Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 115
 

Ultime visite al Blog

je_est_un_autrepaneghessaSignorina_Golightlylisaliberasurfinia60estinetteedonadam68bimbayokoLita890dgl0EasyTouchgpaola61pa.ro.lempt2003MoraeSvampitaneimieipassi
 

Ultimi commenti

Merci!
Inviato da: je_est_un_autre
il 20/01/2018 alle 19:44
 
Bravo! :)
Inviato da: lisalibera
il 20/01/2018 alle 18:19
 
Ma grazie, MP! Ciao!
Inviato da: je_est_un_autre
il 19/01/2018 alle 09:22
 
ma che bello quello che scrivi! dovresti esserne molto...
Inviato da: mpt2003
il 18/01/2018 alle 19:12
 
Chi l'avrebbe mai detto.
Inviato da: je_est_un_autre
il 18/01/2018 alle 11:07
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« FrittoNostàlgia »

Alle 4 e 48

Post n°30 pubblicato il 09 Aprile 2009 da je_est_un_autre
Foto di je_est_un_autre

Non so scrivere se non di me stesso. Non invento nulla, solo a volte libero un altrove fatto di sogni i cui colori tutto sommato mi divertono.
Non mi piacciono le anime belle, e allora anche in questi giorni difficili lo posso dire, che la realtà è una frittella dura da mandare giù. Anche per me. Qui e adesso.
La realtà è polvere.

Ho un amico che parla sempre di Dio. Non è colpa sua, ma riesce invariabilmente a farmi venire voglia di bestemmiare. Questa sera parlava di Tommaso e di un vangelo che nessuno conosce e di una specie di conferenza che deve tenere. Parlava e con le mani faceva ampi gesti come a dipingere le sue sfere celesti.
No, amico, lascia perdere. Ho la schiena abbastanza dritta per sapere che un secondo dopo che sarò morto non ci sarà più niente. E non avertene a male, che la pietà non è mica solo dei cristiani.

Non ho moglie, non ho figli, quasi non so che lavoro faccio. Non crediate sia semplice: ci vuole un grande impegno per arrivare alla piena maturità così completamente irrisolti. Mi sento come uno che ha fatto un milione di chilometri - e adesso si sente un po' strano, forse perchè è arrivato fin qui camminando all'indietro.

Chissà dov'era quella differenza che mi ha portato sempre a rimandare tutto.
Mi guardo e sono come gli altri.
Ma un letto vuoto resta un letto vuoto.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog