Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 134
 

Ultime visite al Blog

elyravwoodenshipsurfinia60je_est_un_autrecassetta2Signorina_Golightlygianor1Dott.Ficcagliadonnadifiori_61misteropaganoje_estcassetta2QuartoProvvisorioArianna1921m0n0lite
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 15/01/2022

 

Le voci mi dicevano

Post n°492 pubblicato il 15 Gennaio 2022 da je_est_un_autre

Ieri mi hanno accompagnato alla Certosa, che è poi il cimitero monumentale di Bologna.
Per fortuna era solo per girare una scena in un film, assieme ad un'attrice famosissima di cui non posso dire il nome. Lei l'ho vista solo nel momento in cui abbiamo girato; contrariamente a quanto avviene di solito, nè prima nè dopo ho avuto contatti con lei. Tutto sommato la signora mi ha sorpreso: ne avrebbe abbastanza da diveggiare molto più di quanto dimostra, vista la chiarissima fama e visto lo stuolo di garçons d'ogni tipo che le girano attorno anche solo per toglierle qualche microscopico pelucco dal vestito o per vellicare con un pannicello l'elegante cappello a tesa larga; e invece aveva un atteggiamento amichevole, aperto. Ma tant'è, io ero piuttosto emozionato, ça va sans dire.
Ora, se ripenso alla giornata di ieri, mi viene in mente tantissimo anche il freddo: le parti coperte della Certosa erano ancora più gelide del campo di tombe, fuori. Infatti fino a che ho potuto sono rimasto all'aperto, a provare di farmi scaldare da un solicello che a metà gennaio fa quel che può.
Camminando ho guardato le tombe, letto un po' di nomi. E ad un certo punto queste tombe, che evidentemente mi vedevano un po' teso, mi hanno parlato, e tutte quante dicevano: "ma che stai a preoccuparti? Fai la tua parte tranquillo, tanto lo sai, un giorno si viene tutti qui, e dopo nessuno noterà la differenza; quindi adesso vai, fai il meglio che puoi, divertiti e goditela, dai retta a noi".
E così ho fatto. Li ho salutati e sono entrato.
Avevano ragione. Mi sono messo tranquillo e credo di avere lavorato bene. Almeno spero.
Si diventa saggi, là sotto.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso