Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 102
 

Ultime visite al Blog

panpanpije_est_un_autrenodopurpureomia.euridiceVerainvisibilepsicologiaforensemeninasallospecchioperpoche1lisaliberaoltre.lo.specchiogive_it_to_medeteriora_sequormonnalisa_e_nebbiaDr.Uviburnorosso
 

Ultimi commenti

E dice bene, Gratteri. A noi che era sembrato più che...
Inviato da: je_est_un_autre
il 31/01/2015 alle 10:46
 
Credo di poterti capire molto, molto bene carissimo. Il...
Inviato da: mia.euridice
il 31/01/2015 alle 08:41
 
Capisco il senso di sfinimento, che credo assai diffuso. In...
Inviato da: je_est_un_autre
il 30/01/2015 alle 16:16
 
Io invece non mi sono mai sentito così poco legato a questa...
Inviato da: camminate strambe
il 30/01/2015 alle 16:06
 
<3
Inviato da: sara_1971
il 14/01/2015 alle 20:28
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
«  Il pomeriggio di un letturista Specchio »

 Acqua sull'acqua

Post n°3 pubblicato il 13 Novembre 2008 da je_est_un_autre

 Visto che qui ai contatori sono agli sgoccioli, e che entro un paio di giorni darò le mie dimissioni, si è pensato bene di affiancarmi una persona ad imparare il mestiere. Da due giorni non fa che piovere, e la campagna attorno a Rami di Ravarino sta diventando, o tornando ad essere, una gigantesca palude. L’idea di dover spiegare il lavoro a un ragazzo mentre il cielo ci cade sulla testa e noi sprofondiamo nella melma non mi fa impazzire dalla gioia, ma tant’è, mi tocca.
Lui arriva puntuale e si presenta col suo bravo nome da ragazzo: Alex. Sprizza ottimismo e voglia di imparare, Alex. Tre ore dopo saranno entrambi annegati.
Ecco, questo è un pozzetto, Alex - gli dico, mentre certe gocce d’acqua riescono chissà come a scendermi fin giù nel collo: nonostante l’ombrello, l’impermeabile e il cappuccio tirato su. Bisogna tirare su la lapide usando questo gancio, Alex. Sì, Alex, si chiamano lapidi. E’ di ghisa, sì, è pesante.
Apro. “Maronn’ che schifezz’!”. “Tranquillo, Alex, sono solo cappotti, maglioni e sciarpe, questa è gommapiuma, è che la gente ha paura che il contatore geli, capisci?”. “Ma è tutto schifoso”. “Sì, imputridisce tutto, qui dentro, ma non c’è niente da fare, continuano a riempirli”. Nonostante non venga una gelata da secoli, penso. “E bisogna tirarla su con le mani?”. Pausa. “Hai un’altra idea?”
Bene, c’è da fare il lavoro: ti faccio vedere, Alex. Vado, risalgo alla superficie e non devo sembrare un pescatore di perle del Pacifico - ma per darmi un tono metto su la faccia dura di uno che ne ha viste tante.
Tra un’ora abbiamo appuntamento, Alex. Fuori piove ancora.
Buona giornata a noi.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog