Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 115
 

Ultime visite al Blog

je_est_un_autrePaintedonmyheartSignorina_Golightlydaunfiorelunetta_08neimieipassipaneghessaWeb_LondonLa_Cura_dglmarittiellabluaquilegiaFanny_Wilmotpa.ro.lelascrivana
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Visions of ChinaSolo se strettamente necessario »

Antique

Post n°117 pubblicato il 10 Dicembre 2010 da je_est_un_autre

Sebbene sia sempre stato più che scettico sulla reincarnazione - per non dire dell'eterno ritorno (su quest'ultimo sono con Woody Allen: "Cosa? Questo vorrebbe dire rivedere un'altra volta Holiday on Ice!"), mi capita a volte di avere come la percezione di vite vissute in altre epoche, vite molto più interessanti e movimentate della mia.
So bene che mi espongo al ridicolo, ma ho la precisa sensazione di essere giunto un giorno a cavallo ad una bettola malfamata e avere colà avuto un alterco sfociato in rissa con certi brutti ceffi, di avere venduto cara la pelle tra un furor di sciabolate e di essere quasi certamente morto, riverso con la faccia su pozze di vino cattivo e sangue.
Stranamente la parte più vivida del ricordo è quella di quegli ultimi momenti.
So di avere agonizzato a lungo quasi senza dolore, anzi con la nostalgia nel sentire la vita che scivolava altrove, in quella topaia puzzolente ma col cielo azzurro fuori. Mi sembrava come di rivedere il prato di casa in Cornovaglia - non ho tratti da cornovagliese, ma tant'è, quello dovevo essere stato - e i panni stesi al sole (in Cornovaglia? sì, in Cornovaglia) e la mia donna che m'aspetta davanti a casa. E pensavo in quei momenti tra le risa di scherno di quegli sgherri che la mia vita era valsa la pena di essere vissuta, in giro sul mio cavallo per quell'Europa primordiale.

Quando mi fermo a pensare a 'ste cose non so se mi manca di più il senno o la libertà.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog