Come eliminare la crisi economica e conseguenze dell’ uscita dall’Euro !

Share via email

Per sperare di risolvere o uscire da problemi gravi, è bene esaminare come passati governi, hanno affrontato nella realtà, brillantemente gravi problemi di crisi economica!

Esaminiamo quindi, l’ uscita dalla crisi negli stai uniti d America del 1929 in estrema sintesi, che è nata dopo una lunga euforia
economica la quale raggiunse in pieno il 1928 e ove gli industriali vedendo che gli affari
andavano da anni sempre bene, avevano incominciato ad ingrandire rapidamente le loro attività indebitandosi con le banche.

Lo stesso i piccoli e medi imprenditori nonchè gli agricoltori, che hanno cominciato a produrre sempre di più, ma non con le loro sole forze, ovvero anche loro, indebitandosi con le banche.
Le banche concessero senza opposizione e con facilità moltissimi crediti ma… con delle clausole capestro, in pratica, in caso di necessita (della banca) l’ istituto erogante il prestito avrebbe potuto richiedere una estinzione anticipata del credito, a prescindere dai termini contrattati tra le parti.

In pratica le banche, sapendo che probabilmente presto sarebbe arrivata la crisi, hanno messo le mani avanti per assicurarsi rispetto ai propri debitori con queste clausole. la cosa sembrava normale o naturale agli occhi della gente.
Ma successe, ed arrivò la crisi, per molte ragioni, la più ecclatante fu che indebitamento e sovrapproduzione aveva modificato i prezzi o valori delle merci così che i conti fatti prima della crisi dalle aziende, non tornarono affatto, quindi, eccesso di invenduto, chiusure per fallimento in grande numero, poi crollo della borsa e infine corsa agli istituti di credito a prelevare risparmi che le banche non avevano più, perchè dati in granparte in prestito nel mercato del lavoro – industriale e agricolo.
L’ ultima corsa fu quella delle banche, ad appropriarsi delle cose materiali delle aziende insolventi, ma… BLOCCATE da un presidente degno del suo nome: Franklin Delano Roosevelt.

 

 Come  Roosevelt  ha risolto i problemi per uscire dalla crisi: (comparazione affiancata alla ricetta Eurozona )
1 Roosevelt Si è impegnato subito per risolvere la crisi con provvedimenti di assistenza  a tutto campo
2  Roosevelt ha svalutato il dollaro
3  Roosevelt  ridusse l’ orario di lavoro per distribuirlo a più persone o aumentare il numero degli occupati ed aumentò anche  i salari
4  Roosevelt diede lavoro alla maggiorparte dei disoccupati con l’ avvio di grandi opere pubbliche!
5  Roosevelt diede un sussidio agli agricoltori in difficoltà ed ai disoccupati
6  Roosevelt Mise sotto commissione le banche per  impedire speculazioni bancarie
7  Roosevelt ordinò alla Federal Reserve una gran quantità di dollari per ripristinare i normali flussi di capitali nelle banche (controllate) che si impiegarono nell’ economia reale
8 Roosevelt Fece inoltre una legge sulla scissione delle banche d affari o speculative da quelle commerciali o per aziende e correntisti, per proteggere l’ economia reale e così impedi’ altri crolli di borsa.
9 Roosevelt Impedì alle banche di arraffare  o dilapidare i proprietari in difficoltà, dei propri beni, aziende, terreni.

Cosa fa la nostra “cara” EU invece?  ( avete sopra la tabella comparativa Roosevelt con gli scienziati dell’ Eurozona sotto! )

Eurozona Nessun impegno sui problemi ma  irrigidimento nelle proprie posizioni di austerità e tagli alla spesa pubblica (Fiscal compact)
2  Eurozona  cresce o sale la quotazione dell’ Euro
 Eurozona aumenta le ore di lavoro e  spinge alla riduzione dei diritti e dei  salari,  (impieghi statali divenuti precari – contratti a chiamata, contratti a termine), ritardando le  le pensioni, impedendo ai giovani una accesso al lavoro
4  Eurozona  impedisce il lavoro ai disoccupati bloccando ogni possibile grande opera pubblica
 Eurozona non da alcun sussidio ma consente a privati, aziende e agli stati l’ opzione solo di di indebitarsi
 Eurozona nessuno stato controlla le banche, ma al contrario, le banche controllano gli stati in maniera vessatoria e deprimente per l’ economia!
7  Eurozona ha rifinanziato le banche  (non controllate)  che hanno appianato speculazioni andate male, non hanno dato nulla all’ economia reale ma reinvestito ancora in nuove speculazioni.
8 Eurozona In Europa e in Italia (dal 1993) è abolita le legge sulla separazione delle banche d’ affari da quelle commerciali.
9 Eurozona In Europa le banche (e in Italia + Equitalia per migliorare ancora la situazione) dilapidano i beni della gente in difficoltà, portano via case, aziende, i terreni.. il futuro…!

 

Se servisse mai scriverlo, abbiamo numerato ogni punto per aiutarvi a confrontare e verificare che, la BCE fa esattamente il contrario di Roosevelt!

Conseguenze della azione del governo Roosevelt: Uscire del tutto dai guai!

Il governo Roosevelt ha permesso agli Stati uniti d’America di superare brillantemente la crisi, arrivando ad una disoccupazione poco sopra l’1% (avete letto bene, risolvere la crisi fino alla piena occupazione,)  dare molti decenni di benessere e facendone un modello da imitare di prosperità: la nazione più ricca e potente del pianeta!

Notate che Roosevelt ha intrapreso azioni concrete, mirate, positive ed utili, non ha ingaggiato giornalisti per mentire al popolo e nascondere le vere manovre economiche, ingannando la gente sostituendo azioni concrete con censure e menzogne colossali come fa il nostro governo (2017) e peggio ancora l’ Eurozona.

La saggia legge Roosevelt  sulla separazione delle banche d’affari dalle commerciali,  è stata abrogata in America nel 1999 dal governo Clinton e dopo sono ri-incominciati i guai con il fallimento di grandi banche d’ affari come la Lehman Brothers (con l’ augurio che Donald Trump la ripristini), perchè è obiettivo delle grandi banche d’ affari,   che questi accorpamenti consentano approvvigionamenti ad altre fonti di denaro o meglio, a caricare i problemi irrisolti sui conti dei cittadini correntisti. Anche in Italia è stata in vigore una legge dalle stesse funzioni fino all’ anno 1993 e da quando è stata eliminata si stanno creando sempre maggiori problemi alle banche italiane.

Avete compreso cosa ha fatto il presidente USA   assistito culturalmente  da testi dell’ 800 ma avendo comunque  buon senso e volontà di fare del bene.

Franklin Delano Roosevelt, aveva ca 50 anni quando arrivò la crisi.
Sicuramente alla fine dell’ 1800 andava  ancora a scuola e leggeva pubblicazioni e trattati dell’ 800 ed anche del 700,  si è visto, comunque con ottimi risultati nei suoi intenti.

Noi abbiamo tre tesi sul perchè dei comportamenti così differenti dell’ Eurozona da quelli di Roosevelt.

1) O quei “campioni” di economisti della BCE, leggono trattati economici del 1200, quindi meno aggiornati dei libri di Roosevelt  ( e… si vedono i risultati..)
2) oppure non sanno nulla di economia,  ma sono ancora li…
3) oppure… deprimono l’ economia intenzionalmente  abusando scientemente del loro potere sovranazionale e del monopolio che hanno sulla valuta,  rendendo gradualmente gli stati ricattabili,  e, l’  economia dipendente dal debito,  schiava delle banche, che è l’ unica cosa che offre realmente la BCE e che può rafforzarla nel suo potere. E chiaro?

Secondo uno studio OXFAM in Europa, entro il 2025, da 15 a 25 milioni di poveri in più se le misure di austerità continueranno,  un numero di persone pari all’ Olanda e l’ Austria messe insieme

Le conseguenze invece dell’ uscita dall euro? La crisi si risolve perchè si eliminano le ragioni tecniche del perdurare di questa depressione che si chiamano BCE e Unione Europea  ed inizia la ripresa economica con la liberazione dalla schiavitù neoliberista.

Eurozona= schiavitù dal debito!

©2017 Boris Smirnov

Come eliminare la crisi economica e conseguenze dell’ uscita dall’Euro !ultima modifica: 2017-09-20T23:24:16+02:00da borissmirnov

Lascia un commento