Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 132
 

Ultime visite al Blog

je_est_un_autrecassetta2surfinia60Arianna1921il_tempo_che_verrafemmina_ludicawoodenshiplunetta_08nodopurpureogianor1QuartoProvvisorioEstelle_klisa.dagli_occhi_bluCrossPurposes
 

Ultimi commenti

Ciao woodenship, nessun problema a dirlo: faccio il...
Inviato da: je_est_un_autre
il 18/01/2022 alle 08:16
 
Anch'io ho sempre amato andare per cimiteri. Ed...
Inviato da: woodenship
il 18/01/2022 alle 01:12
 
Molto interessante, grazie cassetta.
Inviato da: je_est_un_autre
il 17/01/2022 alle 08:58
 
devi leggere qui allora:...
Inviato da: cassetta2
il 17/01/2022 alle 08:26
 
Sono d'accordo. Poi alla Certosa fanno un sacco di...
Inviato da: je_est_un_autre
il 16/01/2022 alle 09:10
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« BasetteIn quegli anni »

Chimere

Post n°482 pubblicato il 13 Novembre 2021 da je_est_un_autre

Credo, in seguito ad un episodio accaduto recentemente, di aver capito (o meglio, ho visto confermato) quello che arrivo quasi a chiamare un vizio della mia coscienza. Ovvero: non è nella vita concreta, quotidiana, o negli incontri, nei fatti, nel tatto, nella carne la parte più rilevante di ciò che "mi parla"e in cui più mi riconosco e ritrovo me stesso; ma piuttosto nel corollario di immaginazione che ne segue, nelle fantasticherie che prendono il via da una parola non detta, da un gesto trattenuto, specialmente anche da un rimpianto che riemerge a poco a poco, dolce o doloroso. La vita che vivo "di fatto" insomma non è che una parte, quella visibile, tangibile, ma per me non certo l'unica, non la più importante (o meglio: lo sarebbe, ma non riesco a rinunciare a me stesso e alle mie derive, che son derive inevitabilmente solitarie e a volte non del tutto comprensibili nemmeno per me).
Non so bene da che cosa derivi questa attitudine puerile e un pocolino masturbatoria, ma forse non me l'ero mai detto con chiarezza.
E' già qualcosa? Mah. Chissà, forse lo dico solo per segnare almeno un punticino a mio favore.
E adesso, ho come un nodo alla gola.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog