Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 99
 

Ultime visite al Blog

je_est_un_autreVerainvisibileblanche.fnodopurpureoewanescente1gratiasalavidaoltre.lo.specchioselenezarLaLigneNoirbeside_medeteriora_sequormeninasallospecchioDr.Ula_peggioremonnalisa_e_nebbia
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

I Dialoghi Impossibili: Io & Arturo (XVIII)

Post n°243 pubblicato il 21 Novembre 2014 da je_est_un_autre
Foto di je_est_un_autre

ARTURO: ...ma se sei stato tu a dirmi di non entrare nella serra.

IO: E l'alternativa secondo te è andare sulla serra?

ARTURO: Ma quassù si sta bene. Si respira aria buona. Si domina lo spazio circostante e posso anche tenere d'occhio Merda e Culo (*). Non so se ti rendi conto dei vantaggi.

IO: Quante sciocchezze. Una di queste volte me la sfondi. Non lo senti che il telo è sottile?

ARTURO: Ma io sono leggero. Hai notato che linea?

IO: Scendi immediatamente da lì.

ARTURO: Ma è possibile mai? Sempre e solo divieti. E' così che vuoi passare la vita, il resto dei tuoi giorni, borbottando e vietando? La vita è già di per sè così noiosa, così insulsa, e tu invecchi perdendo il tuo tempo a vietare e a vietarti. Passi le giornate a lisciarti la barba incattivito rimuginando fra te a quale nuovo divieto promulgare. Chissà quante cose ti stai perdendo, anche in questo momento, ci pensi mai? Dimmi, da quanto tempo non ti fermi ad ascoltare uno stormire di betulle?

IO: "Stormire di betulle"?

ARTURO: Mi è venuto così.

IO: Hai aperto la mia copia di "Zio Vanja"?

ARTURO: Come no. Mi ci vedi a girare le pagine?

IO: Per l'ultima volta: scendi subito da lì.

ARTURO: Ma come? Nemmeno a un gatto cechoviano, concedi una piccola deroga? Giusto quei dieci minuti, un piccolo sonnellino qui sulla mia serra, magari mentre tu metti su il samovar? Eh?


(*): i gatti dei vicini, come è noto.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ultima conversazione. Dialogo. (II)

Post n°242 pubblicato il 05 Novembre 2014 da je_est_un_autre

 

LUI: A me i santoni non sono mai piaciuti. Mi ricordo che c’era uno, una volta, che si credeva un santone. E invece era solo uno di questi fatui cantanti pop. Una mattina si svegliò, si guardò allo specchio e si disse: ehi, ma io sono un santone. Io fino a quel momento credevo mi piacesse, avevo tutti i suoi dischi, poi andai a vederlo ad un concerto. Non sorrideva mai, studiava il pubblico con lo sguardo serio e faceva pesare i silenzi più delle sue mediocri canzoni. Così andai a casa e tentai di spaccare un vinile, e scoprii in quell’occasione che si tratta di un’impresa difficilissima.
Ma sì, forse sono io che manco di spiritualità, di profondità.
E così ti eri innamorata di un aspirante santone. Non lo sapevo. Com’era, aveva una gran barba? Una gran barba è un accessorio fondamentale per essere dei mistici di buon livello. Non lo so, naturalmente non lo posso sapere com’era il tuo santone. Lo vedi che non è un caso se ti faccio tutte quelle domande sul tuo passato? Mi mancano un mucchio di pezzi. C’è un buco qui, un altro là, un’enorme falla laggiù. Pazienza.
Certo potresti cercare di essere più delicata con le mie delicatezze. Delicatezze che si rincorrono, non è una bella immagine? Perché, intendo dire, non è forse una delicatezza stirare una piccola ruga di preoccupazione? E poi ci sto attento, i miei polpastrelli si posano morbidi, non li trovi morbidi? Mi hanno sempre fatto i complimenti per la morbidezza dei miei polpastrelli, sono sicuro che non lo sapevi.
Ci mancano un mucchio di pezzi l’uno dell’altra, e tu ti muovi nella vita come se questo non volesse dir nulla.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ultima conversazione. Dialogo. (I)

Post n°241 pubblicato il 31 Ottobre 2014 da je_est_un_autre

 

Personaggi: Lei e Lui. Lei parla, Lui ascolta.

LEI: Ad esempio non so perché tu mi abbia sempre chiesto di me, dei miei anni di bambina. Questa curiosità. Ogni tanto te ne uscivi fuori con quelle domande. Avrebbe dovuto farmi piacere, lo so. E invece non sono mai riuscita a decifrarla, questa volontà di sapere. Non volevo essere evasiva, sai che non lo sono. E’ che, ecco, è che ho cancellato molte cose. Non ho avuto una brutta infanzia, no, non credo. Ma è tutto così sfumato, così lontano, è ovvio. Sai, ecco, adesso lo dico, a volte ho come la sensazione - assurda, lo so io per prima - che a vivere quegli anni sia stata un’altra persona, che poi all’improvviso se ne sia andata e io l’abbia sostituita da un certo giorno in avanti, con solo due righe di istruzioni e un paio di fotografie a costruire una memoria molto labile. Come in uno di quei film di fantascienza. Mi fai sentire stupida, a parlare così.
 Che poi non lo so, forse non volevo parlare perché le mie frasi non mi sembravano mai quelle giuste. Le parole non coincidono mai del tutto con le cose, e anzi adesso che mi ci fai pensare, è quasi buffo, io ho rischiato di innamorarmi, da ragazzina, di uno più grande di me che mi aveva confidato di voler smettere di parlare per sempre, un giorno o l’altro, era quello il suo obiettivo. Lo vedevo come un santone, come un mistico, a fare una scelta così grande e definitiva. Quante sciocchezze. E’ che non mi hai mai chiesto le cose più vicine, quelle che ricordo meglio, quelle importanti, tu sempre così assillato dalle date e dai quando, ecco ad esempio tu non mi hai mai chiesto qual è stato il giorno in cui sono diventata sospettosa, perché il sospetto mi è sempre sembrato un’ottima scuola anche se mi ha costruito questa ruga di diffidenza in mezzo agli occhi, e tu, ecco, tu, tutto quello che riuscivi a fare era avvicinarti col pollice e l’indice per cercare di stirarla, questa ruga.
Le rughe non si stirano, cazzo.

 (continua. Forse)

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Gli studenti di fisica (II)

Post n°240 pubblicato il 17 Ottobre 2014 da je_est_un_autre

All'epoca non lo sapevo con precisione (ma cominciavo a sospettarlo) comunque io di sicuro ho sbagliato scuola.
Scelsi fisica e io di fisica non ci ho mai capito nulla, tanto per dirne una. Se non me ne sono andato in fretta, oltre che per la mia straordinaria irresolutezza, deve essere stato perchè tutto sommato coi miei compagni mi trovavo benone, e nel lentissimo succedersi dei giorni adolescenti il domani coi suoi punti interrogativi era così lontano che ci si poteva tranquillamente astenere dal pensarci su.
Era una generazione fa e sembrano dieci. Eravamo ingenui, poco o nulla attenti al nostro aspetto, a volte anche dialettali, quasi totalmente ignari in quanto a  questioni quali sesso o affini (ma non posso dimenticare la sofferenza solitaria di certi interminabili pomeriggi spesi a sognare e immaginare, in un furore che non risparmiava nessuna, dalla desiderabilissima commessa del conad sotto casa in giù).
La mattina, la Mother mi preparava un uovo.
Arrivavo a scuola - in questo non sono cambiato - monosillabico e di pessimo umore, e non capivo come gli altri potessero essere già così ciarlieri. Quei dieci minuti prima dell'ingresso in aula, nel chiasso dell'atrio gremito, erano per me come l'inferno e così presi la decisione che sarei arrivato per sempre in ritardo. C'era una corriera miracolosamente vuota che partiva venti minuti dopo il gruppo di corriere che si muovevano verso Modena alle 7.20, cariche di studenti. Quando la scoprii mi venne spontaneo rivolgere un ideale ringraziamento a quelli dell'ATCM che avevano pensato a una corriera apposta per quelli come me (un paio di persone, tre al massimo): con anche i sedili morbidi e le tende pulite, leggere. Forse il ricordo mi tradisce, ma mi sembra che la radio mandasse soave musica classica a un volume ragionevole. Serve così poco per essere felici.
Entravo in classe con cinque, massimo dieci minuti di ritardo. A scuola andavo benino e non mi hanno mai fatto troppe storie. Il professore all'appello mi aveva segnato assente e così metteva una "R" sul mio nome, nel registro. Significava ritardo, o rientrato, non lo so. Comunque sia, ogni giorno una Erre.
Deve essere per quello che ancora oggi alcuni dei miei compagni di allora mi chiamano Erre.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Appello

Post n°239 pubblicato il 03 Ottobre 2014 da je_est_un_autre

Chiunque abbia idea di come togliere di mezzo queste orribili pubblicità che da ieri invadono i nostri blogghini lo dica, ve ne prego. E voi, espatriati di libero da anni (che 'sto portale sono secoli che tenta il suicidio e questo sembra solo l'attacco finale), evitate le ironie ("noi lo sapevamo da un pezzo"), che insomma, noi siamo conservatori e ci piace stare qui - ma lo spottino "INCONTRI PICCANTI PER TE!" proprio sopra alla fotina delle terga di Arthur, davvero non si può vedere.

Aggiornamento:...meno male.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »