..Uomini...

visti da una donna

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

MARIONeDAMIELWeb_Londonfalsapiriteolgy120mpt2003mlr777pepedgl16lettorecautopoeta.sorrentinocassetta2ansa007bartriev1yaros.rosamgf70
 

I BLOGGERS E I BANNER DI LIBERO

TAGLIASPRECHI

UN NUOVO BLOG TAGLIA SPRECHI  

LUGLIO, 2013

 

IO AIUTO CHIARA

 


Il cielo stellato sopra di me,
e la legge morale in me (Kant)

 

Verba volant, scripta manent

 

 

Gli uomini  ti cambiano, di solito in peggio

           A Mia e a me.

 

Messaggi di Settembre 2008

Post N° 651

Post n°651 pubblicato il 28 Settembre 2008 da MARIONeDAMIEL
 
Foto di MARIONeDAMIEL

Questa è proprio bellissima.

"Io sono convinto di si", dice lui. Cioè lui si dice convinto che il lodo Alfano sia costituzionale.

"Se non lo fosse", continua, "bisognerebbe fare una profonda riflessione sul sitema giudiziario in questo paese".

Come al solito mette le mani avanti, usa il metodo vigliacco di diffamare le istituzioni.. eppoi dice che Ualter esagera? Se non è autoritarismo questo, mi dicano che cavolo è...

Io spero vivamente che i giudici dei due processi che lo vedono imputato, accolgano la richiesta dei p.m. e rimandino la "legge" alla corte costituzionale. Io sono convinta di no.

Combattuto col raffreddore, a me scoppia sempre di domenica, che palle. A ore nove e mezza dovevo decidere se stare ammalata tutto il giorno o alzarmi.. a ore dieci ho deciso di alzarmi e aspirina.

Fatto la pasta che domenica mi aveva fatto la mia amica di Napoli, incredibile ma vero, alle rane è piaciuta, anche se non erano molto entusiasti...

Il piccolo si arruffiana sempre un pochino, la mattina: "Mà, com'è che sai di pop-corn?"

Tenuto duro per non pensare a quello che mi aspetta domani, per quello non c'è aspirina che tenga. E' solo una giornata Marion, una giornata.

Notte Marion.


                                                              rosanna



 
 
 

Post N° 650

Post n°650 pubblicato il 25 Settembre 2008 da MARIONeDAMIEL
 
Foto di MARIONeDAMIEL

Non ce la farò mai.

No, dico.

Che io penso di aver scelto ragioneria solo perchè la scuola era più vicina, e mentre le mie amiche che andavano a Gorizia si alzavano alle sei e mezza, io mi alzano alle otto meno un quarto per prendere (sempre al volo e mai persa in vita mia), la corriera della otto e cinque...

E ora IO dovrei alzarmi per cinque anni alle sei e dieci?

Ma io non arrivo a Natale... senza contare che ho già delle orribili occhiaie, mi bruciano gli occhi e alle sei di pomeriggio mi scoppia la testa...

Ma come faranno quelli che si alzano presto?  Si bevono un litro di caffè? Si fanno una canna? Accendono la tv su rai uno?

No dico, io a Natale avrà 45 anni, non si può pretendere questo da me!

Io dovrei dormire ALMENO dieci ore... bè, facciamo otto va... protesto! Io HO SONNO!

E poi "Mà, lo so che tu ti offenderai, ma il diritto è una palla unica... "
Cosa devo sentire dio-mio....

Va bè Marion, ora che ti sei lamentata, a nanna. Punta la sveglia e possibilmente ALZATI prima del medio, che si mette la sveglia anche lui e si alza prima di te.. che figura..

Prossima vita, nel caso non mi riuscisse la prima chance, cioè nascere uomo, ricordarsi di FARE I FIGLI DA GIOVANISSIMA, così da avere finito con gli impicci ENTRO i 40 anni... ok?

Ok. Notte Marion....

 

 
 
 

Post N° 649

Post n°649 pubblicato il 22 Settembre 2008 da MARIONeDAMIEL
 
Foto di MARIONeDAMIEL

Post lunghissimo, c'aggia fà..

Oh, se è bella Napoli.

Ad accoglierci i tuoi occhi neri da zingara, ridenti. In questi tre giorni non ho pensato a niente e sono stata benissimo, ci dirai alla partenza, con le lacrime agli occhi.

Irene e Francy sono sconvolte da come si guida qui, cioè praticamente si-va-sempre.. a parte che non esiste segnaletica né orizzontale né verticale, giusto qualche semaforo nel posto giusto...

Tutti ci vogliono conoscere, vogliono conoscere le "amiche friulane", per tutti si intende proprio tutti, a partire da tutto il condominio.. e meno male che la palazzina ha "solo" tre appartamenti... La sera ci vuoi portare a mangiare la pizza in quel posto in collina, ma piove e tu non ti fidi a guidare. "Dai Marion, guida tu..."
"Sei pazza? ho lasciato la patente a Udine.. ma si dai, tanto qui chi mi ferma..."

E via, alla guida di una macchina napoletana, nei paesi della periferia napoletana dove si guida sempre alla maniera napoletana, si-va-sempre, e quando ci si trova a tu per tu con un altra macchina in mezzo all'incrocio è qualcosa di imponderabile, un'esitazione o una decisione istantanea, a determinare chi passa per primo.. meno male che alla fine troviamo la strada allagata, ma di un'allagato che ci potresti fare il bagno, e ripieghiamo per la pizzeria sotto casa...

A Napoli l'occupazione principale, è mangiare.

Se ne rendono conto il giorno dopo, quando ci andiamo con la circumvesuviana stavolta. Io lo sapevo già. Tanti ricordi venti anni fa....

Io e te abbiamo detto loro come si gira a Napoli, niente collane preziose, portafoglio quasi vuoto, la cerniera della borsa (che non si dovrebbe proprio portare) sul davanti.. vabbè che non sempre basta...

L'importante è l'atteggiamento: se fai vedere che hai paura o che ti aggrappi alle tue cose si offendono perchè pensano che tu pensi che sono un popolo di borseggiatori, e così ti borseggiano. Certo che pure tu.. mica era necessario partire proprio dal mercato dietro Piazza Garibaldi...

Da noi è impensabile vedere tanta gente in giro per strada la mattina, ma che faranno tutto il giorno? I bar sono tutti pieni, 'o cafè e 'a sfugliatella; i tavolini non esistono, occupano spazio inutilmente, si fa tutto in piedi in questa città.

Usciamo vive dal mercato e a piedi fino a via Caracciolo. Tutto il lungomare fino ai chioschetti che vendono i taralli caldi; un ragazzo disegna due cuori sulla spiaggetta per la sua ragazza, poi si baciano; noi mangiamo i taralli e li guardiamo...

Poi via di nuovo a ritroso a piedi fino a piazza Plebiscito, palazzo reale.. il gioco della piazza... la galleria e la splendida spiegazione del venditore di cornetti rossi sul significato del corno, è per quella che bisogna pagare e sorridere.. mica per comprare il cornetto..  "belle signore, andate a mangiare laggiù..:"

Andiamo. Tutti comprano e mangiano in piedi. Peccato che i nostri piedi si rifiutino di andare oltre, il cameriere se ne accorge e ci accompagna in una sala sotterranea, nella quale incredibilmente ci sono degli sgabelli.. meglio di niente.. Io mangio la salsiccia coi friarielli; tento ancora una volta (in tanti anni nessuno me l'ha saputo dire) di sapere come si chiami in italiano questa verdura, ma "esiste solo a Napoli" ...

E poi via, il caffè al Gambrinus,il più antico caffè di Napoli, dicono. Una meraviglia, un'arte quel caffè..

Mi ricordo della funicolare, dai ci andiamo? Nemmeno tu ci sei mai stata , io si, vent'anni fa. Faccio da guida e saliamo al Vomero, poi a San Martino. Il pino della foto non c'è più ma la vista è pazzesca da quassù... il vento è fortissimo e mi prende la tristezza che per quel giorno non mi abbandonerà più. Sento cose dimenticate e sepolte.

Scendiamo. Io guardo le fermate, ragazze è qui, no, c'è ancora una fermata... aspettiamo. Una signora direi messicana mi chiede se quello è il capolinea, no le dico. Aspettiamo e dopo un'eternità la funicolare invece di scendere, risale.. la signora caccia un urlo e poi scoppia a ridere... signora, abbiamo sbagliato anche noi.. ride come una pazza e ride tutto lo scompartimento mentre subito c'è chi si informa "ma dove dovevate scendere signò?" e altri che si prodigano a suggerirle un'alternativa "per montesanto non è questa funicolare.... "

trovarci lì, solo noi quattro a ridere a crepapelle e ad andare su è giù con la funicolare, è qualcosa che non dimenticherò mai..

Finalmente vi stancate anche voi (io sono già morta verso le due) e vi convinco a tornare alla stazione. Quel giorno lì ho ricordato tutto, ma proprio tutto, tutto quello che vidi allora.. non c'è posto dove mio marito non mi portò,bello o brutto di Napoli... e dietro gli occhiali da sole scendono due lacrime troppo a lungo trattenute perchè allora si che mi volevi, tanto, ma tanto bene.. ed è dura ricordarlo adesso che è finito tutto.

Voi ve ne accorgete e mi accarezzate piano.

Poi la sera ci porti da "L'Amiricano"; penso sempre più che anche mangiare è un'arte per questa gente e rinnovo il giuramento di non mangiare per almeno una settimana... Invece si replica il giorno dopo naturalmente..

Passiamo a trovare altre cinque o sei persone che "sennò si offendono" e "ma come, già ve ne andate?", bisogna ricordarsi che qua si usa il voi....

E poi si riparte. Di corsa all'aeroporto con la tristezza dentro; ci sembrano irreali quei momenti passati insieme senza pensare ad altri che a noi.. "cosa ti metti?", "mi presti la crema?", "Che dici, metto questo?", "hai russato stanotte!"... per me la giovinezza con voi e anche senza di voi, è finita a diciassette anni, e per voi è durata poco di più..

Non mi resta che dirti ciao, non piangere, che ti pensiamo e ci vediamo presto.

Oh, dio mio se è bella Napoli.. anche se io non voglio tornarci mai più.

Notte Marion.

 
 
 

Post N° 648

Post n°648 pubblicato il 18 Settembre 2008 da MARIONeDAMIEL
 
Foto di MARIONeDAMIEL


No dico, mi sembra esagerato.

Che io decido di farmi convincere a salire su un aereo per la prima volta in quarantaquattro anni, e questi che fanno?  Creano tutto questo casino! Mi sembra esagerato veramente...

Che poi ad andare, andiamo perchè il volo è Air One, a tornare non si sa, visto che abbiamo un volo Alitalia per domenica sera con scalo a Fiumicino pure...

Io l'avevo detto alle mie amiche, ci facciamo la notte in treno e alle otto siamo a Napoli. In realtà pure Irene era con me, ma Francesca ha insistito e in effetti tre giorni con due notti in treno e per di più quasi allo stesso prezzo... che abbiamo fatto i salti mortali per far saltar fuori questi tre giorni coordinando le possibilità di ferie, le rane, la scuola e la coop....

 Inoltre "Che fate, partite?", "Si partiamo", "ah bene; guarda però che per domani qui a Napoli è prevista una piccola manifestazione e ci sarà un pò da camminare..."

Che bello, arriviamo noi. Voglio proprio toccare con mano 'sta storia dell'immondizia...

L'atmosfera è quella della partenza per la colonia estiva... sms delle mie amiche "ci mettiamo in valigia un vestito per andare a ballare?", "non so tu, ma io sono almeno trent'anni che non vado a ballare....", "e soldi? quanti?", "calcola anche i soldi per un veloce eurostar per il ritorno....", che lunedì mattina dobbiamo essere tutte sul pezzo...

Per Alitalia quello che ho capito io è che la cordata, essendo un privato, non ci vuole rimettere una lira, gli andava di lusso se scaricavano il tutto sui lavoratori.. il governo non ha che da dire che è colpa dei sindacati, dopo aver per settimane fatto propaganda  "bisogna avere senso di responsabilità"...  la solita tattica falsa e vigliacca.

Ma il pacchettino non gli è riuscito bene stavolta.. si assumano le loro responsabilità, che sono alla guida di un paese, mica di un'impresa...

No dico, se riesco a prendere il volo Alitalia, voglio, pretendo ed esigo la mia merendina con la coca cola da sette euro.. se devo pagare i debiti, almeno partecipare. Eh.

Notte Marion.

 
..per sempre per tutto quanto il tempo
in questo addio
io mi innamorerò di te...

 
 
 

Post N° 647

Post n°647 pubblicato il 14 Settembre 2008 da MARIONeDAMIEL
 
Tag: Le rane
Foto di MARIONeDAMIEL


Che in fondo li avevo avvertiti.

Ho notato che l'avvertimento è una buona tattica: "oggi entro in camera vostra!"

Ho visto con la coda dell'occhio il piccolo con le braccia cariche di indumenti vari che spero abbiano trovato la loro collocazione nel cesto della roba da lavare, vari altri movimenti convulsi mi convincono che posso entrare.

Così, entro preparata.

Vabbè, scrivania caotica, un pacchetto di krakers aperto, cuffiette e cavi intrecciati dappertutto, niente di chè;  penso che con qualche urlo del tipo domenicale me la cavo..... sono così preparata che quasi quasi non gli urlo nemmeno.. sto addirittura per fargli un richiamo affettuoso.. cambio le lenzuola al letto del medio.. orrore...

.. macchie di inchiostro rosso sul pavimento in legno.. anche sul legno bianco del letto.. ecco cos'era quella stilografica senza tappo che ho buttato nel cestino...

..c'è ancora margine per non perdere la calma.. pulisco, dal pavimento non va via del tutto.. dal letto abbastanza... seguo gli schizzi.. no! le tende no! Tutte schizzate di inchiostro rosso che sembra quasi un'opera d'arte...

Temo che gli urli del tipo domenicale, non basteranno mica...

 

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: MARIONeDAMIEL
Data di creazione: 09/08/2005
 

AREA PERSONALE

 
 

TAG

 

SIBILLA ALERAMO

"Mi pareva strano, inconcepibile, che le persone colte dessero così poca importanza al problema sociale dell'amore. Non già che gli uomini non fossero preoccupati della donna; al contrario, questa pareva la preoccupazione principale o quasi. Poeti e romanzieri continuavano a rifare il duetto e il terzetto eterni, con complicazioni sentimentali e pervensioni sensuali. Nessuno però aveva saputo creare una grande figura di donna."

 

ARCHIVIO POST

  '05 '06 '07 '08 '09 '10
gen/feb - x x x x x
mar/apr - x x x x x
mag/giu - x x x x x
lug/ago x x x x x x
set/ott x x x x x x
nov/dic x x x x x x
 

ARCHIVIO POST 2

  '11 '12 '13 '14 '15
gen/feb x x x x x
mar/apr x x x x x
mag/giu x x x x x
lug/ago x x x x x
set/ott x x x x x
nov/dic x x x x x
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2008 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30