Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 128
 

Ultime visite al Blog

lascrivanaje_est_un_autregianor1divinacreatura59surfinia60la.cozzaCherryslil_tempo_che_verrapaolo1974latina.camvita.perezbluaquilegiasofya_mwxzyMisterLoto
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Dei cinesi non si sa nienteO victoria o muerte! »

PRO(po)SIT(i)

Post n°68 pubblicato il 31 Dicembre 2009 da je_est_un_autre

2009

 A Chinatown, da Malio, un numero di bicchieri di Velduzzo (Verduzzo DOC - parecchio economico) vicino al migliaio. Facciamo millecinquecento, per non sbagliare.

Alla Bavacchina sono stato più latitante rispetto agli anni ruggenti. Joe deve avermi servito solo alcune centinaia di Ceres (Ceves: per una ragione o per un'altra nessuno in questo paese ha la "erre").
Solo due dozzine massimo di Sambuche (se mai si può pluralizzare la Sambuca), purtroppo l'epoca dei superalcolici è terminata.

Alla Coop ho scoperto la Moretti Rossa, economicissima. Ottima perchè appunto, spendi un terzo ma la resa è praticamente la stessa. Però, vacca boia, come si fa a rinuciare alla Ceres? La sanno lunga questi danesi. Maledetti.

Nelle mie peregrinazioni su e giù per l'Italia ho bevuto Arneis in Liguria, non mi sono fatto mancare il Roero nel Basso Piemonte e ho assaggiato una buona Barbera più su. Poi un Barbaresco da emozionarsi.
Tornato dalle mie parti (notoriamente non una terra di grandi vitigni) non ho rinunciato a qualche buona bottiglia di Pignoletto (da queste parti lo chiamano "il Principe dei Vini"; quando c'è da raccontarsela gli emiliani non sono secondi a nessuno).
Grande assente al Nord: il Veneto. Rimedierò nei primi mesi del nuovo anno.
Sceso in Toscana ho studiato a fondo il Chianti, e arrivato infine nel Sud Italia ho suggellato l'unità della nazione riportando a casa una bottiglia di Primitivo del Salento che mi ha fatto pensare alla Puglia come ad una regione eccellentissima.

Questo a grandi linee.

2010

Beh, magari tra i propositi del nuovo anno ci mettiamo quello del bere un po' meno. Forse.

In ogni caso ci pensiamo da domani. Per oggi brindo con voi tutti.
Lorenzo

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog