Puoi maledire..la mancanza..

Fine Art - FOTOART BY VINCENT

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A volte ti senti come un aratro che spazza sempre lo stesso solco
e pensi che il lavoro sarebbe più morbido se camminassi in compagnia.

A volte rimani coinvolto nella nostalgia di ciò che ti sei lasciato alle spalle e,
proprio mentre l’acqua cerca il suo livello, il tuo sangue si trascina via e ti toglie la memoria.

Guardi le spalle e ricordi i tuoi amici, la
tua vecchia casa, il tuo ieri o quella persona speciale per te.

Puoi maledire la tua decisione di iniziare il viaggio
e ti perderai nel “come sarebbe stato se …”

Altre volte trovi ingiusto il prezzo della tua solitudine
e arrampicarti tra le pieghe del tuo passato
come chi cerca monete nelle tasche di una persona morta.

La tua mente minore inventa ricordi
e fa dialoghi che spiegano tutto:
rispondi alle domande che non hai mai fatto
e chiedi a chi non ha avuto il coraggio di chiedere.

Ma scopri che non c’è una risata che restituisca il perduto,
il pianto o il verde all’adderso.

Ma tu, ricercatore, sei sicuro di aver perso? Fai
attenzione:
non vivi sui ricordi,
ma i ricordi vivono su di te.

Ci sono migliaia di bocche che divorano la forza di cui
hai bisogno per andare avanti.

Ti dico che non c’è niente di sbagliato in
quei sentimenti finché non ti lasci soffocare.

Se questo accade è perché ti stai dimenticando di non ricordare.
Dimmi:
chi ti ricordi quando ti ricordi di te?

Il bambino che correva tra gli alberi?
Il giovane che sognava viaggi lontani?
Cosa eri ieri?

Tutte queste esperienze hanno il marchio del fugace:
sono scritte nella tua memoria come l’ombra
che un uccello in volo lascia sull’acqua.
Ma ricordarsi di sé non significa avere memoria.

La memoria e l’oblio sono funzioni della tua mente minore mentre
il ricordo del sì appartiene all’essere profondo.

Ascolta: non hai rinunciato ad amare per seguire il sentiero,
, tuttavia può sembrare
che seguendo il percorso tu abbia smesso di amare.

Ricorda bene, il cercatore non è qualcosa che ciò che pensi
di aver perso è solo un altro gioco della tua mente
così come i tuoi ricordi emotivi
possono essere solo i riflessi condizionati
e la storia che desideri ardentemente un’invenzione del tuo nulla.

Osserva quanto è curioso:
certe cose entrano nella tua vita quando non ne hai più bisogno.

Arrivano con un ritardo inspiegabile quando la coda della tua illusione si è
già svolta dietro l’angolo.

Un amore troppo grande
e quindi insostenibile per la tua paura dell’amore
non ti assale mai allo stesso tempo della sua luminosità.

Prima ti abbaglia e ti fa sognare in
seguito il desiderio di possederlo nasce in te.

Poi scomparire la tua vita va via.
In realtà sono cose che ti proteggono da se stessi
e ti rendono al sicuro dal rischio della loro presenza,
ecco perché a volte hai la sensazione
che qualcuno bussa troppo tardi alla tua porta.

Fondamentalmente è un atto nascosto di rispetto
e protezione perché l’oggetto
o l’affetto che volevi può tornare a te
ma non al momento del desiderio ma
quando capisci che puoi vivere senza di esso.

Il ricercatore non crede nell’amore eterno ma nell’amore eterno.
Quindi, se ricordi una grande amicizia o un grande amore,
fallo con la delicata gioia degli amici
che non ami con la possessività degli insoddisfatti.

Apri le mani della tua anima e lascia che la tua memoria cammini
come se stessi rilasciando una colomba prigioniera.
Questo ti aiuterà anche a imparare.

 

 

 

SFONDI TUMBLR - ≈ 53 ≈ - Wattpad

 

 

 

 

Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr