..Uomini...

visti da una donna

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

MARIONeDAMIELsurfinia60Web_Londonfalsapiriteolgy120mpt2003mlr777pepedgl16lettorecautopoeta.sorrentinocassetta2ansa007bartriev1yaros.rosa
 

I BLOGGERS E I BANNER DI LIBERO

TAGLIASPRECHI

UN NUOVO BLOG TAGLIA SPRECHI  

LUGLIO, 2013

 

IO AIUTO CHIARA

 


Il cielo stellato sopra di me,
e la legge morale in me (Kant)

 

Verba volant, scripta manent

 

 

Gli uomini  ti cambiano, di solito in peggio

           A Mia e a me.

 

Messaggi di Luglio 2014

Autorizzo la tagliola, anche al post....

Post n°1303 pubblicato il 28 Luglio 2014 da MARIONeDAMIEL
 


Dice, ottomila emendamenti. Dice, si impedisce il confronto democratico e quindi noi andiamo da Napo.

Quindi io , curiosa che sono , me li sono andati a vedere; certo non tutti ottomila vabbè masochista ma nei limiti , sapevo bastava guardarne qualcuno per capire.

Ho iniziato dal numero 2042, così, a casaccio ma non tanto quando ho visto la prima firmataria , tal De Petris , la bionda di Sel ora sulla cresta della notorietà (ma non era dell'onda Marion?) . Che parlava di emendare l'articolo 56 della Costituzione; l'articolo 56? ma non è oggetto della proposta di modifica... cmq tale articolo dice questo:

"La Camera dei deputati è eletta a suffragio universale e diretto.
Il numero dei deputati è di seicentotrenta, dodici dei quali eletti nella circoscrizione Estero.
Sono eleggibili a deputati tutti gli elettori che nel giorno della elezione hanno compiuto i venticinque anni di età.
La ripartizione dei seggi tra le circoscrizioni, fatto salvo il numero dei seggi assegnati alla circoscrizione Estero, si effettua dividendo il numero degli abitanti della Repubblica, quale risulta dall'ultimo censimento generale della popolazione, per seicentodiciotto e distribuendo i seggi in proporzione alla popolazione di ogni circoscrizione, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti."

Ora. L'emendamento 2042 dice questo:

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione le parole: "seicentotrenta, dodici dei quali eletti nella circoscrizione Estero" sono sostituite dalla seguente: "trecento".

All'articolo 56, quarto comma, della Costituzione:
1) le parole: ", fatto salvo il numero dei seggi assegnato alla circoscrizione Estero," sono soppresse;
2) la parola: "seicentodiciotto" è sostituita dalla seguente: "trecento".

E qua uno pensa che vorrebbero , loro , ridurre anche il numero dei deputati, cancellando peraltro quelli degli italiani residenti all'estero; ma se si guarda gli emendamenti a seguire essi dicono:

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione le parole: "seicentotrenta, dodici dei quali eletti nella circoscrizione Estero" sono sostituite dalla seguente: "trecentoventi".... (il resto della proposta di modifica, nel senso delle precedenti);

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione le parole: "seicentotrenta, dodici dei quali eletti nella circoscrizione Estero" sono sostituite dalla seguente: "trecentocinquanta" ... ecc...

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione le parole: "seicentotrenta, dodici dei quali eletti nella circoscrizione Estero" sono sostituite dalla seguente: "quattrocento".

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione le parole: "seicentotrenta, dodici dei quali eletti nella circoscrizione Estero" sono sostituite dalla seguente: "quattrocentocinquanta".

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione le parole: "seicentotrenta, dodici dei quali eletti nella circoscrizione Estero" sono sostituite dalla seguente: "cinquecento".

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione le parole: "seicentotrenta," sono sostituite dalle seguenti: "trecento, sei"

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione le parole: "seicentotrenta," sono sostituite dalle seguenti: "trecentoventi, sei

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione le parole: "seicentotrenta," sono sostituite dalle seguenti: "trecentocinquanta, sette".

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione le parole: "seicentotrenta," sono sostituite dalle seguenti: "quattrocento, otto"

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione le parole: "seicentotrenta," sono sostituite dalle seguenti: "quattrocentocinquanta, nove".

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione le parole: "seicentotrenta," sono sostituite dalle seguenti: "cinquecento, dieci".

poi se la prendono coi deputati eletti all'estero (ma non volevano sopprimerli????):

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione la parola: "dodici" è sostituita dalla seguente: "quattro"».

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione la parola: "dodici" è sostituita dalla seguente: "cinque"».

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione la parola: "dodici" è sostituita dalla seguente: "sei"».

All'articolo 56, primo comma, della Costituzione la parola: "dodici" è sostituita dalla seguente: "sette

Più avanti non vado perché rischierei di pensare che vogliono sopprimere i 12 deputati esteri ma rimetterne solo 11....

Amici, compagni (ma che stai dicendo Marion?) , grilli , ma staremo scherzando, spero... qui la deflazione che secondo me vedendo i prezzi in picchiata al super, è già iniziata, e voi pensate alle vostre palle e basta????????

 
 
 

Svuotando la cartella bozze

Post n°1302 pubblicato il 26 Luglio 2014 da MARIONeDAMIEL
 

Bozza Salvata alle ore 21:06 del giorno 25/10/2011



Cosa resta.


Ho imparato che ci sono pazzi tra coloro che si definiscono sani ;

Ho imparato che bisogna non farsi prendere dall'entusiasmo per un bel post letto , dietro ci potrebbe essere una persona che non ti fila nemmeno di striscio dall'ego enorme ; 

Ho imparato a non badare al mio sentirmi , a volte , fortemente inadeguata , un po' per quello che scrivevo , un po' per quello che ero e sono ;

Ho imparato che la solitudine , per te Marion, c'è anche qui; si , a volte mi sono sentita sola , perché per me il blog non era il modo per far vedere se e come sono brava a scrivere , ma una questione di reciprocità e amicizia ; invece spesso tu avevi tempo per gli altri , gli altri non per te;

a volte mi sono sentita (auto)emarginata in quanto mai aspirato a essere poeta (o poetessa?) o giornalista , insomma , mai saputo scrivere pagine di letteratura , invece qui molti lo fanno ;

con un'unica persona mi sono sentita attaccata , una unica in sei anni , in fondo mi è andata bene anche se la devastazione che ha prodotto non è stata poca cosa per molto tempo , senza contare che a causa sua (è un uomo) una donna che era mia amica mi ha , da allora , scansato (e io lei) , d'altronde lo capisco e l'ho fatto anch'io (sbagliando) in altri casi: ho imparato che non sempre è necessario scegliere.

 
 
 

Tempo di pesche


Che poi io tutto questo pericolo di "deriva autoritaria" non lo vedo mica. Mi pare che si scambi la volontà della maggioranza per un presunto golpe.... un golpe è un'altra cosa , quando una minoranza s'impone sulla maggioranza... 


Cioè noi abbiamo passato cinque anni di maggioranza assoluta della destra con tutto quel che ne è conseguito e abbiamo sopportato sette anni di porcellum fino all'ultimo governo "ibrido" da far schifo finché qualcuno che ne aveva titolo si è deciso a fare un cavolo di ricorso alla consulta , e ora abbiamo paura? 

Mi pare che il fondo l'abbiamo già abbondantemente toccato.. i punti focali sono : una camera sola con funzione legislativa (e quindi non si vede perché eleggere anche i senatori se non per creare altri satelliti di potere) e una legge elettorale che ci consenta di sapere chi governa il giorno dopo. Vogliamo concentrarci su altro per favore??? 

Per i grilli non vedo molti sbocchi finché non gli si dice chiaro e tondo che al Pd le preferenze non piacciono ,  se non glielo si dice magari invece piacciono... speriamo di no; tutto questo potrebbe anche servire a portare a casa i collegi uninominali , hai visto mai... 

Pago i miei debiti anche se con moltissimo ritardo: 

TORTA MORBIDA ALLE PESCHE 
200 gr farina
180 gr zucchero
3 uova (bianchi a neve) 
120 gr burro
80  gr olio di semi
400 gr pesche
3/4 di bustina lievito per dolci
un pizzico di sale

ammorbidire il burro tagliato a tocchetti, con questo caldo non sarà difficile, aggiungere lo zucchero e lavorare; poi i tuorli, la farina , l'olio e il lievito ; unire i bianchi montati a neve col sale (un bel pizzico abbondante per dare carattere) ; 

il resto si sa : mettere l'impasto nella tortiera (io stampo quadrato che mi piace da morire) , affondarvi le pesche tagliate a tocchettoni (sennò si sfaldano) , classico forno a 180° per un 40 minuti circa; 

io naturalmente ero quasi senza olio di semi (noi usiamo solo extra vergine) e quindi ne ho messo meno e inoltre di un uovo mi è scivolato il rosso e quindi ne ho montati a neve solo due ma il risultato è stato buono lo stesso; 

naturalmente se non avete le nostre pesche è quasi inutile farla... potete provare con le albicocche, al limite limite... 

                                   Isn't she lovely
 
 
 

E' questa la mezza età?

Post n°1300 pubblicato il 19 Luglio 2014 da MARIONeDAMIEL
 


L'altra sera a tavola si parlava del primo ricordo . 

Il piccolo dice che il suo primo ricordo in assoluto è di quando si svegliò una mattina tutto impaurito per un brutto sogno : si ricorda di aver guardato se ci fosse il fratello nel letto a fianco e non c'era, allora è venuto in camera nostra e ha detto "mamma , ho paura" e io gli ho detto "vieni nel nostro letto"; lui dice che pensa che avesse sei anni e che quello è il suo primo ricordo ; 

io non mi ricordo nulla.. bé nulla è esagerato , ma d'improvviso sentendolo parlare mi sono voltata indietro e ho visto una voragine. 

una voragine di tempo e di anni trascorsi a guardare avanti , prima da ragazzina (io non mi ricordo nulla della mia infanzia tranne qualche flash, segno che o è stata serena o è stata priva di stimoli, non a caso i primi ricordi sono negativi, quelli dei ragazzi delle medie che mi prendevano in giro per l'altezza) , poi da ragazza (a sperare che accadesse qualcosa) e infine da donna; 

c'era sempre qualcosa da sperare prima e da fare poi , tanto da fare con la nascita dei figli ; e così per la prima volta , credo , l'altra sera ho raccontato loro (una cosa strana è che l'ho raccontato a molti ma a loro mai) com'era dopo la loro nascita: le notti insonni , il patto che strinsi con loro due (ma come mamma?) lasciandoli piangere per due o tre notti così che perdessero il pasto notturno e io potessi tornare al lavoro che ce n'era bisogno e allora il grande ha detto "eh si, è così che si deve fare coi bambini" , l'episodio del grande che voleva giocare con me col mappamondo e io che lo pregavo di lasciar dormire mamma per dieci minuti soli che non ce la faceva più e che poi avrei giocato con lui.... 

questa voragine mi pare un'infinità di tempo, se si conta in anni della mia vita, mai pensandoci su a quel che era , quasi con inconsapevolezza , sempre a quel che sarebbe stato e che "c'era da fare" .. 

e ora , solo ora , ti capita di girarti indietro e vedi la voragine.


 
 
 

Speriamo che Renzi chiami la Merkel e sfrutti anche questo...

Post n°1299 pubblicato il 13 Luglio 2014 da MARIONeDAMIEL
 


A me di questo mondiale rimarrà impressa la fine partita Brasile - Colombia , quando i brasiliani sono andati ad abbracciare i veramente disperati colombiani , il ragazzo Rodriguez che non smetteva di piangere e il Brasile che aveva vinto ma non aveva convinto , una volta di più; David Luiz che lo abbraccia e lo conforta , gli rende l'onore del combattente , proprio quel David Luiz poi inesistente nelle successive partite;


inesistente come il Messi .... se ci fosse stato Maradona stasera su quattro tiri in porta non ne sbagliava certo quattro... nel secondo tempo è stato praticamente fermo in mezzo al campo, mah.... 

l'Argentina ha una buonissima difesa ma una partita la vince chi segna , e la Germania ha sempre sempre attaccato ma con umiltà , ci ha creduto sempre , non ha avuto paura mai . 

Onore ai vincitori. E mi dispiace per mio marito che anche lui teneva Argentina ... bene : ora posso tornare a disinteressarmi del calcio fino agli europei..

notte , Marion
 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: MARIONeDAMIEL
Data di creazione: 09/08/2005
 

AREA PERSONALE

 
 

TAG

 

SIBILLA ALERAMO

"Mi pareva strano, inconcepibile, che le persone colte dessero così poca importanza al problema sociale dell'amore. Non già che gli uomini non fossero preoccupati della donna; al contrario, questa pareva la preoccupazione principale o quasi. Poeti e romanzieri continuavano a rifare il duetto e il terzetto eterni, con complicazioni sentimentali e pervensioni sensuali. Nessuno però aveva saputo creare una grande figura di donna."

 

ARCHIVIO POST

  '05 '06 '07 '08 '09 '10
gen/feb - x x x x x
mar/apr - x x x x x
mag/giu - x x x x x
lug/ago x x x x x x
set/ott x x x x x x
nov/dic x x x x x x
 

ARCHIVIO POST 2

  '11 '12 '13 '14 '15
gen/feb x x x x x
mar/apr x x x x x
mag/giu x x x x x
lug/ago x x x x x
set/ott x x x x x
nov/dic x x x x x
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31