To be or not to be…

 

Da non dimenticare: La vita è come un gioco di simulazione di cui tu hai tutti i codici di accesso. Ogni cosa dal tuo aspetto fisico, intelligenza ,personalità, scuola, università, il tuo amore, e persino ogni singolo atomo può essere cambiato da te. Così ricorda che devi essere senza limiti, irrealista e soprattutto creativo, al massimo delle tue possibilità- Essere se stessi non giova, se non alla tua coscienza-

essere o non essere

To be or not to be…ultima modifica: 2022-05-03T18:44:26+02:00da g1b9

2 pensieri riguardo “To be or not to be…”

  1. Vero, ma non sempre si può rispondere a queste prerogative puntualizzate. C’è un tempo per tutto e chi ha saputo vivere il suo tempo al momento giusto, opportuno, magari ha avuto la possibilità di mettere in atto le scelte suggerite per vivere al meglio la sua vita. Ecco, io personalmente credo di aver avuto una parentesi della mia vita, proficua, aperta e pronto a provare quelle scelte. Gli anni ottanta e gli inizi degli anni novanta. Un momento piuttosto lungo con forti richiami per provare nuove esperienze. Un frangente della mia vita che non aveva bisogno di sollecitazioni, eppure, le occasioni le ho colte tutte, non mi sono tirato indietro e mi sono lanciato senza remore in attività “ludiche”, senza lucro e molto impegnative. Ho sempre lavorato nella mia vita: dai 17/18 anni non ho mai avuto problemi e nessun tentennamento. Proprio perché il lavoro mi offriva sicurezza, ho intrapreso altre attività interessanti per me, senza beccare mai un soldo, solo per piacere personale e divertimento, mi sono lanciato pur essendo a digiuno, in un settore che non avrei mai immaginato. E “buttato” dentro dal mio mentore, senza preavviso e/o preparazione, ho incocciato un periodo molto proficuo e stressante: il mio lavoro naturale, il mio lavoro (gratis) extra e ho raccolto le mie piccolissime soddisfazioni. Ho passato nottate, ore per immergermi in tutto ciò, l’ho fatto e non mi sono mai pentito. Ho aggiunto questa lunga esperienza alle mie altre distrazioni iniziate anni prima, provando qualcosa che poteva interessarmi. Oggi, non ne parliamo nemmeno, sarebbe bello mettersi sempre in gioco, ma ci sono momenti in cui devi tirare i remi in barca e adeguarti alle realtà che la vita ti pone davanti. E’ il momento in cui abbassi la testa e segui l’ordine naturale delle cose che ti capitano e che devi vivere.
    Notte Giovanna.

I commenti sono chiusi