Più libri più liberi – Il Fedro di Platone e la libertà della cicala: Matteo Nucci con Sara Scarafia

 

Quaranta minuti di cibo per la mente veramente piacevoli sono stati quelli che ho trascorso ieri a Spazio Robinson,io on line, loro a Roma alla rassegna ” Più libri, più liberi”. Una conversazione, lezione sul tempo , su come spenderlo, su come vivere veramente e non solo per il denaro, anche se di esso necessitiamo. Matteo Nucci, esperto grechista, ne parla in modo pratico e divertente,proprio partendo dal mito delle cicale ,tratto dal Fedro di Platone. Premetto, per chi non lo sapesse , che il Socrate del mito non è il filosofo, ma un cittadino comune che discorre con Fedro.

cicale

Platone: Il mito delle cicale (“Fedro”)

SOCRATE: Tempo ne abbiamo, a quanto pare. E poi mi sembra che in questa calura soffocante le cicale, cantando sopra la nostra testa e discorrendo tra loro, guardino anche noi. Se dunque vedessero che anche noi due, come fanno i più a mezzogiorno, non discorriamo, ma sonnecchiamo e ci lasciamo incantare da loro per pigrizia della mente, giustamente ci deriderebbero, considerandoci degli schiavi venuti da loro per dormire in questo luogo di sosta come delle pecore che passano il pomeriggio presso la fonte; se invece ci vedranno discorrere e navigare accanto a loro come alle Sirene senza essere ammaliati, forse, prese da ammirazione, ci daranno quel dono che per concessione degli dèi possono dare agli uomini.
FEDRO: E qual è questo dono che hanno? A quanto pare, non l’ho mai sentito.
SOCRATE: Non si addice davvero a un uomo amante delle Muse non averne mai sentito parlare.(46) Si dice che un tempo le cicale erano uomini, di quelli vissuti prima che nascessero le Muse; quando poi nacquero le Muse e comparve il canto, alcuni di loro restarono così colpiti dal piacere che cantando non si curarono più di cibo e bevanda e senza accorgersene morirono. Da loro in seguito ebbe origine la stirpe delle cicale, che ricevette dalle Muse questo dono, di non aver bisogno di nutrimento fin dalla nascita, ma di cominciare subito a cantare senza cibo né bevanda fino alla morte, e di andare quindi dalle Muse a riferire chi tra gli uomini di quaggiù le onora, e quale di esse onora. A Tersicore riferiscono di quelli che l’hanno onorata nei cori, rendendoli a lei più graditi, a Erato di chi l’ha onorata nei carmi d’amore, e così per le altre, secondo l’onore che ha ciascuna. A Calliope, la più anziana, e a Urania, che viene dopo di lei, riferiscono di quelli che trascorrono la vita nella filosofia e onorano la loro musica, poiché esse, avendo cura del cielo e dei discorsi divini e umani, emettono tra tutte le Muse la voce più bella.(47) Per molte ragioni, quindi, a mezzogiorno bisogna parlare e non dormire.

per sentire il video

Più libri più liberi – Il Fedro di Platone e la libertà della cicala: Matteo Nucci con Sara Scarafiaultima modifica: 2021-12-07T15:18:29+01:00da g1b9

Un pensiero riguardo “Più libri più liberi – Il Fedro di Platone e la libertà della cicala: Matteo Nucci con Sara Scarafia”

  1. Innegabile ed eccelsa verità. Con loro ci ho perso del tempo quando ero ragazzino, ero attratto dalle similitudini, dalla retorica e dalle comparazioni molto calzanti. Leggere, leggere e leggere: ci ho campato fino ai venticinque anni tutte le notti che non passavano mai.
    Buona sera Giovanna.

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.