Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 135
 

Ultime visite al Blog

je_est_un_autreelyravcassetta2Mi_annoio_questa_serDizzlyArianna1921m12ps12woodenshipunknown_toonshillsurfinia60QuartoProvvisorioGloria_againbeniamino_634lisa.dagli_occhi_bluossimora
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Di cosa parliamo quando ...Che cosa vuol dire »

Andarsene così

Post n°566 pubblicato il 06 Dicembre 2023 da je_est_un_autre

Durante la funzione, la foto sulla bara mi ha ipnotizzato. L'ho guardata tutto il tempo, ascoltando con poca attenzione il prete, che ha avuto almeno il merito di usare un tono piano, non urtante. Tanto l'urto era comunque arrivato, deflagrante, inaudito, inaspettato, quattro giorni prima, con uno squillo del telefono.
Dicevo della foto. E' uno scatto in cui sembra sereno, mentre da dentro la cornice dà l'impressione di restituire il mio sguardo. Deve essere stata scattata dagli spalti dello stadio di San Siro, si vedono i gradoni e lui indossa una felpa con lo stemma rossonero e la stella. Da bambini eravamo stati milanisti e lui lo era rimasto, mentre io passavo presto a tifare la squadra della mia città.
Quasi coetanei, da bambini eravamo sempre insieme, io e mio cugino.
In un paesino di campagna, 45-50 anni fa i genitori non si curavano troppo di sapere in ogni momento dove si trovassero i figli. Questo ci dava una libertà di cui forse non eravamo consapevoli ma che vista con gli occhi di oggi sembra irripetibile.
Rimanevamo nella "fetta" (un pezzo di prato dietro la piazza) a giocare a pallone fino all'ora di cena, in qualunque stagione e soprattutto con quei clamorosi nebbioni che ora, nella pianura bolognese, non si vedono praticamente più. Oppure, come cavalieri senza paura, ci perdevamo nelle straducole di campagna ad esplorare i vecchi casali abbandonati. Oppure ancora, all'indomani di certe abbondanti nevicate, ci trovavamo con altri sotto il "monumento" a cercar di colpire a palle di neve il soldato in bronzo che celebra la prima guerra mondiale, o ad ingaggiare interminabili e innocue battaglie a pallate tra noi. Tornavamo a casa solo quando ci ricordavamo di averla, una casa, o quando qualche adulto veniva a cercarci. Rientravamo accaldati, stanchi, io spesso totalmente senza voce.
Non so se infanzie così esistono ancora. Mi sembra tutto cambiato. Ma forse è il destino di ogni generazione, rimpiangere un passato che è sempre, invariabilmente, migliore del presente.
Ci divertimmo, vero, Enrico? E' stato bello.
Ma era finito così tanto tempo fa.
Quel bambino dal caschetto biondo, dal sorriso largo, era diventato un adulto scontroso, chiuso, afasico, cupo. Le strade da adulti si separano, si sa, e così successe anche a noi. Quando a qualche riunione familiare (assai rara a dire il vero) ci trovavamo, scambiavamo poche parole, un saluto, poco più di un sorriso, non senza imbarazzo. Negli ultimi anni non so che cosa sia successo, non so che cosa abbia tenuto nascosto perchè tutto precipitasse così, in una malattia che deve essersi protratta per anni e di cui nessuno nulla sapeva, o almeno così pare; ma già da tanto, da molto prima, mi sembrava di intravvedere in lui una pulsione negativa, una voglia di allontanamento, in una scontentezza muta e scostante.
Ma c'è qualche mistero, qualcosa che non so e se lui voleva il silenzio forse - anzi sicuramente - è meglio non andare oltre, anzi è più giusto fare un passo indietro, con quel nodo alla gola che da ieri non riesco a sciogliere.
E il passo indietro ha quasi cinquant'anni, dove ci sono due bambini, due avventurieri felici, liberi, nella campagna aperta, che giocando abbracciano la vita.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Cipigli/trackback.php?msg=16726288

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
OgniGiornoRingrazio
OgniGiornoRingrazio il 06/12/23 alle 19:48 via WEB
Bello il tuo modo di raccontarvi. Ti lascio questa https://youtu.be/JH1FWM936Qw?si=f2Pis9Kkm_MxAA4f E ti abbraccio
(Rispondi)
 
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 07/12/23 alle 19:11 via WEB
Grazie, OGR. Ricambio l'abbraccio.
(Rispondi)
 
magdalene57
magdalene57 il 06/12/23 alle 22:27 via WEB
toccante...
(Rispondi)
 
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 07/12/23 alle 19:12 via WEB
Sì, Magdalene...
(Rispondi)
 
woodenship
woodenship il 06/12/23 alle 23:03 via WEB
Comunque ti è rimasto nei ricordi. La malinconia pure: immagina di farci ancora a palle di neve. È tutto qua: erano altri tempi. Condoglianze.
(Rispondi)
 
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 07/12/23 alle 19:13 via WEB
Ti ringrazio molto, wooden.
(Rispondi)
 
lisa.dagli_occhi_blu
lisa.dagli_occhi_blu il 07/12/23 alle 19:46 via WEB
Ti abbraccio forte
(Rispondi)
 
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 08/12/23 alle 16:52 via WEB
Grazie, Lisa cara.
(Rispondi)
 
Arianna1921
Arianna1921 il 08/12/23 alle 16:38 via WEB
Mi dispiace L., a volte ci si perde nonostante un legame che un tempo c'è stato davvero, ed era luminoso (poiché andava in espansione verso età adulta) pieno di avventure come quello infantile, o della giovinezza. E poi crescendo è spesso normale mettere ognuno dei muri, di ritrosia, per celare vulnerabilità o non tediare o "ammorbare" altri, che sembrano da fuori più felici o realizzati di noi. I
(Rispondi)
 
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 08/12/23 alle 16:54 via WEB
"Che sembrano da fuori più felici di noi". Quanto hai ragione su questo, Arianna.
(Rispondi)
 
 
 
Arianna1921
Arianna1921 il 08/12/23 alle 17:19 via WEB
Essere magari più realizzati (di altri) dal punto di vista lavorativo o dal punto di vista familiare, non significa non avere comunque nella propria mente..dubbi, paure o traumi (magari anche piccoli, si spera) con cui dover fare i conti. Tutti abbiamo qualcosa da "sopportare" (disturbi fisici o ricordi fastidiosi, pensieri e azioni di troppo o al contrario mai compiute). Però quando si soffre un po' troppo (in modo concentrato) si tende a vedere più la nostra sola inquietudine o sofferenza, e ci si vede come dei casi disperati, o giù di li. Ti ho messo allegria, vero? (ahahah) Scusa, forse avrei dovuto cercare di farlo, ma non mi è pervenuta nemmeno a me, un'idea adatta ad alleggerire l'umore. Ps dell'infanzia io ricordo con piacere le mie corse lungo la mia strada di casa (pure io abitavo in un paese, con poco traffico/automobili) per fare volare in alto aquiloni dei quali tenevo saldamente i fili nella mani.
(Rispondi)
 
 
 
 
Arianna1921
Arianna1921 il 08/12/23 alle 17:20 via WEB
Scusami...che commento lungo, esagerato!
(Rispondi) (Vedi gli altri 1 commenti )
 
 
 
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 08/12/23 alle 17:26 via WEB
Ma stai scherzando, Arianna? Scrivi commenti lunghi finchè vuoi, anzi mi fa piacere. A proposito della percezione che si ha delle "vite degli altri" e della propria, hai detto cose assolutamente condivisibili.
(Rispondi)
 
Rebirth22
Rebirth22 il 10/12/23 alle 17:10 via WEB
Un abbraccio a te Lory, seppur a distanza, ciao ..
(Rispondi)
 
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 10/12/23 alle 17:36 via WEB
Grazie cara Rebirth, ti abbraccio anch'io...
(Rispondi)
 
elyrav
elyrav il 11/12/23 alle 09:05 via WEB
Mi spiace tantissimo :( è brutto, veramente. No comunque non credo esistano più infanzie così.
(Rispondi)
 
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 11/12/23 alle 10:31 via WEB
Grazie, ely.
(Rispondi)
 
 
 
elyrav
elyrav il 12/12/23 alle 11:22 via WEB
:(
(Rispondi)
 
Dizzly
Dizzly il 13/12/23 alle 09:22 via WEB
L'unica cosa che manca in questa profonda e sentita commozione - perdona - è purtroppo il non aver condiviso assieme questi ricordi prima dell'inevitabile.| dY
(Rispondi)
 
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 13/12/23 alle 09:33 via WEB
Lo so, lo so. E' il rimpianto di chi resta. E' sempre così. Lo sa bene chi ha avuto dei lutti, e raggiunta una certa età lo sappiamo tutti.
(Rispondi)
 
ElettrikaPsike
ElettrikaPsike il 14/12/23 alle 18:12 via WEB
Condoglianze, je_est. Quei bambini avventurieri e felici nella campagna, in qualche modo, ci sono sempre e stanno ancora giocando.
(Rispondi)
 
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 16/12/23 alle 09:09 via WEB
Grazie, Psike. E' bello pensare così.
(Rispondi)
 
Estelle_k
Estelle_k il 14/12/23 alle 19:55 via WEB
In questo frangente così triste preferisco scriverti su WA,Lory. Una carezza...
(Rispondi)
 
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 16/12/23 alle 09:10 via WEB
Grazie estelle, scrivimi quando vuoi.
(Rispondi)
 
il_tempo_che_verra
il_tempo_che_verra il 26/12/23 alle 09:00 via WEB
Leggo solo adesso...mi dispiace tanto je...
(Rispondi)
 
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 26/12/23 alle 12:36 via WEB
Grazie, ITCV. Ben ritrovata.
(Rispondi)
 
surfinia60
surfinia60 il 30/12/23 alle 17:39 via WEB
Spero che per il nuovo anno tu ritrovi un po' di serenità
(Rispondi)
 
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 31/12/23 alle 08:40 via WEB
Lo spero anch'io, grazie dell'augurio, surfinia. Buon anno.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963