Latino si, latino no..Riscopriamo il suo fascino unico nella collana che propone ” Il Corriere della sera ” in edicola.

Evviva i verbi deponenti, le cinque declinazioni, la coniugazione perifrastica attiva e passiva! Evviva gli aggettivi a tre uscite, i sostantivi di genere neutro, i verbi atematici, la consecutio temporum! Avrete capito che sto parlando del latino, che da troppo tempo è sempre al centro di discussioni sulla sua abolizione nella scuola italiana, ritenuto una lingua inutile in un mondo completamente indirizzato al massimo della tecnologia.
È una questione vecchia ormai, che riguarda pure il greco, che si ripresenta quasi ogni anno fin dal dopoguerra e in particolare dagli anni settanta A che cosa serve il latino? Saperlo rende la società più democratica? Non è stata forse quella latina la cultura di riferimento del Ventennio fascista? Per quale motivo apprendere una disciplina status symbol, fatta a misura per una élite destinata alla prosecuzione degli studi, mentre ai tempi dei social network l’inglese e il cinese risultano assai più spendibili sul mercato del lavoro.
La risposta è semplicemente una: il latino insegna a ragionare e a non esprimere più quesiti talmente ridicoli che definirli irresponsabili pare un eccesso di generosità. Guido Baldi, docente di Letteratura italiana moderna e contemporanea all’università di Torino, sostiene la necessità dello studio della lingua latina nel saggio “La sfida della Scuola,” edito da Pearson, per conoscere meglio l’italiano: “L’allenamento alla sintassi latina offre un aiuto insostituibile a costruire ,senza smarrirsi, strutture sintattiche complesse della frase e a padroneggiarle leggendo. Solo chi sa il latino può rendersi pienamente conto, grazie all’etimologia, della gamma semantica delle parole italiane, ed è in grado di servirsene con proprietà”. Già l’anticonformista Pasolini scriveva a proposito dell’imminente riforma  latinicida: “Il povero latino delle medie è un primo, minimo mezzo di conoscenza di quella nostra storia che la ferocia capitalista cerca di mistificare, facendola sua. È perciò un errore voler abolire l’insegnamento del latino: un errore come ogni tattica. Lo scacchiere della lotta è immenso e complesso: il latino è solo apparentemente un’arma del nemico”.Il latino è inoltre una ginnastica mentale, che allena l’animo all’indefessa applicazione poi su qualsiasi materia. Mi sembra bello salutare con gioia l’uscita della nuova collana sulla cultura e la lingua latina ,quali radici dell’Occidente, a cura di Elisabetta Cantone, in edicola con il “Corriere della Sera”.

MASTER1

Orazio legge le Satire a Mecenate» (1863), di Fëdor Andreevic Bronnikov

Latino si, latino no..Riscopriamo il suo fascino unico nella collana che propone ” Il Corriere della sera ” in edicola.ultima modifica: 2021-09-26T15:31:58+02:00da g1b9

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.