madre di un bimbo piccolo e vivace, mi disse una volta di benedire i cartoni animati in quanto almeno per qualche ora poteva parcheggiare (qs verbo lo uso io, non lei) il figlio davanti al televisore e pensare a se stessa; fortuna che a quei tempi non c’erano computer, smartphone e uomini neri (…e forse nemmeno un impalpabile, subdolo senso di fatalismo ad infettare il cuore dei giovanissimi); un tizio di cui non conosco neppure il volto mi confidò, anni fa su un social, di essersi innamorato talmente di quella che riteneva la sua donna ideale, incontrata in rete e (per sua stessa ammissione) mai di persona, da non dormire più la notte e non riuscire più a condurre una vita scevra dal pensiero di lei (ma, come si può immaginare, avrebbe potuto benissimo nascondersi chiunque dietro a quell’ avatar); tra le centomila parole (inutili) che mi venne da dirgli per consolarlo, ricordo che insistetti molto affinchè non si lasciasse convincere da eventuali richieste di denaro; siamo a questo, cara amica; a parlare con i fantasmi…; in un pianeta sovrapopolato, siamo a confrontarci con i robot e con gli ectoplasmi, spesso ricercando da essi rifugio alla solitudine, anziché dai nostri simili; non è triste tutto ciò? Guarda, per tirarmi su, penso al Galindo, autore di una canzone bellissima, struggente come solo le melodie ispaniche possono esserlo: “Malaguena salerosa”, ne esistono decine di versioni, dalle classiche alle pop, tutte più o meno… “salerosas”; ma ne riascolto una, mentre constato (mannaggia!) che ho scritto un… poema e volevo essere breve. Un saluto, dai.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 02/10/20 alle 16:26 via WEB
Oh, ma invece non sai, Alberto, quanto ti ho letto volentieri.
Sai? Non mi sento d colpevolizzare la signora, mamma di un bimbo, perchè lo 'parcheggia' davanti a un cartone. Non ci trovo nulla di così antieducativo. Certo, dipende dal cartone, ma tenere i bimbi sotto una campana di vetro rendendoli diversi dai compagni mi parrebbe quantomeno anacronistico. Così come impedire loro l'uso di internet: ovviamente badando ai siti che frequentano o limitandone l'accesso indisciplinato.
Come te, anche io, trovo tristissimo, oltre che a volte pericoloso, credere nelle relazioni via internet. Internet è un grande strumento a nostra disposizione: sta a noi però farne un corretto uso. Buon pomeriggio :)
 
dolcesettembre.1
dolcesettembre.1 il 01/10/20 alle 09:50 via WEB
Quando leggo queste cose mi arrabbio e mi commuovo allo stesso tempo.Non si può morire a 11 anni perchè,(faccio mia una tua frase)la famiglia di questo ragazzino lo lasciava solo per andare incontro al baratro,e non si accorgevano del disagio del figlio.E anche con le app ci dovrebbero essere più controlli.Buon 1°Ottobre. :-) Dolce
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 02/10/20 alle 16:31 via WEB
Devo essermi espressa male. E mio correggo.
Non ho additato la famiglia del ragazzino in questione come colei che lo lasciava andare incontro al baratro. Il mio era ed è un discorso in generale. Perchè sono troppe le famiglie che sottovalutano i disagi dei figli e/o non si curano deisiti che visitano o delle app che scaricano.
Grazie, Dolce, buon mese di ottobre anche a te :)
 
   
dolcesettembre.1
dolcesettembre.1 il 03/10/20 alle 08:54 via WEB
Quando ho scritto che con le app ci dovrebbero essere più controlli,mi riferivo alle famiglie che non si curano di controllare i siti che frequentano i figli.
 
volami_nel_cuore33
volami_nel_cuore33 il 01/10/20 alle 15:12 via WEB
Incontri persone che ti dimenticano.Dimentichi persone che incontri.Ma a volte incontri persone che non puoi dimenticare. Quelli sono i tuoi amici. (Mark Twain) Buon pomeriggio con sorrisi e abbracci...Agnese...
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 02/10/20 alle 16:31 via WEB
Buon pomeriggio a te, Agnese :)
 
Bugenhagen
Bugenhagen il 01/10/20 alle 22:56 via WEB
Mah! Cazzi loro. Hai voglia di dire che Internet dovrebbe essere vietato ai minori. E dire che un tempo serviva come servizio di informazione militare, adesso è diventato un giocattolo nelle mani dei bambini. Ma un giocattolo pericoloso.
 
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 02/10/20 alle 16:34 via WEB
... e degli adulti, o forse di certi adulti.
Vietare l'uso di internet ai ragazzini non è una priorità. Anzi è anacronistico e quantomeno ridicolo, oggi. E' però una priorità e un dovere di genitore accertarsi in che siti naviga...
 
woodenship
woodenship il 02/10/20 alle 19:06 via WEB
Sinceramente, l'evento mi ha sconvolto assai. Ma non saprei cosa dire. Oggi leggevo in un sito di cacciatori di bufale che la Storia di Galindo non sarebbe altro che una bufala e la motiva a con un'inchiesta. Aspetterei di conoscerne più elementi. Però non posso non essere d'accordo sul fatto che la rete si presti a degenerazioni d'ogni genere. Dunque che i genitori dovrebbero fare in modo di guidare i figli..... Un bacio scintillante di stelle..... W.....
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

ITALIANOinATTESArichard.lionheart197Lalla3672endchurchsurfinia60FRYTZ68monellaccio19e_d_e_l_w_e_i_s_sdolcesettembre.1cassetta2Stratocoversdiogene51woodenshipchiedididario66gianor1
 

BIANCOLUNGO