Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 112
 

Ultime visite al Blog

gigliodamoreneimieipassije_est_un_autreMassimiliano_UdDpresente_indicativomarta_forsevanille_noireFanny_Wilmotelisar_81LolieMiuPaintedonmyheartGiuseppeLivioL2Narciso_Alempt2003
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

Pancho

Post n°294 pubblicato il 15 Febbraio 2017 da je_est_un_autre

Luca aveva, e immagino abbia ancora, un gran testone calvo. Penso sia nato calvo e che lo sia sempre stato, almeno io me l'immagino così. Facevamo diversi numeri, assieme. Sciocchezze pensate e organizzate lì per lì e mostrate quasi per caso agli amici, prima di una cena o durante qualche pausa se ci trovavamo in teatro. Di solito erano microgag un po' surreali e parecchio sceme con qualche vago riferimento alla sinistra, intesa in senso politico. Erano i nostri trascorsi che ci portavano invariabilmente da quelle parti. Mi è venuto in mente in questi giorni uno di questi "numeri". Lui si abbottonava fino all'ultimo il cappotto e poi se lo tirava su fino a coprire la fronte, di modo che fosse visibile solamente la sommità del cranio, sul quale stavano in precario equilibrio i suoi occhiali da miope. Così conciato, saliva su una sedia e cominciava a muoversi un po' a scatti alla maniera di un pupazzone meccanico inceppato, e nei gesti fingeva di tenere una conferenza. Io, nascosto dietro di lui, davo voce a questo pupazzone, e le parole erano un impasto demenziale, arrochito e vagamente balbuziente di quelle tematiche che all'epoca erano all'ordine del giorno a sinistra (primi anni Duemila, periodo girotondi per intenderci), qualcosa come:
"Stiamo discutendo...endo...di una piattaforma programmaticaaa...per raccogliere...le anime della sinistra...aaahhh...l'anima de chi ti dico ioooo...con Pancho Pardi e gli altri promotoriii...oriiii...oriiii...con Micromegaaaa...con Marina Astrologo che c'abbiamo pure l'astrologo che ci dice che buttamalemalissimo...per un Pancho programmaticoooo..."
Insomma una cavolata così; pare però che l'effetto fosse per metà esilarante (ma forse perchè eravamo noi due e gli altri ci conoscevano) e per metà inquietante.
Dicevo che queste esibizioni mi sono tornate in mente in questi giorni in cui non si fa che parlare di scissione del PD, una roba che solo a dirla, solo a pensarci mi sento estenuato, con una vaga tendenza alla depressione.
E' un pezzo che non vedo Luca e mi dispiace perchè aveva e sicuramente ha ancora quella bella ironia colta e sottile.
Chissà se oggi, davanti a tutto questo, saremmo ancora in grado di inventarci qualcosa. Certo che ci vuole un gran fegato.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ping pong

Post n°293 pubblicato il 05 Febbraio 2017 da je_est_un_autre

Delle volte mi chiedo se il destino sia già scritto. So che non  è così, non mi sembra possibile, so che c'è il libero arbitrio e la casualità e tutto il resto, e però quasi inavvertitamente, distrattamente non saprei dir come, mi succede a volte, anzi spesso o spessissimo, di sorprendermi a pensare con un certo disappunto al futuro, e non è che lo immagino e basta, lo vedo proprio, tangibile, concreto. Come se fosse reale, si svolge davanti ai miei occhi. E dicevo disappunto perchè, ecco, la cosa davvero beffarda di questo famoso futuro, del mio almeno, sapete qual è?
Che in questo futuro ci sono io che non faccio altro che voltarmi indietro, e pensare al passato.
Robe da matti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Di sabato

Post n°292 pubblicato il 28 Gennaio 2017 da je_est_un_autre
Foto di je_est_un_autre

Puntuale, lui torna e becchetta qui e là
Sparpagliando un mucchio di briciole
Attorno alla tazzina dei semini
Non ama farsi fotografare
Però mi ha concesso questa

E par che dica
"Scusa il disordine
Ma sai
Mi sono piaciute le briciole
Di quella crescente ingrassata
So che l'hai comprata quasi per sbaglio
E che ti lascia le dita unte
Io come vedi non faccio storie
Il mondo a volte si sistema da solo"

E' un pettirosso abitudinario
Educato
E anche un po' filosofo.



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La stanza dell'infanzia

Post n°291 pubblicato il 21 Gennaio 2017 da je_est_un_autre

Immaginare, da adulti, di aprire la porta della stanza che ci ha visti bambini - rimasta magicamente intatta e inviolata durante tutto questo tempo - entrare lì dentro e respirare quell'aria ben nota che credevamo di avere dimenticato, poi guardare le pareti, il pavimento, gli oggetti. Camminare, esplorare, toccare, vivere la stanza. Lasciarsi andare.

Questo è un esercizio che faccio sempre fare, nei miei corsi, soprattutto ai principianti assoluti. Quest'anno, chissà perchè, l'esercizio è letteralmente "esploso", nel senso che ha rilasciato i suoi frutti migliori, con un contenuto emozionale finora mai raggiunto. Ciò si deve probabilmente al fatto che fino ad oggi ero io a non essere pronto, forse non  ne avevo compreso appieno le potenzialità. L'esercizio a livello teatrale è formidabile perchè suggerisce insegnamenti importantissimi all'allievo (obbliga all'introspezione e all'immaginazione e si improvvisa senza essere costretti a parlare) ma anche da seguire come "spettatori" diventa spesso molto interessante.
Ora, le serate nei corsi non sono sempre uguali: a volte si è più caciaroni, più pronti al riso (e spesso è un bene), a volte aleggia un certo spleen. L'esercizio in questione risente forse più di altri dell'atmosfera che si respira nella sala.
Ieri sera ad esempio un'aria piuttosto leggera ha fatto sedere un uomo di cinquant'anni alla piccola batteria che campeggiava al centro della stanza, e la performance silenziosa ma assolutamente viva è stata apprezzata da tutti. Un altro allievo, un ragazzo piccolo e piuttosto buffo, è entrato nella "cameretta" a gambe larghe e piedi ben piantati, con l'espressione di uno sceriffo che entra minaccioso in un saloon alla ricerca di un bandito. Ha guardato da un lato, poi dall'altro, ha preso da sotto un letto immaginario qualcosa che doveva essere uno scatolone, quindi lo ha ribaltato. Ha rovistato con estrema concentrazione nel mucchio di cose che vedeva solo lui e che adesso se ne stavano sul pavimento, alla fine riemergendo con aria trionfante tenendo tra pollice e indice qualcosa di minuscolo e invisibile: solo alla fine ci ha raccontato di avere ritrovato il duemilaecinquecentesimo pezzo di un puzzle mai completato.
L'altra sera è andata in tutt'altro modo. Una signora ha cominciato l'esercizio, e senza nemmeno guardarsi attorno si è seduta su quello che doveva essere il suo letto di bambina. Ha guardato avanti a sè per parecchi secondi in un silenzio "pieno", concentrata, esausta (quando mi sembra di riuscire a far capire quanto parla il silenzio, credo di aver fatto bene il mio lavoro) poi lentissimamente, sempre senza guardare, ha spostato una mano di lato toccando appena, con cura, quello che doveva essere il lenzuolo, o il bordo del letto. Un momento, poi un altro momento ancora, poi finalmente è arrivato: un pianto intimo, inarrestabile, liberatorio.
E momenti così emozionanti potrei raccontarne parecchi.
Questo esercizio, o questo gioco, è interessante anche perchè ci costringe, da subito, a pensare a come lo faremmo noi, che assistiamo o anche solo che lo spieghiamo per farlo fare agli altri.
Io, un giorno, vorrei farlo, perchè da allievo non  me l'ha fatto fare nessuno. Vorrei toccare le colonnine che erano il parapetto della finestra e dietro alle quali mi nascondevo per guardare fuori. Vorrei accarezzare la carta da parati della stanza, caricare a molla quella piccola astronave che faceva solo un piccolo giro su una pista stampata con immagini lunari, stringere quella pallina magica con cui devo avere giocato milioni di volte.
Avere il passato, tutto il passato sulle mie dita.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il tempo in cui si vive

Post n°290 pubblicato il 05 Gennaio 2017 da je_est_un_autre

Ho visto la mostra di Dalì.
La cosa che salta agli occhi, nella mostra di Dalì, è che non  ci sono quadri di Dalì.
(Non so bene quando sia iniziata questa moda di allestire mostre d'arte senza le opere d'arte, ma mi sembra che stia prendendo largamente piede. Del resto bisogna pur dirlo che si tratta di una gran trovata: la massima resa col minimo sforzo. Niente più complicati e costosi spostamenti di quadri e sculture fragilissime e ingombranti: si chiama piuttosto un bravo light designer o un grafico o  un ingegnere del suono o un tecnico che ne sa di video o magari tutti insieme e il gioco è fatto. A volte i risultati sono interessanti, altre volte si esce da lì con la vaga sensazione di essere stati truffati).
Ecco, con la mostra di Dalì io sono rimasto, diciamo così, piuttosto perplesso. Sì, qualche giochino interessante c'è (come ad esempio la rosa che nel video perde i petali se soffi in un'elicuccia: solo che l'elicuccia andrebbe regolata diversamente, bisogna soffiare fortissimo altrimenti la rosa non prende vita, c'è gente che ha soffiato pomeriggi interi là dentro senza che un solo petalo si muovesse) ma la sensazione è quella di una piccola Disneyland messa su un po' frettolosamente, e da lì (chiedo scusa) si esce senza saperne di più su Dalì.
Certo, un grandissimo inventore di immagini (adesso le chiamiamo "icone") evocative e provocatorie. Ad esempio gli orologi molli. Ecco, quelli mi piacciono, quelli davvero mi fanno pensare. Lì vedo l'artista, quello a cui puoi guardare perchè legge la realtà con un passo diverso, più lungo e sapiente. Con una sola immagine, poi ripetuta in maniere diverse centinaia di volte e su supporti diversissimi (e infatti alla mostra senza quadri era pieno), è come se avesse scritto un trattato di mille pagine.
Sull'elasticità del tempo, sulle ore che non sempre sono uguali (le ore bambine e le ore dell'uomo maturo sono diversissime) dovrò tornarci , una volta o l'altra.

Nel frattempo il calendario mollle ancora non è stato inventato, e ci dobbiamo accontentare dei soliti rigidi almanacchi, che mi ricordano però di augurare buon anno a tutti quelli che hanno ancora la bontà di passare di qui.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »