Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 115
 

Ultime visite al Blog

tekilallisaliberaje_est_un_autrepa.ro.leWeb_LondonSignorina_GolightlyFanny_Wilmotolgy120Paintedonmyheartpaneghessaoscardellestellepoison.deemoschettiere62neimieipassi
 

Ultimi commenti

Grazie, Olga. Buona serata.
Inviato da: je_est_un_autre
il 09/12/2017 alle 18:25
 
Bello il titolo e la descrizione del lavoro del tuo...
Inviato da: olgy120
il 09/12/2017 alle 18:11
 
Eh, l'avevo sospettato che fossi una da ascolti...
Inviato da: je_est_un_autre
il 28/11/2017 alle 12:25
 
titolo magnificamente teatrale, i tortellini della Mother...
Inviato da: emma01
il 28/11/2017 alle 10:49
 
E' proprio vero. Mi dimentico sempre.
Inviato da: je_est_un_autre
il 28/11/2017 alle 08:54
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
«  Ceneri alle ceneri  Sogno »

 Cene

Post n°15 pubblicato il 05 Gennaio 2009 da je_est_un_autre

 Poi succede che si esce a cena tutti assieme. E ti ritrovi intrappolato.
“Tu! Tu! A capotavola!”
Grazie, grazie. Lo so, si aspettano aneddoti, storielle divertenti, curiosità, magari del gossip, come si dice adesso senza neanche vergognarsi. Io cerco di far funzionare il cervello, vado a setacciare tra le cose accadute più di recente: nulla. Mi sembro un disco rotto, da un mese vado ripetendo sempre le solite due stupidaggini, ma stasera arranco: non escono bene nemmeno quelle. Il resto è sabbia, mi sento un deserto.
Li guardo, e capisco. Massì, dietro ai sorrisi, alle pacche, agli ammiccamenti, adesso vedo tutto chiaro. In quei sorrisi c'è ironia, in quegli ammicchi diffidenza, in quelle parole uno snobismo che avrei pur dovuto prevedere, il tutto condito in una salsa intellettuale da chi peraltro non ne avrebbe nessun talento. Io annaffio anche troppo il mio deserto, e alla fine non mi tengo e glielo sputo in faccia. Cala il silenzio, colgo un’occhiata sorpresa, una bocca semiaperta, ma è solo un attimo. Correggo il tiro, rintraccio una battuta chissà dove, sfodero un sorriso: alziamo i bicchieri, amici miei! beviamo insieme, perché anch’io sono un codardo, esattamente come voi.
Ma io, almeno, non ho paura mai, di sporcarmi le mani.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog