Le stelle e Van Gogh…

  In una delle sue ultime lettere, che Vincent Van Gogh scrive al  fratello Theo, prima di togliersi la vita, il pittore parla della grande attrazione che le stelle esercitano su di lui, la gioia che prova al solo pensiero di poter arrivare lassù… e di come queste siano irraggiungibili se non morendo… Questi sono i pensieri di un pazzo, secondo i medici) di un pazzo che ragiona della vita in termini filosofici ed oggettivi, come pochi uomini normali farebbero.Evidentemente la sensibilità artistica apre nella mente sentieri unici e speciali.

[Arles – luglio 1888] […] È veramente un fenomeno strano che tutti gli artisti, poeti, musicisti, pittori, siano materialmente degli infelici – anche quelli felici […] Ciò riporta a galla l’eterno problema: la vita è tutta visibile da noi, oppure ne conosciamo prima della morte solo un emisfero? I pittori – per non parlare che di loro – quando sono morti e sepolti parlano con le loro opere a una generazione successiva o a diverse generazioni successive. È questo il punto o c’è ancora dell’altro? Nella vita di un pittore la morte non è forse quello che c’è di più difficile.

Dichiaro di non saperne assolutamente nulla, ma LA VISTA DELLE STELLE MI FA SEMPRE SOGNARE, come pure mi fanno pensare i puntini neri che rappresentano sulle carte geografiche città e villaggi. Perché, mi dico, i punti luminosi del firmamento ci dovrebbero essere meno accessibili dei punti neri della carta di Francia? Se prendiamo il treno per andare a Tarascon oppure a Rouen, possiamo prendere la morte per andare in una stella. Ciò che però è certamente esatto, in questo ragionamento, è che essendo in vita non possiamo arrivare in una stella, non più di quanto, essendo morti, possiamo prendere il treno.

Comunque non mi sembra impossibile che <le malattie> possano costituir dei mezzi di locomozione celeste, così come i battelli, gli omnibus e il treno sono mezzi di locomozione terrestri. Morire tranquillamente di vecchiaia sarebbe come viaggiare a piedi. […]

 


Le stelle e Van Gogh…ultima modifica: 2020-10-10T17:00:06+02:00da g1b9

4 pensieri riguardo “Le stelle e Van Gogh…”

  1. La più grande felicità dopo l’amare, è confessare il proprio amore. (A. Gide) ^^ Un mio pensiero è come un abbraccio, riscalda l’anima, Buon martedi da Mik.

  2. L’amore è di tutte le passioni la più forte perché attacca contemporaneamente la testa, il cuore e il corpo. (Voltaire) ^^ Tante carezze, un abbraccio ed un sorriso per augurarti un bel Mercoledì…. MIK

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.