Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 96
 

Ultime visite al Blog

je_est_un_autreVerainvisibileLaLigneNoirselenezarbeside_meblanche.fviburnorossoDIAMANTE.ARCOBALENOoltre.lo.specchioilsegretodiNoavaniloquiofenormone0deteriora_sequorDr.U
 

Ultimi commenti

Che ridere durante un compito in classe di matematica poi...
Inviato da: je_est_un_autre
il 23/10/2014 alle 15:43
 
io andavo a scuola a piedi,i ritardi dipendevano dalla...
Inviato da: oltre.lo.specchio
il 22/10/2014 alle 16:48
 
E lo fermerei prima di passare in esame il resto del corpo...
Inviato da: camminate strambe
il 21/10/2014 alle 15:36
 
Grazie a te per come scrivi. Se un blog mi piace mi prendo...
Inviato da: Verainvisibile
il 21/10/2014 alle 13:59
 
Gulp.
Inviato da: je_est_un_autre
il 21/10/2014 alle 13:48
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
«  Specchio Sì, viaggiare »

 Diecimila giorni

Post n°6 pubblicato il 24 Novembre 2008 da je_est_un_autre

 C’è un latrare di cani in lontananza, sul fare del giorno. E la campana di qualche chiesa. Aria fradicia sui campi. I rumori mi giungono attutiti, a volte si spezzano a metà.
Ho come un sapore in gola. Qualcosa di struggente che avevo rimosso, ma mai svanito del tutto.
Ci sono io bambino, certe sere lasciato a dormire dai nonni. Nessun rumore, se non quei flebili rumori di fuori; gli occhi spalancati nell’oscurità, liberavo la mia immaginazione. E nel buio, proprio accanto alla porta della stanza, c’era, ci doveva essere per forza, un’altra porticina. Entrando, uno stretto cunicolo mi introduceva in un salone enorme, pieno di oro, di suoni, di luci. E più oltre, tutta una serie di mondi avventurosi.
Doveva essere solo il frutto di qualche sogno fatto in precedenza, ma questo pensiero ricorrente si era fatto come reale. Mi ero convinto che esistesse davvero tutto questo. Dentro di me, ero sicuro di esserci stato davvero, al di là.
 Così mi addormentavo. E la vita che mi stava correndo incontro, doveva per forza essere meravigliosa.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog