Creato da sciu_sciu il 21/02/2005

Cucina con passione

<º))))><Ovvero Ricette..Consigli e Conversazioni..><((((º>

AREA PERSONALE

 

SCRIVIMI

Vuoi collaborare con me? Oppure vuoi pubblicare le tue ricette in questo blog? Contattami via E-mail ed inviami le foto e il procedimento, inserirò la ricetta nel blog indicandoti come autore/autrice.

 

CONTATTAMI VIA MAIL

 

ULTIMI COMMENTI

Ciao sciu_sciu, grazie delle info. Quindi bastano 48 ore...
Inviato da: Nicola Stocco
il 21/11/2014 alle 14:40
 
buona domenica guarda questo video clicca qua qua e x la...
Inviato da: paperinopa_1974
il 19/10/2014 alle 12:54
 
buona domenica clicca MUSICA
Inviato da: paperinopa_1974
il 12/10/2014 alle 19:55
 
Veramente sublime. Da provare!
Inviato da: max trash
il 22/09/2014 alle 17:08
 
Perchč i piselli surgelati, freschi cuociono troppo?
Inviato da: Lillyput
il 18/09/2014 alle 12:29
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cascone_eleonoratopolina742009sweetnotepamela24xga.bri1tomtom08_2008sax_jazzinfolavolantemar.cuzfreccia10000solemarevento78wladymnikosisalux1972
 

VOTAMI SU NET-PARADE

Siti

 

Protected by Copyscape Duplicate Content Penalty Protection 

Top Italia

Il Bloggatore Cucina

i migliori blog! (ricette di cucina)

Cerca il ristorante su RestaurantOnClick
Paperblog 
Ricette Last Minute Top 100 Cooking Blog

 

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: sciu_sciu
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Etą: 42
Prov: EE
 

 

Coppola di Garibaldi

Post n°303 pubblicato il 16 Dicembre 2013 da sciu_sciu
 

Ecco un altro piatto delle feste:

La coppola di Garibaldi è un timballo di pasta con funghi, besciamella e piselli. Potete sostituire le verdure con altre di vostro gradimento tipo asparagi e fagiolini verdi tagliati a pezzetti. Una curiosità su questo piatto è quella legata al nome. Infatti secondo alcuni, una volta sformato, il piatto rappresenterebbe il copricapo di Garibaldi,quando viene servito le fette di prosciutto gli danno un colore quasi rosso che lo rende di grande effetto. Secondo altri, invece, sembrerebbe che questo piatto sia stato inventato proprio in onore di Giuseppe Garibaldi, in occasione del suo incontro con Vittorio Emanuele II il 26 ottobre del 1860 sul ponte di San Nicola, tra Caianiello e Teano.

In questa ricetta vi propongo le tagliatelle all’uovo, ma ne esiste anche una variante che utilizza il riso.

Ingredienti:
gr 500 di tagliatelle all’uovo confezionate

Per il ripieno:
- gr 200 di piselli surgelati
- cipolla
- gr 300 g funghi champignon
- 1 spicchio d’aglio
- olio evo
- gr 200 di scamorza
- gr 100 g prosciutto cotto a dadini
-300 gr di prosciutto cotto per rivestire la teglia
- burro per la teglia a ciambella
- abbondante parmigiano grattugiato

Per la besciamella:
- 1/2 litro di latte
- gr 50 burro
- gr 50 farina
- sale
- noce moscata

Esecuzione:

1- Tagliare a dadini la scamorza.
2 – In una casseruola lessiamo i piselli in acqua salata per 10 minuti,li scoliamo e li rosoliamo con la cipolla, aggiustiamo con il sale.
3 – In un’altra padella facciamo rosolare l’aglio, e aggiungiamo i funghi affettati, copriamo e
facciamo evaporare l’acqua dei funghi,rosoliamo,saliamo e met
5 –Lessiamo le tagliatelle in abbondante acqua salata,le scoliamo e le versiamo in una ciotola, aggiungiamo la besciamella,i funghi,i piselli,il prosciutto cotto,la scamorza e abbondante parmigiano.
6- Imburriamo una teglia per ciambella e la foderiamo con le fette di prosciutto cotto,accavallandole un pò e le facciamo uscire dal bordo, distribuiamo al suo interno la pasta, ripieghiamo le fette di prosciutto poniamo in forno già caldo a 180° per circa 35-40 minuti.
7 – Sforniamo, facciamo raffreddare per circa mezz’ora, rigirando su di un piatto da portata e buon appetito!

 
 
 

Focaccia pugliese

Post n°302 pubblicato il 12 Dicembre 2013 da sciu_sciu
 

 

Soffice e gustosa questa focaccia,condita con pomodorini, origano e olio extravergine d’oliva. Ottima per merenda,mangiata così com'è,oppure con qualche affettato appoggiato sopra.
Ricordate che la patata nell' impasto regalerà una morbidezza anche il giorno dopo.

Focaccia Pugliese

Ingredienti:

250 gr di
farina 00
250 gr di farina di semola
300 - 350 ml di acqua
150 gr di
patate
10 gr di
sale
50 ml di
olio evo
10 gr di
lievito di birra
200 gr di
pomodorini
origano
sale

Iniziate lessando la patata , quindi schiacciatela con uno schiacciapatate.Versate le due farine in una ciotola per poi impastare a mano. Aggiungete anche la patata schiacciata, il sale e il lievito sciolto in un po' di acqua tiepida con un pizzico di zucchero. Incorporate un po’ d’acqua,iniziate ad impastare e aggiungetene a filo la restante,per ultimo unite l’olio. Impastare per 15 minuti: bisognerà lavorare l’impasto finché risulterà completamente liscio ed elastico. Fate attenzione a non aggiungere troppa farina per evitare di indurirlo troppo.

Oliate una teglia e sistemate l’impasto, rigirandolo per oliarlo da entrambi i lati: Sistematelo bene e mettetelo a lievitare a temperatura ambiente per circa 3 ore (4 in inverno)

Trascorso questo tempo, potete stendere e condire la focaccia: oleate una teglia,stendete l' impasto al centro e schiacciate con le dita per stenderlo.

Tagliate i pomodorini a metà e disponeteli rivolti verso il basso sulla focaccia. Oliate nuovamente, aggiungete un pizzico di sale e dell’origano.Mettete a lievitare per altri 30 minuti. Cuocete a 220° per 20 minuti.


 
 
 

Quiche con funghi e patate

La torta salata con funghi e patate, arricchita dall'intenso e gustoso sapore dello speck è la quiche perfetta da servire come antipasto durante una cena o come piatto forte, accompagnata da sfiziosi contorni misti.



Quiche con patate e funghi

Ingredienti:

1 confezione di pasta sfoglia

Per il ripieno:

300 gr di funghi champignon
150 ml di latte
200 ml di panna
500 gr di patate
50 gr di speack (o pancetta dolce)
1 uovo
1 mozzarella
3 c.ai di parmigiano
aglio,prezzemolo
semi di papavero a piacere

Pulite le patate,affettatele e tagliatele a dadi,lessatele per 15 minuti e scolatele.
Trifolate i funghi con aglio, prezzemolo e olio, aggiungete lo speack.
Unite le patate e lasciate insaporire per qualche minuto,salate e pepate.
Tagliate la mozzarella a dadini e asciugatela su carta assorbente.
Sbattere l' uovo in una terrina, unire il parmigiano,la panna e il latte.
Rivestire una tortiera con la pasta sfoglia, disponete sopra le patate, i funghi
e la mozzarella. Versatevi sopra la crema di uova,spolverate con
semi di papavero e infornate a 180° per 3o m.
Sfornate la quiche e lasciatela raffreddare prima di servirla.

 

 
 
 

Timballo di scrippelle a modo mio

Post n°300 pubblicato il 08 Dicembre 2013 da sciu_sciu
 

 

Il timballo Teramano, è una golosità unica costituito da vari strati di crespelle. Al posto delle sfoglie di pasta fresca,questo piatto prevede la presenza di frittatine sottili (scrippelle)da posizionare alla base di ogni strato, intervallate da un condimento di ragù,uova sbattute e scamorza. Sono una sorta di crepes francesi che gli abruzzesi portano in tavola soprattutto nei giorni di festa come Natale, Ferragosto, Capodanno e in eventi speciali.
Da questo piatto,ho “rubato” l'idea di utilizzare le scrippelle al posto delle sfoglie,aggiungendo però la besciamella che il piatto originale non prevede assolutamente.


Timballo di screppelle a modo mio:

 

Per le screppelle:
Per gli ingredienti vedere QUI
Per il sugo:
- 500 gr di spezzatino di manzo
- qualche costoletta di maiale (io ne ho utilizzate 6 piccole)
- 1 bottiglia di passato di pomodoro
- 1 pezzetto di cipolla
- 1 carota
- 1 costa di sedano
- olio evo
- sale qb
Per le polpettine:
- 500 gr di carne macinata mista
- pane raffermo
- sale & pepe
- 1 uovo
- parmigiano grattugiato
Per farcire:
- 300 gr di mozzarelle
- formaggio grattugiato
- besciamella
(questa è facoltativa)

Preparazione:
Scrippelle:
Per la preparazione vi rimando QUI
Il sugo:Fate un trito con la cipolla, sedano e carote,rosolare in una pentola capiente con olio evo,unire le costatine tagliate a pezzetti e la carne di manzo. Rosolare bene ,sfumare con un po' di vino rosso e infine aggiungete la passata di pomodoro, coprire e cuocere per due ore circa, salare e portare a termine cottura finché non si crea un sugo leggermente denso. Quando sarà cotto,togliere la carne.
Polpettine:Mettere in una ciotola la carne macinata,l'uovo, salare e pepare unire una fetta di pane raffermo precedentemente ammollata in acqua e strizzata bene. Amalgamare l' impasto e formare con tanta pazienza,piccole polpettine grandi come una nocciola e friggere in olio bollente. A questo punto potete metterle nel sugo oppure metterle sulle scrippelle in bianco.

 

Assemblaggio:

Tagliare a pezzettini la mozzarella.Versare un po' di sugo in una teglia rettangolare e formare un primo strato di screppelle, versare su ognuna il sugo di pomodoro, le polpettine, una spolverata di formaggio, la mozzarella e la besciamella, continuate ancora rispettando la sequenza fino ad esaurimento degli ingredienti. Cuocere in forno caldo a 180° circa per circa 40 minuti,fino a che non si formerà una crosticina dorata.


Come servire:

Tolto dal forno è meglio coprirlo con la stagnola, e lasciarlo riposare per almeno un'ora.
Deve compattarsi, restare umido e morbido. Il timballo è ottimo anche freddo.

Volendo al posto delle polpettine,potete semplicemente friggere la carne macinata con olio e cipolla,salare e aggiungere alla fine un pò di sugo per colorirla; questo velocizzerà la preparazione,anche se le polpettine danno sicuramente un tocco in più al piatto!

 

 

Vino consigliato

Montepulciano d’Abruzzo DOC o Montepulciano Cerasuolo D'Abruzzo DOC.

 
 
 

Vellutata di patate e porri

Post n°299 pubblicato il 03 Dicembre 2013 da sciu_sciu
 

 

La vellutata di porri e patate è un piatto semplice ma gustoso, che abbina il sapore intenso dei porri, alla delicatezza delle patate.

Non vi resta che preparare la vostra crema di porri e patate per allietare un pasto invernale con sapore e leggerezza.

Ingredienti:

500 g di patate
1 porro
50 gr di latte
50 gr di burro
prezzemolo tritato
crostini di pane tostati
sale e pepe

Preparazione:

Lavate il porro, affettatelo,poi sbucciate e tagliate le patate a dadini.

In una casseruola, rosolate con il burro i porri a fuoco vivace per 5 minuti.

Aggiungete le patate,rosolate poco, quindi aggiungete 1 l d'acqua, insaporite con il sale e pepe.

Lasciate cuocere per 30 minuti dal bollore.

Passate il tutto al passaverdura(o più velocemente con il mini pimer),riversate nella pentola, aggiungete il latte e riportate a ebollizione, lasciate cuocere per qualche minuto.

 

Servite la vellutata spolverizzata di prezzemolo tritato e accompagnata da crostini.

 

 
 
 

Risotto alla Verdi

Post n°298 pubblicato il 02 Dicembre 2013 da sciu_sciu
 
Tag: Risotti

Questo è l' anno che vede tutti i teatri d’Italia e del mondo celebrare il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, grande musicista e sommo drammaturgo, divenuto simbolo immortale di italianità e di libertà.

Ma Verdi, oltre ad essere uno dei compositori più famosi e apprezzati al mondo, era anche un raffinato cultore del buon cibo. In particolare, amava uno dei piatti italiani per eccellenza: il risotto, piatto in cui non faceva mai mancare uno degli ingredienti principe della sua terra: il Parmigiano Reggiano.

Da ingredienti semplici nascono cose straordinarie....

Per celebrare il Grande Maestro e il suo legame ai prodotti tipici del territorio, lo chef francese Henry-Paul Pellaprat, allievo di Escoffier, gli dedicò un risotto che in suo onore prese il nome di “Risotto alla Giuseppe Verdi”.Il cuoco prese ispirazione dalla ricetta originale del risotto che preparava spesso il musicista,arricchendolo ulteriormente con asparagi e panna.Una ricetta che si è tramandata fedelmente nel tempo e rimane ancora nei menù rappresentativi della Bassa Parmense.

Risotto alla Verdi

 

350 g di riso carnaroli

80 g di burro

150 g di funghi coltivati

100 g di punte di asparagi

100 g di Prosciutto di Parma

80 g di pomodori pelati

un po' di panna da cucina

1 litro di brodo di carne

Parmigiano Reggiano grattugiato

½ cipolla affettata fine

 

 

Pulire e tritare la cipolla. Pulite poi i funghi e affettateli.Lavate gli asparagi, tagliate via i gambi e fate cuocere le punte in acqua bollente per 5 minuti.Tagliare il prosciutto a listarelle e i pomodori pelati a cubetti.

Ponete in una padella metà del burro e aggiungete la cipolla tritata finemente.Aggiungere quindi i funghi, il prosciutto, gli asparagi, ed i pomodoro a cubetti. A questo punto versate nel condimento il riso e fare tostare a fuoco vivace per un minuto, continuando a mescolare. Versate il brodo, uno o due mestoli alla volta, aspettando che questo si assorba, mentre continuate a mescolare, prima di aggiungere altro brodo. Versate adesso la panna e rimestate.

Completare la cottura, togliere dal fuoco e amalgamare con il burro rimasto ed il parmigiano. Servire subito.

 

Curiosità:

Ricetta originale del risotto preparato da Verdi:

 

Nel settembre 1869 ne detta la ricetta a Giuseppina, per inviarla a Camille du Locle, impresario dell’Opéra di Parigi e suo traduttore in francese.

 

Scriveva Verdi:
Mettete in una casseruola due oncie di burro fresco; due oncie di midollo di bue, o vitello, con un poco di cipolla tagliata. Quando questa abbia reso il rosso mettete nella casseruola sedici oncie di riso di Piemonte: fate passare a fuoco ardente (rossoler) mischiando spesso con un cucchiaio di legno finchè il riso sia abbrustolito ed abbia preso un bel color d’oro. Prendete del brodo bollente, fatto con buona carne e mettetene due o tre mescoli (deux ou trois grandes cuilleres à soupe) nel riso. Quando il fuoco l’avrà a poco a poco asciugato, rimettete poco brodo e sempre fino a perfetta cottura del riso. Avvertite però, che a metà della cottura del riso (ciò sarà dopo un quarto d’ora che il riso sarà nella casseruola) bisognerà mettervi un mezzo bicchiere di vino bianco, naturale e dolce: mettete anche, una dopo l’altra, tre buone manate di formaggio parmigiano grattato (rapè). Quando il riso sia quasi completamente cotto, prendete una presa di zafferano che farete sciogliere in un cucchiaio di brodo, gettatelo nel risotto, mischiatelo, e ritiratelo dal fuoco, versatelo nella zuppiera.
Avendo dei tartufi, tagliateli ben fini e spargeteli sul risotto a guisa di formaggio. Altrimenti mettetevi formaggio solo.
Coprite e servite. 

 
 
 

Paccheri al tonno e pistacchi

Post n°297 pubblicato il 27 Novembre 2013 da sciu_sciu
 

Oggi vi suggerisco questa ricetta semplice e veloce da preparare, ma dal risultato sorprendente!
Gli ingredienti genuini e semplici daranno un tocco colorato a questo piatto.
Ottimi per una cena tra amici, o per una cena intima, vi faranno guadagnare complimenti dai vostri ospiti.

Paccheri al tonno

180 g di tonno sott' olio
400 g di paccheri
1 spicchio d' aglio
1 foglia di prezzemolo
15 pomodorini circa
1 cucchiaio di capperi
4-5 acciughe sott' olio
50 gr di pistacchi o noci
100 gr di olive taggiasche
olio evo


Dissalate i capperi,tagliate le acciughe,tritate il prezzemolo e schiacciate l' aglio. Soffrigete quest' ultimo,con olio d' oliva, a fuoco basso. Aggiungete metà del tonno e fate insaporire, poi il prezzemolo,i capperi e le acciughe,poi i pomodori e fate cuocere qualche minuto.Infine aggiungete le olive.Fate cuocere a fuoco basso per 20 minuti poi salate,ma con parsimonia,visto che i capperi sono già di loro salati.Cuocete i paccheriin acqua salata.Aggiungete al sugo i pistacchi tritati o le noci (a vostro gusto),poi unite il restante tonno,insaporire per un minuto e spegnere.Nel frattempo scolate la pasta,fatela saltare nel sugo e mantecate bene,impiattate spolverando il piatto con un pò di prezzemolo.

 
 
 

Risotto con carciofi e scamorza

Post n°296 pubblicato il 26 Novembre 2013 da sciu_sciu
 

 

Il risotto con carciofi pancetta e scamorza è un piatto molto gustoso e tutti i sapori si sposano bene tra di loro.
Il sapore è molto delicato: si parte da una base di carciofi, che legherà con il sapore deciso della pancetta con un finale di scamorza: una vera delizia per il palato.
E' importante scegliere i carciofi migliori, sodi, dalle foglie polpose e ben chiusi: come ad esempio le mammarelle.
Ma vediamo come preparare questo risotto:

Risotto con carciofi e pancetta

300 gr di riso
5 cuori di carciofi
80 gr di pancetta dolce
100 gr di scamorza
1 scalogno
prezzemolo
1 litro circa di brodo
olio evo
1/2 bicchiere di vino bianco
sale e pepe


Preparate del brodo in una pentola capiente,con zucchine,carote,sedano,patate e cipolla.Affettate lo scalogno,tagliate a pezzetti i carciofi e la scamorza.In un' altra pentola versate l' olio d' oliva,unite lo scalogno e due cucchiai d' acqua,lasciate rosolare per 2 minuti.Unite la pancetta e i carciofi e infine il riso,fatelo tostare a fuoco vivace,spruzzate con il vino biancoe fate evaporare per 5 minuti.Aggiungete un mestolo di brodo e portate il riso a cottura,aggiungendo il brodo mano a manoche verrà assorbito.Infine aggiungete la scamorza,mescolate e lasciate riposare 2 minuti.
Servite decorando con qualche chicco di melograna se piace.

 
 
 

Biscottini al burro

Post n°295 pubblicato il 25 Novembre 2013 da sciu_sciu
 

Questi biscottini sono dei piccoli e friabili bocconcini tutta bontà, molto semplici e veloci da realizzare.

Ingredienti:

500 gr di farina
200 gr di zucchero a velo
300 gr di burro morbido
5 tuorli
la buccia di un limone grattugiato
oppure un baccello di vaniglia,a secondo dei gusti.



Ponete sulla spianatoia, la farina, il burro ammorbidito, tagliato a pezzetti, lo zucchero, i tuorli,la buccia di limone grattugiata e impastate gli ingredienti fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.
Formate con l’impasto una palla, avvolgetela nella pellicola trasparente e fatela riposare per qualche minuto.
Poi prendete l’impasto,spianatelo con il mattarello, e con le tormine tagliare i biscottini che disporrete su di una teglia distanziandoli tra loro.
Infornate i biscotti per 20 minuti a 160°, poi quando i bordi cominceranno a colorirsi leggermente, sfornateli e spolverizzate con zucchero al velo vanigliato.

 

 
 
 

Verze strascinate

Post n°294 pubblicato il 24 Novembre 2013 da sciu_sciu
 

 

....Ovvero verze ripassate.

Una ricetta semplice e veloce per cucinare un piatto unico completo di carne e contorno a base di verdure.

INGREDIENTI:

1 verza di media grandezza

4 patate grandi

4 salsicce

olio evo

1 spicchio di aglio

peperoncino per chi lo gradisce

sale & pepe

 

Lavare la verza, tagliare a listarelle; pelare le patate e tagliarle a tocchetti.

Mettere tutto insieme in una pentola con acqua salata e lessare per 20 minuti circa,ma non cuocetele troppo, perchè poi dovranno essere ripassate.

Mettiamo aglio, olio e peperoncino a soffriggere in una padella , aggiungiamo le salsicce spellate e tagliate a pezzetti (io preferisco dare loro prima una sbollentata di 10 minuti per sgrassarle,ma questo è facoltativo se amate il sapore forte delle salsicce). A questo punto aggiungiamo le verze e patate, sale e pepe, le verdure lessate e cominciamo a strascinarle nell' olio. Schiacciate parte delle patate,creando una crema che amalgamerà tutti gli ingredienti.

Dopo pochi minuti questo piatto sarà pronto per essere gustato con dei crostini di pane caldo!


 

 
 
 

Stracotto ai porcini

Post n°293 pubblicato il 24 Novembre 2013 da sciu_sciu
 

Oggi volevo presentarvi uno dei più gustosi piatti della cucina piemontese:
lo stracotto ai porcini,fratello minore del brasato,con un sapore di Barolo
importante e incisivo.
Ovviamente quest' ultimo è un vino di grande spessore, e anche di
grande valore. Ricordatevi sempre che a fare la differenza nella preparazione di un piatto,
la scelta degli ingredienti è fondamentale:bisogna scegliere
il taglio giusto di carne e soprattutto il vino della miglior
qualità,il resto lo fa la cottura.



Stracotto ai porcini al profumo di Barolo

Ingredienti:
600 gr di noce di vitello
(oppure per chi non ama le carni "giovani", filetto di spalla di manzo)
300 gr di funghi porcini
(anche surgelati vanno bene)
1 bicchiere di Barolo
(il Cannubi è ritenuto  uno dei più prestigiosi,
ma anche abbastanza costoso, potete però sostituirlo con un vino rosso
di grande spessore)
1 cipolla
1 costa di sedano
1 carota
1 porro
1 spicchio d' aglio
1 foglia di alloro

Tritate al mixer tutte le verdure,soffriggetele con olio d' oliva e l' aglio.
Mettete la carne a rosolare,insaporite per 15 minuti,poi aggiungete il vino,
girate più volte la carne,per farla colorire su ogni lato.Aggiuntete a
questo punto i funghi porcini tagliati a pezzetti.Cuocete per un ora e 30 minuti
circa,aggiungendo brodo oppure acqua calda, se serve.Salate e spegnete
quando il sugo si sarà addensato.

 
 
 

Butter zopf

Post n°292 pubblicato il 07 Novembre 2013 da sciu_sciu

E son ri-tornata ancora...E dato che la passione in cucina è sempre viva in me, mi sembra giusto aggiornare un pò il mio caro e vecchio blog!

Questa sera, volevo parlarvi di una ricetta svizzera, una treccia al burro,un pane soffice che sta bene con tutto, buono da mangiare anche da solo, ancora caldo.
In Svizzera la Butter zopf o treccia al burro,si usa spesso farla a casa per la colazione della domenica.
Si mangia con burro e marmellata, ma anche con burro e prosciutto .
Ottima per il brunch!

Butter Zopf

 

1 kg farina
1 quadretto di lievito
1/2 litro di latte
180 gr di burro
2 cucchiaini di sale..
1 uovo per spennellare

Sciogliere in un pò di acqua tiepida, il lievito e un cucchiaino di zucchero. Mettere tutta la farina in una ciotola grande,versare al centro il lievito sciolto e raccogliere una piccola parte di farina (100 gr circa),formando un lievitino,far crescere circa per 30 minuti. Quando avrà raddoppiato il volume, aggiungere tutti gli ingredienti : il burro (o margarina) sciolto,il latte, il sale, e lavorare per 15 minuti. Riporre a lievitare per due ore circa. Dividere poi l' impasto in due rotoli assottigliandoli alle estremità e intrecciateli tra loro.
Posare la treccia su una teglia foderata con carta forno ,mettetela per 20 minuti a riposare.
Accendere il forno a 180°.
Spennellare la treccia con l'uovo sbattuto e cuocere per 40 minuti .
Buon Brunch :)

 
 
 

Torta veloce profumata al limone

Post n°291 pubblicato il 25 Marzo 2013 da sciu_sciu
 
Tag: Dolci

Buonasera carissimi amici miei.
Sembra una congiura, ma appena mi rimetto a scrivere nel  blog, puntualmente succede qualcosa...dovrò spruzzarci un pò di acqua di Lourdes?
La mia salute è sempre barcollante purtroppo, però la voglia di cucinare non manca mai.

Oggi non avevo molto tempo a disposizione, ma a casa avevano una gran voglia di dolce, così ho voluto preparare questa torta al limone. Inizialmente ero un pò scettica sulle confezioni già pronte, ma la Polenghi mi ha fatto ricredere!!

In vendita si trovano tantissimi prodotti sul generis, ma vi assicuro, questa è assolutamente da provare.
E' bastato versare il contenuto della busta, aggiungere uova, burro, un pò di latte e del succo di limone contenuto nella confezione, via in forno e........il profumo ha avvolto la cucina!!
A tre ore dalla sfornata, la torta è quasi finita!

Complimenti a questa azienda!

Ideale per tutte quelle volte che ci prende voglia di dolce, ma abbiamo poco tempo,
ideale per una cena con amici organizzata all' ultimo minuto!

 
 
 

Crostata di ricotta

Post n°290 pubblicato il 23 Febbraio 2013 da sciu_sciu
 

La crostata di ricotta è un delizioso dolce, buono e genuino.
Ottima per i bambini e per i più grandi, questa crostata, per chi ama i dolci con il formaggio, è davvero un must!
Potete arricchirla in molti modi:
profumarla con buccia d' arancia o cannella, aggiungere canditi, uvetta,mandorle o nocciole.
Io la ADORO profumata di Strega (liquore tipico Beneventano a base di
zafferano, menta, finocchio e altre erbe) e arricchita di gocce di cioccolata.
Ma se non riuscite a reperire la Strega potete sostituirla con il maraschino o il rum.
Per quanto riguarda il ripieno invece, io utilizzo solo mezzo kg di ricotta, perchè
troppo alta di formaggio mi da fastidio, ma se a voi piace avere un effetto "cheese cake" potete raddoppiare la dose!

Ma eccovi la ricetta:

Pasta frolla:

1 uovo intero
1 tuorlo
150 gr zucchero
300 gr farina 00 Molino Chiavazza
120 gr olio di semi
1/2 bustina di lievito

Ripieno:

1/2 kg ricotta di mucca
280 gr zucchero a velo
(potete ottenerlo frullando lo zucchero semolato nel macinacaffè del robot)
1 uovo
1/2 bicchierino da caffè di liquore STREGA
gocce di cioccolato a piacere



Procedimento:

Preparate la pasta frolla impastando molto velocemente lo zucchero assieme alle uova e l' olio.
Successivamente unite la farina e il lievito. Create una palla di impasto omogeneo e fatela riposare avvolta nella pellicola in frigorifero per almeno una mezz'ora.
 
Preparare la farcia della crostata lavorando la ricotta setacciata con lo zucchero.
Ottenuto un composto liscio,unire l' uovo. Aggiungete il liquore e le gocce di cioccolato.
Una volta pronto il ripieno stendere la pasta frolla con l’aiuto di un mattarello e rivestire una teglia tonda avendo cura di coprire bene i bordi ed unire poi la ricotta.
Livellare bene e decorare con eventuale pasta frolla rimasta. Cuocere in forno caldo a 180 °C per circa 30 minuti.

A me piace sbriciolare sulla torta un pò di impasto di pasta frolla al posto delle classiche striscioline di pasta, ma voi potete decorarla come più vi piace.
Buon appetito!


 
 
 

Cestini ripieni di risotto al radicchio e Speck

Post n°289 pubblicato il 01 Febbraio 2013 da sciu_sciu
 
Tag: Risotti

Il risotto radicchio e speck è una ricetta molto raffinata e gustosa, che coniuga il sapore amaro di questo ortaggio, con quello affumicato dello speck.
Un piatto da proporre per una cena importante, con il quale stupirete oltre il palato dei vostri ospiti, anche la vista.

 

Cestini di Grana ripieni di risotto al radicchio e Speck

  • 300 gr Riso carnaroli
  • 100 gr speck
  • 300 gr radicchio
  • ½ scalogno
  • 50 gr Burro
  • 100 gr Grana Trentingrana
  • 1 bicchiere di Pinot ROSSO
  • Olio Extravergine
  • 1 cucchiaio di panna
  • 1 lt Brodo vegetale ( 1 zucchina,1 cipolla, 1 patata, 1 costa di sedano,1 carota)

 

 

Mettete in una pentola circa 1,5 lt acqua, aggiungeteci le verdure già pulite e lavate e portate ad ebollizione.

Tritate finemente lo scalogno, affettate a listarelle lo speck e affettate finemente il radicchio lavandolo con cura. Prendete una casseruola, versateci l'olio d' oliva, aggiungete lo scalogno, e poco dopo,lo speck e il radicchio.Quando inizia a rosolare, unite il riso e fatelo tostare per qualche minuto.

Irrorate il tutto con il vino rosso, e quando sarà evaporato, unite il brodo vegetale, poco alla volta.

Aggiungete a questo punto il cucchiaio abbondante di panna, aggiustate di sale e pepe,e quando il riso sarà cotto, mantecate con una noce di burro, un paio di cucchiai di grana grattugiato.

Consiglio: se non amate particolarmente il sapore amaro del radicchio,potete sbollentarlo in poca acqua per qualche minuto prima di unirlo al soffritto di scalogno.

 

Cestini di Grana

Ingredienti per 4 cestini:

  • 150 gr di Grana Trentingrana grattugiato da qualche giorno
    (deve essere abbastanza asciutto)
  • una piccola padella antiaderente
  • una ciotolina

 

Procedimento:

Spargere due-tre cucchiai di grana sul fondo di una padellina cercando di formare una crepes.

Cuocere a fiamma bassa e quando il formaggio inizia a fondere spargetevi un pò di formaggio nei punti in cui si formano dei vuoti.

Con una paletta, staccate delicatamente la frittellina e stendetela subito sul fondo di un bicchiere capovolto per dare la forma.

Appena inizia a solidificarsi capovolgere il cestino e far riposare.

Una volta freddo, riempire il cestino con il riso, decorando con qualche fogliolina tenera di radicchio, tagliata a listarelle.

 

 
 
 

Cestini di parmigiano

Post n°288 pubblicato il 29 Gennaio 2013 da sciu_sciu
 

I cestini di parmigiano reggiano (o grana padano) sono un modo originale e gustoso per servire alcuni piatti.

Ricetta creativa e allo stesso tempo semplice, per creare dei contenitori "da mangiare" per i vostri piatti, e il bello è che non bisogna nemmeno lavarli!

 

Per 4 cestini:

Ingredienti

- 12 cucchiai da tavola di GRANA PADANO GRATTUGIATO
  oppure  PARMIGIANO REGGIANO
  ( meglio se grattugiato dal giorno prima)

- olio d' oliva

- 1 padellina antiaderente

- 1 ciotolina


Preparazione:

Scaldate una padella antiaderente . Passate, con un tovagliolo, un filo d' olio e  posizionate al centro 3 cucchiai da tavola di grana. Con il dorso del cucchiaio allargate il formaggio formando un disco grande.

Lasciate cuocere qualche minuto a fuoco lento, e se dovessero crearsi dei buchi, ricopriteli con altro formaggio. Staccate dai bordi con una paletta e senza girare (non serve ustionarsi!) togliete dal fuoco, fate scivolare su una ciotolina ( o bicchiere) capovolta, fare raffreddare per 30 minuti, dopodiché saranno pronti per essere riempiti con i vostri antipasti o risotti.
 
 


Consiglio

Nella foto avevo provato a rigirare la frittellina, e vi assicuro che non è stato semplice, in quanto è bollente e il formaggio è abbastanza molle. Vi consiglio di evitare questo passaggio, semplificando il tutto lasciando cuocere a fuoco lento e facendo scivolare la frittellina direttamente sul bicchiere, vi assicuro che il risultato è decisamente migliore!

 
 
 

Ravioli rossi al radicchio su letto di fonduta di grana

Post n°287 pubblicato il 21 Gennaio 2013 da sciu_sciu
 
Tag: Primi

Salve amici!
Oggi vorrei proporvi un primo piatto davvero raffinato,il cui principale ingrediente è uno degli ortaggi più pregiati di questa stagione: il radicchio!
Il gusto leggermente amaro di questo ortaggio è bilanciato dalla morbidezza dei formaggi nel ripieno.

Ma vediamo insieme come preparare questo piatto:

Ravioli di sfoglia rossa  ripieni di radicchio su letto di fonduta di grana


Per la sfoglia:
400 gr di farina 0
2 uova
2 Rape rosse cotte

Per il ripieno:
400 gr Radicchio rosso
80 gr Speck
500 gr di ricotta
100 gr grana grattugiato Trentingrana

Per la fonduta:
100 gr grana grattugiato
100 gr di panna
2 tuorli
sale e pepe
50 gr di noci tritate a piacere
Burro per condire

La preparazione

Per la sfoglia
Frullare le rape rosse con il mixer, aggiungere le uova e un po’ alla volta la farina.
Proseguire sulla spianatoia,impastando con le mani fino ad ottenere un composto liscio.
Lasciarlo riposare per un mezz' ora.

Per il ripieno.
Lessare per qualche minuto il radicchio, scolate e  tritatelo finemente insieme  allo speck,fateli saltare in un tegame con un filo d'olio d' oliva. Sfumate con un po’ di vino bianco, e cuocere per pochi minuti. Far  raffreddare e aggiunger la ricotta e il grana.

I ravioloni:
   
Stendere l' impasto sottile e tirare delle strisce larghe 10 cm circa. Al centro mettere mezzo cucchiaio del ripieno con una distanza di circa 8 cm l’uno dall’altra. Ripiegare l’impasto su se stesso e poi tagliare  con l’apposita rotella dentellata.

La fonduta:
Amalgamate i due tuorli con il Trentingrana, unire la panna, e cuocere il composto a bagnomaria, mescolando continuamente. Quando la crema risulterà addensata, toglierla dal fuoco e lasciarla intiepidire. Aggiungete infine le noci tritate a piacere (potete sostituirle comunque anche con altra frutta secca a vostro gusto).

Completamento:
Mettere sul fuoco una pentola con l' acqua, e prima che raggiunge il pieno bollore , buttare i ravioli.  Quando i ravioli sono pronti (dopo circa 5 minuti), scolarli e farli saltare con un po' di burro e pepe.
Sistemate la fonduta su un piatto e appoggiare i ravioli su di essa, completare con una spolverata di grana e buon appetito!

 
 
 

Polpette [Napoletane]

Post n°286 pubblicato il 11 Gennaio 2013 da sciu_sciu
 
Tag: Secondi

Venerate e onorate dalla nostra cucina italiana,le polpette sono amate da tutti, grandi e piccini; consentono di utilizzare il pane raffermo,e soprattutto acquistare tagli di carne più economici. Pochi però sanno che questo piatto è ritenuto tra i fiori all' occhiello della cucina napoletana, infatti sono presenti su ogni tavola della domenica e ad ogni festa non mancano davvero mai.
Alla ricetta classica, noi partenopei ci aggiungiamo pinoli e uva passa.
Anche se io metto solo i pinoli, vi assicuro che le polpette con l' uvetta, una volta messe nel sugo, danno al ragù un sapore spettacolare!

 

 

Polpette - Ingredienti:

600 g di macinato misto
1-2 uova (dipende dalla grandezza)
100 g di parmigiano grattato
una manciata di pinoli
una manciata di uvetta (facoltativa)
250 g di pane raffermo
latte o acqua per ammollare il pane

sale  e pepe


Preparazione:
Per prima cosa scaldate il latte (o l' acqua) così il pane si ammorbidirà prima;immergetevi il pane e lasciatelo un pò, poi strizzatelo e mettetelo da parte.
Nel frattempo impastate  la carne con le uova, aggiungete il pane, sale e pepe e parmigiano. E' importante  impastare a lungo e con le mani fino ad amalgamare bene tutti gli ingredienti. Questo consente di compattare la carne in modo che non si disfi durante la cottura. Se l' impasto dovesse risultare troppo morbido, aggiungete del pan grattato o altro pane raffermo ammollato e strizzato;se viceversa dovesse risultare troppo duro, aggiungete un goccio di latte. Aggiungete infine pinoli e uvetta e formate le polpette  grandi come un mandarino. Friggetele in abbondante olio d' oliva a fiamma bassa (altrimenti saranno bruciate fuori e crude dentro). Asciugatele  su carta assorbente e poi mettetele nel sugo che avrete preparato precedentemente. La cottura terminerà dopo un’ora. Nel frattempo non muovetele, altrimenti si sfaldano.
Con il sugo potrete condire pasta corta (mezzani, eliche, fusilli etc.), ma se volete attenervi alla tradizione partenopea, dovrete usare gli ziti, che spezzerete prima di lessarli.
Se volete evitare la frittura, potrete cuocere le polpette direttamente nel sugo, immergendole prima, ma vi consiglio di ammollare pochissimo il pane altrimenti non ritroverete nulla!

Buon appetito!

 
 
 

Bocconotti Abruzzesi

Post n°285 pubblicato il 06 Gennaio 2013 da sciu_sciu
 
Tag: Dolci

Buon anno a tutti amici cari!

Spero che questi giorni di festa siano stati lieti per voi tutti. Io sono rientrata da poco, ho festeggiato l' inizio del nuovo anno nella città che io e il mio compagno amiamo di più, la nostra coloratissima Barcellona!

I giorni di Natale invece li ho trascorsi insieme alla mia famiglia, in quel di Teramo. A tal proposito, tra i tanti prodotti tipici della zona, tra i miei dolci preferiti, ci sono senza ombra di dubbio i bocconotti.
Questi piccoli dolcetti, sono degli squisiti pasticcini di pasta frolla con un golosissimo
ripieno di marmellata, cioccolato e mandorle tritate.
Sono irresistibili, e la ricetta è delle "sorelle Profeta" , brave cuoche Teramane!
Facili da preparare, avete da trovare  le formine per le tartellette (in mancanza potete usare i pirottini di carta) e della marmellata di uva (ma se non riuscite a reperirla, potete sostituirla con una marmellata non tanto dolce).
Ma ecco a voi i Bocconotte:

 

Bocconotti Abruzzesi

Ingredienti:

Pasta frolla:
1 kg farina
300 gr zucchero
300 gr margarina
5 uova
1 bustina lievito
limone grattugiato

Ripieno:
500 gr di marmellata d' uva
150 gr di mandorle
150 gr di cioccolato fondente
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
1 cucchiaio di rum

Preparare la frolla sulla spianatoia lavorando le uova con lo zucchero al centro della fontana di farina e lievito. Unire la margarina a temperatura ambiente, la buccia grattugiata del limone. Formare una palla e farla riposare in frigo per un’ora.
Nel frattempo preparare il ripieno amalgamando insieme la marmellata, il cioccolato fondente tritato e le mandorle tostate , la cannella e il cucchiaio di rum.
Riprendete la frolla, stendetela con il matterello e rivestite gli stampini. Distribuite all’interno il ripieno  e coprite i bocconotti con altra pasta frolla. Infornate a forno già caldo a 180° per circa 20/25 minuti.
Quando i bocconotti si saranno raffreddati cospargeteli  con lo zucchero a velo.

 

 
 
 

Tronchetto di Natale

Post n°284 pubblicato il 27 Dicembre 2012 da sciu_sciu
 

Il tronchetto di Natale (Bûche de Noël), è un dolce tipico della tradizione francese,che simula nella sua forma un ceppo di legno, che un tempo veniva tagliato dall'albero e conservato fino alla vigilia di Natale, sera in cui il capofamiglia lo prendeva e lo metteva nel camino; questo aveva la funzione di scaldare il bambin Gesù.

Il tronchetto, viene realizzato con un rotolo di pasta biscotto, farcito con una crema e ricoperto di cioccolato. Come accade per tutte le ricette classiche e più amate, anche il tronchetto di Natale può essere realizzato in molte versioni diverse. Io da anni lo mangio farcito con una crema al burro profumata di caffè, che a mio avviso lo rende unico!

Tronchetto di Natale

Pasta biscotto:
8 uova (480 gr)
200 gr zucchero
150 gr farina 00 Molino chiavazza
50 gr amido di mais Molino Chiavazza
1 tazzina di latte (80 ml)
1 bustina di lievito in polvere (16 gr)

Crema al burro:
400 gr burro
250 gr di zucchero a velo
1 tazzina di caffè ristretto (80 ml)
1 c.ino di caffè macinato opp caffè solubile (6 gr)
2 albumi montati a neve

1 barattolo di Nutella per guarnire (300 gr)

Preparazione per la pasta biscotto:
In una terrina montate a neve gli 8 albumi con 100 gr di zucchero e mettete da parte.
In un' altra terrina sbattete i tuorli con i restanti 100 gr di zucchero,aggiungete il latte
e continuate a sbattere il composto fin quando risulterà gonfio e spumoso.
Setacciate la farina con l' amido e la bustina di lievito, aggiungetela poco alla volta,
al composto di uova. Infine versate gli albumi, girando solo con una spatola,
dal basso verso l' alto, questo passaggio è importante e
allo stesso tempo delicato perchè dei movimenti troppo veloci,
potrebbero far sgonfiare le uova.
Fatto questo,preparate una teglia quadrata, foderatela con carta forno  e stendete l’impasto
su di essa e livellatelo con una spatola fino a raggiungere lo spessore di 1 cm, 
Infornate in forno già caldo a 180° per 15 minuti;
La superficie del dolce risulterà così appena dorata.
Sistemate un canovaccio pulito su un piano e spolverizzatelo con zucchero semolato,estraete
la pasta biscotto dal forno, rovesciatela sul canovaccio e delicatamente "sfilate"
la carta forno tirandola delicatamente per non far rimanere attaccata la pasta biscotto
Arrotolate aiutandovi con il canovaccio e fatela raffreddare.

Preparazione per la crema al burro:
Montate a neve ben ferma gli albumi con un pizzico di sale.
Quindi unite lo zucchero e continuate a montare.Versate nella meringa la tazzina di caffè e il burro
poco alla volta, ovviamente se l' avete lasciato fuori dal frigo, questo passaggio sarà
molto più facilitato.
Infine aggiungete la polvere di caffè che renderà ancora più gustosa questa crema.
Personalmente  sostituisco a volte il burro con la margarina
e sinceramente la trovo più delicata!

Assemblaggio:
Quando la pasta biscotto si sarà raffreddata, srotolate delicatamente e farcitela
con la crema spalmandola su tutta la superficie,lasciando un margine di circa 2 cm per evitare che sbordi quando andrete ad arrotolarla. A questo punto,
arrotolate delicamente la pasta, avvolgetela nella carta da forno e ponetela nel frigorifero per circa 30 minuti. Trascorso il tempo necessario, tagliate con un coltello affilato le due estremità per pareggiarle, in senso obliquo, e iniziate a spalmare il rotolo con la nutella,poi con i rebbi della forchetta, create le venature del tronchetto, spolverizzate con zucchero a velo e servite con qualche guarnizione natalizia!!

 

 
 
 
Successivi »
 

TAG

 

ULTIMI POST PUBBLICATI

Cucina con passione

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom