Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 114
 

Ultime visite al Blog

je_est_un_autrevanille_noirePaintedonmyheartpaperinopa_1974occhineriocchineriemma01ioguadagnolinedolcesettembre.1daunfioremarta_forsepa.ro.leneimieipassilunetta_08nataly_marcis
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Curioso comeItalia Anno Niente (Reprise) »

I dialoghi impossibili: io e Arturo

Post n°124 pubblicato il 29 Gennaio 2011 da je_est_un_autre

IO: Hai visto in Egitto?

ARTURO: Ho visto.

IO: E che ne pensi?

ARTURO: Non so. Sto a guardare. Dovrei avere un parere?

IO: Sarebbe bene ne avessi uno: la situazione è grave.

ARTURO: Me ne rendo conto, ma l'Egitto è l'Egitto, e noi siamo qua.

IO: Ecco come fai, te ne lavi le mani, diciamo. Se invece provassi ad allargare anche solo di poco i tuoi orizzonti, sapresti che l'Egitto è più vicino che mai. Il focolaio si sta estendendo, e noi siamo il paese occidentale più affacciato sul Mediterraneo. Continua pure a leccarti le zampe, mentre già entra dalle finestre il puzzo di bruciato del fuoco acceso dai rivoltosi. Beh, io mi preparo.

ARTURO: Ti prepari? Che fai, esci?

IO: Magari sì. Può darsi, può darsi. Preparo una valigia se si mette male, e contemporaneamente allestisco un bunker se si mette peggio, con lo scatolame e tutto il resto. Non mi farò sorprendere.

ARTURO: Sei tutto un'arguzia.

IO: Non mi giudicare in modo sbagliato. Sono pronto a difendermi, sono pronto ad attaccare. In una parola, sono pronto a tutto. Però, questi egiziani. Stanno facendo sul serio. E la cosa arriverà fino a qui. E' così evidente. E anche tu: non puoi pensare di rimanere a casa a guardare i programmi del pomeriggio, mentre l'onda araba ci dà la sveglia.

ARTURO: Mi ci vedi a piegare le camicie e a mettere da parte i viveri?

IO: Eccoti qui: sei come tutti gli altri. Un intero paese fatto solo di gente che si guarda i piedi e  non sa altro che sospettare di tutto e di tutti e non si sta accorgendo di niente. Per tua fortuna ci sono qua io. Dovrò pensare a come mimetizzare il trasportino.

ARTURO: Non potrei rimanere di vedetta qui, a prescindere? Dicevi, dello scatolame?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog