La Serie A da zero a dieci-33°giornata

logo

Ecco i nostri voti alla trentatreesima giornata di Serie A.

10

RUSLAV MALINOVSKYI, FRANCK KESSIE, MATTEO PESSINA E FEDERICO BONAZZOLI Che perle! Se gli  stessi goal li avessero fatti Ronaldo o Lautaro Martinez, oggi i giornali non avrebbero parlato d’altro.

9

ATALANTA BERGAMASCA Continua a regalarci grande calcio.

WOJCIECH SZCESNY Le sue grandi parate regalano il pareggio alla Juventus, risparmiandole una pessima sconfitta.

8

CLAUDIO RANIERI Zitto zitto, senza sbraitare, fare proclami, sta portando la nave Sampdoria in acque più tranquille.

ROBERTO DE ZERBI Nonostante la partenza nettamente in salita scaturita dai due goal presi, la sua squadra gioca a calcio e lo fa bene. Ancora qualche distrazione difensiva di troppo, ma il Sassuolo continua ad essere una solida, ottima realtà.

7

A.C.F. FIORENTINA Tre punti importanti, conseguiti contro una squadra dalla difesa non certo rocciosa.

F.C. BOLOGNA Contro una delle squadre più in forma del campionato gioca una bella partita.

F.C. TORINO Buona prova che permette ai granata di portare a casa tre punti d’oro.

6

A.C. MILAN Tre punti importanti, ma il risultato è bugiardo a nostro avviso.

F.C. INTERNAZIONALE Vittoria che dà morale, ma contro un avversario non certo irresistibile.

5

S.S. LAZIO Non vediamo progressi, anzi.

4

KEVIN LASAGNA. E passagliela ad Okaka!

3

FASE DIFENSIVA DELLA JUVENTUS Contro il Milan e il Sassuolo non sono state chiuse due partite che, sul 2-0, andavano messe in cassaforte. Colpa di Sarri? Dei giocatori? Noi propendiamo per la seconda ipotesi, dubitiamo che sul 2-0 il buon Maurizio abbia detto ai suoi “Adesso prendete tre goal, mi raccomando”

2

FASE DIFENSIVA DEL LECCE Gruviera.

1

FEDERICO BERNARDESCHI L’azione in cui si rovescia per terra da solo, come un ubriaco che esce da un’osteria, la dice lunga sul suo momento.

0

ANTONIO GIUA E DANIELE DOVERI Come si fa a negare un rigore come quello non assegnato alla SPAL ieri? Col VAR certi errori, lo ribadiamo, non sono scusabili.

La Serie A da inclassificabile a dieci-31°giornata

logo

Ecco i nostri voti all’ultima giornata di campionato. Questa volta c’è chi è riuscito ad andare sotto lo zero con il suo comportamento.

10

STEFANO PIOLI Questo è essere professionisti! La sua dirigenza annuncia ai quattro venti che lo ha già silurato, lui va in panchina e in due partite mette in campo una squadra capace di rifilare 7 goal alle prime due in classifica.

SINISA MIHAJLOVIC Nella polemica con Caressa ha ragione e basta. Juve, Inter, Milan e le romane hanno più tifosi, non per questo bisogna trattare le squadre piccole come infiltrate.

9

GIGIO DONNARUMMA Sia ben chiaro: non abbiamo mai criticato lui, ma chi lo pompava. Ieri con la parata sul colpo di testa di Rugani è stato decisivo.

ADRIEN RABIOT Come Andrea Margheritoni in “Mezzo destro Mezzo sinistro” quando viene insultato dal tifoso tedesco ubriaco, prende il pallone e va a segnare un goal eccezionale, dimostrando che non è un pippone.

LUIS MURIEL  Ennesima perla.

JORDAN VERETOUT Perla che regala tre punti.

8

FABIO LUCIONI Dopo la clamorosa ingenuità con cui inguaiò la sua squadra nella partita contro la Juve, si riscatta diventando match-winner contro la Lazio.

GABRIEL Si riscatta da un errore grossolano con parate prodigiose che salvano la sua squadra.

FRANCK KESSIE’ Da oggetto (quasi) misterioso ad anima del centrocampo rossonero.

ZLATAN IBRAHIMOVIC Chapeau. Da quando è arrivato  la media punti è tutta un’altra per il Milan. Siamo sinceri, eravamo dubbiosi, arrivava da un campionato non certo paragonabile al nostro, ma Zlatan è un grande professionista e ci sta smentendo. Un vero totem.

ROBERTO DE ZERBI Continua a farci vedere bel calcio insieme ai suoi ragazzi.

UDINESE CALCIO Tre punti importanti conquistati senza problemi.

DARKO LAZOVIC Sul goal dell’1-0 si beve Skriniar come un crodino.

7

NAPOLI CALCIO Continua il momento positivo.

HENRIKH MKHITARYAN Ha un vizio tutt’altro che brutto: quello del goal.

IVAN JURIC Altra esibizione di bel calcio della sua squadra e il merito è senza dubbio anche suo. Bravo anche nel rispondere all’arroganza di Conte.

6

F.C. JUVENTUS Media fra 8 dei primi sessanta minuti e 4 degli ultimi trenta.  Sessanta minuti di ottimo calcio buttati nel cesso per dieci minuti di follia. Naturalmente tutti a dare addosso a Rugani, è tipico prendersela coi più deboli, ma dopo il rigore c’è stato un calo che ha coinvolto tutta la squadra, compreso Bonucci di cui parliamo tra poco.

U.S. SAMPDORIA Perde, è vero, ma tiene testa all’Atalanta impensierendola. Giocando così la salvezza arriverà.

F.C. TORINO Tre punti d’oro. Giocar bene è altra cosa, ma col Brescia era fondamentale vincere e così è stato fatto.

5

S.S. LAZIO Un po’ meglio rispetto alla gara col Milan, ma i problemi rimangono e comunque è lontana parente della squadra ammirata prima del lockdown.

LEONARDO BONUCCI Quando non ha di fianco Chiellini o l’ultimo De Ligt, mostra i suoi limiti.

GENOA 1893 Altra sconfitta, la questione si fa sempre più dura.

F.C. INTERNAZIONALE Per poco non vince una partita in cui la vittoria sarebbe stata immeritata. Altra occasione persa, l’Atalanta che effettua un momentaneo sorpasso, insomma alla vigilia della stagione le attese non erano queste. Urge guardarsi in faccia, protestare sui falli non serve a nulla.

4

DANIELE RUGANI Gioca poco, contro il Milan se n’è visto il motivo.

3

SPAL Semplicemente una nave che sta affondando.

2

ALEX SANDRO L’assist al Milan sul quarto goal è poesia. L’avesse fatto De Sciglio a quest’ora sai gli insulti, ma siccome vige l’esterofilia, va bene così (o meglio non va bene, ma accettiamo giacché non c’è altro da fare)

1

GONZALO HIGUAIN Già lo scrivemmo una volta, lo rifacciamo. Hai toccato si e no 5 palloni in 70 minuti, cosa hai da fare il tamarro se Sarri ti sostituisce?

0

ANTONIO CONTE “Stai muto e non rompere il c….o” lo dici al tuo cane.

INCLASSIFICABILE

PATRICK  della Lazio. Vai a giocare coi cannibali. Qualcuno dirà che ciò che ha fatto  lo fece pure Suarez, ma pure Suarez allora doveva andare a giocare coi cannibali.