..Uomini...

visti da una donna

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

liberantePepper71Web_LondonMARIONeDAMIELsurfinia60falsapiriteolgy120mpt2003mlr777pepedgl16lettorecautopoeta.sorrentinocassetta2ansa007
 

I BLOGGERS E I BANNER DI LIBERO

TAGLIASPRECHI

UN NUOVO BLOG TAGLIA SPRECHI  

LUGLIO, 2013

 

IO AIUTO CHIARA

 


Il cielo stellato sopra di me,
e la legge morale in me (Kant)

 

Verba volant, scripta manent

 

 

Gli uomini  ti cambiano, di solito in peggio

           A Mia e a me.

 

Messaggi di Maggio 2010

Sul Friuli Venezia Giulia, nubi in arrivo.

Post n°883 pubblicato il 31 Maggio 2010 da MARIONeDAMIEL
 


Che poi quando arrivi a fare una scelta, c'è sempre qualcosa a cui devi rinunciare, o qualcuno che non capisce , o qualcun'altro che perde qualcosa o tu che perdi un pezzo di te stesso.

Altrimenti che scelta sarebbe? Sarebbe una decisione, non una scelta. Una scelta implica sempre un sacrificio, un'esposizione, un salto e un abbandono.

Che poi la vita è poca cosa.

E' un piccolo bambino fermo nel corridoio mentre la sua mamma è allo sportello, e mi guarda imbronciato, e allora gli dico "ciao", e lui mi dice "ciao", e continua a guardarmi imbronciato e io a lui mentre mi si allarga il sorriso...

...è passare un'ora a usare la piastra per lisciare i capelli al medio, che lui li ha ricci stupendi e li vuole dritti che sennò si vergogna, e poi la mattina dopo è istrice come prima... giustamente non avendo una femmina non ho molta dimestichezza con questi aggeggi...

...è il piccolo, che ha sempre caldo ed è in maniche corte da marzo e non ha MAI usato un ombrello, e stamattina che pioveva che-dio-la-mandava "io come esco da scuola dopo? non ho una maglia nè l'ombrello"......

.. è chiudere gli occhi, il buio fuori dalla finestra ma mai dentro di me, sentendo il tuo respiro che si addormenta assieme ai miei sogni.... ma è solo il mio cuore, alla fine, che decide che nulla vale più di questo piccolo momento banale....

La scelta è anche speranza, e io spero.

Notte Marion.

 
 
 

L'ingiustizia.

Post n°882 pubblicato il 26 Maggio 2010 da MARIONeDAMIEL
 


La merda si spalma sempre in basso.

Ho sentito che ancora qualcuno dice meno-male-che-c'è-Berl-che-ci-salva-dalla-crisi-come-in-Grecia...

..pertanto è inutile dire ai votatori di berl quanto io li disprezzi, non che sia così importante poi, e d'altronde non li disprezzo solo ora che mi bloccano lo stipendio.... è evidente che avevo un troppo alto tenore di vita, e quindi mi sembra giusto una ridimensionatina, per il mio paese questo e altro, ci mancherebbe....

..d'altronde, sui ricchi non si può contare MAI nel momento del bisogno, si sa. Giustamente hanno l'alto compito morale di arricchirsi, e ridere di quei coglioni che stanno sotto, dove notoriamente c'è la merda.

Il voto è tutto qui.

Per questo bisognerebbe pensarci quattro volte prima di votare, o di non votare.

Per il resto se loro credono che io perda l'amore per il mio lavoro, si sbagliano. Tratterò i cittadini esattamente come prima, anzi meglio. Mi appassionerò come prima, anzi di più. E, come oggi, mi si allargherà il cuore quando passerò una giornata a discutere con altri colleghi di come applicare questa o quella disposizione il più correttamente possibile, per rispetto di quello che faccio e basta.   

Perchè io sono meglio di loro.

Notte Marion.

p.s. grazie a quel gentile signore che mi ha linkato così: "Marion, you are the apple of my eye"... troppo carino!

  

   

 
 
 

"Loro non cambiano"

Post n°881 pubblicato il 23 Maggio 2010 da MARIONeDAMIEL
 
Foto di MARIONeDAMIEL


Quando vedo gli operai di qualche fabbrica in uno studio televisivo, penso che mi fanno pena.

Ma mi fanno pena perchè stanno lì, seduti , disciplinati, ad aspettare che il conduttore di turno li faccia parlare; loro con la speranza di dare visibilità al loro problema, e lui , quello di turno, a fare il suo lavoro, si presume.

Poi ci sono conduttori, meglio, giornalisti, e giornalisti. Lerner, per me, è troppo cultural-chic; è raro che non mi addormenti e che riesca a seguire fino alla fine, certo il Magnificat mi sveglia alle pubblicità e quindi di norma, ce la faccio. Lui li mette seduti in un angolo dello studio, parlano molto gli ospiti spesso con un linguaggio incomprensibile.

Ballarò ha un taglio classico, proprio come il suo conduttore, peraltro molto intelligente e sagace, e le cose che non si devono vedere di questa Italia di norma le fa vedere anche lui ma si tratta più di narrazione che d'inchiesta pura.

Da Santoro li ho visti mentre piangevano, lottavano, sputavano sangue e chiedevano dignità.

Volevo solo chiedere dove sono tutti quelli che al tempo dell'editto gridarono allo scandalo, all'attentato alla democrazia, all'epurazione ecc.ecc., e che parimenti, gridarono all'osanna quando il tribunale lo reintegrò.

Il tribunale lo reintegrò.

Io lo considero un giornalista, non certo una bandiera della sinistra, ma un giornalista, che ha il suo taglio e che fa il suo lavoro, alquanto difficoltoso, pare, nell'Italia di oggi: fa vedere le cose, parla di mafia, parla di cose scomode al potere.

Un giornalista può legittimamente trattare il suo compenso, e come tutti i buoni giornalisti, gli ascolti gli danno ragione. Un giornalista fa quello che fa per dare le notizie, e per me, inacculturata donna, le sue notizie sono preziose. E' criticabile in tutti i sensi, e infatti lo si può criticare. Ma finchè la gente lo guarda, ha ragione, finchè io lo guardo, gli do ragione.

Non vedo molto altro di non asservito al potere, in tv. Peraltro io ho sempre la mia testa e ragiono con la stessa, come ho sempre fatto. Nessuno può ragionare meglio di me, nessuno può ragionare meglio degli altri, tutti possono ragionare assieme.

Per il resto, giornata bellilla.

Notte , Marion.

 
 
 

Hic manebimus optime

Post n°880 pubblicato il 21 Maggio 2010 da MARIONeDAMIEL
 
Foto di MARIONeDAMIEL


Che poi se uno ci pensa, è allucinante.

Mi vorrei anche ricordare perchè sta succedendo tutto questo casino per approvare la legge sulla restrizione delle intercettazioni. E per sfiga me la ricordo, questa cosa, anche se non esattamente.... di certo è una delle idee brillanti dell'attuale nostro capo di governo per difendersi dalle sputtanate... che tradotto in propaganda significa per proteggere la sacrosanta privacy di tutti i cittadini/elettori...

E mentre tutto il nostro mondo conosciuto si incazza e grida allo scandalo, al senato lavorano fino alle quattro di mattina... allucinante.. nemmeno in Grecia per fronteggiare la catastrofe economica e sociale....

Esaminare il disegno di legge, sul sito del Senato, è alquanto difficoltoso. La scorsa settimana ci ho messo ore per arrivare a capo di qualcosa sul ddl della modifica del codice della strada (ah, per i giornalisti che hanno detto che è stato approvato il nuovo codice della strada, mi spiace, ma è stato solo modificato, la cosa è leggermente diversa......)

Si procede per emendamenti, che possono essere proposti da senatori di entrambi gli schieramenti, che vengono approvati o respinti. Per il testo finale e definitivo, ce ne vorrà, viste le fribrillazioni.

Peraltro io di Angelino Alfano, mi spiace, ma NON CREDO NULLA DI QUELLO CHE DICE (... non mi suona molto questa frase....) 

Mi sono peraltro (secondo peraltro che ci devo fare, ci sta) fermata all'articolo 9 del ddl, dove sostanzialmente dice che le intercettazioni telefoniche, di immagini ecc. , sono contentite  nei procedimenti relativi ai seguenti reati: ed elenca una serie di reati.

Resta il mistero di come faranno i pubblici ministeri a sapere prima di autorizzare le suddette intercettazioni, di quali reati saranno oggetto le conversazioni da intercettare. A me sembra allucinante.

Sul bavaglio alla stampa non ne parliamo nemmeno.

E' una vergogna immane. Ma noi qui stiamo, se pensate di liberarvi di noi, avete sbagliato indirizzo.

Notte Marion. (Hai scritto allucinante tre volte....)  

p.s. Forza Santoro, abbasso il cda della RAI, abbasso Berlusca, abbasso il governo, e chi l'ha votato.

p.s. del p.s.: la lavastoviglie nuova è una figata pazzesca: il programma economico 30 minuti per 60 gradi funziona benissimo!

 
 
 

La categoria peggiore.

Post n°879 pubblicato il 18 Maggio 2010 da MARIONeDAMIEL
 
Foto di MARIONeDAMIEL

Quando nacquero i gemelli funzionava così.

Entrambi mangiavano regolarmente ogni due ore e mezza, chiaramente non alla stessa ora. Pertanto erano circa dodici pasti al giorno.

Nonostante la quarta di reggiseno, non avevo latte (mentre mi risulta che quelle piatte allattino benissimo, sigh), e quindi preparavo sei biberon alla volta, due volte al giorno.

Dormire era impossibile. O meglio, di giorno era impossibile, avendo anche il grande che all'epoca aveva cinque anni e mezzo, di notte dormivo al massimo un'ora o due, tipo se il piccolo mangiava alle undici e mezza, suo fratello si svegliava poi all'una una e mezza, e quindi dovevo scaldare il biberon, e poi tenerlo un pò su, e poi cambiarlo e poi giù; era ora di un altro pasto, verso le tre tre e mezza e poi verso le sei.

Capitava anche che piangessero contemporaneamente. Il piccolo aveva un pianto tenue, il medio aveva un pianto che lo sentivano fino all'ultima casa (tre case a fianco della mia); pertanto lasciavo piangere il piccolo mentre davo il biberon da scolare al medio; a volte mettevo il biberon con un asciugamano nella carrozzina, tanto che il piccolo tirasse un pochino fino a che suo fratello non fosse stato pasciuto (la quantità di latte che beveva era impressionante, circa quasi come la quantità di pastasciutta che mangia adesso...) ;

Per un mese non ho dormito praticamente mai. Ricordo che una volta il grande , col quale prima della nascita dei fratelli avevo giocato spesso, leggendogli qualcosa o facendo le costruzioni assieme, mi chiese in una pausa tra i lavori di accudimento, "mamma, mi spieghi il mappamondo?", che aveva appena ricevuto in regalo.. ricordo che ero così stanca e avvilita che gli dissi per la prima volta in vita mia "amore, la mamma è tanto stanca e ora dorme dieci minuti...."...ed erano davvero solo dieci minuti.... Lui era bravissimo. Non fu mai geloso dei suoi fratelli, d'altronde gli piaceva giocare anche da solo, riempiva tutto il soggiorno di costruzioni e via.

Dopo un mese così un giorno mio marito mi guardò in faccia e non mi riconobbe. Allora decise di prendere due mesi di aspettativa (senza paga che allora di contributi non ce n'erano di nessuna sorta) anche lui e le cose andarono meglio, perchè di pasti della notte ne facevamo uno a testa.  

Quando fu ora che io tornassi al lavoro (e dovetti tornare che i piccoli avevano cinque mesi perchè sennò mi prendevo un esaurimento), feci un patto con loro: gli dissi chiaro e tondo che dovevano dormire tutta la notte sennò mamma non ce l'avrebbe fatta. La prima notte non ne volevano sapere, dopo la poppata delle undici e mezza si svegliarono come al solito;

io rimasi dietro la porta a sentirli piangere e non entrai. Con l'orologio in mano guardando i minuti che non passavano mai, mi dicevo, resisti, ancora un minuto Marion, resisti.. se non smettono li prendi... smisero dopo un tempo infinito.

Dopo due notti così (probabilmente i vicini mi hanno lanciato maledizioni che poi si sono avverate...) , hanno accettato il patto, perso il pasto della notte, e dormito sempre come ghiri. Di notte, e anche di giorno.

Ora.

Io so che una delle peggiori torture è quella di non far dormire mai i prigionieri... la praticava la CIA, l'ho letto su un libro! Io non ho più figli piccoli, sono in età non esattamente giovane (ma neanche vecchia sia chiaro), e HO BISOGNO DI DORMIRE.

La peggiore categoria quindi non è quella che ti tradisce, ti dice bugie, non ti rispetta, non ti capisce o si scorda del compleanno: è senz'altro QUELLA CHE RUSSA.

I gentili signori che leggono, giocoforza, sono esclusi ecc.ecc.

Notte, Marion......




 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: MARIONeDAMIEL
Data di creazione: 09/08/2005
 

AREA PERSONALE

 
 

TAG

 

SIBILLA ALERAMO

"Mi pareva strano, inconcepibile, che le persone colte dessero così poca importanza al problema sociale dell'amore. Non già che gli uomini non fossero preoccupati della donna; al contrario, questa pareva la preoccupazione principale o quasi. Poeti e romanzieri continuavano a rifare il duetto e il terzetto eterni, con complicazioni sentimentali e pervensioni sensuali. Nessuno però aveva saputo creare una grande figura di donna."

 

ARCHIVIO POST

  '05 '06 '07 '08 '09 '10
gen/feb - x x x x x
mar/apr - x x x x x
mag/giu - x x x x x
lug/ago x x x x x x
set/ott x x x x x x
nov/dic x x x x x x
 

ARCHIVIO POST 2

  '11 '12 '13 '14 '15
gen/feb x x x x x
mar/apr x x x x x
mag/giu x x x x x
lug/ago x x x x x
set/ott x x x x x
nov/dic x x x x x
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2010 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31